• Febbraio 4, 2023

Cosa stanno facendo i vaccini COVID al tuo sangue?

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


di America’s Frontline Doctors

Secondo la narrativa standard, gli eventi di coagulazione dopo la “vaccinazione” con vere e proprie fabbriche di proteine spike non sarebbero collegati ai vaccini.

Una giovane donna britannica, di appena 34 anni, si è lamentata di un mal di testa lancinante otto giorni dopo essere stata vaccinata contro il COVID. Nel giro di poche ore è morta. Secondo il coroner, la signora Kim Lockwood è stata “estremamente sfortunata”.

Questo è accaduto, dopo tutto, nel marzo del 2021, quando si sapeva meno sugli effetti della proteina spike nel corpo. La morte di Lockwood (in seguito al vaccino AstraZeneca) è stata attribuita a trombocitopenia trombotica indotta da vaccino (VITT), ma i “progressi medici” fatti da quando sono stati introdotti i vaccini hanno fatto sì che che la condizione sia ora “meglio riconosciuta” (secondo la BBC).

Meglio riconosciuta, ma non meglio trattata. Il medico legale ha osservato che una risonanza magnetica avrebbe dovuto essere eseguita prima, ma ha ammesso che nulla avrebbe potuto salvare la vita della giovane madre a causa della massiccia emorragia cerebrale “improvvisa e catastrofica” che ha sofferto.

I problemi specifici di coagulazione con AstraZeneca sono stati più o meno compresi entro la fine del 2021 come dettagliato, per fare solo un esempio, nella rivista online Science Advances.

Vaccini derivati dallo scimpanzé adenovirus … [possono causare] effetti collaterali ultrarari non osservati negli studi di fase 3, tra cui trombosi con sindrome da trombocitopenia (TTS), una rara condizione simile alla trombocitopenia indotta da eparina (HIT) … Questo studio dimostra che tutti e tre gli adenovirus utilizzati come vettori di vaccinazione rispetto a SARS-CoV-2 si legano al fattore piastrinico 4 (PF4), una proteina implicata nella patogenesi dell’HIT. (enfasi aggiunta)

La coagulazione del sangue è stata riconosciuta molto presto come uno degli sviluppi più pericolosi che possano derivare dall’infezione da COVID. Secondo alcuni studi ben il 30% degli ictus e dei decessi nei pazienti COVID sono stati causati da coaguli di sangue. Ci è voluto un po ‘più di tempo prima che la proteina spike del virus fosse specificamente implicata, ma già nell’agosto 2020, i ricercatori indiani hanno notato in un articolo pubblicato su Frontiers in Physiology che,

Le proteine nucleocapside e spike del SARS-CoV-2è stato ipotizzato possano contribuire a uno stato pro-trombotico a causa della loro modulazione delle vie di coagulazione nei polmoni attraverso la disregolazione di ACE2 …”

Nel corso del 2021 i ricercatori hanno iniziato a prestarci maggiore attenzione, come illustra uno studio pubblicato su Bioscience Reports nel maggio di quell’anno.

Infezione indotta da SARS-Cov-2 … è caratterizzato da patologie cliniche senza precedenti. Una delle patologie più importanti è l’ipercoagulazione e i microclot nei polmoni dei pazienti. Qui studiamo l’effetto della subunità isolata della proteina spike S1 SARS-CoV-2 come potenziale inflammagen sui generis. Utilizzando la microscopia elettronica a scansione e a fluorescenza e la spettrometria di massa, studiamo il potenziale di questo inflammagen di interagire con piastrine e fibrina (ogen) direttamente per causare ipercoagulazione del sangue. Usando il plasma povero di piastrine (PPP), mostriamo che la proteina spike può interferire con il flusso sanguigno. La spettrometria di massa ha anche dimostrato che quando la proteina spike S1 viene aggiunta a PPP sani, si traduce in cambiamenti strutturali a β e γ fibrina (ogen), complemento 3 e protrombina … Qui suggeriamo che, in parte, la presenza di proteina spike in circolazione può contribuire all’ipercoagulazione nei pazienti positivi al COVID-19 e può causare una sostanziale compromissione della fibrinolisi. Tale compromissione litica può causare i microclot persistenti di grandi dimensioni che abbiamo notato qui e in precedenza in campioni di plasma di pazienti COVID-19. Questa osservazione può avere un’importante rilevanza clinica nel trattamento dell’ipercoagulabilità nei pazienti covid-19.

Pochi mesi dopo, nell’agosto 2021, un articolo su Cardiovascular Diabetology ha aggiunto altri pezzi al puzzle.

“L’infezione indotta da SARS-Cov-2 … può essere accompagnata da ipercoagulazione e iperattivazione piastrinica…”

Lo studio si proponeva, tuttavia, di non indagare il ruolo della proteina spike nel causare coaguli, ma piuttosto se l’infezione da COVID stessa fosse la causa di microclot potenzialmente fatali. La proteina Spike è stata menzionata solo una volta nell’intero articolo, dove i ricercatori hanno scritto:

La spettrometria di massa è stata eseguita utilizzando uno spettrometro di massa Thermo Scientific Fusion dotato di una sorgente di ionizzazione Nanospray Flex. Campioni plasmatici, prima e dopo l’aggiunta di aggiunta di proteine spike (1 ng mL−1 concentrazione di esposizione finale), da 4 dei nostri campioni di controllo sono stati analizzati con questo metodo.

A questo punto – fine estate del 2021 – la vaccinazione di massa era ben avviata in molti paesi, anche se i vaccini a mRNA avevano ricevuto solo l’autorizzazione all’uso di emergenza, il che significa che erano ancora nel loro periodo di prova. Eppure, i ricercatori si stavano concentrando non sulle proprietà dei vaccini stessi (progetti di proteine spike in miniatura) ma piuttosto sull’infezione da COVID che presumibilmente era già stata curata tramite quei vaccini. (Questa si è rivelata una grande delusione, ma non è questo l’argomento che vogliamo trattare in questo momento.)

Come potrebbero i ricercatori utilizzare la proteina spike per imitare l’infezione da COVID e indagare su tale infezione, e allo stesso tempo rimanere ciechi di fronte ai risultati che stavano vedendo per i vaccini COVID stessi? Continuando dallo stesso studio:

I sopravvissuti al COVID-19 lamentano affaticamento ricorrente o debolezza muscolare, mancanza di respiro, difficoltà di sonno e ansia o depressione. Dato che i coaguli di sangue possono bloccare i microcapillari e quindi inibire lo scambio di ossigeno, qui esaminiamo se i sintomi persistenti che gli individui con COVID / lungo manifestano potrebbero essere dovuti alla presenza di microclot plasmatici circolanti persistenti resistenti alla fibrinolisi.

Conclusione: le patologie della coagulazione sia nell’infezione acuta da COVID-19 che in quella long COVID, potrebbero trarre beneficio dal seguire un regime di terapia di anticlotting continua per supportare la funzione del sistema fibrinolitico.

La conclusione, inoltre, oscura parzialmente uno dei principali problemi rilevati, vale a dire che i microclot plasmatici formati dalla proteina spike sono risultati “resistenti alla fibrinolisi“.

La fibrinolisi è un processo che impedisce ai coaguli di sangue di crescere e diventare problematici. La fibrinolisi primaria è un normale processo corporeo, mentre la fibrinolisi secondaria è la rottura dei coaguli a causa di un medicinale, un disturbo medico o qualche altra causa.

La vecchia terapia che i ricercatori suggeriscono aiuterebbe con questi coaguli resistenti? Il medico legale citato all’inizio di questo articolo, presumibilmente informato da un parere medico esperto, ha ammesso che non lo avrebbe fatto nel caso della donna britannica di 34 anni. Lei, ovviamente, è solo una delle tante. Quanto sono rari questi casi? Non sembrerebbe così raro dato che la maggior parte di noi ne ha più volte sentito parlare.

L’articolo si conclude collegando i punti tra endoteliopatia e “malattia critica e morte”. L’endoteliopatia è stata collegata alla proteina spike già nel 2020 in diversi studi, tra cui alcuni che hanno suggerito che questo è un modo in cui il virus può trovare la sua strada nel cervello.

La dissonanza cognitiva è continuata per tutto il 2021. A ottobre, un articolo pubblicato su bioRxiv è partito dalla posizione quasi incredibile che:

I coaguli di sangue sono una caratteristica centrale della malattia da coronavirus-2019 (COVID-19) e possono culminare in embolia polmonare, ictus e morte improvvisa. Tuttavia, non è noto come si formino coaguli di sangue anormali in COVID-19….

I ricercatori hanno poi riportato la scoperta piuttosto datata che:

Qui riportiamo che la proteina Spike da sindrome respiratoria acuta grave coronavirus 2 (SARS-CoV-2) si lega al fattore di coagulazione del sangue fibrinogeno e induce coaguli di sangue strutturalmente anormali con maggiore attività proinfiammatoria … Riassunto di una frase: il picco di SARS-CoV-2 induce coaguli di sangue strutturalmente anormali e tromboinfiammazione…

All’inizio del 2022, gli America’s Frontline Doctors hanno ricevuto una lettera intrigante.

Mi chiamo Richard Hirschman, sono un imbalsamatore in Alabama. Ho imbalsamato per 20 anni e ho notato strane coagulazioni. Non sono sicuro esattamente di quando sia iniziato, ma probabilmente intorno a giugno del 2021. So cos’è la coagulazione del sangue e in 20 anni ne ho visti molti, ma questi non sono gli stessi. Hanno una strana sostanza al loro interno, sembrano fibre. Io li chiamo “i vermi”, perché a volte sembrano vermi. Ne ho scattato una foto a fine settembre perché la gente non mi avrebbe creduto. Ho scattato foto anche di altri, finora ho scattato oltre 30 foto tutte provenienti da corpi diversi. Da novembre cerco di prendere appunti sui corpi con i coaguli. Direi che oltre il 50 per cento dei corpi li ha. Ho parlato con altri imbalsamatori e stanno notando la stessa cosa.

Hirschman ha poi continuato:

Temo che sia collegato al vaccino, ma non posso dimostrarlo. Di solito non so se la persona è stata vaccinata o meno, ma so che alcuni lo sono. Ho notato un aumento della coagulazione dall’inizio della pandemia di Covid, ma i coaguli non avevano i “vermi”. Vorrei sapere qual è la sostanza e cosa la sta causando. Sento il bisogno di condividere ciò che sto vedendo, se è il vaccino che lo causa, questa gente ha bisogno di essere avvisata. Allegherò alcune foto e potete richiederne altre se volete.

(Hirschman ha allegato foto alla sua lettera che sono disponibili su richiesta presso AFLDS.)

Quando Hirschman parlò per la prima volta, la sua era una voce solitaria. Come spesso accade, altre voci si sono poi unite alle sue. Uno era quello di Anna Foster, che contattò Steve Kirsch:

Anna Foster è un’imbalsamatrice con 11 anni di esperienza a Carrollton, MO. La grande notizia è che ha trovato i coaguli insoliti nel 93% delle ultime 30 persone che ha imbalsamato. Questo è significativo perché non è selettiva su chi imbalsama.

Non tutti gli imbalsamatori vedranno un tasso di coaguli del 93%. Richard Hirschman vede questi coaguli solo nel 65% dei suoi casi. Anche i suoi amici imbalsamatori lo hanno notato e non l’hanno mai visto prima nelle loro carriere.

I coaguli sono associati solo a persone che sono state vaccinate. Sono stati osservati solo dopo che i vaccini sono stati lanciati. I coaguli sono pericolosi per la vita e sono quasi certamente la causa principale della morte in tutti questi casi.

Steve Kirsch ha anche intervistato il Dr. Ryan Cole, che ha spiegato il processo di formazione del coagulo in presenza di proteina spike e ha spiegato che è stato riprodotto in condizioni di laboratorio.

Alcuni dei coaguli trovati da Hirschman, Foster e altri, sono lunghi oltre dieci pollici. Alcuni si estendono per l’intera lunghezza di una gamba umana. Sono stati trovati da imbalsamatori che hanno tentato di iniettare i fluidi speciali necessari per preservare il corpo e non sono stati in grado di farlo, fino a quando questi coaguli non sono stati rimossi manualmente.

Se chiedi ai Centers for Disease Control (CDC), ti diranno che questo è impossibile.

Secondo il CDC,

L’mRNA e la proteina spike non durano a lungo nel corpo.

Le nostre cellule abbattono l’mRNA e se ne liberano entro pochi giorni dalla vaccinazione.

Gli scienziati stimano che la proteina spike, come altre proteine create dai nostri corpi, possa rimanere nel corpo fino a poche settimane.

Ciò significa, secondo la narrativa standard, che strani eventi di coagulazione che si verificano settimane dopo la “vaccinazione” con fabbriche di proteine spike non siano collegati ai vaccini.

Ma uno studio della Stanford University lo ha smentito. Pubblicato su Cell alla fine di gennaio 2022, lo studio ha rilevato che,

… l’mRNA del vaccino e la proteina spike persistono nei linfonodi fino a due mesi dopo la seconda dose di vaccino. Questo è in contrasto con ciò che accade dopo l’infezione, dove la proteina spike è stata trovata solo raramente …

Almeno una parte dell’antigene spike generato dopo la somministrazione di BNT162b2 [vaccino Pfizer] viene distribuito nel sangue …

L’alta concentrazione nel sangue di proteina spike dopo la vaccinazione e la sua persistenza insieme all’mRNA del vaccino nei linfonodi per mesi, in contrasto con la situazione post-infezione in cui tale persistenza è rara, alimenterà le preoccupazioni sulla sicurezza di questi vaccini COVID. È stato sostenuto che la proteina spike è di per sé patogena, non inerte, e che le proteine spike libere generate dai vaccini hanno una maggiore capacità di legarsi a più tipi di cellule rispetto alle particelle virali stesse, e che questo potrebbe essere ciò che sta dietro molti dei gravi eventi avversi segnalati agli organismi di regolamentazione e identificati nei casi clinici. Ciò giustifica ulteriori indagini.

Iscriviti alla nostra newsletter

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


eVenti Avversi

Read Previous

Il calciatore britannico Thomas Rankin è scomparso, a soli 26 anni

Read Next

“Afasia sette giorni dopo la seconda dose di un vaccino SARS-CoV-2 a base di mRNA” – STUDIO. 3085 segnalazioni di afasia dati VAERS

Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro

Ads Blocker Rilevato

Abbiamo rilevato che utilizzi adblock. Per proseguire la navigazione, per favore, disabilitalo sul nostro sito. Ci aiuta a mantenere i costi del servizio.

Powered By
Best Wordpress Adblock Detecting Plugin | CHP Adblock