• Febbraio 9, 2023

Sì, Novavax ha utilizzato HEK293, una linea cellulare proveniente da feti abortiti

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


Nonostante le dichiarazioni pubbliche di Novavax secondo cui il suo vaccino COVID-19 non abbia alcuna connessione con le linee cellulari derivate dall’aborto, le prove di una lettera privata e dello studio pubblicato da Novavax mostrano che la linea cellulare fetale abortita HEK293 è stata utilizzata nella fase di test.


Dopo aver presentato una richiesta di autorizzazione all’uso di emergenza del vaccino COVID-19 negli Stati Uniti a gennaio, Novavax, Inc., riferisce che il suo vaccino a base di proteine non ha alcuna connessione con le linee cellulari derivate dall’aborto. In un recente articolo di Christianity Today, che ha erroneamente affermato che il vaccino è “il primo senza collegamenti a linee cellulari fetali abortite“, un portavoce di Novavax ha dichiarato:

“Nessuna linea cellulare o tessuto umano di derivazione fetale, comprese le cellule HEK293, viene utilizzato nello sviluppo o nella produzione del candidato vaccino Novavax COVID-19, NVX-CoV2373”.

Sebbene questa affermazione sia accurata, è allo stesso tempo ingannevole. Novavax ha utilizzato una linea cellulare etica ottenuta da cellule di falena nella produzione del suo vaccino. Tuttavia, la linea cellulare HEK293 è stata utilizzata nella fase di test, come rivelato in un articolo scientifico pubblicato dalla stessa Novavax. La linea cellulare HEK293 è stata originariamente raccolta dal rene di una bambina abortita nel 1973.

Il doppio linguaggio di Novavax

Nel documento scientifico, un gruppo di ricerca ha confrontato una proteina prodotta da HEK293 con la proteina prodotta da insetti di Novavax. I ricercatori hanno scoperto che la proteina prodotta dagli insetti di Novavax aveva un’integrità strutturale simile alla proteina prodotta da HEK293.

Quando è stata presentata questa prova, il portavoce di Novavax ha fornito un’altra risposta : ossia che Novavax “non ha usato celle HEK293 nei test di NVX-CoV2373”.

Tuttavia, in una lettera ottenuta dal Charlotte Lozier Institute da un collega medico che ha richiesto informazioni a Novavax (mostrato di seguito), Novavax ammette che le cellule HEK293 sono state effettivamente utilizzate come parte della fase di test per NVX-CoV2373:

“I test sono stati condotti per confrontare l’integrità strutturale della proteina spike SARS-CoV-2 prodotta nelle cellule di insetti Sf9 rispetto alla proteina spike prodotta nelle cellule HEK 293F del rene embrionale umano dei mammiferi. Il confronto ha determinato che la tecnologia delle cellule Sf9 prodotta dalle proteine spike era paragonabile in integrità strutturale alle proteine spike prodotte nella cellula HEK 293F.

In questa stessa lettera, Novavax ha continuato ad affermare che “le linee cellulari derivate dal feto non sono state utilizzate nella produzione, nei test o nella produzione del vaccino Novavax COVID-19”.

Basta con il doppio linguaggio.

Test del vaccino abortivo Novavax HEK293

Le dichiarazioni pubbliche e private di Novavax sono differenti. Anche se nel test non sono state utilizzate cellule HEK293 vive (e lo studio si è concentrato solo su un confronto strutturale delle due proteine, utilizzando ciò che è generalmente noto sulla proteina HEK293), Novavax si è comunque basato sulle conoscenze ottenute raccogliendo le cellule renali di una bambina, un feto, che è stata intenzionalmente uccisa.

Se Novavax è davvero intenzionata a fornire un vaccino COVID-19 “a molte persone che sono state riluttanti a ottenere altri vaccini”, come ha affermato il suo CEO Stanley Erck, allora perché non parlare chiaramente al pubblico? Per molte persone, l’esitazione nei confronti del vaccino COVID-19 deriva dalla connessione dei vaccini con l’aborto.

c’è una connessione con l’aborto presente nel vaccino di Novavax.

Le linee cellulari derivate dall’aborto sono inutili e potenzialmente rischiose

L’uso di linee cellulari umane abortive non è necessario in nessun momento del processo di creazione del vaccino: progettazione, produzione o test. Novavax, come tutte le aziende biotech, ha a disposizione linee cellulari etiche che sono prive di qualsiasi connessione con l’aborto.

Il Dr. David Prentice del Charlotte Lozier Institute incoraggia Novavax e altre aziende biotecnologiche “a dissociarsi pubblicamente da qualsiasi ulteriore uso di materiali biologici illeciti”. Il Dr. Prentice aggiunge:

“Questo sarebbe molto utile per calmare le preoccupazioni, aumentare la buona volontà e, francamente, diminuire l’uso di tali materiali nei laboratori. Abbiamo celebrato Sanofi che si è allontanata dalle cellule derivate da aborto per la produzione del proprio vaccino antipolio. Dovremmo incoraggiare mosse simili ora anche per quanto riguarda i test di post-produzione”.

Il Dr. Alan Moy, CEO della società biotech dell’Iowa Cellular Engineering Technologies e fondatore del John Paul II Medical Research Institute concorda:

“Esistono linee cellulari umane alternative che non solo sono prive di controversie etiche, ma offrono anche vantaggi scientifici alla linea cellulare HEK293 per vaccini o test farmacologici di routine”.

Secondo il Dr. Moy, la linea cellulare HEK293 è problematica ben oltre la controversia etica:

  • La linea cellulare HEK293 è antiquata, creata 50 anni fa con metodi ampiamente obsoleti.
  • La linea cellulare non ha il normale meccanismo cellulare delle cellule umane native. È stato trasformato in una linea cellulare tumorale con il 50% in più di cromosomi rispetto a una normale linea cellulare umana.
  • Esprime geni virali e proteine che pongono potenziali rischi per la sicurezza.
  • Non produce più proteine umane native e manca anche delle proteine di superficie cellulare native necessarie per condurre test COVID, a meno che quelle importanti proteine non vengano aggiunte geneticamente.
  • HEK293 non può essere replicato da futuro tessuto fetale abortito, motivo per cui i ricercatori stanno creando nuove linee cellulari da nuovi aborti da utilizzare nei futuri vaccini.

Ma il futuro delle biotecnologie può e deve essere a favore della vita.

Un futuro biotecnologico pro-life

Cellular Engineering Technologies e il John Paul II Medical Research Institute hanno creato quella che il Dr. Moy chiama “la più grande pipeline di linee cellulari umane etiche che non richiedono l’uso di cellule fetali abortite o cellule staminali embrionali”. Il Dr. Moy osserva che queste linee cellulari possono essere utilizzate per la produzione e la sperimentazione di vaccini, biologici, terapia genica e terapia cellulare “combinando moderni metodi genetici con cellule staminali post-natali”, vale a dire cellule staminali derivate dal sangue del cordone ombelicale.

“Le cellule mantengono le proprietà cellulari umane”, afferma il dottor Moy. “Sono prive di proteine virali contaminate, il che offre maggiore sicurezza e riproducibilità. Normalmente esprimono le proteine di superficie cellulare necessarie per condurre test del vaccino COVID e rappresentano una fornitura riproducibile infinita perché milioni di neonati vengono consegnati ogni anno”.

Il Dr. Moy prevede che queste linee cellulari etiche saranno disponibili in commercio per la più ampia comunità scientifica e l’industria farmaceutica quest’anno. Cellular Engineering Technologies offre attualmente servizi di ricerca a contratto in grado di fornire test antidroga di routine e sviluppo di farmaci con queste linee cellulari etiche.

L’uso futuro di HEK293 e di altre linee cellulari derivate dall’aborto sembra volgere per fortuna alla fine. La Personhood Alliance incoraggia le industrie biotecnologiche e farmaceutiche a impegnarsi pubblicamente a utilizzare linee cellulari di derivazione etica nella progettazione, produzione e test di vaccini e altre terapie.

Questo, ovviamente, include Novavax.


Sarah Quale è presidente di Personhood Alliance Education, fondatrice di Educe online learning e autrice® del curriculum pro-life online di Foundations. È una pluripremiata designer di curriculum e istruzione che ha lavorato per oltre 20 anni in ambienti aziendali, accademici e ministeriali.

Source

Iscriviti alla nostra newsletter

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


eVenti Avversi

Read Previous

Trattato globale sulla pandemia: avviati i negoziati

Read Next

Dopo Serena Enardu anche l’ex tronista Teresa Langella al pronto soccorso dopo la terza dose

Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro

Ads Blocker Rilevato

Abbiamo rilevato che utilizzi adblock. Per proseguire la navigazione, per favore, disabilitalo sul nostro sito. Ci aiuta a mantenere i costi del servizio.

Powered By
Best Wordpress Adblock Detecting Plugin | CHP Adblock