• Dicembre 2, 2022

Studio Pfizer: i bambini vaccinati si infettano quasi quanto i bambini non vaccinati. Protezione a lungo termine? Sono solo 4 mesi

Un nuovo studio di Pfizer mostra solo una leggera differenza nel numero di adolescenti che risultano positivi al coronavirus tra coloro che sono vaccinati e quelli che non lo sono.

Lo studio è stato pubblicato lunedì da Pfizer, che ha propagandato lo studio come prova che il suo vaccino Pfizer-BioNTech sia sicuro ed efficace.

Nel suo rilascio, Pfizer ha osservato che i risultati dello studio di quattro mesi non sono ancora stati sottoposti a revisione paritaria.

Traduzione:” Il titolo è ingannevole, penso che sia stato deliberatamente scritto così su richiesta di Pfizer.
Le prove hanno dimostrato che il vaccino contro il Covid di Pfizer è stato efficace negli adolescenti per oltre quattro mesi.
Quattro mesi non è “a lungo termine”. 20/30/40 anni (o per tutta la vita) è a lungo termine”

Lo studio su 2.228 adolescenti tra i 12 e 15 anni ha mostrato che nel gruppo a cui è stato somministrato il vaccino, nessuno dei circa 1.100 adolescenti vaccinati è risultato positivo al virus.

Lo studio ha anche dimostrato che 30 giovani che non sono stati vaccinati sono risultati positivi, per un tasso del 2,7%.

Quelli infetti erano asintomatici o avevano sintomi lievi, secondo il Daily Mail.

Pfizer ha dichiarato che i dati saranno utilizzati per sostenere la sua prossima richiesta alla Food and Drug Administration per la piena approvazione del suo ciclo vaccinale a due dosi per la popolazione 12-15. Il vaccino è attualmente consentito in base a un’autorizzazione all’uso di emergenza.

Mentre la comunità sanitaria globale lavora per aumentare il numero di persone vaccinate in tutto il mondo, questi dati aggiuntivi forniscono ulteriore fiducia nel profilo di sicurezza ed efficacia del nostro vaccino negli adolescenti. Ciò è particolarmente importante in quanto vediamo i tassi di COVID-19 salire in questa fascia di età in alcune regioni, mentre l’assorbimento del vaccino è rallentato “, ha dichiarato Albert Bourla, Presidente e CEO di Pfizer. “Non vediamo l’ora di condividere questi dati con la FDA e altri regolatori“.

Questi sono i primi e unici dati divulgati a lungo termine ( 4 MESI NdR) che dimostrano la sicurezza e l’efficacia di un vaccino COVID-19 in individui di età compresa tra 12 e 15 anni“, ha affermato Ugur Sahin, CEO e co-fondatore di BioNTech.

Il crescente corpo di dati che abbiamo compilato da studi clinici e sorveglianza del mondo reale fino ad oggi rafforza la base di prove a sostegno della forte efficacia e del profilo di sicurezza favorevole del nostro vaccino COVID-19 tra le popolazioni adolescenti e adulte“, ha affermato.

Sebbene la questione degli obblighi vaccinali nelle scuole sia oggetto di dibattito, il dottor Douglas Opel,direttore ad interim del Treuman Katz Center for Pediatric Bioethics presso il Seattle Children’s Hospital, sostiene che ora non è il momento.

Penso che sia prematuro imporre vaccini COVID-19 per gli studenti delle scuole elementari e superiori“, ha affermato.

La ragione principale della mia posizione è che un prerequisito per l’obbligo di un vaccino, è avere un’alta fiducia nel fatto che sia sicuro – e stiamo ancora raccogliendo questi dati per le fasce di età più giovani“, ha dichiarato.

Source

Iscriviti alla nostra newsletter

eVenti Avversi

Read Previous

Roma. 40enne con pericardite dopo Moderna: “Sto male, voglio rompere questo muro di omertà odioso in cui mi trovo da solo a lottare”

Read Next

62enne vaccinato con doppia dose positivo al covid muore a Benevento