• Febbraio 27, 2024

L’ultimo annuncio dei medici: “aumenteranno i problemi cardiaci nelle prossime settimane e sappiamo il motivo!”

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


Un altro annuncio dei cardiologi sull’aumento di patologie cardiache. Dopo aver dichiarato che l’aumento per i giovani era legato ai videogiochi (leggi nostro articolo “Aumento di miocarditi giovanili. Spunta un nuovo studio: “è colpa dei videogames!”) , ora prevedono un ulteriore aumento nelle prossime settimane.

Secondo un gruppo di medici argentini, gli effetti fisici e psicologici derivati ​​dalla passione per il calcio, come l’aumento della pressione sanguigna e del battito cardiaco, e l’“elevato stress e nervosismo” vissuti dai tifosi durante le partite, contribuiscono alla comparsa di “complicazioni cardiovascolari”, per cui gli specialisti hanno consigliato di prestare “attenzione agli eccessi” e “attenzione ai segnali di pericolo”, a due settimane dal Mondiale in Qatar, che inizierà il 20 novembre.

Gustavo Alcalá, membro della Federazione Argentina di Cardiologia (FAC), ha assicurato che le aspettative che la Coppa del Mondo FIFA suscita per gli stessi tifosi di calcio e per coloro che non lo sono tanto non li tengono al riparo dalle conseguenze che questi carichi emozionali possono avere in termini di salute.

“L’aumento della pressione sanguigna e della frequenza cardiaca, il rilascio di adrenalina dovuto all’ansia e all’ostilità, più l’alterazione in occasione delle ore di riposo e di sonno”, ha elencato lo specialista a proposito dei sintomi più comuni in tempi di Coppa del Mondo, che insieme possono contribuire a complicazioni cardiovascolari quali aritmie, infarti del miocardio e emorragie cerebrovascolari.

Il calcio, uno degli sport più popolari al mondo, è tra quelli che ha generato più ricerche sulla sua relazione con la salute cardiovascolare di giocatori e spettatori.

“Uno di questi è stato realizzato durante l’eliminazione dell’Inghilterra per mano dell’Argentina in Francia 1998, dopo i tempi supplementari e rigori (il portiere argentino Carlos Roa ne ha parati due)”, ha spiegato Alcalá.

Quel giorno e nelle successive 48 ore “gli infarti del miocardio sono aumentati in Inghilterra del 25% rispetto allo stesso periodo di anni senza una Coppa del Mondo di calcio”, ha detto.

Il cardiologo ha affermato che i ricercatori delle università di Bristol e Birmingham (Regno Unito) hanno analizzato attentamente i dati nel 2002 (Mondiali di Corea del Sud e Giappone), ma il risultato è stato che “lo stesso aumento non è avvenuto nelle altre partite giocate dalla nazionale inglese in quella competizione”.

“Anche la scienza è devota e l’incidenza sul Brasile non è stata valutata quando ha giocato in casa e ha perso 1-7 contro la Germania nelle semifinali del 2014”, ha scherzato Alcalá intervistato dalla testata argentina Télam.

Tuttavia, è stato pubblicato l’aumento degli attacchi di cuore in Brasile durante i Mondiali del 1998, 2002, 2006 e 2010, che ha mostrato “il 9% in più durante i tornei e il 16% in più nei giorni in cui ha giocato la Nazionale”.

Una scoperta in Spagna è stata quella di mostrare che nei giorni delle partite durante il campionato locale “il rispetto dei farmaci antidiabetici, dei farmaci per la pressione sanguigna e del colesterolo è diminuito in modo significativo, secondo una ricerca pubblicata quest’anno”, ha affermato lo specialista.

Nei casi in cui l’eccitazione calcistica possa scatenare qualche complicazione di salute, si raccomanda di prestare attenzione ai principali segnali di allarme che richiedono un consulto immediato, come dolore al petto, alla mascella o alle braccia; insolita mancanza di respiro e difficoltà a parlare o comprendere ciò che gli altri stanno dicendo.

A questo elenco si aggiungono la paralisi o l’intorpidimento di un braccio o una gamba, insieme a mal di testa improvvisi e intensi e problemi di equilibrio e coordinazione, ha aggiunto Alcalá.

Poiché la distinzione non è agevole, il cardiologo ha sottolineato l’importanza di “chiedere aiuto all’interno dello stadio” nel dubbio che si siano manifestati sintomi indicativi di un evento cardiovascolare, poiché il tempo di attesa del soccorso “modifica sostanzialmente la prognosi” .

Tra le principali raccomandazioni prima delle partite, ha evidenziato “limitare il consumo di alcol, grassi animali e sigarette, o non fumare”, e verificare se i valori di pressione sanguigna, glicemia e colesterolo “sono sotto controllo”.

“Se il calcio non ti fa bene, non guardarlo, e se il presentatore che sta trasmettendo la partita ti rende nervoso, ascoltalo in silenzio”, il cardiologo ed ex presidente della Fondazione Cardiologica Argentina, Jorge Tartaglione, ha detto a Télam che ha anche raccomandato a chi assume farmaci di non smettere di farlo e di essere “più preciso” che mai.

“Idealmente, i malati di cuore dovrebbero stare più attenti all’eccessiva indulgenza rispetto al resto di noi”, ha aggiunto.
Un altro punto da tenere in considerazione sono le numerose partite del torneo. “In questi casi, è consigliabile non mangiare un super barbecue e non rimanere senza dormire a guardare la partita alle 7 del mattino”, ha detto.

In relazione agli effetti mentali della febbre calcistica, lo psicologo Diego Quindimil ha spiegato a Télam che uno dei motivi per cui ci sono così tante aspettative è che “molti di noi a cui piace il calcio vedono nei giocatori il proprio io ideale” e significa che “queste sono persone che stanno realizzando il sogno che avremmo voluto realizzare, indossando la maglia argentina”.

Passione “ha la stessa radice della parola sofferenza” e quindi “è un’arma a doppio taglio”, ha detto Quindimil, per il quale quella sensazione messa all’eccesso in una partita di calcio “può causare una situazione di forte stress, grande ansia, nervosismo, angoscia anche marcata se il risultato non è quello che ci aspettavamo”.

“Questo genera uno stato di tensione che, in caso di vittoria della festa, può trasformarsi anche in un traboccamento di gioia; ma la stessa cosa accade se il risultato è negativo, possono esserci grande tristezza e grande frustrazione, che si ripercuotono l’umore sociale di tutti i giorni e anche nella salute mentale”, ha continuato.

Per affrontare queste situazioni, Quindimil ha ripreso una frase dell’ex calciatore e allenatore italiano Arrigo Sacchi, che diceva che “il calcio è la cosa più importante delle meno importanti”.

“Credo che il calcio sia bello, che il Mondiale sia una festa, che siamo molto appassionati del calcio e di tutto ciò che lo circonda, ma dobbiamo dargli l’importanza che merita perché la vita ha altre gioie e altre sofferenze”, ha concluso lo psicologo.

FONTE

Iscriviti alla nostra newsletter

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


eVenti Avversi

Read Previous

Malore improvviso e corsa in ospedale per la famosa influencer e sorella del calciatore

Read Next

Medico alla guida colpito da infarto va a sbattere contro una colonnina del gas e muore

Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro

Ads Blocker Rilevato

Abbiamo rilevato che utilizzi adblock. Per proseguire la navigazione, per favore, disabilitalo sul nostro sito. Ci aiuta a mantenere i costi del servizio.

Powered By
Best Wordpress Adblock Detecting Plugin | CHP Adblock