• Dicembre 6, 2021

Studio svedese in pre-print su The Lancet sui vaccini covid Pfizer, Moderna e AstraZeneca. Dopo 60 giorni l’efficacia cala vertiginosamente

Il medico svedese Sebastian Rushworth ha pubblicato sul suo blog un commento al recente studio svedese consultabile in pre-print su The Lancet relativo all’efficacia dei vaccini covid in commercio in Svezia nei mesi scorsi: Pfizer, Moderna e AstraZeneca.

Scrive il dott. Rushworth:

“È un peccato che le aziende farmaceutiche abbiano deciso di terminare anticipatamente i loro studi, somministrando il vaccino covid ai membri del gruppo placebo dopo pochi mesi. Significa che non esiste un follow-up a lungo termine dei vaccini covid da studi randomizzati, e non ci sarà mai. Ciò significa che siamo invece costretti a fare affidamento interamente sui dati osservativi mentre cerchiamo di capire quanto siano sicuri ed efficaci i vaccini a lungo termine.

Ecco perché un recente studio svedese è così interessante. È attualmente disponibile in pre-print e può essere trovato qui. Lo scopo dello studio era determinare l’efficacia dei vaccini nella protezione contro il covid a lungo termine (cioè dopo più di qualche mese). Questo era uno studio basato su un registro di dati, quindi non sorprende che provenga dalla Svezia. La Svezia è generalmente riconosciuta come migliore di qualsiasi altro paese nel raccogliere e ordinare grandi quantità di dati sulla popolazione e utilizzarli per produrre questo tipo di studi.

Gli autori dello studio hanno iniziato identificando tutte le persone residenti in Svezia che erano state completamente vaccinate contro il covid-19 entro la fine di maggio 2021. A quel tempo, in Svezia venivano utilizzati tre diversi vaccini: Moderna, Pfizer e AstraZeneca. Le persone vaccinate sono state quindi abbinate individualmente a persone della stessa età e sesso, residenti nello stesso comune, che non erano state vaccinate. In totale, sono stati inclusi nello studio 1.684.958 individui. Sono stati seguiti fino a ottobre per vedere se hanno sviluppato il covid-19.

Allora, cosa ha mostrato lo studio?

Come prevedibile, i vaccini sono stati molto efficaci nel prevenire il covid sintomatico a circa due mesi dalla vaccinazione. Questo è ciò che hanno mostrato gli studi randomizzati ed è il motivo per cui i vaccini sono stati approvati per l’uso. Nel complesso, la riduzione del rischio relativo a 31-60 giorni dalla vaccinazione è stata dell’89%.

Tuttavia, dopo quei primi due mesi, c’è stato un rapido declino dell’efficacia. Da quattro a sei mesi, i vaccini riducevano il rischio relativo di infezione solo del 48%!

Questo è piuttosto interessante se si considera che i Governi avevano inizialmente fissato la soglia per l’approvazione dei vaccini con una riduzione del rischio relativo del 50%. Quindi, se le prove fossero state necessarie per sei mesi prima di presentare i risultati invece di durare solo per due mesi, allora i vaccini sarebbero stati considerati troppo inefficaci e non sarebbero mai stati approvati.

Beh, non è del tutto vero. Un vaccino ha comunque fornito una riduzione del rischio relativo migliore del 50% a sei mesi: il vaccino Moderna. Da quattro a sei mesi, la riduzione del rischio relativo con il vaccino Moderna è stata del 71%. Allo stesso tempo, Pfizer offriva solo una riduzione del rischio del 47% e AstraZeneca a quel punto non stava facendo nulla per ridurre il rischio.

Ha senso che il vaccino Moderna offra una protezione migliore rispetto al vaccino Pfizer. Sebbene i vaccini siano praticamente identici, la dose nel vaccino Moderna è tre volte superiore. Questo è probabilmente il motivo per cui Moderna è stato associato a tassi molto più alti di miocardite, motivo per cui non è più approvato per l’uso in persone di età inferiore ai 30 anni qui in Svezia.

Quindi, se i governi non fossero stati così frettolosi nel rilasciare i vaccini e avessero chiesto sei mesi di follow-up anziché due, solo il vaccino Moderna sarebbe stato approvato in primo luogo.

Quando andiamo oltre i sei mesi, le cose si fanno ancora più deprimenti. Entro i nove mesi, il vaccino Pfizer non offre più alcuna protezione contro il covid-19 sintomatico. Sfortunatamente, i dati a nove mesi non vengono offerti per il vaccino Moderna a causa del piccolo numero di persone per le quali tali informazioni sono attualmente disponibili, ma a sei mesi la capacità del vaccino Moderna di prevenire il covid-19 sintomatico era scesa al 59 %. Quindi c’è un continuo declino dell’efficacia in ogni momento misurato anche per il vaccino Moderna, senza alcun segno di stabilizzazione.

E se guardiamo ai sottogruppi, come gli anziani, che sono di gran lunga i più a rischio di covid-19, e quindi potenzialmente hanno più da guadagnare dalla vaccinazione?

Le persone di età superiore agli 80 anni mostrano inizialmente una buona risposta al vaccino, con una riduzione del 73% del rischio relativo di malattia a uno o due mesi dalla vaccinazione. Tuttavia questo scende al 50% da due a quattro mesi, e dopo sei mesi non c’è alcun beneficio. Anche per le persone di mezza età (50-64 anni), che hanno un sistema immunitario meglio funzionante e che dovrebbero quindi rispondere più fortemente ai vaccini, i vaccini sono completamente inefficaci nel prevenire la malattia sintomatica dopo i quattro-sei mesi. L’unico gruppo per il quale i vaccini hanno un’efficacia superiore al 50% dopo quattro mesi sono le persone di età inferiore ai 50 anni (per le quali l’efficacia da quattro a sei mesi è del 51%).
Certo, quanto siano efficaci i vaccini nel prevenire le malattie sintomatiche non è davvero ciò che conta, se per malattia sintomatica di solito intendiamo qualcosa di più simile al comune raffreddore che all’influenza spagnola. Ciò che conta davvero è quanto siano efficaci i vaccini nel prevenire malattie gravi. Quindi, diamo un’occhiata a questo.

A uno o due mesi dalla vaccinazione, i vaccini hanno fornito una riduzione del 91% del rischio di ospedalizzazione o morte. Da quattro a sei mesi, era sceso al 74%. E da sei mesi la riduzione è scesa al 42%, sebbene la differenza tra il gruppo vaccinato e non vaccinato non fosse più statisticamente significativa. In altre parole, alla scadenza dei sei mesi non era più possibile rilevare un effetto statisticamente significativo della vaccinazione sul rischio di ospedalizzazione o morte.

Per come la vedo io, ci sono due possibili spiegazioni per il rapido declino dell’efficacia dei vaccini. Il primo è dovuto alla limitata immunità prodotta dai vaccini stessi e il secondo è dovuto alla continua evoluzione del virus e in particolare all’aumento della variante delta. Se la seconda ragione è vera, allora non c’è alcun motivo per dare alle persone dei booster, perché i booster non faranno nulla per migliorare l’immunità.

Se la prima ragione è vera, allora si potrebbero sostenere  i booster, anche se sembra abbastanza assurdo dare a tutti un booster ogni quattro mesi per proteggersi da un virus che per la maggior parte delle persone è poco più di un raffreddore, con un tasso di sopravvivenza del 99,8%, e per le quali ora esiste una massiccia immunità naturale della popolazione, grazie a tutte le persone che hanno già avuto il covid. A differenza della protezione a breve termine offerta dai vaccini, la protezione generata dall’infezione ha dimostrato di essere sia duratura che ampia, nonostante le affermazioni contrarie della “scienza spazzatura” e prodotte dal CDC. 
Allora, cosa possiamo concludere?

I vaccini sono molto meno efficaci di quanto si credesse inizialmente e l’efficacia diminuisce rapidamente. Stando così le cose, l’idea che sarà possibile per i Paesi vaccinarsi fuori dalla pandemia è chiaramente una sciocchezza. L’unico modo in cui la pandemia finisce è che un numero sufficiente di persone venga infettato e sviluppi un’immunità naturale, che è lo stesso modo in cui si è conclusa ogni precedente pandemia di virus respiratorio”.

FONTE

eVenti Avversi

Read Previous

Tre ex atleti olimpionici russi (Jurij Sedich, Jüri Tamm e Igor Nikulin) sono morti per malore improvviso nelle ultime settimane. Il loro amico ed ex atleta Konstantin Volkov su Facebook: “Avevano ricevuto tutti la seconda dose di vaccino da poco”

Read Next

Terza dose vaccino, Speranza: “Presto obbligatoria per medici”