• Giugno 25, 2022

Ancora decessi negli studi Moderna per l’approvazione dei booster

 Dr. Peter F. Mayer

Poiché l'”immunizzazione di base” porta solo immunità a breve termine, sono necessarie vaccinazioni di richiamo . La dose viene sperimentata nella speranza di ottenere un’immunità più lunga o migliore. Sebbene questi studi siano condotti solo con un numero molto ristretto di soggetti, i decessi si verificano ancora e costantemente.

E Moderna continua a oscurare le morti.

La scorsa settimana, in una singola tabella a pagina 49 di un rapporto di 53 pagine, Moderna ha annunciato una fatalità nel suo ultimo studio di sperimentazione, mentre altrove nel rapporto afferma falsamente che non ci sono stati “eventi fatali” nello studio, come riferisce Ales Berenson nel suo substack “Unreported Truth“.

Si è verificata un’altra fatalità in un precedente studio di richiamo moderna, dovuto all’arresto cardiaco in un uomo di 72 anni. La vittima aveva ricevuto la terza dose o “di richiamo” nove giorni prima.

La morte sembra essere avvenuta nell’agosto 2021, almeno sei settimane prima che la Food and Drug Administration tenesse un’audizione a ottobre per discutere l’approvazione di una dose di richiamo moderna inferiore a quella utilizzata nello studio di agosto.

Tuttavia, la morte non è stata menzionata all’udienza.

Invece, Moderna ha annunciato la morte il mese scorso in un rapporto sullo studio pubblicato su un server di prestampa.

Quasi nessuno sembra aver visto il rapporto. La versione full-text del rapporto, che include una descrizione della morte.

Il rapporto riporta anche un ictus subito da un altro partecipante allo studio.

In particolare, entrambe le vittime erano uomini sui settant’anni, anche se solo circa 50 dei 305 partecipanti allo studio erano uomini sopra i 65 anni. L’ictus si è verificato solo quattro giorni dopo la dose di richiamo dell’mRNA.

La società ha dichiarato che i suoi investigatori presumevano che il richiamo avesse causato l’ictus, ma non l’arresto cardiaco; tuttavia, essa non precisava in che modo fossero giunti a tale conclusione. Entrambi i casi non sembrano essere stati oggetto di indagine da parte di revisori esterni.

Lo studio pubblicato riporta:

Ci sono stati sei eventi avversi gravi, tra cui un evento avverso fatale sotto forma di arresto cuore-polmone nove giorni dopo il richiamo in un uomo di 72 anni con una storia di aterosclerosi. È stata eseguita un’autopsia e la causa della morte è stata data come malattia cardiovascolare aterosclerotica e ipertensiva. L’evento è stato classificato dallo sperimentatore come non correlato al vaccino. Degli altri 5 eventi avversi gravi, un incidente cerebrovascolare (ictus) quattro giorni dopo la vaccinazione di richiamo è stato considerato dallo sperimentatore correlato alla vaccinazione. L’evento si è verificato in un uomo di 70 anni con una storia di malattia vascolare coronarica e periferica e successivamente si è risolto clinicamente. “

Moderna ha iniziato lo studio, che chiama studio P205, il 3 agosto 2021, per testare una dose di richiamo di mRNA da 100 microgrammi. Questa dose è equivalente alla quantità di mRNA utilizzata nelle due siringhe originali ed è più di tre volte l’mRNA utilizzato da Pfizer e BioNTech.

Moderna aveva già testato una dose di richiamo ridotta di 50 microgrammi in uno studio di richiamo iniziato nella primavera del 2021.

Ma a metà estate 2021, i dati provenienti da Israele e dal Regno Unito avevano dimostrato che le iniezioni di mRNA fallivano, specialmente con la variante Delta allora ampiamente utilizzata. La società sperava che una dose più forte potesse portare a più anticorpi anti-spike e una maggiore protezione contro Sars-CoV-2.

Tra il 3 e il 16 agosto, gli investigatori degli studi clinici hanno arruolato 305 persone nello studio da 100 microgrammi. Tutti avevano partecipato allo studio clinico registrativo di Moderna su 30.000 persone che ha portato all’approvazione originale del regime a due dosi e tutti avevano ricevuto due dosi.

Il booster da 100 microgrammi ha prodotto più anticorpi contro la proteina spike rispetto alla dose di 50 microgrammi nel primo studio di aggiornamento di Moderna. Ma ha anche causato più effetti collaterali rispetto alla dose più bassa – e ancora più effetti collaterali rispetto alla seconda dose dello schema originale.

Nel rapporto di studio, i ricercatori hanno espresso preoccupazione per l’entità degli effetti collaterali e li hanno menzionati nella prima serie di risultati. Hanno suggerito di considerare la dose di 100 microgrammi solo “quando potrebbe essere difficile indurre una risposta anticorpale, .B come in ospiti moderatamente o gravemente immunocompromessi”.

“La dose di richiamo di 100 μg ha avuto una maggiore incidenza di reazioni avverse locali e sistemiche rispetto alla seconda dose di mRNA-1273 e alla dose di richiamo di 50 μg di mRNA-1273 in studi separati”.

In definitiva, Moderna non ha fatto domanda alla FDA per l’approvazione di un vaccino di richiamo da 100 microgrammi.

Invece, ha richiesto una vaccinazione di richiamo di 50 microgrammi il 1 ° settembre. All’udienza del 14 ottobre, la società ha presentato i dati dello studio di aggiornamento della primavera 2021 201B. Questo studio ha incluso solo 171 persone che avevano ricevuto un booster di 50 microgrammi dopo il trattamento primario di 100 microgrammi. Secondo i dati presentati dalla FDA a un comitato consultivo il 14 ottobre, non ci sono stati decessi o eventi avversi gravi.

Il gruppo FDA ha votato all’unanimità per raccomandare l’aggiornamento da 50 microgrammi di Moderna per i soggetti immunocompromessi o le persone sopra i 65 anni. Alla fine di novembre, la FDA ha esteso l’approvazione della dose di richiamo a tutti gli adulti.

Tuttavia, la dose di richiamo non ha dimostrato di essere più efficace delle prime due per garantire una protezione duratura contro il Covid.

Pertanto, il 29 marzo, la FDA ha approvato una seconda dose di richiamo di 50 microgrammi – così come una seconda dose di richiamo Pfizer – per gli adulti di età superiore ai 50 anni.

A sostegno della sua raccomandazione, che si traduce in adulti che ricevono l’equivalente della dose di 100 microgrammi che ha causato l’ictus nello studio di agosto, la FDA si è basata sui dati di sicurezza del vaccino di Pfizer – un altro prodotto somministrato a una dose inferiore – nonché su uno studio condotto in modo indipendente in cui il vaccino Moderna COVID-19 è stato somministrato come seconda dose di richiamo a 120 partecipanti di età pari o superiore a 18 anni che aveva ricevuto una serie primaria a due dosi e una prima dose di richiamo del vaccino COVID-19 di Pfizer-BioNTech almeno quattro mesi prima. Non sono stati segnalati nuovi problemi di sicurezza durante le tre settimane di follow-up dopo la seconda dose di richiamo.

Sebbene gli stessi scienziati di Moderna ammettano che i vaccini a mRNA dell’azienda hanno una tossicità dose-dipendente, la FDA ha permesso un’altra vaccinazione basata su uno studio di 120 persone su 100 milioni di americani. E la loro sicurezza è stata monitorata per sole tre settimane.

Iscriviti alla nostra newsletter

eVenti Avversi

Read Previous

Due giovani donne incinte di 34 e 33 anni entrambe all’ottavo mese di gravidanza, entrambe vittime di arresto cardiaco e malore. Gravissime

Read Next

Continuano incessanti le morti premature a causa di malori improvvisi. Morti 3 quarantenni nelle ultime ore, due di loro erano MEDICI