• Giugno 28, 2022

Il sito ResearchGate fa sparire lo studio su 300mila non vaccinati. Perché? Sintomi lievi e bassissima ospedalizzazione

Un’indagine su 300.000 persone che non hanno ricevuto il vaccino contro il COVID-19 ha rivelato che i non vaccinati non hanno rappresentato un onere sproporzionato per i sistemi sanitari, anzi, hanno sperimentato tassi molto bassi di ospedalizzazione e grave COVID-19.

Ci sono stati pochissimi studi che hanno esaminato coloro che hanno scelto di fare affidamento sull’immunità naturale e sui prodotti naturali, rispetto a coloro che hanno acconsentito ai vaccini genetici COVID-19, e di come abbiano puntato sul rafforzamento del proprio sistema immunitario.

I pochi che sono stati eseguiti, spesso hanno mescolato vaccinati con non vaccinati, come mostrato nel caso dei dati del Regno Unito dal professor Norman Fenton e dal suo gruppo alla Queen Mary, Università di Londra.

Ciò non ha nulla a che vedere col progetto International Control Group, noto anche come Vax Control Group.

ll progetto guidato dai cittadini è stato avviato da una cooperativa di Eastbourne (Regno Unito), la Control Group Cooperative , e ha avuto più di 300.000 partecipanti.

Rob Verkerk Ph.D. di Alliance for Natural Health ha guidato un team, tra cui la dott.ssa Naseeba Kathrada (medico generico, Sud Africa, Caring Healthcare Workers Coalition), Christof Plothe DO (medico integrativo e osteopatico, Germania) e la dott.ssa Kat Lindley (medico di famiglia, USA) , che ha raccolto, analizzato e interpretato i dati dei primi cinque mesi di indagine dei partecipanti al “gruppo di controllo”.

I dati del sondaggio offrono importanti rivelazioni.

I dati di questi primi cinque mesi dell’indagine del gruppo di controllo sono stati analizzati e interpretati da un team internazionale indipendente guidato da Robert Verkerk Ph.D. , uno scienziato multidisciplinare e fondatore, direttore esecutivo e scientifico dell’organizzazione no-profit Alliance for Natural Health International.

Proprio questo team oggi avverte della rimozione dello studio preprint dal sito ResearchGate:

Oggi (17 giugno) verso mezzogiorno, ora del Regno Unito, ho ricevuto una lettera da ResearchGate che mi informava che l’esito del sondaggio era stato rimosso dal suo sito web. Sembra che ci sia un diverso corso d’azione quando la scienza non supporta la narrativa tradizionale. Ancora un altro promemoria di come funziona la censura nel mondo post-covid quando i risultati della ricerca sfidano la narrativa“.

Perché ResearchGate ha ritirato il preprint?

ResearchGate ha affermato che l’articolo ha violato i suoi Termini e condizioni.La comunicazione è stata inviata da un individuo identificato come “Sam” e i sentimenti chiave sono riportati nel seguente estratto:

“In relazione all’utilizzo o all’accesso al Servizio, non dovete … Agire in modo non professionale o inappropriato, anche pubblicando messaggi in modo ampio, vago, irrilevante , contenuti non mirati, fuori tema o non scientifici, contenuti potenzialmente dannosi o potenzialmente pericolosi o abusando del Servizio e delle sue funzionalità. Come indicato nei nostri Termini di servizio, ResearchGate si riserva il diritto di rimuovere qualsiasi contenuto pubblicato dall’utente quando lo riteniamo necessario o appropriato, anche se determiniamo che il contenuto potrebbe esporci a danni, potenziali responsabilità legali o violare dei nostri Termini”.

Senza dubbio, il fatto che l’articolo di ResearchGate stesse ricevendo una notevole diffusione in un’ampia gamma di media, inclusi il Daily Mail e MSN del Regno Unito, Children’s Health Defense , Technocracy News e molti altri media, ha avuto il suo peso.

Un altro probabile fattore che ha innescato la censura è stato che ResearchGate ha assistito a un grande picco di visualizzazioni, circa 20.000 in poco tempo.

Quindi cosa non vogliono che tu sappia?

Il sondaggio include riepiloghi dei dati provenienti da dati auto-riferiti raccolti in modo indipendente tra settembre 2021 e febbraio 2022 da una popolazione internazionale, auto-selezionata, non vaccinata COVID-19, tramite una cooperativa con sede nel Regno Unito, ovvero la Control Group Cooperative. I riepiloghi sono derivati ​​da una coorte di 18.497 partecipanti che hanno fornito dati ogni mese consecutivo, le percentuali maggiori sono provenienti da Europa, Nord America e Australasia.

  • La coorte era composta per il 60% da donne con una struttura di età sbilanciata verso la fascia di età 40-69 anni.
  • Le ragioni principali addotte per evitare i vaccini COVID-19 sono state segnalate come preferenza per gli interventi di medicina naturale, sfiducia negli interventi farmaceutici, sfiducia nelle informazioni del governo, dati scarsi/limitati degli studi sperimentali e paura di reazioni avverse a lungo termine.
  • Gli intervistati di età compresa tra 20 e 49 anni hanno riportato la maggiore incidenza di malattia COVID-19 (10-12%), con un picco nel gennaio 2022. Quelli di età superiore ai 70 anni hanno riportato l’incidenza più bassa (4,0% femmine, 3,7% maschi).
  • Solo lo 0,4% della coorte ha riportato il ricovero (in regime di ricovero o ambulatorio).
  • Circa il 64% della coorte ha riferito di aver assunto vitamina D, vitamina C, zinco o quercetina, o qualsiasi combinazione, di routine per la prevenzione, con il 71% di vitamina D, C e zinco autosomministrati per il trattamento della malattia COVID-19, sebbene l’autosomministrazione ridotto drasticamente tra i ricoverati.
  • Stanchezza, tosse, dolori muscolari/corporei e febbre sono stati i quattro sintomi più comuni di COVID-19 riportati, la fascia di età da 50 a 69 anni che ha riportato la malattia più sintomatica.
  • Circa il 40% della coorte ha riportato problemi di salute mentale da lievi a moderati. Anomalie mestruali sotto forma di ciclo irregolare sono state segnalate dal 36% delle donne nella fascia di età 20-49 anni.
  • Le perdite di posti di lavoro segnalate sono state maggiori in Australia e Nuova Zelanda con il 29% dei partecipanti, seguite dal 13% in Nord America. Tra il 20% e il 50% degli intervistati, a seconda della regione, ha riferito di essere oggetto di odio personale a causa del proprio stato di vaccinazione contro il COVID-19.
  • Tra il 57% e il 61% degli intervistati nell’Europa meridionale e occidentale, Australia/Nuova Zelanda e Sud America, ha riferito di essere bersaglio di vittimizzazione di stato/paese.
  • Tra il 57% e il 61% degli intervistati nell’Europa meridionale e occidentale, Australia/Nuova Zelanda e Sud America, ha riferito di essere bersaglio di vittimizzazione di stato/paese.

Essendo basati su dati auto-riferiti da un campione auto-selezionato di persone attente alla salute, i risultati presentano limitazioni in termini di applicazione a popolazioni più ampie e dovrebbero essere interpretati con cautela.

I risultati suggeriscono tuttavia l’urgente necessità di studi osservazionali prospettici, inclusi soggetti non vaccinati, parzialmente vaccinati e completamente vaccinati, che indaghino sugli esiti a lungo termine, sui comportamenti, sulle scelte e sulle risposte attitudinali o discriminatorie allo stato vaccinale.

Source

eVenti Avversi

Read Previous

The Lancet sulla trasmissione “asintomatica” del vaiolo delle scimmie. Si riparte…

Read Next

Boom di malori per escursionisti e alpinisti stremati in parete. Il caldo estivo dicono…