• Febbraio 26, 2024

Non uno, ma due studi ora suggeriscono che il virus del vaiolo delle scimmie circolante è stato manipolato in laboratorio

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


di The Expose

Recentemente abbiamo scoperto come uno studio pubblicato dall’Istituto portoghese per la salute avesse trovato mutazioni anormali tra il presunto virus del vaiolo delle scimmie circolante suggerendo che fosse stato manipolato e modificato in un biolab. Ora è stato pubblicato un secondo studio che aggiunge peso a questa teoria.

La malattia da vaiolo delle scimmie di solito inizia con la febbre prima che un’eruzione cutanea si sviluppi da uno a cinque giorni dopo, spesso iniziando sul viso e poi diffondendosi ad altre parti del corpo. L’eruzione cambia e attraversa diverse fasi prima di formare finalmente una crosta che in seguito cade. Un individuo è contagioso fino a quando tutte le croste sono cadute e c’è la pelle intatta sotto.

La malattia è sempre stata estremamente rara ed è stata identificata per la prima volta negli esseri umani nel 1970 nella Repubblica Democratica del Congo in un bambino di 9 anni. Da allora, casi umani di vaiolo delle scimmie sono stati segnalati in 11 paesi africani. Nel 2003 è stata registrata la prima epidemia di vaiolo delle scimmie al di fuori dell’Africa, negli Stati Uniti e non è mai stato registrato niente di simile in più paesi contemporaneamente.

Fino ad ora.

Un nuovo studio pubblicato dall’Istituto Nazionale della Salute del Portogallo ha trovato le prove che il virus responsabile dell’epidemia di vaiolo delle scimmie che imperversa in Europa, America e Australia, è stato pesantemente manipolato in un laboratorio dagli scienziati, e ulteriori prove suggeriscono che è stato rilasciato intenzionalmente.

Lo studio è stato pubblicato il 23 maggio 2022 ed è accessibile per intero qui.

Gli scienziati del NIH hanno raccolto campioni clinici da 9 pazienti con vaiolo delle scimmie tra il 15 maggio e il 17 maggio 2022 e li hanno analizzati.

Gli scienziati hanno concluso che l’epidemia di vaiolo delle scimmie a cui stiamo assistendo è molto probabilmente il risultato di una singola origine perché tutti i virus sequenziati rilasciati finora si possono raggruppare strettamente insieme.

Hanno inoltre concluso che il virus appartiene al clade dell’Africa occidentale dei virus del vaiolo delle scimmie. Tuttavia, hanno scoperto che è più strettamente correlato ai virus del vaiolo delle scimmie che sono stati esportati dalla Nigeria in diversi paesi nel 2018 e nel 2019, vale a dire Regno Unito, Israele e Singapore.

Ma mentre il virus assomiglia molto a quelli esportati dalla Nigeria nel 18/19, è ancora molto diverso con oltre 50 polimorfismi a singolo nucleotide (SNP), che sono mutazioni genetiche.

Richard Neher, un biologo evoluzionista computazionale presso l’Università di Basilea, ha pubblicamente affermato nei media mainstream che:

“Sulla base delle normali linee temporali evolutive, gli scienziati si aspetterebbero che un virus come il vaiolo delle scimmie raccolga molte mutazioni in forse 50 anni, non quattro. Questo è in qualche modo notevole”.

Ora è stato pubblicato un secondo studio che ha trovato qualcosa nel presunto genoma del virus che non dovrebbe esserci.

Gli autori dello studio sono Jean-Claude Perez e Valère Lounnas dell‘European Molecular Biology Laboratory. Lo studio dell’Ir è intitolato “May 2022 : Peculiar Evolution of the Monkeypox Virus Genomes

Gli scienziati hanno confrontato l’evoluzione di 14 genomi del virus del vaiolo delle scimmie con l’obiettivo di scoprire mutazioni o altre evoluzioni virali (ricombinazione) che potrebbero spiegare l’impatto improvviso di questa epidemia circolante di bassissimo livello.

Per caso, ciò che gli scienziati hanno scoperto è che il presunto virus del vaiolo delle scimmie circolante contiene una sequenza lunga 30 T al centro del genoma del vaiolo delle scimmie, tra l’RNA dipendente dal DNA e la proteina di inclusione del vaiolo bovino di tipo A.

Perché è strano? Beh, secondo gli scienziati perché ciò non si presenta mai completamente all’interno di una sequenza. Gli scienziati sostengono che mentre possono essere risultati comuni alla cessazione di un genoma, ad esempio alla fine del virus dell’encefalite delle scimmie, non si incontra quasi mai completamente all’interno di una sequenza.

Potete leggere lo studio completo qui.

Apparentemente abbiamo un virus del vaiolo delle scimmie circolante in diversi paesi del mondo contemporaneamente per la prima volta nella storia, e questo presunto virus ha oltre 50 mutazioni che si sono verificate nello spazio di 4 anni invece dei 50 anni che avrebbe dovuto impiegare. E ora sappiamo anche che contiene qualcosa che…semplicemente non dovrebbe esserci.

Dobbiamo davvero credere che se questo virus esiste si sia verificato naturalmente?

Iscriviti alla nostra newsletter

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


eVenti Avversi

Read Previous

“Effetti avversi: Pfizer ha assunto 1800 addetti per tutte le segnalazioni”. L’intervista a Peter Doshi de Il Fatto Quotidiano

Read Next

Morte improvvisa di Alec John Such, storico bassista dei Bon Jovi

Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro

Ads Blocker Rilevato

Abbiamo rilevato che utilizzi adblock. Per proseguire la navigazione, per favore, disabilitalo sul nostro sito. Ci aiuta a mantenere i costi del servizio.

Powered By
100% Free SEO Tools - Tool Kits PRO