• Ottobre 6, 2022

Le prove che Omicron è stata creata in laboratorio

di  Will Jones 

Il Dr. Danny Altmann, professore di immunologia all’Imperial College di Londra, ha ammesso che l’emergere della variante altamente immune-evasiva SARS-CoV-2 Omicron è stata una sorpresa per la maggior parte degli esperti del settore. Scrive sul Guardian:

L’assalto di varianti altamente immuno-evasive è stato, per la maggior parte di noi esperti in immunologia e virologia, imprevisto. Saremmo arrivati a pensare che la famiglia dei coronavirus sia un po’ più stabile – meno soggetta a errori in termini di mutazioni – rispetto a molti virus… Omicron e la sottovariante BA.2 sono riusciti a mutare quasi tutti i residui di amminoacidi bersaglio di anticorpi protettivi, sfuggendo alla protezione.

Non menziona la possibilità, ma questa natura inaspettata di Omicron è chiaramente compatibile con l’ipotesi che la variante non sia di origine naturale. All’inizio dell’anno, Noah Carl ha mostrato le prove che la variante potrebbe essere trapelata da un laboratorio. Recentemente mi sono imbattuto nel sito web del biochimico Dr. Valentin Bruttel, che espone le prove di questa origine di laboratorio in dettaglio (è stato tradotto dal tedesco, quindi mi scuso se il testo dovesse contenere alcuni errori linguistici).

La prima prova è la storia evolutiva di Omicron: il suo antenato comune più recente era un ceppo estinto in natura e visto l’ultima volta intorno ad aprile 2020.

Le normali varianti di SARS2 emergono quando alcune mutazioni (da due a sei di quelle nella proteina spike) si accumulano nel virus attualmente circolante. Omicron (linea rossa sotto) è emerso da un virus dell’antenato comune più recente (MRCA) che è stato visto l’ultima volta intorno ad aprile 2020 e ha accumulato più di 25 nuove mutazioni spike in completo isolamento. Ciò significa che Omicron si stava evolvendo a una velocità mai vista prima (3,3 volte più veloce) e senza infettare gli altri.

La seconda prova è l’elevatissimo numero di mutazioni sequenziali non sinonimi (mutazioni che alterano la sequenza aminoacidica) che Omicron ha accumulato.

Molte mutazioni non sinonimi di Omicron riducono la forma virale. E nella proteina spike Omicron pre-epidemia, ci sono 26 mutazioni non sinonimi di fila, senza una singola mutazione sinonimo in mezzo. Questo tipo di mutazioni non si erano mai viste prima nei coronavirus naturali simili alla SARS, ma alcune volte solo in quelli sintetici.

La terza prova è che quasi tutte le mutazioni non sinonimi di Omicron sono apparse in pubblicazioni scientifiche prima di apparire in Omicron, un evento che è stato calcolato per essere statisticamente impossibile.

Le varianti di SARS2 di solito ereditano alcune mutazioni dal ceppo parentale e poi ne evolvono alcune nuove … Invece di ereditare solo mutazioni parentali, Omicron ha “copiato” quasi tutte le sue mutazioni spike da altre varianti (molte delle quali apparse dopo il suo antenato comune più recente) o da pubblicazioni scientifiche. È un po’ come ereditare direttamente i geni non solo da tuo padre, ma anche da sei cugini più giovani e cinque compagni di classe che hai incontrato per la prima volta quando avevi sette anni. Quasi tutte le mutazioni non sinonimi di Omicron erano già note circa sei mesi prima che Omicron emergesse. Quelle non provenienti da varianti erano per lo più note per conferire resistenza ai vaccini o da pubblicazioni associate al vaccino.

La quarta prova è che sappiamo che le varianti simili a omicron sono state create dagli scienziati – e in effetti il più recente virus antenato comune di Omicron, sebbene estinto in natura per oltre un anno, era stato immagazzinato e coltivato a Durban, in Sud Africa, non lontano da dove Omicron è stato avvistato per la prima volta.

Sappiamo che le perdite di laboratorio note pubblicamente si verificano circa due volte l’anno. Sappiamo anche che gli scienziati hanno prodotto selettivamente virus SARS2 resistenti ai vaccini in laboratorio coltivandoli con sieri diluiti da donatori vaccinati. Altri hanno prodotto “greatest hits” proteine spike sintetiche polimutanti SARS2 che contengono 20 mutazioni non sinonimi note per consentire la fuga del vaccino o da altre varianti. Quest’ultimo esperimento è stato fatto in un laboratorio con uno pseudovirus, ma questi possono anche sfuggire e la loro proteina spike può quindi essere copiata in SARS2 da un processo chiamato template switching. Sappiamo anche che il laboratorio partner di questo laboratorio a Durban ha raccolto, congelato e successivamente coltivato esattamente la variante SARS2 che non circola più e da cui Omicron si è evoluta. E ha fatto esperimenti di coltivazione del virus da plasma convalescente. Una tale perdita di laboratorio spiegherebbe il virus estinto più recente degli antenati comuni, l'”evoluzione” isolata e l’inclusione precisa di sole mutazioni spike non sinonimi pubblicate.

La quinta prova è che le aziende farmaceutiche stavano cercando di creare un vaccino pan-coronavirus basato su una proteina spike come quella di Omicron che incorporava molte mutazioni chiave da varianti circolanti. Uno di questi vaccini è stato testato in pazienti affetti da HIV in Africa meridionale, dove Omicron è stato individuato per la prima volta.

A mio parere le prove sono convincenti, anche se ammetto di non aver visto le controargomentazioni esposte. Rafforza il fatto che questo tipo di ricerca sia pericoloso ed è probabile che crei più danni che benefici. Alcuni potrebbero dire che Omicron ha portato benefici nell’essere una variante più mite che ha dato la possibilità a molti paesi di riaprire, ma il fatto è che non sappiamo cosa sarebbe successo se non fosse apparsa. L’ondata di Delta in un certo numero di paesi sembrava essere in declino prima che Omicron si presentasse (vedi sotto), nonostante fosse dicembre quando i virus respiratori normalmente decollano – anche se è giusto dire che non sappiamo quale altra variante sarebbe potuta apparire in assenza di Omicron.

Non è ora di porre fine alla pericolosa ricerca?

eVenti Avversi

Read Previous

Decreti Covid incostituzionali – Le 5 ordinanze che saranno esaminate dalla Corte Costituzionale mercoledì 6 aprile

Read Next

Paralisi da vaccino. Danno riconosciuto dalla Corte di Appello di Caltanissetta