• Giugno 22, 2024

Peggio della malattia: “Le conseguenze non intenzionali dei vaccini a mRNA”

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


L’articolo della scienziata del MIT Stephanie Seneff, “Peggio della malattia: rivedere alcune possibili conseguenze non intenzionali dei vaccini a mRNA contro COVID-19″, pubblicato sull’International Journal of Vaccine Theory, Practice and Research in collaborazione con il Dr. Greg Nigh, è ancora una delle migliori e più complete descrizioni delle molte possibili conseguenze non intenzionali delle tecnologie di trasferimento genico dell’mRNA erroneamente denominate “vaccini COVID“.

Il 9 dicembre 2021, il loro articolo è stato ristampato nella Townsend Letter, l’esaminatore di medicina alternativa. Seneff, Ph.D., ricercatrice senior presso il MIT che ha condotto ricerche al MIT per oltre cinque decenni, ha trascorso gran parte della sua carriera a studiare i pericoli e i meccanismi d’azione del glifosato.

La sua attenzione è stata dirottata sulla scienza delle tecnologie di trasferimento genico dell’mRNA all’inizio del 2020, quando è stata annunciata l’Operazione Warp Speed. Come notato nel suo articolo, molti fattori che mancavano di precedenti, ma venivano implementati a rotta di collo, includevano:

  1. Il primo utilizzo in assoluto di PEG in un’iniezione
  2. Il primo utilizzo in assoluto della tecnologia di trasferimento genico dell’mRNA contro un agente infettivo
  3. Il primo “vaccino” in assoluto a non avere informazioni chiare sulla riduzione dell’infezione, della trasmissibilità o della morte
  4. Il primo vaccino contro il coronavirus mai testato sugli esseri umani (e i precedenti vaccini contro il coronavirus hanno fallito tutti a causa del potenziamento anticorpo-dipendente, una condizione in cui gli anticorpi in realtà facilitano l’infezione piuttosto che difendersi da essa)
  5. Il primo utilizzo in assoluto di polinucleotidi geneticamente modificati nella popolazione generale

Un processo follemente spericolato

In un’intervista del maggio 2021, Seneff ha affermato:

“Aver sviluppato questa tecnologia incredibilmente nuova così rapidamente e saltare così tanti passaggi nel processo di valutazione [della sua sicurezza], è una cosa follemente spericolata che hanno fatto. Il mio istinto mi diceva che che questo era profondamente sbagliato, e avevo bisogno di conoscere [la verità].

Quindi, ho davvero scavato nella letteratura di ricerca degli scienziati che hanno sviluppato questi vaccini, e poi nella letteratura di ricerca più ampia su questi argomenti. E non vedo come questi vaccini possano fare qualcosa di buono …”

All’epoca, a soli cinque mesi dall’inizio della campagna di inoculazione di massa, Seneff sospettava che i vaccini COVID avrebbero finito per uccidere molte più persone dell’infezione stessa. Oggi, a un anno intero di distanza, le statistiche sono cupe oltre ogni immaginazione, dimostrando che la sua autorevole previsione è stata lungimirante.

I vaccini a mRNA sono incredibilmente pericolosi

Al 3 dicembre 2021, il Vaccine Adverse Event Reporting System (VAERS) degli Stati Uniti ha registrato un sorprendente 927.738 eventi avversi correlati al vaccino COVID, inclusi 19.886 decessi. I VAERS possono ricevere rapporti dai produttori di vaccini e da altre fonti internazionali e, se li escludiamo, il bilancio delle vittime riportato nei territori degli Stati Uniti è di 9.136.

Dei rapporti di morte totali, Pfizer – l’unica azienda a cui la Food and Drug Administration degli Stati Uniti ha concesso la piena licenza per un vaccino COVID non ancora disponibile – rappresenta la stragrande maggioranza: 13.268, rispetto a 4.894 per Moderna, 1.651 per Janssen e 73 per un marchio non divulgato.

Pfizer rappresenta anche la stragrande maggioranza dei ricoveri post-somministrazione, e mentre gli individui di età superiore ai 66 anni costituiscono la maggior parte dei decessi, la fascia di età da 25 a 50 anni rappresenta la maggior parte dei ricoveri. Gli effetti collaterali chiave che vengono ora segnalati in numero massiccio includono:

AbortiProblemi cardiaci come attacchi di cuore e miopericardite
Trombocitopenia (bassa conta piastrinica)Herpes zoster
Paralisi di BellUna varietà di disabilità permanenti, molte delle quali coinvolgono disfunzioni neurologiche

Tutte queste conseguenze sono state predette da Seneff e Nigh nel loro articolo, il che rende gli eventi ancora più tragici. È importante sottolineare che VAERS è notoriamente sottostimato, quindi l’impatto reale di questi farmaci è molto maggiore di quello che suggeriscono quei dati.

La cura è davvero peggiore della malattia

Calcoli eseguiti da Steve Kirsch, direttore esecutivo del COVID-19 Early Treatment Fund, e dal suo team di statistici suggeriscono che i rapporti relativi a VAERS COVID sono sottostimati di un fattore 41. Questa è una stima prudente, supportata da calcoli che utilizzano una varietà di fonti oltre a VAERS stesso.

Ciò significa che solo negli Stati Uniti (utilizzando i dati solo per i territori degli Stati Uniti), il bilancio effettivo delle vittime potrebbe essere più vicino a 374.576 (compresi i decessi internazionali segnalati a VAERS metterebbero il bilancio delle vittime a 815.326), e quelli sono decessi che si sono verificati in giorni o settimane dopo l’iniezione.

Come spiegano Seneff e Nigh nel loro articolo, c’è una ragione schiacciante per sospettare che queste iniezioni di trasferimento genico avranno impatti devastanti a lungo termine, con conseguenti morti in eccesso nel prossimo decennio.

Inoltre, è chiaro che il bilancio delle vittime dell’infezione da COVID-19 negli Stati Uniti è stato ampiamente esagerato, in quanto si basa su test PCR positivi e persino sul semplice sospetto di COVID in assenza di test. Molti sono morti per altre cause e si è effettuato un test COVID positivo al momento della morte.

Kirsch stima che il conteggio dei decessi reali da COVID-19 sia di circa il 50% del numero riportato (che è probabilmente conservativo). Ciò significa che circa 380.000 americani sono morti per COVID-19 (piuttosto che con COVID), mentre i vaccini COVID potrebbero aver ucciso più di 374.570 persone solo nei primi 11 mesi.

Seneff sospetta che nei prossimi 10-15 anni vedremo un drammatico picco di malattie da prioni, malattie autoimmuni, malattie neurodegenerative in età più giovane e disturbi del sangue come coaguli di sangue, emorragie, ictus e insufficienza cardiaca.

Come previsto nel titolo dell’articolo di Seneff, sembra che la cura possa effettivamente finire per essere peggiore della malattia. Ciò è particolarmente vero per i bambini e i giovani adulti, che sono morti o sono stati resi permanentemente disabili dai vaccini, pur avendo un rischio straordinariamente basso di morire o di essere gravemente danneggiati dall’infezione stessa.

La proteina Spike è la parte più pericolosa di SARS-CoV-2

Il motivo per cui stiamo vedendo tutti questi problemi dai vaccini COVID è perché programmano le cellule per produrre continuamente la proteina spike SARS-CoV-2, che ora sappiamo essere la parte più pericolosa del virus. Molti esperti lo hanno notato fin dall’inizio, chiedendosi cosa abbia portato gli sviluppatori del vaccino, a selezionare proprio questa proteina come antigene per i loro vaccini.

Mentre le iniezioni di mRNA possono causare danni in molti modi diversi, un problema di base è che possono sovrastimolare il sistema immunitario fino al punto di fallimento. In sintesi, quando le cellule iniziano a produrre le proteine spike virali, le cellule immunitarie si radunano per assorbire le proteine e scaricarle nel sistema linfatico. (Questo è il motivo per cui molti riportano linfonodi ingrossati sotto le braccia.)

La risposta anticorpale fa parte dell’immunità umorale. C’è anche l’immunità cellulare, che fa parte del sistema immunitario innato. Il sistema immunitario innato è molto potente. Se un individuo è sano, può eliminare i virus senza mai produrre un singolo anticorpo. Gli anticorpi sono in realtà un effetto di secondo livello, quando il sistema immunitario innato fallisce.

Il problema è che il sistema immunitario innato non sarà attivato e probabilmente non riuscirà a proteggere l’individuo se riceve un vaccino COVID-19, perché sta bypassando tutte le aree in cui il suo sistema immunitario innato sarebbe portato a sopportare.

Normalmente si respira il virus e si stimolano la produzione di anticorpi IgA secretori che proteggono il sistema respiratorio. Quando si bypassa quella via di esposizione con un vaccino, non vengono prodotti anticorpi IgA secretori, lasciando l’individuo suscettibile all’infezione.

Come spiegato da Ronald Kostoff in un eccellente articolo dell’8 dicembre 2021, Trial Site News, “COVID-19 ‘Vaccini’: la bomba sbagliata sul bersaglio sbagliato al momento sbagliato”:

“Un vaccino efficace si concentrerebbe sull’immunità cellulare nel tratto respiratorio e intestinale, in cui le IgA secretorie sono prodotte dai linfociti che si trovano direttamente sotto le mucose che rivestono il tratto respiratorio e intestinale.

Gli anticorpi prodotti da questi linfociti vengono espulsi attraverso e verso la superficie dei rivestimenti. Questi anticorpi sono quindi sul posto per incontrare i virus trasportati dall’aria e possono essere in grado di prevenire il legame virale e l’infezione delle cellule.

Sfortunatamente, i principali inoculanti attualmente utilizzati per COVID-19 si concentrano sugli anticorpi (IgG e IgA circolanti) che si verificano nel flusso sanguigno. Questi anticorpi proteggono gli organi interni del corpo dagli agenti infettivi che cercano di diffondersi attraverso il flusso sanguigno”.

Quando viene iniettato il vaccino COVID, il corpo indurrà solo IgG e IgA circolanti – non IgA secretorie, e questi tipi di anticorpi non proteggono efficacemente le mucose dall’infezione da SARS-CoV-2. Quindi, come notato da Kostoff, le infezioni rivoluzionarie che stiamo vedendo ora “confermano i difetti di progettazione fondamentali” di questa tecnologia di trasferimento genico.

“Un’infezione naturale da SARS-CoV-2 (coronavirus) nella maggior parte degli individui rimarrà localizzata nel tratto respiratorio”, Kostoff scrive. “I vaccini attualmente utilizzati fanno sì che le cellule in profondità all’interno del nostro corpo esprimano la proteina spike virale, cosa per la quale non sono state create dalla natura.

Qualsiasi cellula che esprima questo antigene estraneo (Spike) sulla sua superficie, sarà attaccata dal sistema immunitario, che coinvolgerà sia gli anticorpi IgG che i linfociti T citotossici. Ciò può verificarsi in qualsiasi organo, ma il danno sarà più grave negli organi vitali.

Stiamo vedendo ora che il cuore è colpito in molti giovani, portando a miocardite o addirittura arresto cardiaco improvviso e morte. In altre parole, stiamo sganciando la bomba sbagliata sul bersaglio sbagliato nel momento sbagliato!”

Alla fine, il corpo crederà essenzialmente che il sistema immunitario innato abbia fallito, il che significa che deve usare l’arma di riserva. In sostanza, il corpo sta reagendo in modo eccessivo a un pericolo che non è reale. In realtà non si è infettati da un virus e il sistema immunitario innato non ha fallito, ma il corpo è costretto a rispondere come se fosse così.

Effetti che possono persistere a lungo termine

Inoltre, l’RNA sintetico nei vaccini a mRNA contiene un nucleotide chiamato metil-pseudouridina, che il corpo non può abbattere, e l’RNA è programmato per innescare la massima produzione di proteine. Quindi, stiamo osservando una manipolazione completamente non testata dell’RNA.

È molto importante riconoscere che si tratta di un mRNA geneticamente modificato per la proteina spike. Non è identico all’mRNA della proteina spike prodotta da SARS-Cov-2. È stato significativamente alterato per evitare di essere metabolizzato dal corpo.

La proteina spike che il corpo produce in risposta all’mRNA del vaccino COVID-19 si blocca nel recettore ACE2. Questo perché la nuova proteina spike geneticamente modificata ha proline aggiuntive inserite che impediscono ai recettori di chiudersi correttamente, che quindi causano una downregulate ACE2. Questo è in parte il motivo per cui alcuni riportano danni come ipertensione polmonare, insufficienza cardiaca ventricolare e ictus.

Come notato in un documento del 2020, c’è un “legame cardine” tra il deficit di ACE2 e l’infezione da SARS-CoV-2. Le persone con deficit di ACE2 tendono ad essere più inclini a COVID-19 grave. La proteina spike sopprime ACE2, rendendo la carenza ancora peggiore. Secondo Seneff, le iniezioni di trasferimento genico fanno essenzialmente la stessa cosa, e non sappiamo ancora per quanto tempo durano gli effetti.

I produttori inizialmente hanno ipotizzato che l’RNA sintetico potesse sopravvivere nel corpo umano per circa sei mesi. Un’indagine più recente ha rilevato che la proteina spike persisteva nei pazienti COVID guariti per 15 mesi.

Ciò solleva il sospetto che l’mRNA sintetico sia più persistente nei vaccini COVID e possa innescare la produzione di proteine spike per molto, troppo tempo. Inoltre, il numero di proteine spike prodotte dai vaccini è di gran lunga superiore a quello che si verifica nell’infezione naturale.

Come spiegato dal Dr. Peter McCullough, questo significa che dopo la prima dose, il corpo produrrà proteine spike per almeno 15 mesi. Ma, quando si ottiene la seconda dose poche settimane dopo, quet’ultima causerà la produzione di proteine spike per 15 mesi o più. Con la terza dose sei mesi dopo, si producono proteine spike per altri 15 mesi.

Con richiami regolari, il corpo potrebbe non liberarsi mai dalla proteina spike. Nel frattempo, sta devastando la biologia umana. McCullough lo paragona a “un’installazione permanente di una proteina infiammatoria nel corpo umano” e l’infiammazione è al centro della maggior parte se non di tutte le malattie croniche. Semplicemente non c’è possibilità per questi vaccini di migliorare la salute pubblica. La decimeranno.

Ci saranno danni neurologici a lungo termine

Nel suo articolo, Seneff descrive diverse caratteristiche chiave della proteina spike SARS-CoV-2, tutto suggerisce che agisca come un prione. Questo potrebbe aiutare a spiegare perché stiamo vedendo così tanti effetti collaterali neurologici da vaccino.

Per una descrizione tecnica dettagliata occorre leggere l’articolo di Seneff, ma il messaggio da tenere a mente è che i vaccini covid-19 sono vere e prorie istruzioni impartite al corpo, per produrre una proteina tossica che finirà per concentrarsi nella milza, da dove verranno inviate istruzioni proteiche simili a prioni che aumenteranno radicalmente il rischio di sviluppare malattie neurodegenerative.

Le malattie polmonari, cardiache e cerebrali sono conseguenze prevedibili

Seneff entra anche nei dettagli descrivendo come la proteina spike agisca come un veleno metabolico. Mentre è consigliata la lettura dell’articolo di Seneff nella sua interezza, riportiamo l’estratto di alcune sezioni chiave di seguito, a partire da come la proteina spike può innescare danni patologici che portano a danni polmonari e malattie cardiache e cerebrali:

“Il quadro sta ora emergendo, SARS-CoV-2 ha gravi effetti sulla vascolarizzazione in più organi, compresa la vascolarizzazione cerebrale … In una serie di articoli, Yuichiro Suzuki in collaborazione con altri autori ha presentato una forte argomentazione secondo cui la proteina spike da sola può causare una risposta di segnalazione nella vascolarizzazione con conseguenze potenzialmente diffuse.

Questi autori hanno osservato che, nei casi gravi di COVID-19, SARS-CoV-2 provoca cambiamenti morfologici significativi alla vascolarizzazione polmonare … Inoltre, hanno dimostrato che l’esposizione delle cellule muscolari lisce dell’arteria polmonare umana in coltura alla subunità S1 della proteina spike SARS-CoV-2 è sufficiente per promuovere la segnalazione cellulare senza il resto dei componenti del virus.

I documenti di follow-on hanno dimostrato che la subunità S1 della proteina spike sopprime ACE2, causando una condizione simile all’ipertensione arteriosa polmonare (PAH), una grave malattia polmonare con mortalità molto elevata … Gli «studi in vivo» a cui si riferivano … hanno dimostrato che il danno polmonare indotto dal coronavirus SARS era principalmente dovuto all’inibizione di ACE2 da parte della proteina spike SARS-CoV, causando un grande aumento dell’angiotensina-II.

Suzuki et al. (2021) hanno continuato a dimostrare sperimentalmente che il componente S1 del virus SARS-CoV-2, a bassa concentrazione … attivato la via di segnalazione MEK/ERK/MAPK per promuovere la crescita cellulare. Hanno ipotizzato che questi effetti non sarebbero limitati alla vascolarizzazione polmonare.

La cascata di segnalazione innescata nella vascolarizzazione cardiaca causerebbe la malattia coronarica e l’attivazione nel cervello potrebbe portare a ictus. Anche l’ipertensione sistemica sarebbe prevista. Hanno ipotizzato che questa capacità della proteina spike di promuovere l’ipertensione arteriosa polmonare potrebbe predisporre i pazienti che si riprendono da SARS-CoV-2 a sviluppare successivamente insufficienza cardiaca ventricolare destra.

Inoltre, hanno suggerito che un effetto simile potrebbe verificarsi in risposta ai vaccini a mRNA e hanno avvertito delle potenziali conseguenze a lungo termine sia per i bambini che per gli adulti che hanno ricevuto vaccini COVID-19 basati sulla proteina spike.

Un interessante studio di Lei et. (2021) ha scoperto che lo pseudovirus – sfere decorate con la proteina SARS-CoV-2 S1 ma prive di DNA virale nel loro nucleo – ha causato infiammazione e danni sia nelle arterie che nei polmoni dei topi esposti per via intratracheale.

Hanno quindi esposto cellule endoteliali umane sane alle stesse particelle di pseudovirus. Il legame di queste particelle ai recettori ACE2 endoteliali ha portato a danni mitocondriali e frammentazione in quelle cellule endoteliali, portando ai caratteristici cambiamenti patologici nel tessuto associato.

Questo studio chiarisce che la sola proteina spike, non associata al resto del genoma virale, è sufficiente a causare il danno endoteliale associato a COVID-19. Le implicazioni dei vaccini destinati a indurre le cellule a produrre la proteina spike sono chiare e sono un ovvio motivo di preoccupazione”.

I vaccini COVID riattivano virus latenti

Come accennato in precedenza, l’infezione da herpes zoster si sta rivelando un effetto collaterale piuttosto comune del vaccino COVID e, come il danno neurologico, vascolare e cardiaco che stiamo vedendo, è stata prevista anche l’attivazione di infezioni virali latenti.

Uno dei motivi per cui le infezioni virali latenti stanno spuntando in risposta ai vaccini è perché questi ultimi disabilitano il percorso dell’interferone di tipo I. Una seconda ragione è perché il sistema immunitario è sovraccarico, perchè sta cercando di affrontare le proteine spike infiammatorie che fluiscono attraverso il corpo. Quindi i virus latenti possono riattivarsi.

Questa non è la fine dei problemi, tuttavia, poiché queste coinfezioni possono peggiorare o accelerare altre condizioni, come la paralisi di Bell, l’encefalomielite mialgica e la sindrome da stanchezza cronica.

I virus dell’herpes, ad esempio, sono stati implicati come fattore scatenante di AIDS e sindrome da stanchezza cronica. Alcune ricerche suggeriscono che queste malattie non compaiono fino a quando i virus di diverse famiglie non si associano e la via dell’interferone di tipo 1 non viene disabilitata.

Alla luce di tutto questo, sembra inevitabile che, a lungo termine, la campagna di vaccinazione di massa COVID si tradurrà in una valanga di malattie croniche debilitanti.

Source

Iscriviti alla nostra newsletter

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


eVenti Avversi

Read Previous

Almeno 43 studenti contagiati in due alloggi universitari di Milano con l’obbligo di green pass. Ennesimi focolai di vaccinati

Read Next

Óscar Esteban Granados, tra i più famosi giocatori del Costarica, si ritira per problemi cardiaci

Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro

Ads Blocker Rilevato

Abbiamo rilevato che utilizzi adblock. Per proseguire la navigazione, per favore, disabilitalo sul nostro sito. Ci aiuta a mantenere i costi del servizio.

Powered By
Best Wordpress Adblock Detecting Plugin | CHP Adblock