• Maggio 21, 2024

Allarme su possibili malori in Qatar per i mondiali. Nei mesi scorsi ondata di problemi cardiaci ai calciatori alla Coppa d’Africa. Ecco cosa ha detto l’organizzazione

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


Domenica 20 novembre inizieranno i mondiali in Qatar con la partita inaugurale Qatar-Ecuador e l’organizzazione ha dato l’allarme su possibili malori.

Lo scorso gennaio, nel torneo di Coppa d’Africa, è stata una strage di problemi cardiaci: il calciatore del Sassuolo Pedro Obiang non ha potuto partecipare con la sua nazionale della Guinea a causa di una miocardite da vaccino. I nazionali del Gabon Pierre Emerick Aubameyang,  Axel Meyé  e Mario Lemina hanno avuto lesioni cardiache durante il torneo (leggi il nostro articolo “Una strage. Torneo della Coppa d’Africa decimato per calciatori vaccinati con problemi cardiaci”). L’attaccante del Napoli e della nazionale algerina Adam Ounas ha dovuto abbandonare il torneo a causa di un problema cardiaco (leggi il nostro articolo “Problema cardiaco per l’attaccante 25enne del Napoli Adam Ounas. Lo annuncia il suo allenatore della nazionale algerina. Un mese fa ha ricevuto la terza dose”). Il centrocampista della Lazio e della nazionale della Costa D’Avorio Akpa-Akpro ha dovuto abbandonare il torneo per un improvviso problema respiratorio (leggi il nostro articolo “Il centrocampista vaccinato della Lazio Akpa-Akpro colpito da grave polmonite covid. Capacità respiratoria ridotta al 50%”). Il calciatore di origini ghanesi del Bayern Monaco Alphonso Davies era stato colpito da improvvisa miocardite (leggi il nostro articolo “Il calciatore del Bayern Monaco Alphonso Davies ha ricevuto il booster a dicembre e ora ha una miocardite. Carriera finita?”). Il difensore della nazionale del Mali Ousman Koulibali non ha potuto partecipare al torneo per un infarto in campo di pochi giorni prima.

Qualche giorno fa c’è stato già un allarme lanciato dalla Federazione Argentina di Cardiologia relativo ai mondiali in Qatar (leggi il nostro articolo “L’ultimo annuncio dei medici: “aumenteranno i problemi cardiaci nelle prossime settimane e sappiamo il motivo!”).

Ora, un altro allarme proviene dall’organizzazione del torneo. La colpa, a loro dire, sarebbe del “virus del cammello”. Secondo quanto riferito dall’organizzazione e riportato dal settimanale colombiano Semana, oltre alle squadre e ai loro staff, il rischio sarà per “migliaia di tifosi già scesi in piazza in questi giorni con bandiere, magliette e tanto colore, cosa consueta ogni volta che si avvicina l’evento mondiale. Ma quella stessa densità di turisti mette in allerta l’organizzazione, che deve garantire non solo l’incolumità dello spettatore, ma anche la salute pubblica, che comincia ad essere minacciata dal ‘virus del cammello’ o Coronavirus della sindrome respiratoria del Medio Oriente ( MERS).
Con l’avvicinarsi della Coppa del Mondo, i numeri di questa malattia sono in crescita. Finora sono stati registrati 28 casi in Qatar, numeri che contrastano con i risultati positivi che erano stati presentati prima dell’arrivo dei tifosi”.

Continua il giornale Semana:“l’Organizzazione mondiale della sanità ha chiesto che vengano prese misure dal governo del Qatar per evitare un’ondata di contagi durante il mese delle competizioni. Trattandosi di un virus che si comporta in modo simile al covid-19, è necessario isolare le persone contagiate

Il Ministero della Sanità Pubblica del Qatar ha una vasta rete di ospedali a disposizione dei visitatori, che si aggiunge al servizio fornito dall’organizzazione della Coppa del Mondo in ciascuno degli stadi e delle fan-zone. Nonostante ciò, il governo di quel paese richiede che i visitatori dispongano di un’assicurazione di viaggio per far fronte a qualsiasi emergenza medica.
Secondo l’OMS, questo virus, che appartiene alla famiglia dei coronavirus, ha un tasso di mortalità del 35% tra i contagiati. La malattia è stata rilevata per la prima volta in Arabia Saudita nel settembre 2012 e da quella data fino allo scorso maggio l’OMS ha riportato un totale di 2.587 casi e 891 morti.

Finora le autorità del Qatar hanno segnalato sette decessi, l’ultimo dei quali è avvenuto a maggio. Il virus sembra essere trasmesso bevendo latte di cammello crudo, tuttavia, quando la persona è già infetta, può diffondere rapidamente il virus attraverso la saliva, proprio come è successo con il covid-19.
Ecco perché la Fifa e il comitato organizzatore affrontano una dura sfida per celebrare la Coppa del Mondo senza battute d’arresto in termini di salute e sicurezza. Le cifre record di vendita dei biglietti stanno diventando una preoccupazione anche per un paese con pochissima esperienza in questo tipo di eventi.

Secondo i dati Fifa, la Coppa del Mondo ha venduto un numero astronomico di 2,45 milioni di biglietti, con Qatar, Stati Uniti, Inghilterra, Arabia Saudita, Messico, Emirati Arabi Uniti, Francia, Argentina, Brasile e Germania in testa alla classifica delle vendite di biglietti. per paese di residenza.
Solo nell’ultimo periodo di vendita, che va dal 5 luglio al 16 agosto, in cui i tifosi hanno potuto acquistare i biglietti in base all’ordine di arrivo tramite FIFA.com/tickets, sono stati venduti un totale di 520.532 biglietti.

Il maggior numero di biglietti assegnati riguarda partite della fase a gironi come Camerun-Brasile, Brasile-Serbia, Portogallo-Uruguay, Costa Rica-Germania e Australia-Danimarca. I fan che vivono in Qatar, Arabia Saudita, Stati Uniti, Messico, Emirati Arabi Uniti, Inghilterra, Argentina, Brasile, Galles e Australia hanno avuto il maggior numero di biglietti”.

FONTE

Iscriviti alla nostra newsletter

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


eVenti Avversi

Read Previous

Dopo i tre camionisti deceduti in Lombardia in poche ore, altri due muoiono per malore improvviso nella stessa città

Read Next

Un altro malore improvviso in aereo oggi giovedì 17 novembre. Muore passeggero

Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro

Ads Blocker Rilevato

Abbiamo rilevato che utilizzi adblock. Per proseguire la navigazione, per favore, disabilitalo sul nostro sito. Ci aiuta a mantenere i costi del servizio.

Powered By
Best Wordpress Adblock Detecting Plugin | CHP Adblock