• Agosto 16, 2022

Super Green Pass, ennesimo pasticcio del Governo che si dimentica dei musei. Pioggia di richieste di rimborsi. “Non sappiamo chi fare entrare. Respinti e rimborsati visitatori col tampone anche dall’estero, dal Ministero nessuna risposta”

Il decreto pubblicato il 27 novembre sulla Gazzetta Ufficiale prevede il super green pass per cinema e teatri, ma non menziona i musei. Una decisione voluta o una dimenticanza da parte di chi ha steso le norme senza interpellare i responsabili dei beni culturali? Nelle direzioni dei musei regna la confusione, a pochi giorni dall’applicazione delle nuove norme.

L’allarme arriva per primo dall’Egizio di Torino: “Poiché il comunicato ufficiale di Federculture ci aveva confermato che anche i musei si sarebbero dovuti adeguare alle ultime disposizioni in materia di Covid – racconta la presidente Evelina Christillin – abbiamo già disdetto e rimborsato le prenotazioni da parte di chi non era in regola, anche dall’estero, ad esempio perché non era vaccinato ma aveva solo un tampone negativo. Si è poi appreso da fonti ufficiali del ministero per i Beni culturali che i musei sono esclusi dalle nuove direttive”.

Uno stato di incertezza confermato da Umberto Croppi, che di Federculture, l’associazione che rappresenta le più importanti aziende culturali del Paese, è il direttore: “Ho appena interpellato la Prefettura di Roma per saperne di più, ma non ho avuto risposte e i dubbi persistono. Siamo in attesa di una circolare ufficiale dai vertici del Mic (il nuovo acronimo del ministero che sostituisce Mibac, ndr) che ci dia disposizioni precise. I direttori dei musei ancora non sanno come si debbano comportare. Girano tante notizie, c’è chi sostiene che il Super Green Pass sia invece richiesto per le mostre. Come dire: per il Pala Expo a Roma è necessario e per le collezioni permanenti dei musei no? Senza dimenticare che quasi ogni museo ha allestito al suo interno delle mostre”.

FONTE

Iscriviti alla nostra newsletter

eVenti Avversi

Read Previous

Dolori e piastrine basse dopo la seconda dose di Pfizer. La 15enne Nong Jane Aranya muore il 30 novembre

Read Next

“Morti improvvise” di bambini di età inferiore ai 12 anni iniziano a emergere dopo l’avvio della campagna vaccinale