• Ottobre 6, 2022

Immunosoppressione innata da vaccinazioni a mRNA SARS-CoV-2: il ruolo di G-quadruplex, esosomi e microRNA

“I vaccini mRNA SARS-CoV-2 sono stati immessi sul mercato in risposta alle crisi di salute pubblica ampiamente percepite di Covid-19.

L’utilizzo dei vaccini a mRNA nel contesto delle malattie infettive non aveva precedenti, ma i tempi disperati sembravano richiedere misure disperate.

I vaccini a mRNA utilizzano mRNA geneticamente modificato che codifica per proteine spike. Queste alterazioni nascondono l’mRNA dalle difese cellulari, promuovono un’emivita biologica più lunga per le proteine e provocano una maggiore produzione complessiva di proteine spike.

Tuttavia, sia le prove sperimentali che quelle osservazionali rivelano una risposta immunitaria molto diversa ai vaccini rispetto alla risposta all’infezione da SARS-CoV-2.

Come mostreremo, le modificazioni genetiche introdotte dal vaccino sono probabilmente la fonte di queste risposte differenziali.

In questo articolo, presentiamo le prove che la vaccinazione, a differenza dell’infezione naturale, induce una profonda compromissione della segnalazione dell’interferone di tipo I, che ha diverse conseguenze negative per la salute umana.

Spieghiamo il meccanismo con cui le cellule immunitarie rilasciano in circolazione grandi quantità di esosomi contenenti proteina spike insieme a microRNA critici che inducono una risposta di segnalazione nelle cellule riceventi in siti distanti. Identifichiamo anche potenziali disturbi profondi nel controllo regolatorio della sintesi proteica e della sorveglianza del cancro.

Questi disturbi hanno dimostrato di avere un legame causale potenzialmente diretto con malattie neurodegenerative, miocardite, trombocitopenia immunitaria, paralisi di Bell, malattie del fegato, ridotta immunità adattativa, aumento della tumorigenesi e danni al DNA.

Mostriamo prove da segnalazioni di eventi avversi nel database VAERS a sostegno della nostra ipotesi. Riteniamo che una valutazione completa del rischio/beneficio dei vaccini a mRNA li escluda come contributori positivi alla salute pubblica, anche nel contesto della pandemia di Covid-19″.

LINK ALLO STUDIO : (PDF) Innate Immune Suppression by SARS-CoV-2 mRNA Vaccinations: The role of G-quadruplexes, exosomes and microRNAs (researchgate.net)

Iscriviti alla nostra newsletter

eVenti Avversi

Read Previous

Le cose importanti da sapere sul Covid-19 oggi, 23 gennaio 2022.

Read Next

La Corea del Sud riporta il secondo conteggio più alto di COVID nonostante restrizioni e l’altissimo tasso di vaccinazione