• Dicembre 10, 2022

Un potente messaggio sui danni da vaccino COVID da parte di un membro del Parlamento europeo

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


  • Il membro del Parlamento europeo, Mislav Kolakusic, ha detto apertamente al presidente Emmanuel Macron che ha condannato a morte decine di migliaia di persone attraverso le misure di vaccinazione obbligatoria.
  • I rapporti sulle lesioni da vaccino continuano ad essere ignorati e non riconosciuti all’interno del mainstream, non si sta avendo una discussione adeguata.

Mislav Kolakusic, avvocato e politico croato membro del Parlamento europeo per la Croazia dal 2019, ha recentemente chiamato in causa il presidente della Francia, Emmanuel Macron. Lo ha accusato di aver negato i diritti e le libertà dei cittadini francesi durante la pandemia. Ciò ha avuto luogo in una riunione del Parlamento europeo il 21 gennaio 2002 a Strasburgo, in Francia.

Kolakusic ha dichiarato che Macron ha affermato di essere orgoglioso che non ci sia la pena di morte in Europa. Kolakusic ha poi dichiarato che “decine di migliaia di cittadini sono morti a causa degli effetti collaterali del vaccino”. Non è chiaro se intendesse cittadini dell’UE o solo in Francia. Ha poi affermato che “le vaccinazioni obbligatorie rappresentano la pena di morte e la sua esecuzione per molti cittadini”. Fa riferimento ai dati dell’Organizzazione europea della sanità (EMA).

Potete vedere la sua dichiarazione qui sotto.

Kolakusic ha ragione sui danni da vaccino COVID?

Le autorità sanitarie governative affermano che le reazioni avverse gravi e le morti da vaccini, compresi i vaccini COVID, sono estremamente rare. Ma cosa è considerato raro? I vaccini COVID da soli sono responsabili di circa il 50% delle lesioni da vaccino segnalate al Vaccine Adverse Events Reporting System (VAERS) degli Stati Uniti negli ultimi 30 anni.

Ad oggi, 22.193 decessi, 39.150 disabilità permanenti, 118.367 ricoveri e 25.265 lesioni potenzialmente letali sono stati segnalati a VAERS. Le agenzie federali di regolamentazione sanitaria degli Stati Uniti hanno sottolineato che non c’è modo di dimostrare che queste lesioni siano collegate ai vaccini COVID in alcun modo. Detto questo, VAERS è sempre stato usato da loro come sistema di sorveglianza per rilevare “bandiere rosse” per quanto riguarda la sicurezza dei vaccini in passato, quindi perché ora è diverso?

Nel corso degli anni VAERS è stato molto utile. Il 16 luglio 1999, ad esempio, il CDC ha raccomandato agli operatori sanitari di sospendere l’uso del RotaShield autorizzato – un vaccino contro il rotavirus – dopo che solo 15 casi di intussuscezione sono stati segnalati al VAERS.

Gli Stati Uniti hanno anche un Vaccine Injury Compensation Program (VICP), hanno pagato più di $ 4 miliardi di denaro dei contribuenti ai richiedenti sin dal suo inizio, mentre le aziende farmaceutiche sono completamente protette da qualsiasi responsabilità.

È stato creato nel 1980 dopo che le cause legali contro le aziende produttrici di vaccini e gli operatori sanitari hanno minacciato di causare carenze di vaccini e ridurre i tassi di vaccinazione negli Stati Uniti. Le persone danneggiate da vaccini COVID tuttavia non hanno diritto a ricevere un risarcimento mentre sono sotto uso di emergenza.

Inoltre, si presume che una grande maggioranza delle lesioni da vaccino rimanga non segnalata.

Uno studio pubblicato il 7 ottobre 2021 sul Journal Toxicology Reports stima che la sottosegnalazione dei decessi a causa dei vaccini COVID, potrebbe aver portato a un numero 1000 volte inferiore a quello che è il numero effettivo. Uno studio di Harvard Pilgrim pubblicato nel 2010 ha stimato che meno dell’1% delle lesioni da vaccino sono probabilmente segnalate. Ciò include gravi reazioni avverse.

È già noto che le reazioni avverse gravi ai farmaci da prescrizione, ad esempio, sono estremamente sottostimate, forse fino al 95% di esse, come hanno sottolineato diversi studi.

Jessica Rose PhD, che ha studiato immunologia alla Memorial University di Terranova e Labrador insieme allo statistico Mathew Crawford, ha pubblicato un documento a settembre che esamina questo aspetto specificamente per i vaccini COVID.

Utilizzando il database VAERS e i tassi indipendenti di eventi di anafilassi da uno studio di Mass General, hanno calcolato un fattore di sotto-segnalazione 41X per eventi avversi gravi in VAERS, portando a una stima di oltre 150.000 decessi in eccesso causati dal vaccino.

“Le stime sono state convalidate in più modi indipendenti”, affermano gli autori. Ha concluso che almeno 150.000 americani sono stati uccisi dai vaccini Covid-19. È stata sottoposta alle critiche dei “fact checker”. Tuttavia, il “fact checking” ha perso credibilità ed è stato persino chiamato in causa da organizzazioni come il British Medical Journal (BJM).

Ecco alcuni esempi di come appare un rapporto VAERS.

Un decesso ha coinvolto una ragazza di 12 anni (VAERS I.D. 1784945) che è morta per un’emorragia delle vie respiratorie 22 giorni dopo aver ricevuto la sua prima dose di prodotto Pfizer. Un altro decesso recente è il caso di una ragazza di 16 anni (VAERS I.D. 1694568) morta di embolia polmonare 9 giorni dopo una dose di prodotto Pfizer (non si sa se fosse la prima o la seconda).

Un 15enne è morto sei giorni dopo aver ricevuto la sua prima dose di prodotto Pfizer. Il rapporto VAERS (I.D. 1764974) afferma che l’adolescente precedentemente sano “era nel suo solito stato di buona salute. Cinque giorni dopo il vaccino, si è lamentato di dolore alla spalla. Stava giocando con 2 amici in uno stagno della comunità, oscillando da un’altalena di corda, lanciandosi in aria e atterrando prima nei piedi dell’acqua. Emerse, rise, disse ai suoi amici “Wow, che male!”, poi nuotò verso la riva, sott’acqua come era la sua solita routine. Gli amici si sono preoccupati quando non è riemerso.

Il suo corpo è stato recuperato dalle autorità locali più di un’ora dopo”. L’autopsia ha rivelato “piccoli focolai di infiammazione miocardica”, un effetto avverso di questi prodotti COVID che si trovano comunemente tra i bambini e i giovani, in particolare i giovani.

La Therapeutic Goods Administration, un’agenzia di regolamentazione del governo australiano, ha registrato circa 80.000 eventi avversi legati alle vaccinazioni COVID-19. Finora, più di 10.000 persone si sono registrate per presentare un reclamo. Le iscrizioni a questo programma di compensazione si sono aperte lo scorso settembre. Se ogni reclamo viene approvato, al momento il costo del pagamento sarebbe di almeno $ 50 milioni. Le reazioni avverse vanno da lievi a gravi, compresi i decessi.

Ci sono anche persone su tutti i social media che condividono la loro storia. Si tratta di incidenti non segnalati e non verificati? Ecco un esempio dall’Australia e un account instagram dedicato alla condivisione delle storie di persone che segnalano di aver subito gravi lesioni da vaccino COVID.

Documenti precedentemente riservati rilasciati tramite una causa del Freedom of Information Act (FOIA) hanno rivelato che Pfizer era a conoscenza di oltre 50.000 gravi reazioni avverse alle loro vaccinazioni entro i primi 90 giorni dal loro lancio.

Entro il 15 ottobre 2021, gli eventi avversi segnalati in tutto il mondo hanno superato i 2.344.240 per i soli vaccini COVID nel sistema di segnalazione vigiAccess dell’Organizzazione mondiale della sanità (OMS).

Con tutti questi numeri, l’utilizzo di un database di lesioni da vaccino come VAERS, ad esempio, è stato ritenuto inutile dal mainstream. Sostengono che i “teorici della cospirazione no vax” stiano usando i VAERS per spaventare e fuorviare le persone.

Certo, VAERS è un sistema di segnalazione imperfetto, ma è ciò che il governo ha ufficialmente creato per monitorare i problemi dei vaccini ed è tutto ciò che abbiamo. Perché non vengono messe in atto misure per rendere il monitoraggio e la segnalazione delle lesioni da vaccino più facili e accurate? Se ci sono così tante limitazioni per quanto riguarda VAERS, perché non fare uno sforzo per migliorare il sistema?

Il sistema VAERS non è nemmeno progettato per determinare la causalità degli eventi avversi. Allora perché non c’è un sistema progettato per farlo? O almeno per indagare ulteriormente?

Detto questo, la maggior parte delle segnalazioni a VAERS sembra provenire dai dipendenti del servizio sanitario,in quanto sono tenuti a segnalare al sistema ciò che ritengono essere un danno da vaccino.

Perché questo problema non viene affrontato e focalizzato? È quasi come se la FDA e il CDC non volessero creare un adeguato sistema di monitoraggio delle lesioni da vaccino.

Altri fattori non inclusi sono le conseguenze a lungo termine. Come facciamo a sapere se danni da vaccino possano verificarsi anni dopo l’inoculazione? Ci sono così tante limitazioni che non abbiamo altra scelta che fare riferimento a ciò che le persone stanno vivendo e segnalando.

Ultimo ma non meno importante, perché i vaccini COVID, e tutti gli altri, sono un prodotto privo di responsabilità?

Con tutti questi fattori e numeri, come possono essere giustificati gli obblighi sui vaccini COVID? Inoltre, i vaccini hanno fallito quando si tratta di fermare la trasmissione del virus. Questa non è stata una “pandemia di non vaccinati” come hanno affermato i politici. Durante questa pandemia ci sono stati molteplici esempi delle regioni e dei paesi più vaccinati sulla terra che hanno sperimentato grandi epidemie di COVID.

Vaccini che non fermano la trasmissione, come spiegato da un articolo pubblicato su PLOS BIOLOGY nel 2015 intitolato “La vaccinazione imperfetta può migliorare la trasmissione di agenti patogeni altamente virulenti” del biologo della Penn State David Kennedy PhD.

Tutti questi fattori continuano ad essere ignorati, censurati e / o etichettati come “notizie false” dai “fact checker”. Non c’è mai una discussione adeguata sui danni da vaccino all’interno del mainstream.

The Pulse

Iscriviti alla nostra newsletter

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


eVenti Avversi

Read Previous

Studio conclude che la fertilità delle donne è danneggiata nei paesi più vaccinati

Read Next

“Oggi è un buon giorno”: quattro nazioni europee annunciano la fine delle restrizioni Covid . E l’Italia?

Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro

Ads Blocker Rilevato

Abbiamo rilevato che utilizzi adblock. Per proseguire la navigazione, per favore, disabilitalo sul nostro sito. Ci aiuta a mantenere i costi del servizio.

Powered By
Best Wordpress Adblock Detecting Plugin | CHP Adblock