• Maggio 26, 2024

Tutta la stampa mondiale si interroga! Articolo di “Fortune” del 6 ottobre. Ictus, infarti, morti improvvise, 40 milioni di nuovi casi neurologici, diabete giovanile. Due americani su tre non vogliono più vaccinarsi. Ultimo studio: vaccini aggiornati totalmente inefficaci con le nuove varianti BQ.1.1, CA.1 e XBB – IL TESTO INTEGRALE DELL’ARTICOLO

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


Tutta la stampa mondiale di interroga sul picco di problemi cardiaci e malattia anomale che stanno colpendo negli ultimi mesi anche i più giovani e gli sportivi. Due le ipotesi: il vaccino o il long covid, ma nel caso ci fossero casi di long covid si tratterebbe comunque di un fallimento vaccinale.

Di seguito l’articolo pubblicato su “Fortune” giovedì 6 ottobre dal titolo “Ictus, infarti, morti improvvise: l’America comprende i rischi a lungo termine di contrarre il COVID?” di Carolyn Barber che segnala uno spaventoso aumento di patologie cardiache, di diabete giovanile e di 40 milioni di nuovi casi neurologici che colpiscono anche i vaccinati ma attribuisce la responsabilità al long covid. Secondo uno studio dell’Università di Washington il vaccino è inefficace, solo nel 15% dei casi previene il long covid ma un nuovo studio dell’Università di Pechino dichiara che anche il nuovo vaccino è totalmente inefficace con le nuove variante.

Un conoscente di 35 anni muore per un ictus emorragico. Un’amica sulla quarantina e un’altra sulla settantina hanno periodi ricorrenti di vertigini estreme, il cuore che batte nel petto quando si alzano in piedi. Uno studente di 21 anni senza precedenti sanitari viene ricoverato in terapia intensiva per insufficienza cardiaca, mentre un appassionato giocatore di tennis di 48 anni, precedentemente in buona salute, subisce improvvisamente un infarto. A un parente viene diagnosticata la pericardite, un’infiammazione del sacco protettivo che circonda il cuore.

Non posso confermare l’esatta eziologia di tutti questi casi. Ma ognuna delle persone che ho menzionato aveva una storia di COVID o giorni o mesi prima e tutte hanno avuto solo casi lievi di infezione in quel momento.

È possibile, nonostante tutto ciò che sappiamo, che sottovalutiamo ancora la portata e il pericolo di covid? Non è normale per me conoscere così tante persone con condizioni gravi. Non è affatto normale.

Lunghi thread sui social media hanno iniziato a compilare elenchi di situazioni molto simili a quelle sopra menzionate e, sebbene ci siano molte possibili cause per le loro disgrazie di salute, l’enorme volume di casi parla di qualcosa di più preoccupante di un semplice fenomeno Twitter.

Un ampio studio internazionale che ha coinvolto 136 istituti di ricerca in 32 paesi ha documentato una maggiore incidenza di ictus ischemico nei giovani pazienti rispetto ai livelli pre-pandemici. Più di un terzo aveva meno di 55 anni e molti non avevano fattori di rischio tipici come fumo, diabete e ipertensione.

In uno studio che includeva pazienti dell’ondata iniziale della pandemia, gli scienziati dell’Università della Florida hanno scoperto che i sopravvissuti al COVID-19 grave avevano due volte e mezzo il rischio di morire nell’anno successivo alla malattia rispetto alle persone che non erano mai state contagiate. Da notare che quasi l’80% dei decessi non era dovuto a complicazioni tipiche del COVID come distress respiratorio acuto o cause cardiache.

“I risultati suggeriscono che esiste un grave impatto di COVID-19 oltre il costo e la sofferenza del ricovero iniziale”, afferma Arch Mainous, uno degli autori dello studio.

Come sono andati i pazienti vaccinati.

In un’ampia analisi di oltre 30.000 pazienti vaccinati che avevano avuto infezioni importanti da COVID (pre-Omicron), gli scienziati hanno scoperto che sei mesi dopo, anche i vaccinati correvano un rischio più elevato di morte e lunghi sintomi debilitanti del COVID che coinvolgevano più organi (i polmoni, cuore, reni, cervello e altri) rispetto ai soggetti senza evidenza di infezione da SARS-CoV-2.

Anche i più in forma non sono immuni. I ricercatori hanno notato un aumento preoccupante di morte cardiaca improvvisa negli atleti sulla scia della pandemia, probabilmente a causa di complicazioni cardiache legate al COVID: miocardite e pericardite. Il difensore della squadra di football americano degli Arizona Cardinals J.J. Watt ha recentemente rivelato di aver avuto un episodio di fibrillazione atriale e, mentre ci sono molte possibili cause di fibrillazione atriale, è da notare che a Watt è stato diagnosticato il COVID-19 circa sei settimane prima. La fibrillazione atriale è stata a lungo associata al COVID.

Reinfezioni da COVID.

In uno studio non sottoposto a revisione paritaria, Ziyad Al-Aly della Washington University School of Medicine e il suo team hanno analizzato le cartelle cliniche di 38.000 persone con reinfezione da COVID. Rispetto agli individui con una singola infezione, i ricercatori hanno scoperto che questi individui reinfettati presentavano rischi maggiori di mortalità, ospedalizzazione ed esiti avversi per la salute in più organi.

Questi rischi erano presenti indipendentemente dallo stato di vaccinazione. Ogni infezione aggiungeva un rischio maggiore di complicanze sia acute che a lungo termine.

Stiamo ancora imparando quanto tutto questo sia pervasivo. Un’analisi di oltre 150.000 sopravvissuti al COVID-19 pubblicata su Nature Medicine ha rilevato che le persone con coronavirus sono maggiormente a rischio di sviluppare sequele neurologiche, inclusi ictus, problemi cognitivi e di memoria, convulsioni, disturbi del movimento e molti altri problemi, nel primo anno dopo l’infezione. I rischi di sviluppare queste complicanze a lungo termine erano evidenti anche nelle persone che non avevano bisogno del ricovero in ospedale durante la loro infezione iniziale.

“I risultati mostrano le profonde conseguenze a lungo termine del COVID-19”, ha detto Al-Aly. “Alcuni di questi segneranno le persone per tutta la vita”.

Secondo la stima del ricercatore, il COVID è responsabile di oltre 40 milioni di nuovi casi neurologici. Un avvertimento chiave: il periodo di studio ha preceduto per lo più i vaccini. Tuttavia, Al-Aly afferma: “Sappiamo che i vaccini riducono e non eliminano minimamente il rischio lungo di COVID”. In effetti, un ampio studio ha rilevato che i vaccini erano efficaci solo per il 15% circa nel prevenire il COVID lungo.

Il rischio di alcune di queste complicanze è maggiore nei giovani adulti. All’altra estremità dello spettro, un enorme studio ha scoperto che il COVID-19 ha aumentato il rischio di sviluppare l’Alzheimer in persone di età pari o superiore a 65 anni dal 50% all’80%, e questo aumento si è verificato nelle persone senza diagnosi precedente.

I ricercatori ritengono che l’infezione da COVID-19 induca uno stato protrombotico e proinfiammatorio, che può aumentare il rischio di coaguli di sangue. In uno studio di coorte su 48 milioni di adulti in Inghilterra e Galles appena pubblicato, il COVID-19 è stato collegato a un drammatico aumento sia dei coaguli arteriosi (che causano ictus e infarti) sia del tromboembolismo venoso (si tratta di coaguli di sangue nei polmoni e nelle gambe, oltre che in altre parti del corpo).

Uno studio che includeva i dati di oltre un milione di pazienti pediatrici ha rilevato che gli adolescenti di età pari o inferiore a 18 anni avevano un rischio aumentato del 72% di sviluppare il diabete di tipo 1 nei sei mesi successivi all’infezione da COVID. Quel rischio non è limitato ai bambini; si vede anche negli adulti.

Uno scenario da incubo? Anche lieve caso di COVID che porta al diabete per tutta la vita. Ma piuttosto che continuare a battere il tamburo per cautela, la maggior parte delle città, dei governi e persino del CDC stanno allentando le restrizioni quando si tratta di precauzioni COVID.

L’America ha bisogno di svegliarsi, ora. Un recente sondaggio della Kaiser Family Foundation mostra che due terzi degli adulti statunitensi non ha intenzione di ricevere le vaccinazioni di richiamo aggiornate in qualsiasi momento, ma sono all’orizzonte infezioni nuove e varianti che eludono il sistema immunitario.

“Il grado di fuga ed elusione del immunitaria è sorprendente in questo momento, pazzesco”, ha detto a Nature qualche giorno fa Yunlong Richard Cao, immunologo dell’Università di Pechino. In un preprint, che non è stato sottoposto a revisione paritaria, Cao ed altri studiosi hanno scoperto che le nuove sottovarianti come BQ.1.1, CA.1 e soprattutto XBB sono i ceppi più evasivi di anticorpi fino ad oggi. “Questi risultati suggeriscono che l’attuale immunità di gregge e i booster del vaccino BA.5 potrebbero non fornire una protezione sufficientemente ampia contro le infezioni”, hanno scritto.

Nel nostro Paese si registrano già dai 300 ai 400 decessi per Covid ogni giorno. I casi sono in aumento in alcuni paesi europei come Francia, Germania, Italia e Belgio. “Siamo chiaramente all’inizio di un’ondata invernale [COVID-19]”, ha affermato Karl Lauterbach, ministro federale della salute tedesco, in una conferenza stampa. La Germania ha appena implementato nuove regole che richiedono l’uso della mascherina sui treni, sugli autobus locali, nonché negli ospedali, nelle case di cura e negli studi medici.

La strada da percorrere sarà dura fino a quando non saremo in grado di sviluppare un vaccino a prova di variante, approvare vaccini nasali per aiutare a bloccare l’infezione in ingresso e ridurre la trasmissione e sviluppare trattamenti migliori. Man mano che il virus diventa più evasivo dal punto di vista immunitario, il nostro arsenale si sta restringendo, non si sta espandendo, nonostante ciò che potrebbero affermare il CDC e i leader politici. La strategia degli anticorpi monoclonali, ad esempio, si è rivelata inefficace poiché il virus ci ha superato in astuzia e ha continuato a evolversi, rendendo rapidamente obsolete molte terapie monoclonali poco dopo la loro approvazione.

Abbiamo ancora molto da capire sul long COVID, in particolare nella popolazione vaccinata, ma Al-Aly stima che dall’8% al 12% delle persone vaccinate con infezioni nuove possa morire a causa del long COVID. In tutto il mondo, si stima che 145 milioni di persone soffrano di questa condizione, i cui casi sono aumentati di oltre il 300% nel 2021.

Dobbiamo fare un lavoro molto migliore nella prevenzione delle infezioni e delle reinfezioni di massa, nell’accelerare la ricerca, nel finanziamento di nuove cure per le vittime e nello sviluppo di una risposta coordinata, sia a livello nazionale che internazionale. La produzione di coronavirus universali e vaccini nasali e farmaci per ridurre al minimo il rischio lungo di COVID è una priorità assoluta. Come dice Al-Aly, “Abbiamo bisogno di politiche ambiziose per anticipare questo virus e la pandemia”.

Come paese, siamo chiaramente stanchi di maschere, vaccini e COVID in generale. Ma per quanto estenuante sia già stata questa marcia, non siamo affatto vicini al traguardo. Dobbiamo smettere di fingere il contrario”.

FONTE

Iscriviti alla nostra newsletter

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


eVenti Avversi

Read Previous

Muoiono per malore improvviso due poliziotti quarantenni nell’ultima settimana. Città sotto shock!

Read Next

E’ morto sabato pomeriggio per malore improvviso il famoso architetto veneto

Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro

Ads Blocker Rilevato

Abbiamo rilevato che utilizzi adblock. Per proseguire la navigazione, per favore, disabilitalo sul nostro sito. Ci aiuta a mantenere i costi del servizio.

Powered By
100% Free SEO Tools - Tool Kits PRO