• Marzo 4, 2024

L’UE compie il primo passo verso un “sistema sociale di crediti di CO2”

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


di Thomas Oysmüller

Nel fine settimana gli Stati dell’UE hanno deciso la riforma dello scambio di emissioni di CO2. Questo riguarda tutti i cittadini: la vita diventerà più costosa. Ma non solo: è un grande passo verso il sistema di credito sociale dell’UE.

Molti sospettano che il “sistema di credito sociale” cinese servirà da modello. Sono previsti punti (detrazioni) per i comportamenti corrispondenti. Quindi ci sono effettivamente delle somiglianze. Tuttavia, non si tratta di comportamenti, ma di salvare il clima e il mondo. Come? Producendo meno CO2. Il primo passo è stato fatto per il sistema di crediti sociali di carbonio dell’UE. Gli Stati dell’UE si sono accordati su questo punto nel fine settimana.

I produttori pagano

Entro il 2030, le emissioni di CO2 dovranno essere ridotte del 55% (rispetto al 1990). Ciò sarà possibile se in futuro ogni cittadino dell’UE pagherà per la propria produzione di CO2. Il nuovo sistema di scambio di quote di emissione dell’UE è il “fulcro della politica climatica europea”, scrive il Parlamento europeo.

Segue il principio del “chi inquina paga”: il produttore o “inquinatore” paga. Ciò è possibile grazie alla fissazione di un prezzo per le emissioni di gas serra. Il nuovo sistema, quello vecchio è in vigore dal 2005, includerà non solo la CO2 ma anche il metano e il protossido di azoto.

L’industria avrebbe così “un incentivo a ridurre le proprie emissioni e a investire in tecnologie rispettose del clima”. Il ministro dell’Economia tedesco Robert Habeck parla di una “svolta storica per la protezione del clima”. Per le famiglie, tuttavia, gli “oneri aggiuntivi” devono essere limitati.

Quando le cose si faranno davvero serie? Nel 2027.

Allora tutti dovranno pagare un prezzo di CO2 sul carburante, sul gas naturale o sul gasolio da riscaldamento. Il limite massimo sarà fissato al 2030.

Nella stampa olandese è possibile leggere ulteriori informazioni su ciò che questo significa. Gli stati “NOS“:

“In futuro, gli abitanti dell’Unione Europea dovranno pagare per i gas serra che emettono. Ciò significa che ogni volta che fate il pieno di benzina alla vostra auto o accendete il riscaldamento, dovrete pagare per le sostanze inquinanti rilasciate.

Chiunque isoli adeguatamente la propria casa, acquisti una pompa di calore o passi a un’auto elettrica può ricevere sussidi da un fondo speciale. Ci saranno anche soldi per chi potrà spendere meno, anche a causa dell’inflazione. In questo fondo sono disponibili oltre 86 miliardi di euro”.

Credito di CO2

Chi si comporta come vuole Bruxelles può aspettarsi di ricevere un risarcimento. Chi continua a inquinare dovrà pagare di più in futuro.

Il sistema di credito sociale dell’UE sta prendendo forma.

Inoltre, presto saranno avviati progetti pilota corrispondenti in diverse città, per esempio a Vienna.

La città di Vienna sta lavorando a un sistema di ricompensa per i suoi cittadini. Chi risparmia CO2 sarà presto in grado di raccogliere “Vienna Tokens” e scambiarli con biglietti. Il progetto è ancora agli inizi, ma è sancito nel programma di governo del governo della città SPÖ-NEOS. L’attenzione si concentra sulla mobilità dell’individuo: l’app rileva automaticamente se gli spostamenti vengono effettuati a piedi, in bicicletta o con i mezzi pubblici.

Successivamente, vengono calcolati i risparmi di CO2 rispetto a un viaggio in auto. Un token rappresenta circa 20 chilogrammi di risparmio di CO2. Se vuoi riscattare i tuoi token, vengono scambiati con un codice QR, con il quale ottieni l’ingresso gratuito (o più economico) agli eventi. Il “token culturale” fa parte del programma governativo della città di Vienna. Dopo la fase pilota, che ora è stata posticipata all’autunno (inizialmente 1.000 viennesi stanno testando l’app), sarà “disponibile online” per tutta la popolazione viennese.

Dovrebbe essere chiaro il motivo per cui banche, compagnie aeree e altri hanno già iniziato a creare tracker di CO2 – Ne abbiamo parlato qui:

Mentre si cerca di mantenere l’industria in Europa con una costruzione tutt’altro che sicura, il salvataggio del mondo europeo potrebbe colpire i cittadini con forza.

La giornalista olandese Eva Vlaardingerbroek, che appare su Tucker Carlson e altri, ha scritto domenica: “L’Unione Europea ha appena lanciato la prima fase di uno schema di crediti di carbonio personali“.

Iscriviti alla nostra newsletter

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


eVenti Avversi

Read Previous

Ricovero per “episodio cardiocircolatorio” del sindaco di centrosinistra

Read Next

Grave lutto per l’ex giocatore di Torino e Samp. Muore a 15 anni il figlio Federico

Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro

Ads Blocker Rilevato

Abbiamo rilevato che utilizzi adblock. Per proseguire la navigazione, per favore, disabilitalo sul nostro sito. Ci aiuta a mantenere i costi del servizio.

Powered By
Best Wordpress Adblock Detecting Plugin | CHP Adblock