• Agosto 16, 2022

Armi biologiche statunitensi in Ucraina. La Cina vuole chiarimenti, la Russia indaga

I media occidentali tacciono, ma la vicenda che circonda i biolaboratori statunitensi in Ucraina sta diventando sempre più calda. La speculazione sulle armi biologiche sta diventando rumorosa. Martedì, anche la Cina è intervenuta e ha chiesto chiarimenti agli Stati Uniti. Mercoledì, la Russia ha annunciato un procedimento penale. Il portavoce di Vladimir Putin ha dichiarato: Il mondo intero vuole sapere cosa stanno facendo gli Stati Uniti lì.

La vicenda che circonda i biolaboratori statunitensi in Ucraina sta diventando sempre più esplosiva e raggiunge proporzioni globali. Martedì, la Cina ha chiesto informazioni, lo stesso giorno, la senatrice statunitense Victoria Nuland ha confermato l’esistenza dei biolabs inizialmente respinta dagli Stati Uniti. Mercoledì, il portavoce di Vladimir Putin ha rilanciato l’allarme.

Il fatto che i biolaboratori esistano è indiscutibilmente dimostrato da fonti americane. Nuland, Segretario di Stato dell’Amministrazione Biden, lo ha ora confermato da parte ufficiale. “Ci sono strutture di ricerca biologica in Ucraina, e temiamo che la Russia ne prenderà il controllo”, ha riferito al Senato martedì. Stanno lavorando con l’Ucraina in modo che il “materiale di ricerca” non cada nelle mani della Russia.

Il portavoce di Vladimir Putin, Dimitry Peskov ha dichiarato mercoledì: “Il mondo intero sarà interessato a sapere cosa hanno fatto esattamente i biolaboratori americani in Ucraina”. Certo che ha ragione. Ma al mondo verrà detta la verità?

Anche la Cina commenta

Nel frattempo sono state avviate indagini anche in Russia. Ora viene avviato un procedimento penale in relazione alle informazioni sullo sviluppo di armi biologiche in Ucraina al fine di stabilire tutte le circostanze e le persone responsabili, secondo il Cremlino.

Tutto ciò potrebbe rappresentare una violazione della Convenzione sulla proibizione dello sviluppo, della produzione e dello stoccaggio di armi batteriologiche (biologiche) e tossiche e sulla loro distruzione”, ha riferito mercoledì l’ufficio del procuratore russo.

Martedì, anche la Cina è intervenuta sul caso. La dichiarazione del portavoce cinese del ministero degli Esteri, Zhao Lijian, è passata in gran parte inosservata dai media occidentali. Ha invitato il Pentagono a divulgare le informazioni sui biolaboratori statunitensi in Ucraina “il prima possibile“.

Pechino ritiene che i laboratori in Ucraina siano solo la “punta di un iceberg” e che il Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti controlli “336 laboratori biologici in 30 paesi in tutto il mondo”.

Zhao ha anche affermato che secondo i dati “pubblicati dagli stessi Stati Uniti”, ci sono 26 laboratori statunitensi in Ucraina. Ha invitato “tutte le parti interessate” a garantire la sicurezza dei laboratori di fronte all’offensiva militare russa.

Gli Stati Uniti inizialmente respingono

Kiev ha negato lo sviluppo e la ricerca di armi biologiche nei laboratori sul suo territorio, anche Victoria Nuland, ma non altrettanto chiaramente. Ha risposto quando le è stato chiesto se l’Ucraina disponesse di sostanze chimiche o biologiche, che l’Ucraina ha strutture di ricerca biologica. Se ci fosse un incidente corrispondente nella guerra in corso, la Russia sarebbe responsabile.

L’ex capo scienziato di Pfizer Mike Yeadon, uno dei principali critici del vaccino mRNA, ha una visione molto diversa sul suo canale Telegram: “Se i biolaboratori statunitensi fossero usati per la “difesa”, sarebbero negli Stati Uniti e non vicino al confine con la Russia. Legalmente, potrebbero condurre questi pericolosi esperimenti su un’isola del Pacifico quando si tratta di legalità e sicurezza. Ma non lo fanno. Optano per la Cina e la Russia perché sono interessati al bioterrorismo o alla bioguerra. Perché sempre in Cina o vicino alla Russia? Perché non da qualche altra parte? Questo è abbastanza ovvio. Non hanno scuse. Ancora una volta è evidente”.

Source

Iscriviti alla nostra newsletter

eVenti Avversi

Read Previous

I biolabs finanziati dagli Stati Uniti in Ucraina hanno condotto una ricerca sul coronavirus dei pipistrelli, afferma il Ministero della Difesa russo

Read Next

Infarto fulminante durante una consegna per il corriere 39enne Angelo Stanco pochi giorni dopo la terza dose. Nove indagati dalla Procura di Pisa