• Giugno 26, 2022

Nature- più casi di miocardite dopo la seconda dose di vaccini mRNA rispetto all’infezione da COVID-19 nei minori di 40 anni

Rischi di miocardite, pericardite e aritmie cardiache associate alla vaccinazione COVID-19 o all’infezione da SARS-CoV-2

“Questo è il più grande studio fino ad oggi sugli esiti cardiaci acuti dopo la vaccinazione o l’infezione da SARS-CoV-2, il primo a confrontare il rischio di eventi cardiaci tra diversi prodotti vaccinali e l’infezione da SARS-CoV2 e il primo a indagare l’associazione tra eventi cardiaci e il vaccino ChAdOx1

I nostri risultati sono rilevanti per il pubblico, i medici e i responsabili politici.

In primo luogo, c’è stato un aumento del rischio di miocardite entro una settimana dalla ricezione della prima dose di entrambi i vaccini contro adenovirus e mRNA e un aumento del rischio più elevato dopo la seconda dose di entrambi i vaccini a mRNA. Al contrario, non abbiamo trovato prove di un aumento del rischio di pericardite o aritmie cardiache dopo la vaccinazione, tranne che negli 1-28 giorni successivi a una seconda dose del vaccino mRNA-1273. In secondo luogo, nella stessa popolazione, c’era un maggiore rischio di miocardite, pericardite e aritmia cardiaca a seguito di infezione da SARS-CoV-2. In terzo luogo, l’aumento del rischio di miocardite dopo la vaccinazione era più alto nelle persone di età inferiore ai 40 anni.

Abbiamo stimato che gli eventi extra di miocardite siano compresi tra 1 e 10 per milione di persone nel mese successivo alla vaccinazione, che era sostanzialmente inferiore ai 40 eventi extra per milione di persone osservati a seguito dell’infezione da SARS-CoV-2.

Abbiamo valutato l’associazione temporale tra vaccinazione COVID-19 ed eventi avversi cardiaci utilizzando ricoveri ospedalieri con diagnosi di miocardite o pericardite e aritmie cardiache. La miocardite è un disturbo infiammatorio del miocardio che comunemente deriva da infezioni virali, malattie sistemiche immuno-mediate o trattamenti immunomodulatori7.

Si verifica più comunemente negli uomini, che può essere una conseguenza di diversi effetti degli ormoni sessuali sul sistema immunitario8. Diversi casi sono stati riportati in pazienti ospedalizzati con infezione da SARS-CoV-2 e lo screening per il coinvolgimento cardiaco mediante test della troponina cardiaca ha dimostrato che la lesione miocardica è comune e associata a scarsi risultati9. Indipendentemente dall’eziologia sottostante della miocardite, coloro che sviluppano un’importante compromissione ventricolare sono ad aumentato rischio di shock cardiogeno e mortalità10, sottolineando l’importanza di accertare se la miocardite possa essere temporaneamente associata alla vaccinazione per SARS-CoV-2.

Mentre la miocardite è una forma specifica di infiammazione cardiaca, la pericardite riflette l’infiammazione localizzata al pericardio e l’insorgenza di aritmie cardiache, sebbene associata a entrambe, non è un indicatore specifico dell’infiammazione cardiaca. Pertanto, né la pericardite né alcuna categoria di aritmia cardiaca sono state associate specificamente alla vaccinazione COVID-1910,11,12. La miocardite è sotto diagnosticata nella pratica13, con pregiudizi clinici diretti verso ischemia miocardica o infarto. Pertanto, il nostro uso di codici diagnostici per la miocardite da dati di routine suggerisce che l’accertamento dell’infiammazione cardiaca dopo la vaccinazione COVID-19 è probabilmente sotto- piuttosto che sovra-rappresentato14,15.

Sebbene non siano stati osservati casi di miocardite negli studi randomizzati del vaccino, questa condizione è rara e può essere richiesta la sorveglianza post-commercializzazione.

La nostra osservazione di un aumento del rischio entro 7 giorni dalla ricezione del vaccino è coerente con la presentazione della miocardite virale, in cui i sintomi virali sono spesso riportati nella settimana che precede la presentazione. Inoltre, la miocardite dopo la vaccinazione è stata riportata con altri vaccini, ad esempio, in adulti sani dopo aver ricevuto vaccini vivi contro il virus della vaccinia.16,17 

Mentre i meccanismi della miocardite dopo l’esposizione all’infezione da SARS-CoV2 e alla vaccinazione non sono noti, sembra probabile che le complicanze sistemiche dell’infezione siano una conseguenza di un processo immunopatologico immuno-mediato e indipendente dal virus18. Tuttavia, l’espressione mediata dal vaccino della proteina spike di superficie SARS-CoV-2 sulla superficie dei cardiomiociti potrebbe potenzialmente innescare una risposta immunologica con conseguente morte cellulare organo-specifica19,20

I nostri risultati sono coerenti con quelli di uno studio caso-controllo di 884.828 persone che ricevono il vaccino BNT162b2 in Israele21. Tale studio ha osservato un’associazione con miocardite nei 42 giorni successivi alla vaccinazione (rapporto di rischio di 3,24), ma nessuna associazione con pericardite o aritmia cardiaca. Due ulteriori studi da Israele si aggiungono alle nostre osservazioni fornendo una revisione clinica per garantire un solido accertamento dei casi22 e riportando indagini ed esiti in singoli pazienti con miocardite dopo il vaccino BNT162b223. Witberg et al.21,22 ha osservato un piccolo eccesso negli eventi 3-5 giorni dopo la seconda dose del vaccino BNT162b2, ma la maggior parte erano presentazioni lievi e solo una classificata come fulminante22. Mevorach et al. hanno osservato un rapporto di incidenza di 5,34 per la miocardite in 5.442.696 persone a seguito di BNT162b2, sebbene questo sia stato attenuato quando limitato ai 136 casi definiti e probabili di miocardite23.Il rischio di miocardite è stato limitato ai maschi di età inferiore ai 40 anni e osservato solo dopo la seconda dose.

Allo stesso modo, due studi dagli Stati Uniti hanno riportato un tasso di incidenti di 2,7 per la miocardite nei 10 giorni successivi alla seconda dose di entrambi i vaccini a mRNA24 e circa 6,3 e 10,1 casi extra per milione di dosi nel periodo da 1 a 21 giorni successivo alla prima e alla seconda dose di entrambi i vaccini a mRNA, rispettivamente, in quelli di età inferiore ai 40 anni25.

I nostri risultati estendono queste osservazioni includendo 38 milioni di adulti in Inghilterra che ricevono sia l’mRNA che il vaccino mediato dall’adenovirus. Ci sono stati 1.615 eventi di miocardite nella nostra popolazione di studio, consentendo una valutazione granulare dei sottogruppi e dell’associazione temporale nelle settimane successive alla vaccinazione. Abbiamo osservato un piccolo eccesso di eventi di miocardite dopo la prima e la seconda dose di vaccino, ma questo rischio è stato limitato a un periodo di 7 giorni dopo la vaccinazione. Questa osservazione non è stata limitata ai vaccini a mRNA in quanto abbiamo anche riscontrato un eccesso di eventi di miocardite dopo la prima dose del vaccino ChAdOx1. L’eccesso di rischio è stato osservato negli uomini e nelle donne, ma è stato osservato costantemente solo dopo entrambi i vaccini a mRNA in quelli di età inferiore ai 40 anni, sebbene ciò possa, in parte, riflettere il piccolo numero di individui di età superiore ai 40 anni che ricevono il vaccino mRNA-1273 in Inghilterra.

Mentre la miocardite può essere pericolosa per la vita, la maggior parte degli eventi di miocardite associati al vaccino sono stati lievi e autolimitanti22. Il rischio osservato qui è piccolo e limitato al periodo di 7 giorni dopo la vaccinazione, mentre il rischio di morbilità e mortalità nel corso della vita a seguito dell’infezione da SARS-CoV-2 è sostanziale. In effetti, la lesione miocardica è molto comune nelle persone ricoverate in ospedale con infezione da SARS-CoV-226, se valutato sistematicamente utilizzando test della troponina cardiaca ad alta sensibilità27. Inoltre, l’evidenza di lesioni miocardiche, indipendentemente dal fatto che sia dovuto a miocardite o ischemia miocardica, è associato a un rischio più elevato di morte in ospedale.28. Stimiamo che il numero assoluto di eventi di miocardite in eccesso nei 28 giorni successivi a una prima dose di adenovirus o vaccino a mRNA sia compreso tra uno e sei per milione di persone vaccinate e il rischio in eccesso dopo la seconda dose del vaccino mRNA-1283 sia di dieci per milione. Al contrario, stimiamo 40 eventi di miocardite in eccesso per milione nei 28 giorni successivi all’infezione da SARS-CoV-2.

I rischi sono più equilibrati nelle persone più giovani di età fino a 40 anni, dove abbiamo stimato che l’eccesso di eventi di miocardite a seguito dell’infezione da SARS-CoV-2 è di 10 per milione con l’eccesso dopo una seconda dose di vaccino mRNA-1273 di 15 per milione.

Sono necessarie ulteriori ricerche per capire perché il rischio di miocardite sembra essere più alto dopo il vaccino mRNA-1273. Sebbene i più ampi benefici sociali del controllo della diffusione del virus a coloro che sono più vulnerabili siano sostanziali, questi dati possono aiutare a informare la politica di salute pubblica e la scelta del vaccino offerto ai giovani adulti”[…]

Leggi lo studio completo : Risks of myocarditis, pericarditis, and cardiac arrhythmias associated with COVID-19 vaccination or SARS-CoV-2 infection | Nature Medicine

Iscriviti alla nostra newsletter

eVenti Avversi

Read Previous

Muore improvvisamente a 29 anni il preparatore spagnolo dei portieri Dani Chabrera. Ora anche in Italia scrivono: “Il calcio è in ansia per i guai di cuore”

Read Next

32.649 decessi 3.003.296 danneggiati nel database europeo degli eventi avversi. I giovani sani i più colpiti.