• Dicembre 10, 2022

ANTIVIRALE Pfizer Paxlovid: i pazienti si reinfettano, le ricadute sono frequentissime e OVVIE. Vi spieghiamo il perchè

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


The Washington Post ha pubblicato un articolo dai toni allarmistici, si tratta del caso clinico riguardante Gregg Crumley un biologo molecolare in pensione che vaccinato e potenziato, ha sviluppato un’infezione rivoluzionaria ( ha contratto nuovamente il Covid). Ci sono sempre più segnalazioni di pazienti che sono stati trattati con la pillola antivirale di Pfizer che hanno sperimentato un secondo ciclo di Covid-19 poco dopo il recupero, secondo NBC.

“Un altro raro puzzle del virus: si sono ammalati, sono stati curati, hanno preso di nuovo il covid”

“Crumley, 71 anni, ha contattato il suo medico due giorni dopo, il quale gli ha prescritto un ciclo di Paxlovid, un regime di cinque giorni di pillole antivirali che mira a impedire alle persone di ammalarsi gravemente.Il giorno in cui ha assuntola sua ultima dose, i suoi sintomi stavano diminuendo. Ha testato ciascuno dei tre giorni successivi: tutti negativi. Poi, nel bel mezzo di una riunione Zoom della comunità, ha iniziato a sentirsi di nuovo male. Crumley, che è vaccinato e potenziato, pensava che potessero essere effetti residui della sua risposta immunitaria al virus. Ma i brividi erano più prolungati e spiacevoli. Ha testato. Positivo. Di nuovo, scrive il giornale.

A questo punto si scatena il panico:

“Crumley, come altri pazienti che hanno avuto ricadute dopo l’assunzione di Paxlovid, è perplesso e preoccupato. Su Twitter, medici e pazienti sono impegnati in un brainstorming di gruppo in tempo reale su ciò che potrebbe accadere, con scarse prove con cui lavorare.

È l’ultima svolta – e l’enigma più recente – nella pandemia, un promemoria che due anni dopo, il mondo è ancora in fase di apprendimento con il coronavirus.

Gli esperti di malattie infettive concordano sul fatto che questo fenomeno del rimbalzo del virus dopo che alcuni pazienti assumono il farmaco sembra essere reale ma raro.

Ciò che è chiaro è che i pazienti dovrebbero essere avvertiti che è possibile in modo che non si facciano prendere dal panico – e in modo che sappiano di doversi testare di nuovo se iniziano a sentirsi male. Sono necessari più dati per capire cosa sta succedendo. Paxlovid, prodotto dal gigante farmaceutico Pfizer, rimane un farmaco utile, anche se ha scatenato un nuovo mistero“.

Ma quale mistero? Si sapeva tutto

Ad esempio occorre sapere che la società ha escluso i pazienti che erano stati vaccinati contro Covid-19 dalla sperimentazione clinica di Paxlovid. Ora alcuni pazienti Covid vaccinati che assumono il farmaco hanno difficoltà a eliminare il virus, e ci si meraviglia…

Il sequenziamento genomico indica che questi pazienti non vengono reinfettati. Né vi è alcuna prova che il virus sia improvvisamente mutato per renderlo resistente al farmaco. Semplicemente, i pazienti stanno lottando per eliminare il virus.

“Si scopre che Paxlovid riduce i sintomi e forse riduce la carica virale al giorno 5, ma allo stesso tempo non elimina il virus! Non solo, i pazienti non sono in grado di debellarlo per periodi prolungati DOPO che la somministrazione di Paxlovid è terminata”. [1]

Secondo un articolo della CNN, Pfizer afferma che “un piccolo numero” di pazienti sia nel gruppo di trattamento che in quello placebo dello studio clinico per Paxlovid ha sperimentato cariche virali più elevate da 10 a 14 giorni dopo l’inizio del trattamento rispetto alle loro cariche virali al quinto giorno. La società ha concluso che poiché è successo in entrambi i gruppi del processo, la scoperta non fosse correlata al farmaco.

Tuttavia, in un post sul blog del 25 aprile su NEJM Journal Watch, il Dr. Paul Sax, specialista in malattie infettive presso la Harvard Medical School, ha invitato Pfizer a rilasciare più dati su questi casi di rimbalzo, comprese le informazioni sulla salute dei partecipanti.

Ciò che sia Pfizer che la CNN non hanno notato è che Pfizer ha escluso i pazienti vaccinati contro il Covid dalla sperimentazione clinica del farmaco:

criteri di inclusione/esclusione specificavano che i soggetti dovevano avere almeno uno dei seguenti fattori di rischio per la progressione verso la malattia grave: ≥60 anni di età; BMI >25; fumatore attuale; malattia immunosoppressiva o trattamento immunosoppressivo; malattia polmonare cronica; ipertensione; malattie cardiovascolari; diabete; malattia renale cronica; anemia falciforme; disturbi dello sviluppo neurologico; cancro attivo; dipendenza tecnologica correlata alla medicina. Sono stati esclusi gli individui che avevano una storia di precedente infezione o vaccino COVID-19 [2]

L’articolo della CNN citava il dottor Michael Charness, un neurologo di Boston che ha detto di aver osservato lo stesso misterioso fenomeno nella sua pratica. Ancora una volta, il caso che ha descritto riguardava un paziente che era completamente vaccinato, ma Charness non ha associato il problema al vaccino.

Quindi ecco qualche domanda:

  • Paxlovid interagisce in qualche modo con il sistema immunitario dei vaccinati per causare la ricaduta dei pazienti?
  • Questo è l’ennesimo esempio di Pfizer che testa il suo prodotto su una popolazione, per poi venderlo a una popolazione completamente diversa, con risultati deleteri?
  • Se il farmaco doveva essere raccomandato sia per i vaccinati che per i non vaccinati, perché l’azienda ha escluso i vaccinati dalla sperimentazione clinica?

È imperativo che i ricercatori ora determinino se i pazienti non vaccinati che assumono Paxlovid hanno la stessa probabilità di ricadere, o se questo rischio esiste esclusivamente per i vaccinati.

Pfizer ha l’obbligo di informare i pazienti che stanno prendendo in considerazione l’assunzione di uno qualsiasi dei suoi prodotti, dell’intera gamma di rischi e di eventuali benefici.

Inoltre tutti dovrebbero sapere che ci sono stati pochissimi test sulla sicurezza a breve e lungo termine di questo prodotto, esattamente quello che è successo con i vaccini COVID. Un buon test di un nuovo farmaco dovrebbe richiedere molti mesi o addirittura anni.

Il farmaco, Paxlovid, ha ricevuto un’autorizzazione all’uso di emergenza da parte della FDA per l’uso in pazienti dai 12 anni in su che sono risultati positivi al COVID-19 e sono ad alto rischio.

Ecco alcune brevi dichiarazioni riassuntive su questo nuovo prodotto:

È stato approvato dalla FDA senza riunioni esterne, revisioni serie dei dati dei test o opportunità di input pubblici. Praticamente tutto il lavoro normativo è stato fatto a porte chiuse. Fantastico per Pfizer. Male per il pubblico.

Di rilievo, si noti che negli studi solo il 21% delle persone ha avuto una comorbilità, mentre in realtà il 94% dei decessi COVID ha almeno una comorbilità, e il numero medio di condizioni mediche sottostanti è quattro.

Per quanto riguarda la scienza antivirale, gli enzimi proteasi devono essere presenti affinché il virus possa infettare con successo completando il ciclo prima di assumere la cellula. Paxlovid o qualsiasi farmaco classificato come “inibitore della proteasi” inibisce o diminuisce l’enzima proteasi, interferendo con il virus. Paxlovid impedisce alla proteasi 3CLPro di tagliare la proteina lunga in pezzi. Il virus non può separare i pezzi da ritagliare e assemblare. Non può fare copie di se stesso. L’infezione da COVID si ferma rapidamente.

Contrariamente a quanto affermano i governi, l’ivermectina è l’inibitore della proteasi di maggior successo e comprovato in uso in tutto il mondo. Proprio come con Paxlovid, l’ivermectina diminuisce l’enzima proteasi ma… ci sono benefici dell’ ivermectina nel trattamento COVID che non sono presenti in PaxlovidUlteriori azioni dell’ ivermectina includono l’azione anticoagulante e le azioni antinfiammatorie, entrambe osservate nelle infezioni da COVID. Inoltre IVM è stata usata in modo sicuro per decenni e ci sono stati molti studi medici e risultati clinici che mostrano la sua efficacia antivirale e antinfiammatoria.

Paxlovid richiede l’associazione con un farmaco per l’HIV/AIDS, Ritonavir, che previene la degradazione del Paxlovid in modo che possa inibire o diminuire l’enzima, interrompendo il ciclo di vita virale. Ritonavir agisce come un booster per Paxlovid, mantenendolo attivo all’interno del corpo di una persona. Ritonavir ha controindicazioni e gli effetti collaterali includono PROBLEMI DI FEGATO (a ridaje), pancreas e cuore potenzialmente letali.

Il pubblico vuole davvero assumere un farmaco per l’HIV / AIDS?

Un ciclo del trattamento è di 20 pillole Paxlovid e 10 pillole di ritonavir prese in cinque giorni.

 L’assunzione di 6 pillole al giorno può rappresentare una sfida per molte persone anziane in particolare.

Secondo il comunicato stampa di Pfizer, per le persone con comprovata infezione da COVID, Paxlovid riduce il ricovero in ospedale / morte dell’89% se assunto entro tre giorni dall’insorgenza dei sintomi. Quindi nel gruppo di trattamento c’erano 5 su 697 ricoverati senza decessi rispetto ai 44/682 ricoverati con 9 decessi successivi.

Pensate all’indicazione di assumere questa combinazione di farmaci entro tre giorni dall’insorgenza dei sintomi. Ecco i problemi critici che devono affrontare le persone comuni: come puoi identificare con precisione i sintomi COVID da sintomi simili dell’influenza o di un brutto raffreddore; come puoi ottenere un test veloce; come puoi metterti in contatto con il tuo medico entro un solo giorno o due e decidere se hai davvero COVID (non hai interazioni farmacologiche) e, in tal caso, ottenere una prescrizione; come puoi ottenere la prescrizione compilata rapidamente? Nessuno di questi problemi è facile da affrontare e superare. Tutto ciò rende questa nuova medicina combinata irrealistica e poco pratica per quasi tutti.

È stata anche riportata una diminuzione approssimativa di 10 volte della carica virale al giorno 5, rispetto al placebo, che indica una robusta attività contro SARS-CoV-2 e rappresenta (presumibilmente) la più forte riduzione della carica virale riportata fino ad oggi per un agente antivirale orale COVID-19.

Quanto sarebbe stato interessante testare il farmaco Pfizer contro un protocollo di ivermectina…

In termini di sicurezza, gli effetti indesiderati più comuni riportati durante il trattamento e fino a 34 giorni dopo l’ultima dose di Paxlovid sono stati disgeusia (disturbi del gusto), diarrea e vomito. Ma quali effetti collaterali più gravi possono manifestarsi mesi o anni dopo?

Paxlovid non deve essere usato in associazione ad alcuni altri medicinali, sia perché a causa della sua azione può portare ad aumenti dannosi dei livelli ematici dei pazienti, sia perché al contrario alcuni medicinali possono ridurre l’attività di Paxlovid stesso. L’elenco dei medicinali che non devono essere usati con Paxlovid è incluso nelle condizioni d’uso proposte. Tale elenco include un numero molto elevato di farmaci e integratori utilizzati da molti milioni di persone, tra cui, ad esempio, Lipitor e erba di San Giovanni. Paxlovid non deve inoltre essere usato in pazienti con funzionalità renale o epatica gravemente ridotta.

Paxlovid non è raccomandato durante la gravidanza e nelle donne che possono rimanere incinte e che non usano metodi contraccettivi. L’allattamento al seno deve essere interrotto durante il trattamento. Queste raccomandazioni sono perché studi di laboratorio sugli animali suggeriscono che alte dosi di Paxlovid possono avere un impatto sulla crescita del feto.

Pfizer ha colpito ancora.

Iscriviti alla nostra newsletter

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


eVenti Avversi

Read Previous

Malore fatale nel sonno: Matteo muore a 27 anni

Read Next

Muore bimba di 6 anni nel sonno, aperta un’inchiesta

Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro

Ads Blocker Rilevato

Abbiamo rilevato che utilizzi adblock. Per proseguire la navigazione, per favore, disabilitalo sul nostro sito. Ci aiuta a mantenere i costi del servizio.

Powered By
Best Wordpress Adblock Detecting Plugin | CHP Adblock