• Settembre 26, 2022

3.573 decessi fetali in VAERS a seguito di vaccini COVID-19 – Aumento del 1.867% rispetto ai vaccini non COVID

di Brian Shilhavy
Editor, Health Impact News

Il database del Vaccine Adverse Events Reporting System (VAERS) del governo degli Stati Uniti è stato aggiornato lo scorso venerdì 11 febbraio 2022 e ora riporta che ci sono stati 1.103.893 casi di lesioni e decessi a seguito di vaccini COVID-19 da dicembre 2020, quando la FDA ha rilasciato autorizzazioni all’uso di emergenza per i vaccini COVID-19. (Fonte.)

Al contrario, ci sono stati 918.856 casi di lesioni e decessi a seguito di tutti i vaccini approvati dalla FDA per i precedenti 30 anni, dal 1990 al novembre del 2020. (Fonte.)

Quindi ci sono stati più infortuni e decessi registrati in VAERS negli ultimi 14 mesi a seguito di vaccini COVID-19, rispetto ai precedenti 30 + anni combinati dopo tutti i vaccini registrati in VAERS.

Le morti fetali aumentano del 1.867% a seguito dei vaccini COVID-19

Questo aggiornamento più recente di VAERS mostra che ora ci sono stati 3.573 decessi fetali a seguito di vaccini COVID-19. (Fonte.)

Utilizzando la stessa ricerca per tutti i vaccini approvati dalla FDA per i precedenti 30 anni prima che i vaccini COVID-19 ricevessero l’autorizzazione all’uso di emergenza nel dicembre del 2020, troviamo 2.519 decessi fetali, la stragrande maggioranza dei quali seguiva i vaccini prodotti da Merck, che includevano i vaccini Gardasil. (Fonte.)

Ecco le medie annuali:

  • 82 decessi fetali all’anno a seguito di vaccini non COVID
  • 3063 decessi fetali all’anno a seguito di vaccini COVID-19

Queste medie si ottengono prendendo il numero totale di decessi fetali a seguito di vaccini non COVID e diviso per 31, e per i decessi fetali a seguito di vaccini COVID-19 ho diviso per 14 per ottenere la media mensile, e poi moltiplicato per 12.

Per ottenere una percentuale più accurata di quanti più decessi fetali sono a seguito dei vaccini COVID-19 rispetto a tutti gli altri vaccini approvati dalla FDA, dobbiamo anche tenere conto del numero di dosi somministrate.

L’Health Resources and Services Administration (HRSA) del governo degli Stati Uniti rispetta i dati sul National Vaccine Injury Compensation Program e un rapporto pubblicato il 12/01/2021 mostra che c’erano oltre 4 miliardi (4.092.757.049) dosi di vaccini somministrati negli Stati Uniti tra il 1/01/2006 e il 31/12/2019, un anno prima che i vaccini COVID-19 ricevessero autorizzazioni all’uso di emergenza. (Fonte.)

Usando quell’intervallo di date è stata ripetuta la stessa identica ricerca di morti fetali registrate in VAERS durante quel periodo, e VAERS riporta 1.369 decessi tra quei 4 miliardi + dosi somministrate tra il 1/01/2006 e il 31/12/2019. (Fonte.)

Il CDC ha riferito la scorsa settimana che ci sono state 543 milioni di dosi di vaccini COVID-19 somministrati a partire dal 3 febbraio 2022. (Fonte.)

Quindi, dal 2006 al 2019, c’è stata 1 morte fetale registrata in VAERS per ogni 2.989.596 dosi di vaccini somministrati.

Da dicembre 2020 al 4 febbraio 2022, c’è stata 1 morte fetale registrata in VAERS per sempre 151.973 dosi di vaccini COVID-19 somministrati.

Si tratta di un aumento del 1.867% dei decessi fetali registrati in VAERS a seguito di vaccini COVID-19.

Ecco due storie recenti di giovani madri che hanno perso i loro bambini ancora in grembo subito dopo aver ricevuto la seconda dose di vaccino COVID-19. Forse le loro parole e le loro esperienze, che ovviamente rappresentano, almeno, molte migliaia di altri, possono comunicare meglio quanto sia veramente orribile.

Il video lo trovate anche sul canale Bitchute .

Iscriviti alla nostra newsletter

eVenti Avversi

Read Previous

Come le vaccinazioni a mRNA producono AIDS da vaccino

Read Next

Camilla Bianchi, Garante per l’Infanzia in Toscana, scrive a Governo e a Regione: “basta con le discriminazioni dei bambini senza green pass”