• Novembre 26, 2022

Gli scienziati dissidenti

Una manciata di scienziati e medici ha trascorso gli ultimi due anni a difendere gli approcci tradizionali di salute pubblica e il rigore scientifico contro la burocrazia della risposta alla pandemia

di Clayton Fox

L’anno scorso ho parlato con una lunga lista di eminenti scienziati e medici per un pezzo che stavo riportando. Di tutte le cose che hanno condiviso con me, una citazione si è distinta:

Non c’è verità scientifica, solo scienza replicabile. Allora diventa teoria, ma non legge. E non la verità. Ci sono leggi fondamentali della fisica che sono state rovesciate. La legge non è verità, la legge è legge, e nella scienza la legge può essere rovesciata.

In qualche modo, nella follia, nella paura, nella confusione e nella paranoia del nostro viaggio di due anni attraverso COVID-19, quella definizione di base della verità scientifica – che è in continua evoluzione e ostile al dogmatismo – è stata in gran parte derisa, denigrata e ignorata, se non racchiusa in slogan come “credi alla scienza”.

Questo atteggiamento anti-scientifico è diventato comune anche tra gli scienziati, quelli che, come il dottor Anthony Fauci, tuonano : “gli attacchi contro di me francamente sono attacchi alla scienza”.

Ci sono i medici, che sono convinti che i risultati di un singolo studio clinico, condotto da Pfizer, della nuova pillola antivirale di Pfizer siano più legittimi di centinaia di studi clinici e studi osservazionali su farmaci esistenti non prodotti da Pfizer. Ci sono editori di riviste scientifiche e mediche che si rifiutano di pubblicare articoli che ritengono possano minare il consenso esistente, preferendo invece pubblicare articoli che devono essere successivamente ritirati come fraudolenti. Poi ci sono i politici, curiosamente disinteressati alle origini di un virus nuovo, misterioso e che cambia i paradigmi, e i giornalisti e i “fact-checker” il cui lavoro ha invariabilmente sostenuto la propaganda della “salute pubblica” in continua evoluzione, spesso semplicemente citando comunicati stampa delle aziende farmaceutiche e delle agenzie governative le cui affermazioni avrebbero dovuto valutare criticamente in primo luogo.

Di fronte alla censura, all’indebolimento e alla derisione guidata da burocrati autoritari e piattaforme tecnologiche che funzionano sempre più come armi private dello stato, un piccolo gruppo di scienziati, molti dei quali anche medici, hanno continuamente parlato per mettere in discussione il consenso scientifico su qualsiasi piattaforma potessero trovare. Li chiamiamo “I dissidenti”, semplicemente perché si sono esposti contro la narrazione ufficiale. La connotazione del termine ribellione o rivoluzione non ha nulla a che fare con ciò che questi liberi pensatori rappresentano: nel loro approccio critico alla pandemia, hanno sollevato domande su domande ponendo numerosi interrogativi, sono dunque voci che hanno cercato di sostenere gli ultimi 400 anni di tradizione e pratica scientifica, piuttosto che rovesciarla.

Alcune delle loro domande sono state preveggenti; altre potrebbero apparire cospirative o estreme. Ma il punto principale è che hanno posto e continuano a porre domande, mentre la maggior parte dei loro colleghi ha eliminato il metodo scientifico o sono stati intimiditi e restano nel silenzio.

Lunedì, i dottori Jay Bhattacharya, Harvey Risch, Pierre Kory, Aaron Kheriaty, Peter McCullough e Robert Malone sono apparsi insieme in un panel al Campidoglio degli Stati Uniti moderato dal senatore Ron Johnson, R-Wis., intitolato “COVID-19: A Second Opinion“. Il Dr. Malone ha aperto le sue osservazioni chiarendo una cosa:

A mio parere non avremmo dovuto politicizzare la risposta della salute pubblica a SARS-CoV-2 e COVID-19. Questa è una questione bipartisan, e i medici qui rappresentati sono veramente un gruppo bipartisan; Non lo sono, anche se sono stato caratterizzato come un Proud Boy di destra, in precedenza ho sostenuto sia le campagne del presidente Obama che del presidente Biden, ma il corso degli eventi mi ha costretto a ripensare molte delle mie posizioni, e penso che sia il caso di molti dei miei colleghi.

I GRANDI BARRINGTON TRE: MARTIN KULLDORFF, JAY BHATTACHARYA E SUNETRA GUPTA

I dottori Jay Bhattacharya di Stanford, Martin Kulldorff di Harvard e Sunetra Gupta di Oxford si sono riuniti nell’ottobre 2020 su invito di Kulldorff per discutere di alternative ai lockdown: è nata la Great Barrington Declaration. In quel documento, hanno suggerito una strategia simile a quella che la Svezia aveva attuato: protezione mirata degli anziani e dei più vulnerabili e vita normale per tutti gli altri, con l’obiettivo di evitare danni non intenzionali – fisici, mentali, di sviluppo ed economici – tra la popolazione più ampia. Oltre 60.000 professionisti medici hanno firmato.

Il GB3 ha sostenuto questo approccio sulla base di precedenti, che avevano dimostrato che i lockdown “non riducono il numero totale di casi a lungo termine e non hanno mai portato nella storia, all’eradicazione di una malattia”. Le attuali ondate di COVID in Australia, Nuova Zelanda e Cina dimostrano questa tesi.

Gli articoli scientifici scritti del GB3 sono stati citati da altri scienziati per un totale di 59.145 volte (e in continuazione). Ma né le loro lunghe storie di pubblicazione né le loro alte affiliazioni accademiche contavano per il Dottor Francis Collins, allora direttore del National Institutes of Health, quando li definì i tre epidemiologi “marginali” in una e-mail dell’ottobre 2020 a Fauci del National Institute of Allergy and Infectious Diseases. Nelle e-mail, recentemente rilasciate tramite richiesta del Freedom of Information Act, i due leader dell’establishment della scienza medica degli Stati Uniti hanno colluso per screditare i tre principali scienziati e il loro messaggio perché dissentiva da quella che allora era l’ortodossia di stato.

HARVEY RISCH

Il Dr. Harvey Risch è professore di epidemiologia ed eziologo del cancro presso la Yale School of Public Health. È autore di oltre 350 articoli di ricerca originali peer-reviewed, che sono stati citati da altri più di 44.000 volte. Riferisce di aver letto “quasi 3.000” articoli scientifici e documenti sul COVID negli ultimi due anni.

Nell’aprile 2020, a Risch è stato chiesto di consigliare lo stato del Connecticut su potenziali opzioni di trattamento ambulatoriale precoce. La sua revisione iniziale delle prove è stata pubblicata il 27 maggio 2020 e ha concluso che, date le opzioni disponibili al momento, l’uso di idrossiclorochina in combinazione con azitromicina e / o doxiciclina e zinco potrebbe essere utilizzato in ambulatorio per prevenire il ricovero in ospedale.

Nell’agosto del 2020, altri epidemiologi hanno pubblicato una confutazione alla sua revisione iniziale, criticando aspetti della sua metodologia e la qualità delle prove citate. Ma Risch ha continuamente monitorato i dati emergenti e nel giugno 2021 ha tenuto una conferenza in cui ha presentato una nuova meta-analisi a favore del suo caso originale, citando 10 studi (12345678910), otto dei quali sono stati recentemente incorporati.

Risch menziona nella sua conferenza che sostiene l’uso di idrossiclorochina e altri farmaci, ad esempio, azitromicina o doxiciclina, colchicina, fluvoxamina, budesonide, zinco, vitamina D, bromexina o aspirina. Dice “HCQ funziona da solo, ma non abbastanza bene, davvero per quello che vogliamo realizzare”. Ha sostenuto il trattamento ambulatoriale precoce utilizzando cocktail di farmaci riproposti e approvati dalla FDA, anche di fronte a una commissione del Senato il 19 novembre 2020.

Ha affermato che la domanda a cui vorrebbe più rispondere nel 2022 è: “Per quali interessi queste agenzie di regolamentazione [FDA, CDC] hanno favorito le morti inutili di centinaia di migliaia di americani che avrebbero potuto essere salvati dall’uso di un trattamento ambulatoriale precoce che queste agenzie hanno soppresso?”

ROBERT MALONE

Il Dr. Robert Malone era un giovane uomo nel 1987-89 quando ha contribuito a sviluppare i vaccini a RNA e DNA successivamente portati a compimento negli attuali vaccini prodotti da Pfizer, Moderna, AstraZeneca, et al. Negli ultimi 20 anni ha lavorato a lungo nel campo delle biotecnologie, sviluppando vaccini e consultandosi con il governo degli Stati Uniti sulla biodifesa. La saga di Malone e COVID può essere legata a due episodi di podcast in cui è apparso durante la pandemia.

Il primo è stato un episodio dell’11 giugno 2021 del podcast DarkHorse di Bret Weinstein con Malone, Weinstein e l’imprenditore Steve Kirsch. Per tre ore, i tre hanno discusso sia le informazioni osservate che quelle teoriche che suggerivano la possibilità che i vaccini a mRNA potessero essere pericolosi per alcuni destinatari. In virtù della sua esperienza, Malone ha spiegato il potenziale meccanismo d’azione che potrebbe causare danni (a partire dalle 13:10 nel podcast). Malone stesso ha ricevuto due dosi di Moderna e dice di aver sofferto di ipertensione grave e improvvisa (pressione alta) come risultato.

Per tutto il 2021, Malone ha contribuito a guidare la carica per un maggiore controllo della sicurezza dei vaccini mentre veniva messo alla gogna dalle piattaforme tecnologiche come vettore di disinformazione. È stato inequivocabile nel suo appello per evitare di somministrare vaccini a mRNA ai bambini. Da allora l’Atlantic lo ha dipinto come un diffusore di fake news affamato di fama, ed è stato cacciato da Twitter, LinkedIn e YouTube. (Ora è su Substack.)

Il culmine degli sforzi di comunicazione pubblica di Malone l’anno scorso è arrivato il 30 dicembre, quando ha partecipato alla trasmissione di Joe Rogan per discutere di tutto ciò che riguarda COVID. Una delle affermazioni di Malone nell’ormai famigerato podcast si è distinta: il concetto di psicosi di massa e il suo ruolo nell’attuale pandemia.

Quando è stato interrogato, Malone ha riferito che la sua domanda più urgente per il 2022 è: “Di cosa hanno discusso Tony Fauci, Francis Collins e Jeremy Farrar, usando telefoni non tracciabili per evitare il rilevamento, quando è diventato chiaro che avevano finanziato lo sviluppo (da parte di EcoHealth Alliance) del virus SARS-CoV-2?”

VINAY PRASAD

Il Dr. Vinay Prasad è un ematologo / oncologo e professore associato di epidemiologia e biostatistica presso l’Università della California di San Francisco.

Il commento di Prasad durante la pandemia si è esteso a molti argomenti, ma il primo, e più caro al suo cuore, è stata l’importanza di rimanere aperti a tutti i punti di vista nel tentativo di risolvere la crisi. A tal fine, ha recentemente deciso di ascoltare la totalità dei popolari podcast di Joe Rogan con Malone e il Dr. Peter McCullough per cercare di abbattere, problema per problema, la sostanza delle loro affermazioni, piuttosto che respingerle grossolanamente con parole spaventose come “fake” o “pericoloso”.

Prasad è stata una fonte per l’analisi acuta dei benefici e dei rischi della vaccinazione per i giovani uomini vulnerabili alla miocardite e una voce coerente nel mettere in discussione la saggezza e l’efficacia degli obblighi di mascherina, specialmente per gli scolari. Ha scritto per la prima volta sulla necessità di prove migliori nel mascheramento il 27 novembre 2020 e sulla miocardite il 29 giugno 2021.

MARTY MAKARY

Il Dr. Marty Makary è professore di chirurgia alla Johns Hopkins e riformatore sanitario. È stato una presenza regolare in televisione e sulle pagine dei principali giornali, offrendo le sue opinioni su come dovrebbe essere una risposta sensata alla pandemia.

Uno dei principali obiettivi per Makary è stato l’importanza di riconoscere l’immunità naturale al SARS-CoV-2, acquisito da precedenti infezioni. Ha continuamente spinto affinché il governo e i datori di lavoro riconoscessero l’immunità naturale oltre all’immunità conferita dai vaccini quando si considerano gli obblighi . Un nuovo studio del CDC pubblicato il 19 gennaio 2022 sembra dare credito all’analisi di Makary.

Il neoeletto governatore della Virginia Glenn Youngkin ha recentemente nominato Makary come suo consigliere per la risposta alla pandemia.

PETER MCCULLOUGH

Il lavoro accademico del Dr. Peter McCullough è stato citato da altri autori 63.953 volte, secondo Google Scholar. È un rinomato cardiologo e nefrologo ed è stato uno dei primi medici a promuovere a gran voce e costantemente l’idea di un trattamento ambulatoriale precoce per COVID-19, prima il 7 agosto 2020, in un primo documento sui potenziali protocolli per il trattamento multifarmaco, e poi insieme a Risch di fronte al Senato degli Stati Uniti il 19 novembre 2020. A coloro che lo hanno attaccato per la sua enfasi sull’idrossiclorochina o sull’ivermectina come componenti del trattamento, sottolinea che ha anche promosso l’uso di emergenza della FDA autorizzato trattamenti con anticorpi monoclonali, che sono stati notevolmente sottoutilizzati.

Nel 2021, la crociata di McCullough si è espansa dal trattamento precoce alla sicurezza dei vaccini. Mentre inizialmente molti pazienti nel suo studio di Dallas sono stati vaccinati, a marzo 2021 ha iniziato ad avere dubbi sulla sicurezza del vaccino, poiché le segnalazioni di lesioni e morte hanno iniziato ad accumularsi nel database VAERS. Il 7 maggio 2021, McCullough è stato invitato su Tucker Carlson Today per un’intervista di 45 minuti in cui ha reso note le sue preoccupazioni.

In particolare, McCullough sottolinea che un approccio unico alla vaccinazione è sbagliato, che dovrebbe invece essere raccomandato sulla base di specifici calcoli rischio-beneficio per diverse popolazioni. “Dobbiamo sempre modificare le cose, forse ci sono alcuni gruppi che non dovrebbero ottenerlo, forse le dosi sono troppo alte, forse le dosi dovrebbero essere basate sul peso, ci sono tanti aspetti da considerare”.

McCullough ha poi viaggiato in tutto il paese, parlando in eventi e conferenze di medici, oltre a continuare a impegnarsi online. In un discorso del 2 ottobre 2021 che riassume le sue preoccupazioni, ha affermato che gli attuali vaccini COVID “non possono essere generalmente supportati nella pratica clinica” a causa dei problemi di sicurezza. Nel dicembre 2021, è stato ospite del podcast di Joe Rogan. Ad oggi, è stato licenziato da tutte le sue precedenti posizioni mediche accademiche ed è stato citato in giudizio dal suo ex datore di lavoro, la Baylor University, per $ 1.000.000 per violazione del contratto.

McCullough è diventato esplicito sulle intenzioni nefaste che ritiene siano alla base del programma di vaccino COVID e della risposta governativa complessiva alla pandemia.

McCullough ha confessato che la persona che ha cambiato più radicalmente il suo modo di pensare negli ultimi tempi è Robert F. Kennedy Jr., il cui lavoro lo ha aiutato a capire che la crisi è stata sfruttata “per orchestrare una deriva totalitaria basata su un insieme inefficace e pericoloso di vaccini genetici”.

PIERRE KORY

Il Dr. Kory è uno specialista in medicina polmonare e di terapia intensiva ed ex professore associato e capo del Servizio di terapia intensiva presso l’Università del Wisconsin. È un pioniere di fama internazionale nel campo dell’ecografia in terapia intensiva. Come nativo di New York, evidentemente non ha paura di parlare ad alta voce.

Se c’è un argomento su cui Kory si è distinto, è la sua feroce insistenza sull’importanza di lasciare che i medici facciano i medici. È stato uno dei primi a sostenere la necessità di somministrare corticosteroidi nei pazienti ospedalizzati e lo ha detto davanti al Senato degli Stati Uniti il 6 maggio 2020. Il 17 luglio 2020, le sue posizioni sono state confermate da un processo fuori dal Regno Unito. I corticosteroidi sono ora cure standard per COVID-19 negli ospedali di tutto il mondo.

Le successive crociate di Kory hanno riguardato la necessità di un trattamento ambulatoriale maggiore e migliore e il potenziale di un farmaco vincitore del premio Nobel con proprietà antivirali e antinfiammatorie chiamato ivermectina. Kory e il suo gruppo di specialisti di terapia intensiva, il FLCCC, sentivano di aver trovato un dono miracoloso nell’ivermectina. Kory è stato invitato a conferire di nuovo al Senato degli Stati Uniti su questo argomento l’8 dicembre 2020. Poiché la registrazione del suo appassionato discorso durante un’audizione al Senato sull’importanza del trattamento precoce e l’utilità dell’ivermectina ha guadagnato moltissime visualizzazioni, YouTube l’ha rimossa il 27 gennaio 2021.

Kory rimane una voce schietta per l’assistenza ambulatoriale e ospedaliera aggressiva di COVID-19 e uno scettico della risposta della salute pubblica. Quando ho parlato con lui l’anno scorso per un retroscena su una storia diversa, gli ho chiesto cosa gli permette di ignorare il danno alla sua reputazione causato dal suo parlare schiettamente e senza mezzi termini. Ha risposto, tipicamente, “i dati”. Ha continuato: “Quello che mi fa andare avanti è il successo! Migliaia in tutto il mondo sappiamo di aver aiutato, molti medici in India sanno che funziona. So che stiamo aiutando le persone”.

AARON KHERIATY

Dal 2013, il Dr. Aaron Kheriaty è stato il direttore del programma di etica medica presso l’Università della California Irvine. Nell’agosto del 2021, l’università ha imposto un obbligo vaccinale in tutto il campus. Kheriaty ha contratto naturalmente il COVID e ha citato in giudizio l’università in un tribunale federale per un’esenzione dovuta a una precedente infezione e immunità acquisita naturalmente.

È stato messo in congedo retribuito nell’ottobre 2021 e licenziato il 17 dicembre 2021. La sua lettera d’addio ai suoi ex colleghi e studenti ha ricevuto molta attenzione online. Da allora, è stato estremamente attivo nei media (e nel suo Substack) nel continuare la sua ricerca di etica medica e consenso informato nell’applicazione delle politiche COVID.

In una recente intervista, quando gli è stato chiesto come ha preso il suo allontanamento dalla sua amata comunità all’UCI, ha risposto: “Quando ho deciso di sostenere la causa, mi stavo proiettando in avanti per il corso di etica che avrei insegnato [in questo periodo dell’anno] e ho cercato di immaginarmi in piedi nell’aula magna a parlare del consenso informato, un principio fondante della bioetica, e della necessità di coraggio morale … Non potevo certo insegnare l’integrità e il coraggio morale se avessi visto qualcosa di preoccupante che si svolgeva intorno a me e le mie azioni non avessero supportato ciò che insegnavo in classe”.

BRET WEINSTEIN E HEATHER HEYING

Il Dr. Bret Weinstein e sua moglie, la Dr. Heather Heying, sono biologi evoluzionisti, e va notato, liberali dichiarati che vivono a Portland, Oregon. Il loro podcast DarkHorse è diventato ampiamente influente dal suo debutto nel 2019, ma è nel contesto della pandemia che Weinstein e Heying sono diventati ascolti essenziali per molti. La loro analisi si è ripetutamente dimostrata preveggente negli ultimi 22 mesi.

Nel loro episodio del 26 marzo 2020, Heying ha chiesto a Weinstein i suoi pensieri su una potenziale via di fuga vaccinale dalla pandemia.

In un altro podcast, datato 30 marzo 2020, hanno discusso la possibilità di zoonosi, “perdite di laboratorio” accidentali e / o ipotesi di armi biologiche relative all’eziologia di SARS-CoV-2. La conversazione è stata notevole per il suo approccio spassionato e scientifico. Quattordici mesi dopo, dopo un monumentale blitz mediatico, l’ex direttore del CDC e virologo Dr. Robert Redfield ha dichiarato di credere che il virus abbia avuto origine in un laboratorio.

Weinstein e Heying hanno continuato a interrogarsi su diversi aspetti della pandemia e sulla nostra risposta ad essa, tra cui il continuo imperativo di indagare sull’ipotesi della perdita di laboratorio, le implicazioni evolutive della tecnologia mRNA, il potenziale di danni indotti dal vaccino, la necessità di un trattamento precoce di COVID-19, il potenziale per il programma di vaccinazione di massa per guidare le mutazioni verso nuove varianti di fuga immunitaria, passaporti vaccinali e cosa significa tutto questo per il nostro futuro come società. Recentemente hanno registrato il loro 112 ° livestream.

Clayton Fox è un ex giornalista di Tablet e ha anche scritto per Los Angeles Magazine,Real Clear Investigations e Brownstone Institute. Seguilo su Twitter @clayfoxwriter.
Iscriviti alla nostra newsletter

eVenti Avversi

Read Previous

Grave reazione avversa dopo la seconda dose. Antonello Cabula senza green pass rischia di perdere stipendio e lavoro

Read Next

Informatori medici militari: “L’esercito americano si sta ammalando a causa dei vaccini Covid, mai così tanti eventi avversi”.