• Gennaio 27, 2023

La Nuova Zelanda autorizza l’eutanasia per i pazienti COVID

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


I pazienti ricoverati in ospedale con COVID-19 possono morire per eutanasia se i medici ritengono che potrebbero non sopravvivere, ha dichiarato il governo neozelandese.

Il Ministero della Salute ha confermato che il diritto a un’iniezione letale ai sensi di una nuova legge sull’eutanasia potrebbe estendersi ai pazienti che stanno morendo a causa del coronavirus o che soffrono insopportabilmente per le sue conseguenze.

In risposta a una richiesta di chiarezza su una legge sull’eutanasia entrata in vigore il mese scorso, il governo ha dichiarato che “in alcune circostanze una persona con COVID-19 può essere idonea alla morte assistita”.

La decisione di rendere idonei i pazienti COVID per l’iniezione letale è arrivata dopo che Henoch Kloosterboer, editore del sito web anti-eutanasia The Defender, ha presentato una richiesta ai sensi dell’Official Information Act – l’equivalente neozelandese del Freedom of Information Act del 2000.

In Nuova Zelanda la politica ha permesso “abusi” nei confronti di pazienti anziani e vulnerabili, specialmente perchè il servizio sanitario del paese è stato messo sotto pressione dal COVID.

Kloosterboer ha dichiarato: “Non è difficile immaginare una situazione in cui un rapido e considerevole aumento dei ricoveri per COVID-19, possa comportare pressioni per utilizzare l’eutanasia e il suicidio assistito come strumenti per risolvere una crisi così grave”.

La legge sull’eutanasia, ha aggiunto, “ha ora reso la pandemia di COVID-19 potenzialmente ancora più pericolosa per il popolo di Aotearoa in Nuova Zelanda”.

Il End of Life Choice Act del 2019 è considerata una delle leggi sull’eutanasia più estreme in tutto il mondo e i critici affermano che le salvaguardie sono così fragili da essere facilmente aggirabili.

Permette sia l’eutanasia che il suicidio assistito per gli adulti affetti da una malattia considerata terminale entro sei mesi, o per pazienti in uno stato avanzato di declino fisico irreversibile o che soffrano in modo insopportabile.

La legge, ratificata a seguito di un referendum nel 2020, garantisce a tutti i residenti il diritto di accesso a un medico che ponga fine alla loro vita entro soli quattro giorni dal ricevimento della richiesta.

I medici ricevono una pagamento governativo di $ 1.000 più le spese per ogni morte per eutanasia che eseguono.

Solo 96 dei 16.000 medici del paese si sono offerti di partecipare, tuttavia, e tutti tranne uno dei 32 ospizi della nazione hanno indicato che non permetteranno l’eutanasia.

Nel Regno Unito, la baronessa Finlay di Llandaff, professoressa di medicina palliativa, ha affermato che la legge neozelandese sull’eutanasia contraddice lo scopo fondamentale della medicina e dei servizi sanitari per guarire i malati.

Ha detto: “È bizzarro che un paese che ha cercato di proteggere i suoi cittadini blindandoli letteralmente da un virus da cui le persone possono riprendersi completamente … stia ora suggerendo che questi pazienti possano essere uccisi dai loro medici.

“Ribalta l’etica della medicina”, ha affermato.

“Non si può prevedere una morte al 100%”, ha aggiunto. “Allora perché non sostenere i pazienti gravi e lasciare la porta aperta a una guarigione inaspettata?”

Attualmente, la baronessa Meacher sta cercando di legalizzare il suicidio assistito in Inghilterra e Galles attraverso il suo Assisted Dying Bill, che in ottobre ha ricevuto la sua seconda lettura alla Camera dei Lord.

Il collega Crossbench, che presiede il gruppo Dignity in Dying, ha presentato un emendamento al disegno di legge sulla salute e l’assistenza sociale nel tentativo di rendere il suicidio assistito, parte delle cure palliative.

In Scozia, Liam MacArthur, il deputato liberaldemocratico intende introdurre un disegno di legge sul suicidio assistito e i politici di Jersey il mese scorso hanno concordato in linea di principio di legalizzare sia il suicidio assistito che l’eutanasia.

Tuttavia, la stragrande maggioranza dei professionisti delle cure palliative e tutte le 12 organizzazioni per i diritti dei disabili nel Regno Unito si oppongono ferocemente a un cambiamento nella legge.

Sostengono che il suicidio assistito e l’eutanasia siano discriminatori e pericolosi e possano celare abusi, indipendentemente da qualsiasi salvaguardia, ponendo una grave minaccia alla sicurezza dei pazienti e di altre persone vulnerabili.

Il mese scorso, è stato rivelato che Nancy Russell, una donna canadese di 90 anni, ha scelto di morire per suicidio assistito piuttosto che sopportare un altro blocco COVID nella sua casa di cura che l’avrebbe isolata dai suoi amici e familiari.

Source

Iscriviti alla nostra newsletter

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


eVenti Avversi

Read Previous

Da due giorni manifestazioni sui morti da vaccino covid in Corea del Sud. Il riconoscimento dei danni da vaccino nella campagna elettorale dei candidati alle presidenziali di marzo 2022

Read Next

Muore per infarto improvviso il giocatore 23enne Thottiyanda Somanna sabato 25 dicembre durante un torneo di hockey in India

Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro

Ads Blocker Rilevato

Abbiamo rilevato che utilizzi adblock. Per proseguire la navigazione, per favore, disabilitalo sul nostro sito. Ci aiuta a mantenere i costi del servizio.

Powered By
Best Wordpress Adblock Detecting Plugin | CHP Adblock