• Dicembre 10, 2022

“Oggi è un buon giorno”: quattro nazioni europee annunciano la fine delle restrizioni Covid . E l’Italia?

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


Quattro nazioni europee stanno abbandonando le misure restrittive covid-19.

L’Irlanda ha imposto alcune delle misure pandemiche più repressive in Europa, ma ha comunque registrato il più alto tasso di infezione al mondo all’inizio di gennaio. Venerdì, il primo ministro Micheal Martin ha annunciato che la nazione avrebbe eliminato quasi tutte le sue restrizioni COVID-19.

“Abbiamo resistito alla tempesta di Omicron”, ha dichiarato Martin, aggiungendo: “Sono rimasto qui e vi ho parlato in alcuni giorni molto bui. Ma oggi è un buon giorno”.

Il primo ministro danese Mette Frederiksen ha recentemente annunciato la fine di praticamente tutte le restrizioni Covid-19 il 1 ° febbraio, compresi gli obblighi di mascherina e i cosiddetti “passaporti dei vaccini”.

“Stasera possiamo scrollare le spalle e ritrovare il sorriso. Abbiamo una notizia incredibilmente buona, ora possiamo rimuovere le ultime restrizioni sul coronavirus in Danimarca “, ha affermato.

“È grazie alla buona volontà dei danesi di essere vaccinati, anche con una terza dose, che le restrizioni possono ora essere revocate”, ha affermato. “Con l’elevata aderenza al vaccino, è possibile interrompere la connessione tra il numero di infetti e il numero di ospedalizzati”.

Tuttavia, il primo ministro danese ha ridotto i ricoveri legati al Covid alle vaccinazioni e ai richiami, piuttosto che la mitezza generale di Omicron, così come la prevalenza di reinfezioni e, quindi, l’immunità naturale.

Politica giusta, ragione sbagliata. Uno degli aspetti meno discussi della pandemia di Covid è la prevalenza di infezioni precedenti e “immunità naturale”, che il CDC ha recentemente ammesso essere superiore all’immunità vaccinale per lunghi periodi di tempo. Un nuovo studio React dell’Imperial College di Londra ha dimostrato che il 64,6% dei casi in Inghilterra dal 5 al 20 gennaio erano reinfezioni da COVID.

La scorsa settimana, il primo ministro Boris Johnson ha annunciato che gli obblighi sui vaccini e le restrizioni sul lavoro sarebbero state presto revocate – al più tardi a marzo.

“Il governo non imporrà più l’uso di mascherine per il viso da nessuna parte”, ha detto. “Non avremo più bisogno di mascherine nelle aule… Ci fideremo del giudizio del popolo britannico e non criminalizzeremo più nessuno che scelga di non indossarne una”.

“Le persone in Inghilterra non saranno più tenute a indossare mascherine per il viso ovunque o a lavorare da casa dalla prossima settimana, ha riferito mercoledì il primo ministro Boris Johnson, aggiungendo che gli scienziati ritengono che un’ondata della variante del coronavirus Omicron abbia raggiunto il picco a livello nazionale”, ha riferito Reuters.

“Johnson ha affermato che la certificazione obbligatoria COVID-19 finirà, anche se le aziende potrebbero scegliere di continuare con i pass COVID se lo desiderano”, ha aggiunto Reuters. Anche l’autoisolamento o le “quarantene” scadranno a marzo, ma le misure potrebbero essere terminate prima.

Il governo ceco ha annunciato la scorsa settimana che sta ponendo fine agli obblighi del vaccino COVID per fermare “l’aumento delle crepe” nella società. La notizia è stata consegnata dal primo ministro Petr Fiala.

“Questo non cambia la nostra posizione sulla vaccinazione. È ancora senza dubbio il modo migliore per combattere COVID-19 … tuttavia, non vogliamo peggiorare le discriminazioni e il divario sociale “, ha dichiarato Fiala.

Tuttavia, i dati dimostrano chiaramente che la natura ha già “vaccinato” la grande maggioranza delle popolazioni nazionali, indipendentemente dal fatto che abbiano ricevuto o meno un vaccino.

Queste quattro nazioni europee stanno finalmente abbracciando la realtà di tutte le altre pandemie nella storia umana

E l’Italia?

E’ di oggi la ridicola notizia dell’estensione del Green Pass a tempo “illimitato” per i vaccinati con tre dosi. Illimitato almeno finchè le autorità sanitarie non approveranno la somministrazione della quarta dose per i cittadini che si sono già sottoposti alla terza e che avrebbero la revoca dei “diritti acquisiti” tramite certificazione verde dopo appena 6 mesi.

Il panorama politico dell’Italia è davvero sconfortante, una classe dirigente che va in netta controtendenza rispetto al resto dell’ Europa e che ogni giorno perde sempre più credibilità e autorevolezza gli occhi della popolazione.

Anche i più ligi alle regole, per quanto esse possano essere assurde e illogiche stanno finalmente realizzando che il governo italiano è perso in una spirale di autoconservazione e che le misure adottate, data l’impennata di contagi e decessi nonostante gli altissimi tassi di vaccinazione, nulla hanno a che vedere con la salute pubblica.

Iscriviti alla nostra newsletter

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


eVenti Avversi

Read Previous

Un potente messaggio sui danni da vaccino COVID da parte di un membro del Parlamento europeo

Read Next

Quattro casi di emofilia A acquisita a seguito di immunizzazione con vaccino mRNA Pfizer

Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro

Ads Blocker Rilevato

Abbiamo rilevato che utilizzi adblock. Per proseguire la navigazione, per favore, disabilitalo sul nostro sito. Ci aiuta a mantenere i costi del servizio.

Powered By
Best Wordpress Adblock Detecting Plugin | CHP Adblock