• Gennaio 31, 2023

Uno studio finanziato dai CDC conclude che gli individui v. tre volte hanno maggiori probabilità di contrarre la COVID-19 sintomatica rispetto ai non v.

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


Secondo un nuovo studio finanziato dai CDC, le persone che hanno ricevuto due o tre dosi di iniezione di RNA messaggero COVID-19 hanno maggiori probabilità di contrarre la COVID-19 con sintomi.

I ricercatori hanno scoperto che le persone v. avevano maggiori probabilità di contrarre la COVID-19 sintomatica rispetto a quelle non v., con la variante Omicron, anche se avevano ricevuto un richiamo oltre alla serie primaria.

I ricercatori dell’Università dello Utah e di altre istituzioni hanno esaminato il personale sanitario, i primi soccorritori e altri lavoratori in prima linea dal 14 dicembre 2020 al 19 aprile 2022. I partecipanti hanno inviato tamponi nasali auto-raccolti su base settimanale, oltre che quando hanno manifestato segni di malattia.

Tra le persone infettate da COVID-19 da quando Omicron è diventato il ceppo virale dominante alla fine del 2021, 109 non erano v. e 634 erano v.

Di questi, 85 non v. erano sintomatici, rispetto a 216 individui che hanno ricevuto una serie primaria di v. con RNA messaggero (mRNA) – due dosi di v. Pfizer o Moderna – e 327 soggetti che hanno ricevuto un richiamo in aggiunta alle dosi iniziali.

I ricercatori hanno calcolato le probabilità di contrarre la COVID-19 sintomatica e altri esiti e hanno scoperto che i partecipanti non v. avevano le minori probabilità di contrarre la COVID-19 sintomatica.

“Tra quelli con infezione da Omicron, il rischio di infezione sintomatica non differiva significativamente per lo stato vaccinale a 2 dosi rispetto allo stato non vaccinato ed era significativamente più alto per i riceventi a 3 dosi rispetto a quelli non vaccinati “

https://jamanetwork.com/journals/jama/fullarticle/2797418

Lo studio è stato pubblicato sul Journal of the American Medical Association.

I ricercatori hanno utilizzato la rete HEROES-RECOVER, che comprende l’Arizona Healthcare, Emergency Response and Other Essential Workers Surveillance Study (HEROES) e il Research on the Epidemiology of SARS-CoV-2 in Essential Response Personnel (RECOVER). La rete è finanziata dai Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie.

Link allo studio: https://jamanetwork.com/journals/jama/fullarticle/2797418

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


eVenti Avversi

Read Previous

40 anni, la moglie lo trova morto nel letto. Lascia due bambini

Read Next

Un altro malore improvviso in diretta – la giornalista sviene durante il dibattito politico. Il VIDEO

Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro

Ads Blocker Rilevato

Abbiamo rilevato che utilizzi adblock. Per proseguire la navigazione, per favore, disabilitalo sul nostro sito. Ci aiuta a mantenere i costi del servizio.

Powered By
Best Wordpress Adblock Detecting Plugin | CHP Adblock