• Febbraio 26, 2024

Il COVID non è una “pandemia di non vaccinati” come sostengono i politici

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


Le persone vaccinate possono essere responsabili della diffusione del COVID proprio come lo sono i non vaccinati. 

In Massachusetts, ad esempio, un totale di 469 nuovi casi di COVID sono apparsi durante una serie di eventi pubblici nel luglio del 2021 e il 74% di questi casi si è verificato in coloro che erano completamente o parzialmente vaccinati.

Valori di soglia a basso ciclo (CT) sono stati utilizzati in questo caso durante il test PCR, che fornisce una rappresentazione più accurata della carica virale presente all’interno degli individui.

In Israele, un focolaio di COVID-19 che ha coinvolto 16 operatori sanitari, 23 pazienti esposti e due familiari è stato causato da un paziente completamente vaccinato. Di tutti gli individui esposti, il tasso di vaccinazione era del 96,2%. Due pazienti non vaccinati hanno sviluppato una malattia lieve, mentre quattordici pazienti completamente vaccinati si sono ammalati gravemente o sono morti.

12 nuovi casi sono stati recentemente rilevati in una squadra di calcio professionistica in Germania. Dieci dei dodici giocatori sono stati vaccinati, la maggior parte di loro completamente vaccinati. Un giocatore non era vaccinato. La discussione pubblica è stata condotta in modo tale che il giocatore non vaccinato fosse sospettato come fonte della diffusione virale, ma si è scoperto che aveva la carica virale più bassa di tutti i giocatori. Ciò suggerisce che i giocatori vaccinati avevano molte più probabilità di essere la fonte dell’epidemia.

Fin dal lancio dei vaccini COVID, le persone non vaccinate sono state incolpate per il persistere della pandemia.

Ad esempio, il ministro della salute tedesco Jens Spahn ha dichiarato nell’agosto del 2021 che attualmente stanno assistendo a una “pandemia di non vaccinati”. Ha dichiarato che fino al 95% dei pazienti COVID nelle unità di terapia intensiva (ICU) non sono vaccinati. Nel luglio del 2021, il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha dichiarato: “L’unica pandemia che abbiamo è tra i non vaccinati”.

Queste sono più simili a dichiarazioni politiche piuttosto che a dichiarazioni basate sulla scienza.

La percezione che i non vaccinati siano responsabili della continuazione della pandemia è stata costantemente irradiata alle masse attraverso i media mainstream. Sebbene i pazienti completamente vaccinati stiano finendo in terapia intensiva.

Secondo Dr. Günter Kampf, consulente epidemiologo ospedaliero e professore associato di igiene e medicina ambientale presso l’Università di Medicina Greifswald, Germania:

Il Dizionario di Epidemiologia dell’Associazione Internazionale di Epidemiologia definisce una pandemia come “un’epidemia che si verifica in tutto il mondo, o su un’area molto ampia, attraversando i confini internazionali e di solito colpendo un gran numero di persone. La definizione non è mai stata limitata a una parte specifica della popolazione come i non vaccinati, gli anziani o gli obesi. Il termine “pandemia dei non vaccinati” non è quindi un termine epidemiologico o scientifico ma piuttosto politico.

Dott. Günter Kampf

La linea di fondo è che la vaccinazione offre solo una protezione parziale, non una protezione completa. Questo è noto da quando i vaccini COVID sono passati attraverso studi clinici di fase tre e molti focolai verificatisi lo dimostrano chiaramente. I vaccini proteggono dal COVID grave e dalla morte per COVID, ma le persone vaccinate possono ancora trasmettere il virus.

Ciò solleva la domanda, per qualcuno con un tasso di sopravvivenza del 99,997%, come i bambini per esempio:

Quanta protezione dalla morte e dal ricovero in ospedale può davvero fornire il vaccino?

I dati suggeriscono una lieve riduzione del ricovero in ospedale a questa età, ma le dimensioni del campione sono molto piccole dato che pochissimi bambini cotraggono casi gravi di COVID.

Altri dati mostrano che se infettati da COVID-19, i bambini di età compresa tra 0 e 9 anni hanno in media una probabilità dello 0,1% o 1/1000 di essere ricoverati in ospedale e, per le età 11-19, una probabilità dello 0,2% o 1/500. Questo si basa sui dati di sieroprevalenza di otto località in tutto il mondo: Inghilterra; Francia; Irlanda; Paesi Bassi; Spagna; Atlanta, Stati Uniti; New York, Stati Uniti; Ginevra, Svizzera. Il tasso di mortalità dell’infezione per i bambini di 0-9 anni è stimato in meno di 1 su 200.000 (meno di 5 su 1 milione) e 1 su 55.000 per i 10-19 anni.

L’American Academy of Pediatrics ha confermato che mentre la variante Delta sta infettando più bambini, non sta causando un aumento della gravità della malattia. Hanno inoltre scoperto che lo 0,1-1,9% dei casi di COVID-19 infantile ha provocato ricoveri ospedalieri e lo 0,00-0,03% di tutti i casi di covid-19 infantile ha provocato la morte.

Possiamo anche chiederci, perché i dati scientifici sull’immunità naturale sono stati completamente ignorati durante questa pandemia? Un nuovo studio del CDC ha rilevato che 28 volte più pazienti completamente vaccinati sono finiti negli ospedali rispetto ai pazienti precedentemente infetti non vaccinati da giugno a settembre.

Le persone in ospedale sono sane o hanno comorbilità?

All’inizio della pandemia, il 94% dei decessi COVID negli Stati Uniti si sono verificati in persone con condizioni di salute precarie.

Da quando si è verificata questa epidemia, è stato ormai stabilito nella letteratura scientifica che gli individui infetti da COVID completamente vaccinati possono portare la stessa carica virale degli individui non vaccinati da COVID.

Dati recenti mostrano che nei nuovi casi di COVID in varie contee degli Stati Uniti con diversi livelli di vaccinazione, non esiste una relazione discernibile tra la percentuale di popolazione completamente vaccinata e i nuovi casi di COVID.

Ci sono molti esempi, e sta diventando un evento comune.

Delle prime cinque contee che hanno la più alta percentuale di popolazione completamente vaccinata (99,9-84,3%), i Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC) identificano quattro di esse come contee a trasmissione “alta” (17).

La più grande valutazione delle infezioni rivoluzionarie fino ad oggi proviene dagli Stati Uniti. Lì, un totale di 10.262 casi di Covid-19 sono stati segnalati in individui vaccinati entro il 30 aprile 2021, di cui il 27% era asintomatico, il 10% era ricoverato in ospedale e il 2% è deceduto (12). In Germania, il tasso di Covid-19 sintomatico tra i completamente vaccinati (“infezioni rivoluzionarie”) è riportato settimanalmente dal 21 luglio 2021 ed era del 16,9% in quel momento tra i pazienti di 50 anni e più (13).

Questa percentuale sta aumentando di settimana in settimana ed è stata del 57,0% al 20 Ottobre 2021, fornendo prove chiare della crescente rilevanza dei completamente vaccinati come possibile fonte di trasmissione. Risultati simili sul numero di casi di Covid-19 tra i completamente vaccinati sono stati segnalati dal Regno Unito (14).

Dott. Günter Kampf

Kampf continua poi a ipotizzare che le persone vaccinate possano persino accelerare la diffusione del COVID. Il suo ragionamento parte dall’assunto che gli individui vaccinati diffondono ancora il virus. Poiché si può ancora trasmettere il virus, le persone vaccinate che ora sono autorizzate a godere di diritti e libertà fondamentali come grandi raduni negli stadi sportivi trasmetteranno il virus proprio come farebbero i non vaccinati.

Se il vaccino protegge dai sintomi gravi e dalla morte per COVID, ma consente ancora la trasmissione, come fanno le persone vaccinate a proteggere qualcun altro oltre a se stessi?

“Le persone vaccinate di solito si comportano in modo più rischioso, hanno più contatti, vanno a concerti e feste più spesso. Non sono quasi più testati e non sono messi in quarantena. È una carta bianca per una vita sociale quasi normale. Se si infettano, possono non avere sintomi o solo lievi e quindi non riconoscono la loro infezione o la riconoscono troppo tardi. Di conseguenza, l’onda attesa tra i vaccinati sarebbe difficilmente visibile. C’è da temere che le infezioni in Germania si riversino da lì agli attualmente 3,4 milioni di persone non vaccinate sopra i 60 anni”.

Dott. Günter Kampf

Kampf prosegue poi ipotizzando che la vaccinazione potrebbe essere responsabile dell’emergere di varianti COVID.

Nel mondo dei batteri, il principio di Darwin della sopravvivenza del più adatto è noto. Qualsiasi pressione di selezione causata da antibiotici e biocidi aumenta la tolleranza, risultando infine in una risposta adattativa cellulare che consente alla cellula di sopravvivere in un ambiente piuttosto ostile (23). Se questo principio viene trasferito ai virus, può darsi che i vaccinati con un’immunità parziale per Covid-19 abbiano potuto contribuire allo sviluppo di varianti che possono parzialmente sfuggire alle risposte immunitarie umane (24).

Dato l’emergere di varianti che eludono l’immunità anche prima che i vaccini fossero ampiamente distribuiti, è difficile imputare ai vaccini o alle strategie di distribuzione dei vaccini la colpa dell’evasione immunitaria (24). Ecco perché sembra essere possibile o addirittura probabile che i vaccinati infetti possano essere un pool per le varianti e quindi continuare a contribuire alla pandemia.

Dott. Günter Kampf

Kampf non è il primo a fare questo ragionamento, il virologo francese vincitore del premio Nobel, il professor Luc Montagnier che ha contribuito a scoprire l’HIV ha dichiarato chiaramente che i vaccini COVID stanno creando varianti, non i non vaccinati. Ha anche avvertito dei rischi di cercare di vaccinare tutti durante una pandemia, poiché si rischia secondariamente di causare danni perpetuando il potenziamento dipendente dagli anticorpi .

Considerati i dati passati su più vaccini SARS-CoV-1 e MERS-CoV che hanno fallito a causa dell’ADE in modelli animali (7581), è ragionevole ipotizzare un rischio ADE simile per gli anticorpi e i vaccini SARS-CoV-2.

Due diversi rischi di potenziamento anticorpo-dipendente (ADE) per gli anticorpi SARS-CoV-2. Frontiere in immunologia.

Il Dr. Geert Vanden Bossche, un esperto di vaccini che ha una vastissima esperienza nel settore, precedentemente nella Global Alliance for Vaccines and Immunization (GAVI) di Bill e Melinda Gates a Ginevra come Senior Ebola Program Manager, ha condiviso la sua convinzione, ossia che il vaccino COVID-19 possa creare più varianti del virus e un aumento dei casi.

Eric T. Payne, MD, MPH, FRCP (C), Pediatric Neurocritical Care & Epilepsy, Alberta Children’s Hospital Assistant Professor of Pediatrics & Neurology, l’Università di Calgary spiega,

Coloro che hanno ricevuto un vaccino COVID-19 presumibilmente hanno generato anticorpi che rileveranno questa proteina di SARS-CoV-2 se dovesse entrare nel loro corpo. Mentre quelli precedentemente infettati da SARS-CoV-2 hanno anticorpi contro la proteina S e altre parti del virus, incluso il nucleocapside (16). Se il virus vuole replicarsi in questi individui, deve mutare per sfuggire alla distruzione. Tuttavia, coloro che non hanno ricevuto un vaccino COVID-19 e non sono stati infettati da SARS-CoV-2 presumibilmente mancano di questi anticorpi e quindi il virus non ha bisogno di mutare per entrare nelle cellule ospiti e replicarsi.

Con la diffusione massiva dei vaccini COVID-19 durante la pandemia, stiamo ponendo un’enorme pressione evolutiva a SARS-CoV-2 per continuare a mutare per eludere il nostro sistema immunitario, entrare nelle cellule, replicarsi e causare malattie. E ora stiamo usando vaccini molto “permeabili”, rendendo l’evasione virale dai nostri anticorpi molto più facile. Solo la vestibilità sopravviverà. Si consideri la ragionevole analogia della resistenza agli antibiotici: essa è guidata dall’uso diffuso e inappropriato di antibiotici, non dalle persone che evitano gli antibiotici (18).

Un gruppo di esperti internazionali ha recentemente dichiarato sul New England Journal of Medicine, “varianti virali preoccupanti possono emergere con una pericolosa resistenza all’immunità generata dagli attuali vaccini”. Tra le loro raccomandazioni c’erano: “evitare l’uso di trattamenti con benefici incerti che potrebbero guidare l’evoluzione delle varianti; e prendere in considerazione strategie di vaccinazione mirate per ridurre la trasmissione della comunità”.

Legge sull’obbligo per il vaccino mRNA per i medici dell’Alberta

Considerando tutto ciò, non sembra ragionevole riferirsi alla pandemia come a quella innescata dai non vaccinati.

C’è una lunga storia di epidemie in popolazioni completamente vaccinate, lo abbiamo visto con il morbillo, la pertosse ad esempio, quindi non è per nulla sorprendente che stia accadendo anche con COVID.

fonte

Iscriviti alla nostra newsletter

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


eVenti Avversi

Read Previous

Obbligo vaccinale, Costa: “Pronti a considerarlo per alcune categorie”

Read Next

Solo un terzo dei pazienti affetti da tumori ematologici aveva anticorpi contro la variante Delta dopo 2 dosi di vaccino STUDIO

Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro

Ads Blocker Rilevato

Abbiamo rilevato che utilizzi adblock. Per proseguire la navigazione, per favore, disabilitalo sul nostro sito. Ci aiuta a mantenere i costi del servizio.

Powered By
100% Free SEO Tools - Tool Kits PRO