• Agosto 16, 2022

I bambini sono stati avvelenati?

L’aumento dell’esposizione a sostanze tossiche a causa di un uso eccessivo di misure inefficaci come l’obbligo di mascherine, l’uso frequente di disinfettanti, spray disinfettanti e tamponi frequenti durante la pandemia avrà un impatto a breve e lungo termine sulla salute dei bambini e sulle generazioni future.

Inoltre, i lockdown inefficaci hanno aumentato il numero di bambini che nono possono accedere a un’alimentazione corretta e completa, la povertà sopraggiunta impedisce la nutrizione quotidiana necessaria durante la crescita e lo sviluppo, peggiorando la minaccia di cattiva salute durante l’invecchiamento.

Una dis-regolazione generale del sistema immunitario potrebbe verificarsi con conseguenze che vanno dai disturbi autoimmuni al cancro. È molto probabile che la popolazione più colpita sarà quella povera, immunocompromessi e disabili. Per prevenire ulteriori danni, le misure dovrebbero essere interrotte mentre è necessaria un’analisi urgente sull’avvelenamento e sui possibili modi per riparare il sistema immunitario.

Le sostanze chimiche tossiche rappresentano un rischio noto per la salute futura

L’Organizzazione Mondiale della Sanità afferma che l’avvelenamento è una delle prime cinque cause di morte per lesioni involontarie nei bambini. Sondaggi dalla Cina mostrano che l’avvelenamento è una delle principali cause di morte nei bambini cinesi, classificandosi al 3° posto come causa di morte accidentale.

Centinaia di nuove sostanze chimiche vengono sviluppate e rilasciate nell’ambiente ogni anno, non testate per i loro effetti tossici sui bambini. Negli ultimi 50 anni sono stati rilasciati più di 100.000 composti chimici organici sintetici. Per la stragrande maggioranza di queste sostanze chimiche per uso domestico e commerciale quotidiano, c’è solo una comprensione limitata di come si comporteranno una volta rilasciate nell’aria, nell’acqua e nel suolo.

Di conseguenza, un cocktail di sostanze tossiche globali come proteine clorurate, bromurate e fluorurate e Ag, Al, Ars, Hg e Pb si trova in campioni di sangue umano e animale. Composti sintetici simili agli ormoni come PFAS e PCB, i cosiddetti interferenti endocrini stanno rappresentando un pesante tributo sugli esseri umani e sulla fauna selvatica, interferendo con le vie di segnalazione chimica naturale degli organismi come descritto nel libro Our Stolen Future: Are We Tthreatening Our Fertility, Intelligence and Survival? di Colborn et al. Alcuni pesticidi sembrano interferire con lo sviluppo del cervello, l’invecchiamento e la funzione riproduttiva.

L’esposizione dei bambini a sostanze chimiche tossiche nell’ambiente causa o contribuisce a un gruppo di condizioni croniche invalidanti e talvolta pericolose per la vita come il cancro infantile, i disturbi dello sviluppo neurologico, del comportamento e del metabolismo dei grassi. Malattie che sono aumentate sostanzialmente nel mondo occidentale e non possono essere spiegate da tendenze parallele nello stile di vita, nella dieta e nei modelli comportamentali.

Vi è una crescente evidenza scientifica che anche basse dosi di esposizione a sostanze tossiche durante lo sviluppo fetale e infantile possono causare effetti permanenti duraturi. Le finestre critiche di vulnerabilità all’esposizione sono il feto in via di sviluppo durante il terzo trimestre di gravidanza quando il cervello si sta sviluppando più rapidamente e durante i primi anni di vita quando il sistema immunitario è programmato.

Negli ultimi due anni, il rischio biologico è aumentato con una montagna di rifiuti extra, dispositivi di protezione individuale non essenziali che costituiscono quasi la metà del volume di rifiuti. Circa 1/3 dei dispositivi di protezione individuale non può essere insaccato o conservato in modo sicuro a causa di troppo pochi sacchetti a rischio biologico. In tutto il mondo, miliardi di euro sono stati spesi per maschere difettose e altri DPI per lo più derivati da aziende cinesi che non esistevano prima della pandemia. Sebbene l’OMS abbia rilasciato un’emergenza sul pericolo dell’inquinamento atmosferico con conseguente sistema immunitario scadente, più malattie infettive e più malattie croniche non trasmissibili (cioè malattie cardiache, diabete, obesità), non è stata fatta una valutazione del rischio beneficio per le misure pandemiche che distruggono la vita di milioni di persone.

Le donne incinte, i bambini e gli adolescenti sono più suscettibili alle intossicazioni

La National Academy of Sciences (NAS) degli Stati Uniti ha stimato che le esposizioni tossiche nell’ambiente contribuiscono alla causa del 28% dei disturbi neurocomportamentali nei bambini.

La soglia di tolleranza è diversa per ogni sostanza chimica e può differire da persona a persona (sensibilità). Più lunga è l’esposizione a una sostanza chimica, più è probabile che ne si sia influenzati. L’esposizione chimica, che continua per un lungo periodo di tempo, è spesso particolarmente pericolosa perché alcune sostanze chimiche possono accumularsi nel corpo o perché il danno non ha la possibilità di essere riparato.

Il corpo ha diversi sistemi, soprattutto il fegato rene e polmoni che cambiano le sostanze chimiche in forma meno tossica e le eliminano. I punti con cui le sostanze entrano in contatto per la prima volta con il corpo sono la pelle, gli occhi, il naso, la gola e i polmoni. La capacità dei bambini di metabolizzare, disintossicare ed espellere molte sostanze tossiche differisce da quella degli adulti. Sono meno in grado di trattare le tossine chimiche perché non hanno gli enzimi necessari per metabolizzarle e quindi sono più vulnerabili ad esse.

I sistemi di sviluppo di un bambino sono molto delicati e non sono in grado di riparare i danni che possono essere causati da sostanze tossiche ambientali. Anche in assenza di sintomi clinici visibili, una tossicità subclinica potrebbe causare malattie, problemi cognitivi e alterazione del comportamento. Gli organi interni maggiormente colpiti sono il fegato, i reni, il cuore, il sistema nervoso (compreso il cervello) e il sistema riproduttivo.

Ci sono alcune sostanze che una volta depositate rimangono nel corpo per sempre come le fibre di amianto. Le sostanze chimiche tossiche possono causare danni genetici. La maggior parte delle sostanze chimiche che causano il cancro causano anche mutazioni. Per diversi metalli chimici le modificazioni epigenetiche sono considerate un possibile meccanismo alla base della tossicità e della capacità di trasformazione cellulare. Sfortunatamente, la maggior parte delle sostanze chimiche non sono state testate affatto.

Inoltre, l’interazione tra sostanze che possono produrre qualsiasi effetto sinergico o potenziante non è nota. Nel 1997 è stata istituita una task force della Casa Bianca sulla salute e la sicurezza dei bambini e nel 2002 è diventato legge il Best Pharmaceuticals for Children’s Act, che richiedeva che i farmaci etichettati per l’uso nei bambini fossero sottoposti a studi scientifici per esaminare specificamente le suscettibilità dei piccoli. Sebbene siano state stabilite norme per un approccio precauzionale all’uso di sostanze chimiche tossiche, la loro ambizione non ha raggiunto il soddisfacimento.

Come le misure Covid mettono a rischio la salute futura dei bambini

Molti studi hanno dimostrato che i bambini e gli adolescenti hanno un rischio molto basso di sviluppare un caso grave di Covid-19. Studi collettivi dimostrano che la risposta immunitaria di adulti e bambini all’infezione lieve da SARS-CoV-2 è simile ma diverge dopo lo sviluppo di una grave malattia in ARDS (adulti) e MIS-C (bambini) caratterizzata da una differenza nella risposta immunitaria e nell’infiammazione.

Tuttavia, l’associazione di Covid-19 grave nei bambini e negli adulti con condizioni mediche preesistenti sottolinea il contributo di queste comorbidità alla gravità della malattia. Diversi studi hanno dimostrato una relazione tra composizione del microbiota intestinale, livelli di citochine e marcatori infiammatori, chemochine e marcatori ematici di danno tissutale nei pazienti con Covid-19 e la gravità della malattia. È stata osservata una deplezione del microbiota intestinale con potenziale immunomodulatore. Può essere che la disbiosi microbica dopo la risoluzione della malattia possa contribuire a sintomi persistenti descritti come Long Covid.

Non ci sono prove che le misure durante la pandemia per bambini e adolescenti sani proteggano dall’infezione o dalla trasmissione virale, mentre il possibile danno da una combinazione di sostanze tossiche che potrebbero eventualmente funzionare sinergicamente o potenziare in possibili danni sull’efficacia del sistema immunitario è di crescente preoccupazione.

Possiamo immaginare che l’esposizione dei bambini a sostanze tossiche come biossido di titanio, ossido di grafene, Ag, sodio azideetanolometanolofibre di polipropilene spesso in combinazione e per periodi di tempo più lunghi insieme a un possibile cambiamento nella concentrazione di anidride carbonica può causare un’alterazione del loro microbiota intestinale e un uso eccessivo dei sistemi di disintossicazione nel fegato, rene, polmoni e cuore.

Un’alterazione del microbiota intestinale dei bambini e degli adolescenti predispone i bambini e gli adolescenti a sviluppare MIS-C e altre malattie croniche. Sono stati documentati casi di gravi problemi di salute in pochi minuti mentre si indossava una mascherina. Esperti del governo, della politica e legali, stanno ancora consigliando queste misure restrittive, anche quando la scienza è chiara sull’inefficacia e la sicurezza non può essere garantita.

Recentemente, il belga Sciensano (un istituto di ricerca e un istituto nazionale di sanità pubblica del Belgio) ha scoperto che la massa stimata di biossido di titanio in 24 diversi tipi singoli e riutilizzabili di maschere facciali destinate al grande pubblico supera sistematicamente il livello di esposizione accettabile per inalazione quando le mascherine sono indossate intensamente. Parte di questo studio è stato pubblicato su Nature. Tuttavia, Sciensano non ha ritirato nessuna delle mascherine testate dal mercato o ha riferito al pubblico in quale tipo di maschere sia stato trovato l’alto livello di biossido di titanio mentre nel documento si afferma che un rischio per la salute non può essere escluso.

Inoltre, permangono incertezze sulla genotossicità delle particelle di biossido di titanio. Inoltre, Sciensano ha riferito che non esclude che il biossido di titanio possa essere presente in altri tipi di mascherine contenenti fibre sintetiche come le mascherine mediche, anche quando sono certificate. Mancano informazioni chiave sulla valutazione del rischio di tossicità. In generale, i dati scientifici sulla presenza di (nano) particelle nelle mascherine, l’esposizione e i rischi per la popolazione sono limitati, soprattutto per le popolazioni vulnerabili, gli anziani, le donne incinte e i bambini. Negli ultimi due anni questi gruppi sono stati costretti a indossare mascherine facciali in modo intensivo senza una valutazione del rischio-beneficio decente.

Secondo l’ECHA, il biossido di titanio è sul mercato del SEE sotto forma di nanomateriali. La sostanza è approvata dall’Unione europea e sospettata di causare il cancro. Nel febbraio 2022 il governo belga ha pubblicato che il biossido di titanio E171 non sarà più consentito per il consumo alimentare da agosto 2022 in poi. Sciensano sta anche lavorando a un progetto Agmask, anche se i risultati non sono ancora disponibili per il pubblico. L’ECHA afferma che la presenza di Ag è molto tossica per la vita acquatica con effetti di lunga durata.

In Germania, Paesi Bassi e Canada milioni di mascherine sono state ritirate dal mercato a causa della presenza di ossido di grafene noto nell’ECHA come sostanza che causa irritazione agli occhi, irritazione cutanea e può causare irritazione respiratoria. In una revisione sulle nanoparticelle di grafene è stata rivelata la tossicità sottostante, ad esempio distruzione fisica, stress ossidativo, danno al DNA, risposta infiammatoria, apoptosi, autofagia e necrosi.

I potenziali pericoli a lungo termine sono ancora sconosciuti. Sfortunatamente, l’uso frequente incontrollato di biocidi da parte dei produttori di mascherine facciali e test estende ulteriormente il problema già esistente della resistenza agli antibiotici, come l’MRSA (Staphylococcus aureus multiresistente). A questo proposito è importante rendersi conto che una crescita eccessiva batterica con problemi di pelle dovuti all’uso della mascherina è spesso causata da Staphylococcus aureusInoltre, l’Università della Florida ha trovato 11 batteri patogeni che possono causare difterite, polmonite e meningite all’esterno delle maschere indossate dai bambini.

Diafonia tra veleno, microbiota intestinale, infiammazione e risposta vaccinale

L’influenza degli inquinanti sul microbiota intestinale, sulla permeabilità intestinale e sul sistema immunitario, migliorando l’infiammazione polmonare, intestinale e sistemica è innegabile. Condizioni che possono migliorare gli effetti infiammatori con conseguenze sistemiche. L’inquinamento può influenzare le modificazioni epigenetiche, lo stress ossidativo e i processi di metilazione dei geni sia in perdita che in eccesso, in particolare per quelli coinvolti nelle vie infiammatorie.

Nel complesso, sembra esserci un rischio per lo sviluppo di alcune malattie autoimmuni a causa di uno squilibrio dei sottoinsiemi di cellule T. I meccanismi sottostanti e le conseguenze a lungo termine non sono ancora del tutto chiari; quindi gli effetti potrebbero essere ancora più gravi del previsto.

In alcuni casi può verificarsi un effetto sinergico tra un agente patogeno e un inquinante con conseguente alterata risposta immunitaria. Il microbiota agisce come immunomodulatore e sono coinvolti nella risposta alla vaccinazione. Diversi tipi di microbiota inibiti dai PFAS sono legati a una migliore risposta immunitaria alla vaccinazione e alla longevità.

L’esposizione a PFAS è stata associata a una diminuzione delle risposte immunitarie umorali ai vaccini contro il tetano, la difterite e la rosolia nei bambini e negli adulti. D’altra parte uno studio trasversale in Cina ha mostrato un effetto protettivo del vaccino antinfluenzale sugli effetti dell’inquinamento atmosferico. Come noto da molti decenni, l’efficacia dei vaccini dipende dall’integrità del sistema immunitario. Gli esseri umani sono esposti a pericoli per tutta la durata della loro vita e gli effetti di queste esposizioni spesso non si realizzano fino a decenni dopo.

In effetti, gli individui concepiti durante l’inverno della fame olandese alla fine della seconda guerra mondiale hanno dimostrato 60 anni dopo di aver alterato la metilazione del DNA in un locus che svolge un ruolo importante nella crescita. Recentemente uno studio epidemiologico a livello di genoma sull’esposizione al BPA e sui livelli di metilazione del DNA nelle ragazze pre-adolescenti in Egitto ha dimostrato che i profili di metilazione mostrano tendenze dipendenti dall’esposizione.

L’esposizione al BPA sullo sviluppo può essere associata a un peso corporeo più elevato e ad un aumento dell’obesità o a fenotipi magri iperattivi. Un possibile legame di esposizione ai pesticidi dei lavoratori agricoli a varie e mortali malattie come il Parkinson e i tumori del sangue ha richiesto un decennio per un gruppo di scienziati francesi per dimostrare il rischio che alla fine è stato riconosciuto. Fattori ambientali, comportamentali, socioeconomici e dietetici contribuiscono a diversi profili di rischio per le malattie più avanzate nella vita. I risultati possono dipendere da fasi vulnerabili della vita che rappresentano finestre critiche di suscettibilità.

Prevenire lo sviluppo di malattie latenti per le fasi più avanzate nella vita

I segnali sono abbastanza chiari, occorre iniziare a mettere tutto in discussione e cercare la verità. Un recente articolo del Daily Mail nel Regno Unito ha affermato che il Long Covid potrebbe non essere responsabile della stanchezza cronica nei bambini, poiché i sintomi sono altrettanto comuni nei giovani che non hanno mai avuto il virus. I bambini americani stanno perdendo motivazione e creatività, dicono gli insegnanti. I problemi si manifestano come depressione, scarso rendimento, disconnessione e ansia.

Un recente studio inglese ha mostrato negli scolari una perdita del 23% di apprendimento precoce, una diminuzione della concentrazione e della comunicazione verbale e non verbale. Un altro articolo ha osservato un cervello pandemico: neuroinfiammazione in individui non infetti durante la pandemia di Covid-19. Un aumento della prevalenza di affaticamento, nebbia cerebrale, depressione e altri comportamenti di malattia come sintomi che implicano una possibile disregolazione nei meccanismi neuroimmuni. Le ultime ricerche hanno dimostrato l’aumento del rischio di miocardite e pericardite negli adolescenti dopo la vaccinazione. Gli autori hanno consigliato una valutazione personale rischio-beneficio prima della vaccinazione. Uno studio di Lancet ha riportato una rara sindrome infiammatoria multisistemica in giovani vaccinati. 

Sebbene non sia ancora chiaro quale sia il fattore scatenante dell’infiammazione e dell’overdrive sul sistema immunitario del corpo, affaticamento, perdita di forza e interesse, non può essere escluso un possibile effetto sinergico o potenziante della presenza di alte concentrazioni di varie sostanze tossiche. È necessaria una nuova fase di riflessione e riorganizzare il processo di valutazione del rischio delle misure Covid in modo che tenga conto della maggiore vulnerabilità delle donne incinte e dei bambini alle sostanze tossiche.

Le organizzazioni governative e di altro tipo che hanno analizzato la presenza di sostanze tossiche in mascherine facciali, test, guanti e altri DPI hanno urgente bisogno di rilasciare i dati e le analisi disponibili per aprire la discussione sui possibili danni nei bambini durante le misure pandemiche. Un nuovo articolo ha chiaramente dimostrato che indossare mascherine a scuola non impedisce la trasmissione virale. Gli abusi sui minori, costringere i bambini a indossare mascherine, anche dall’età di due anni, dovrebbero essere fermati immediatamente per prevenire la perdita della qualità della vita, la perdita di benessere e la perdita della capacità di lavorare durante l’invecchiamento.

Inoltre, gruppi di bambini di tutte le età che sono stati esposti a lunghi periodi di uso della mascherina, uso eccessivo di disinfettanti per le mani, spray disinfettante e test frequenti devono essere analizzati sulla presenza di sostanze tossiche o metaboliti nel corpo.

Abbiamo bisogno di un programma per disintossicare e ripristinare il sistema immunitario con una vita sana e con un’alimentazione adeguata. Questo è ciò che è necessario per restituire un futuro rubato ai giovani, per consentire loro di vivere una vita in libertà, connessione, creatività e motivazione in equilibrio con la natura.


Autrice Carla Peeters per Brownstone Institute

Carla Peeters è fondatrice e amministratore delegato di COBALA Good Care Feels Better. Ha conseguito un dottorato di ricerca in Immunologia presso la Facoltà di Medicina di Utrecht, ha studiato Scienze Molecolari presso l’Università e la Ricerca di Wageningen e ha seguito un corso quadriennale in Higher Nature Scientific Education con specializzazione in diagnostica e ricerca di laboratorio medico. Ha studiato in varie business school tra cui London Business School, INSEAD e Nyenrode Business School.

Iscriviti alla nostra newsletter

eVenti Avversi

Read Previous

Muore un altro 16 enne vittima di un malore improvviso a Torino

Read Next

Il marito del direttore del CDC Walensky ha ricevuto $ 5 milioni in sovvenzioni HHS – e questo è solo l’inizio