• Giugno 26, 2022

Gli anticorpi nel latte materno rimangono per 10 mesi dopo l’infezione da Covid – STUDIO

Esclusivo: i ricercatori ritengono che tali anticorpi potrebbero essere usati per trattare i pazienti con coronavirus grave

I ricercatori hanno prelevato campioni di latte materno da 75 donne che si erano riprese da Covid-19 e hanno scoperto che l’88% conteneva anticorpi in grado di neutralizzare Sars-CoV-2.

Le donne che allattano al seno che sono state infettate da Covid-19 continuano a secernere anticorpi neutralizzanti il virus nel loro latte per un massimo di 10 mesi, suggeriscono i dati.

Oltre a sottolineare l’importante ruolo che l’allattamento al seno potrebbe svolgere nell’aiutare a proteggere i bambini dalla malattia, i ricercatori ritengono che tali anticorpi potrebbero essere usati per trattare le persone con Covid-19 grave, impedendo che le loro condizioni peggiorino.

Sebbene i bambini piccoli siano meno a rischio di sviluppare Covid-19 grave rispetto alle persone anziane o a quelle con condizioni di salute normali, circa un neonato su 10 di età inferiore a 1 anno richiederà cure ospedaliere significative se infettato.

“Questa è la popolazione che allatta al seno, quindi sapere se ci sono anticorpi nel latte, per quanto tempo saranno protettivi, o quale vaccino darà al tuo bambino la migliore protezione anticorpale, è un’informazione molto importante e sarà rilevante per molto tempo a venire”, ha detto la dottoressa Rebecca Powell al Mount Sinai Hospital di New York, che ha guidato la ricerca.

Gli anticorpi nel latte materno sono in qualche modo diversi dagli anticorpi immunoglobuline G (IgG) che predominano nel sangue e sono innescati dalla vaccinazione – anche se alcuni di questi sono anche secreti nel latte materno.

L’anticorpo principale è l’immunoglobulina secretoria A (IgA), che si attacca al rivestimento delle vie respiratorie e intestinali dei bambini, contribuendo a bloccare virus e batteri dall’entrare nei loro corpi.

Sebbene i ricercatori avessero precedentemente rilevato anticorpi contro Sars-CoV-2 nel latte materno, non era chiaro se potessero neutralizzare il virus o per quanto tempo le donne continuassero a produrli dopo aver contratto il coronavirus.

Per indagare, Powell e colleghi hanno prelevato campioni di latte materno da 75 donne che si erano riprese da Covid-19 e hanno scoperto che l’88% conteneva anticorpi IgA.

Nella maggior parte dei casi questi erano in grado di neutralizzare Sars-CoV-2, il che significa che potevano bloccare l’infezione.

Ulteriori misurazioni hanno rivelato che le donne hanno continuato a secernere questi anticorpi per un massimo di 10 mesi.

“Significa che se una donna continua ad allattare al seno, sta ancora secernendo quegli anticorpi nel proprio latte”, ha affermato Powell, che ha presentato questi risultati al Global Breastfeeding and Lactation Symposium il 21 settembre.

Powell è convinto che gli anticorpi IgA estratti dal latte materno potrebbero essere utili per gli adulti con Covid-19 grave.

“Potrebbe essere una terapia incredibile, perché l’immunoglobulina secretoria A (IgA) è idonea a queste aree della mucosa, come il rivestimento del tratto respiratorio, e sopravvive e funziona molto bene lì”, ha riferito Powell.

“Si potrebbe immaginare che se fosse usata in un trattamento di tipo nebulizzazione, potrebbe essere molto efficace durante quella finestra temporale in cui il paziente versa in condizioni critiche, ma non è ancora arrivato al punto di essere ricoverato in terapia intensiva”.

Inoltre il suo team ha studiato il trasferimento di anticorpi specifici per il coronavirus nel latte materno in 50 donne dopo la vaccinazione con i vaccini Pfizer, Moderna e Johnson & Johnson (J & J).

Tutte le donne a cui è stato iniettato il vaccino Moderna e l’87% di coloro che hanno ricevuto il vaccino Pfizer avevano anticorpi IgG specifici per il coronavirus nel latte, mentre il 71% e il 51% avevano rispettivamente anticorpi IgA specifici del virus.

Per il vaccino J & J, solo il 38% delle donne aveva anticorpi IgG e il 23% aveva anticorpi IgA contro il coronavirus nel latte.

Powell ha dichiarato: “Sappiamo che il livello di anticorpi prodotti dai vaccini a RNA è estremamente alto rispetto ad altri vaccini. Non vi è necessariamente bisogno di così tanti anticorpi per proteggersi dalle infezioni, per J&J la carenza di anticorpi nel sangue, potrebbe essere causata dalla migrazione di questi ultimi nel latte materno.

Poiché il vaccino J & J(un vaccino vettore virale), innesca una minore produzione di anticorpi, probabilmente è questo il motivo per cui ci sono livelli molto bassi nel latte. “

Il team sta ora studiando la risposta anticorpale nel latte materno innescata dal vaccino AstraZeneca.

FONTE

Iscriviti alla nostra newsletter

eVenti Avversi

Read Previous

Bisogna tenere i bambini lontani per 14 giorni dai coetanei vaccinati? STUDIO

Read Next

Sofia Benharira, 16 anni, muore a seguito di “vaccino” Pfizer, due attacchi di cuore, trombosi

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.