• Giugno 25, 2024

Articolo pubblicato da un giornale locale sabato 19 novembre. Sconvolgente aumento dell’eccesso di mortalità rispetto al 2020 e al 2021. Tutti i dati

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


Articolo pubblicato ieri, sabato 19 novembre, da “Ultima Hora”:

“L’eccesso di mortalità nelle Isole Baleari aumenta del 400% nel 2022 rispetto al primo anno della pandemia
Finora quest’anno sono stati registrati 1.436 decessi in più del previsto, rispetto ai 288 del 2020 e ai 746 del 2021

L’eccesso di mortalità è salito alle stelle nelle Isole Baleari del 398,6% finora quest’anno, rispetto al primo anno della pandemia e del 92,49 rispetto al secondo, secondo i dati forniti dal sistema di monitoraggio della mortalità giornaliero (MoMo). La specialista in Sanità Pubblica e Medicina Preventiva, Joan Carles March, ha precisato che nel 2020 ci sono stati 288 decessi in più del previsto, di cui 28 attribuibili ai cambiamenti climatici. Nel 2021 sono stati registrati 746 decessi in eccesso, di cui 60 attribuibili ai cambiamenti climatici. Mentre nel 2022, solo fino al mese di novembre, sono già stati registrati 1.436 decessi in più per tutte le cause, di cui 72 dovuti ai cambiamenti climatici.

“Dal 1 gennaio 2020, il MoMo ha identificato nelle Baleari 2.469 morti in più del previsto nel complesso e 161 morti attribuibili al clima”, ha riassunto March. Inoltre, ha precisato che “se guardiamo nel dettaglio al 2022, i mesi di agosto e luglio sono i mesi con il maggior eccesso di decessi per tutte le cause: rispettivamente con 228 e 216”. Significativi anche i decessi accumulati nei mesi di giugno (173), settembre (150), gennaio (134), febbraio (108) e ottobre (97).

Perché i decessi sulle Isole sono aumentati così tanto?
Lo specialista della sanità pubblica ha spiegato che ci sono diversi motivi che hanno portato a questo elevato eccesso di decessi. Uno di questi è il “deficit sanitario, con ritardi negli appuntamenti che vanno da alcuni giorni a due settimane”. Inoltre, c’è stato “uno scarso controllo dei pazienti cronici, che hanno avuto una significativa diminuzione del numero di visite di follow-up per più di due anni. Sono state fatte diagnosi tardive anche in varie patologie, che vanno da infarti, ictus o tumori; mentre si è verificato l’invecchiamento della popolazione.

Un altro fattore importante nell’eccesso di mortalità è il “deterioramento della salute nelle persone vulnerabili sopravvissute al COVID-19, tra gli altri effetti indiretti della pandemia”. Ha colpito anche i cittadini sani che hanno superato il coronavirus, poiché hanno un rischio vascolare maggiore. Le malattie coronariche e gli ictus sono tradizionalmente la prima causa di mortalità in Spagna. Tuttavia, nel 2020 entrambi sono stati superati dal COVID-19, che era causa – ufficialmente, anche se questa cifra è sicuramente molto inferiore- di 60.000 dei 500.000 morti.

A suo avviso, “più sorprendenti e inquietanti sono i dati del 2021, anno in cui secondo l’Istituto sanitario Carlos III si è registrato un eccesso di decessi di quasi 25.000 persone in Spagna, la cui origine non è chiara. Questo dato cresce nel 2022, poiché, secondo Eurostat (altro sistema di misurazione diverso dal MoMo), la Spagna è stata -con 48.000 morti- il paese dell’Unione Europea che ha registrato il più alto eccesso di mortalità tra marzo e giugno di quest’anno, rispetto alla media dello stesso periodo nei quattro anni precedenti”.

Aumento di ictus, infarti miocardici e tromboembolie polmonari
A questo punto, ha sottolineato che “una teoria ritiene che la più alta mortalità abbia a che fare con la capacità del virus SARS-CoV-2 di infettare. In questo modo, una banale infezione genera una patologia endoteliale (delle vene e delle arterie) e facilita la morte di origine vascolare. Sul punto, ha sottolineato che “l’eccesso di morti nel 2021 e nel 2022 sarà dovuto soprattutto ad un aumento di ictus, infarti del miocardio, tromboembolia polmonare e alla stessa infezione da coronavirus”.

Lo specialista di sanità pubblica ha anche sottolineato che “ci sono alcune teorie -ampiamente diffuse in alcuni forum -, che indicano che la causa dell’eccesso di mortalità sia motivata da complicazioni derivate dalla vaccinazione di massa contro il COVID-19”. March ha concluso che “l’eccesso di morti nel 2021 e, soprattutto, nel 2022 dà luogo a molte speculazioni”. A suo avviso, “l’ignoranza porta alla speculazione, che è seguita da voci e, alla fine, abbiamo teorie per tutti i gusti”. Per tutti questi motivi, ritiene che “è urgentemente necessaria un’indagine seria e completa per scoprire perché gli spagnoli in generale e le Isole Baleari in particolare muoiono in modo eccessivo”.

I professionisti si sono concentrati sul COVID a scapito di altri problemi
Da parte sua, la presidente dell’Ordine Professionale degli Infermieri delle Isole Baleari, María José Sastre, ha affermato che “non c’è ancora consenso sulle cause dell’aumento della mortalità. Crediamo che sia un problema multi-causale”. A questo punto, ha sottolineato che alcuni esperti sottolineano il “deterioramento della salute nelle persone vulnerabili che hanno superato il COVID. L’impatto ha colpito in modo diseguale diversi gruppi: gli anziani, coloro che avevano meno risorse o coloro che vivevano da soli e che hanno sofferto più di chiunque altro. L’impatto è stato molto importante anche tra le persone con patologie croniche”.

Sastre ha riconosciuto che “i professionisti e il sistema si sono concentrati su ciò che era più urgente e prioritario: fermare e curare il COVID. Forse non siamo riusciti a dedicarci così tanto ad altri temi molto importanti che riguardano anche la salute e la qualità della vita delle persone, come promuovere stili di vita sani, affrontare gli effetti del cambiamento climatico sulla salute della popolazione, ecc.”. Tuttavia, ha precisato che “quella parte del lavoro degli infermieri, più orientata alla prevenzione e all’educazione e alla promozione della salute, sta già recuperando giorno per giorno”.

A suo avviso, “gli stili di vita sedentari, la cronicità nelle malattie a lungo termine, i cambiamenti climatici e altri fattori sociali rappresentano una grande sfida. Dobbiamo tenere presente che in Spagna l’aspettativa di vita è lunga e ciò significa che ci sono molte persone anziane con malattie croniche legate all’età. Inoltre, il numero di persone anziane che vive da sole continua ad aumentare e la solitudine è un fattore determinante per il declino funzionale. Di fronte a queste sfide, Sastre ha dichiarato che “è essenziale il lavoro di educazione e promozione della salute svolto dagli infermieri”. Per questo ha auspicato “un sistema incentrato sulla salute che abbia, come asse trasversale per ritardare la cronicità, la promozione della salute e la prevenzione delle malattie”.

Da parte sua, il medico legale Borja Moreno ha espresso la sua sorpresa per questo aumento significativo dell’eccesso di mortalità che si è verificato nelle Isole. Per questo, ha chiesto che si svolga un’inchiesta per scoprire esattamente le cause che l’hanno determinata. Sebbene abbia insistito sul fatto di non avere argomenti scientifici per corroborarlo, ha sottolineato che uno dei motivi che potrebbero aver influito è l’elevato numero di turisti che l’Arcipelago delle Baleari ha ricevuto quest’anno; ha ricordato che ci sono stati molti decessi per annegamento, incidenti, ecc.

Il Ministero della Salute non apprezza i dati MoMo
Va notato che il Ministero della Salute ha rifiutato di valutare i dati Momo. “Riteniamo di non poter fare un’analisi qualitativa di un rapporto quantitativo. Non possiamo speculare su cosa possa esserci dietro questo aumento, perché ci mancano molte informazioni e non possiamo speculare come ente pubblico e ufficiale”.

FONTE

Iscriviti alla nostra newsletter

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


eVenti Avversi

Read Previous

VIDEO drammatico di un ragazzo colpito da attacco di cuore in ospedale giovedì 17 novembre

Read Next

Nuovo allarme sulle mascherine: “Migrazione di microplastiche e FTALATI dalle maschere facciali”- STUDIO

Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro

Ads Blocker Rilevato

Abbiamo rilevato che utilizzi adblock. Per proseguire la navigazione, per favore, disabilitalo sul nostro sito. Ci aiuta a mantenere i costi del servizio.

Powered By
100% Free SEO Tools - Tool Kits PRO