• Ottobre 6, 2022

Attenzione! Pericolose conseguenze a lungo termine della miocardite dopo la vaccinazione con mRNA – conferme inquietanti da nuovi studi

di Dr. Dr. Franziska Tischler

L’infiammazione del muscolo cardiaco dopo l’iniezione di mRNA modificato – come vaccino contro il COVID-19 – si traduce in malattie gravi e potenzialmente pericolose per la vita che si verificano con frequenza spaventosa, specialmente nei giovani. Anche i decorsi apparentemente lievi possono portare a conseguenze a lungo termine come insufficienza cardiaca, aritmie cardiache o morte cardiaca improvvisa.

Un segnale MRI allarmante per tali possibili danni tardivi nella miocardite dopo la vaccinazione con mRNA è dimostrato da nuovi studi dalla letteratura. [1]

Rischio di miocardite significativamente aumentato dalla vaccinazione a mRNA

Il rischio di sviluppare miocardite dopo la seconda dose di vaccinazione a mRNA è significativamente aumentato per adolescenti e adulti fino a 49 anni di età, secondo un ampio studio statunitense [2]. Negli adolescenti di sesso maschile tra i 12 e i 15 anni, il rischio dopo la seconda iniezione del vaccino a mRNA BioNTech/Pfizer è 133 volte superiore al rischio normale a questa età. Un aumento a volte drastico può essere visto anche nelle ragazze e nelle giovani donne: nella fascia di età di 16 – 17 anni, ad esempio, il rischio è aumentato di 26 volte dopo la seconda iniezione del vaccino mRNA BioNTech / Pfizer.

Questo è tanto più grave perché gli adolescenti e i giovani adulti sono difficilmente minacciati da gravi decorsi COVID-19 e Long Covid.

Questo rischio acuto di miocardite da vaccinazione a mRNA è noto da tempo, e nel frattempo sono stati pubblicati anche alcuni studi che forniscono nuovi risultati piuttosto inquietanti per quanto riguarda le conseguenze a lungo termine.

Ma prima, alcune informazioni sulla miocardite.

Quanto è pericolosa la miocardite?

Il Paul Ehrlich Institute [3] scrive sulla miocardite dopo la vaccinazione a mRNA: “La miocardite è un’infiammazione del muscolo cardiaco, che può manifestarsi come dolore toracico, palpitazioni, aritmie cardiache fino all’insufficienza cardiaca”.

Uno studio statunitense sulla miocardite nei bambini [4] ha rilevato che il 10% dei bambini affetti non ha subito un recupero completo, il 12% è morto e un altro 12% ha avuto bisogno di un trapianto di cuore. In uno studio retrospettivo di Taiwan [5] per 5 anni, è stata riscontrata una letalità del 22% nei bambini. In 203 pazienti adulti (25 – 39 anni), la letalità è stata del 4,4% dopo un periodo di follow-up mediano di 57 mesi. [6]

La prognosi a lungo termine della miocardite correlata al virus è piuttosto sfavorevole, secondo un’analisi dei cardiologi tedeschi: quasi il 40% dei pazienti muore entro 10 anni. [7]

Quanto sia pericolosa e potenzialmente fatale la miocardite da vaccino a mRNA, non esiste ancora una valutazione conclusiva. Una valutazione iniziale è fornita dalle singole segnalazioni di casi e dalle cifre allarmanti riportate nei portali degli effetti collaterali:

Il Vaccine Adverse Event Reporting System (VAERS) degli Stati Uniti ha un numero eccezionalmente elevato di 6.095 casi di miocardite e pericardite nei giovani di età compresa tra 12 e 39 anni dopo la vaccinazione contro COVID-19 in un periodo dall’inizio della campagna di vaccinazione. In confronto, nel 2018 e nel 2019, ad esempio, ci sono stati un totale di 43 casi segnalati per tutti i vaccini segnalati. [8]

A proposito, il CDC ha verificato in alcuni dei casi di miocardite, se questi soddisfacessero i rigorosi criteri CDC per la mio / pericardite (clinica, laboratorio, ECG, risonanza magnetica, ecc.) ed ha confermato il 67% dei casi. Quindi non è assolutamente vero che la maggior parte dei casi non siano reali.

Secondo uno studio della popolazione danese, il tasso di mortalità nei pazienti affetti da miocardite vaccinati con vaccini BioNTech / Pfizer è stato stimato al 2,1% e anche il tasso di insufficienza cardiaca è stato stimato al 2,1% (periodo di studio da ottobre 2020 a ottobre 2021). [9]

La miocardite è difficile da diagnosticare – spesso sintomi non specifici

La miocardite è spesso difficile da rilevare e diagnosticare. I sintomi sono spesso abbastanza aspecifici, nei bambini “i sintomi cardiaci sono spesso completamente assenti” [10]. A volte compaiono solo sintomi gastrointestinali, cioè dolore addominale, ecc. Anche le donne spesso reagiscono in modo molto atipico. È possibile che il rischio per le donne sia sottovalutato a causa dei sintomi spesso aspecifici e spesso quasi impercettibili. [11] [12] Le donne spesso riportano solo la dispnea (difficoltà respiratorie) come sintomo.

Se la miocardite rimane non trattata, alcuni pazienti sviluppano aritmie potenzialmente letali o insufficienza cardiaca progressiva. Nei bambini, questi numeri sono allarmanti: l’80% dei bambini affetti sviluppa malattie cardiache croniche con miocardite non trattata. [13]

Insidiose conseguenze a lungo termine della miocardite

La cosa particolarmente insidiosa della miocardite è che anche dopo periodi di mesi o addirittura anni senza sintomi poco appariscenti – anche dopo un presunto recupero – possono improvvisamente verificarsi aritmie cardiache potenzialmente letali o insufficienza cardiaca progressiva. [14-17].

Ad esempio, un articolo di revisione sulla miocardite nei bambini e negli adolescenti descrive le conseguenze a lungo termine:

“Un recente studio a lungo termine sulla miocardite pediatrica ha dimostrato che il più grande carico di miocardite potrebbe non essere visibile fino a 6-12 anni dopo la diagnosi, quando i bambini muoiono o devono sottoporsi a un trapianto di cuore per cardiomiopatia cronica dilatativa”. [18]

La Società tedesca per la cardiologia pediatrica avverte nelle linee guida S2k “Cardiologia pediatrica: miocardite nell’infanzia e nell’adolescenza“:

“I bambini con miocardite pregressa richiedono regolari controlli cardiologici pediatrici ambulatoriali a lungo termine, poiché è stato descritto anche un peggioramento tardivo“. [19]

L’American Heart Association nella sua dichiarazione scientifica sulla miocardite nei bambini, sostiene che un muscolo cardiaco danneggiato può lentamente ricostruirsi con buoni risultati nonostante il presunto recupero e diventare miopatico però in età avanzata. [20] Inoltre, il rischio di morte cardiaca improvvisa non sembra essere correlato alla gravità della malattia ed è stato anche osservato con la normale funzione cardiaca sistolica.

Un tale caso di una conseguenza tardiva a lungo termine è descritto in questo articolo da”Circulation“: un 15enne con miocardite clinica è rimasto asintomatico per lungo tempo. Dopo due anni, è morto improvvisamente di morte cardiaca improvvisa. L’autopsia ha rivelato tipici cambiamenti fibrotici nel cuore istologicamente (cioè nell’analisi microscopica del tessuto fine). [21]

La Nota Tecnica (Scheda Tecnica) per “Operatori sanitari che somministrano il vaccino” elenca, ad esempio, per il vaccino Pfizer/BioNTech negli Stati Uniti le informazioni ancora mancanti sulle conseguenze a lungo termine della miocardite e della pericardite [22]:

“Non sono ancora disponibili informazioni su potenziali sequele a lungo termine. (…)”

Ossia: “Non ci sono ancora informazioni sulle possibili conseguenze a lungo termine”.

Sempre più nuovi studi dimostrano che ci sono davvero indicazioni inquietanti di danni tardivi:

Nuovi studi: segnali preoccupanti nella risonanza magnetica cardiaca nella miocardite da vaccino mRNA

In questi nuovi studi, oltre alle solite frasi rassicuranti sul decorso acuto solitamente lieve, ci sono evidenze preoccupanti per quanto riguarda le possibili conseguenze a lungo termine della miocardite da vaccino a mRNA.

Ad esempio, ci sono spesso risultati nella risonanza magnetica cardiaca che indicano una prognosi sfavorevole:

Qui in uno studio dell’Università del North Dakota [23]:

“La presenza di amplificazione tardiva del gadolinio nella risonanza magnetica cardiaca ha suggerito necrosi / fibrosi miocardica e sono necessari ulteriori studi per determinare la prognosi a lungo termine della malattia”.

L‘88,3% dei pazienti sottoposti a risonanza magnetica presentava un tale aumento tardivo del gadolinio (LGE).

Uno studio dell’Università dello Utah [24] :

“I risultati evidenti nella risonanza magnetica cardiaca erano comuni”. “Delle 97 risonanze magnetiche eseguite, il 76,3% ha mostrato prove di aumento tardivo del gadolinio …” Questo risultato è stato anche visto in 6 su 15 risonanze magnetiche eseguite dopo più di 30 giorni a 88 giorni dopo l’insorgenza dei sintomi, che è un segno particolarmente sfavorevole.

In un altro studio, i risultati positivi di LGE sono stati trovati nell’81% dei pazienti sottoposti a studi di risonanza magnetica con miocardite da vaccino a mRNA. [25] Un altro meta-studio descrive risultati LGE positivi nel 94,1% dei pazienti. [26] In uno studio su 15 bambini e adolescenti di età compresa tra 12 e 18 anni, LGE è stato trovato nell‘80% dei pazienti con miocardite da vaccino a mRNA. [27]

I risultati di uno studio a lungo termine su sette pazienti sono particolarmente preoccupanti:
durante i controlli dopo 6 mesi, i risultati LGE positivi sono stati ancora trovati in cinque pazienti nella risonanza magnetica cardiaca. [28]

Cosa significa “aumento tardivo del gadolinio” (LGE)?

Gli agenti di contrasto contenenti gadolinio vengono somministrati durante la risonanza magnetica cardiaca per migliorare il significato diagnostico. Un cosiddetto aumento tardivo del gadolinio – late gadolinium enhancement (LGE) significa – per dirla semplicemente – che circa 10 – 20 minuti dopo la somministrazione del mezzo di contrasto, le aree del muscolo cardiaco sono luminose, il che è associato a danni acuti del muscolo cardiaco e necrosi miocardica, nonché fibrosi e cicatrici nella miocardite. [29]

Tali cicatrici sul muscolo cardiaco possono innescare aritmie cardiache e / o portare a insufficienza cardiaca o cardiomiopatia.

Sul pericolo di cicatrici, il giornale HNA cita il cardiologo pediatrico Dr. Stefan Renz il quale afferma che non esiste una miocardite lieve, il rischio di cicatrici è sempre presente in una malattia corrispondente. Tali cicatrici potrebbero in seguito anche portare a morte cardiaca improvvisa. [30]

LGE come segno di cicatrici sul muscolo cardiaco – indicazione di aumento della mortalità

La LGE positiva ha un’importanza prognostica nella stima di eventi cardiovascolari avversi come la mortalità per tutte le cause e la mortalità cardiaca. La LGE positiva è un forte predittore di esito avverso nella miocardite e nella miocardite clinicamente sospetta.

Soprattutto nel caso degli esami mri, che vengono effettuati pochi mesi dopo l’insorgenza dei sintomi, l’esistenza di LGE parla di fibrosi e quindi di una prognosi sfavorevole.

Un meta-studio con 3 anni di follow-up ha mostrato che gli esiti peggiori si sono verificati principalmente in pazienti con LGE positivo. Gli autori hanno concluso che la LGA positiva è un forte predittore di scarso esito nella miocardite e nella miocardite clinicamente sospetta. Questo è anche indipendente dal livello di LVEF (frazione di eiezione ventricolare sinistra), che a volte è anche visto come un predittore.

Uno studio tedesco ha dimostrato che entro cinque anni, quasi il 20% dei pazienti con miocardite è morto in cui l’accumulo tardivo di gadolinio, LGE, aveva indicato cicatrici. [31]

Un meta-studio del 2021 ha rilevato che, sulla base dei dati di 2328 pazienti di 11 coorti indipendenti, la presenza di LGE ha portato un rischio significativo e 3 volte maggiore dell’endpoint combinato di mortalità per tutte le cause ed eventi cardiaci avversi gravi. [32]

Pertanto, l’insorgenza e, soprattutto, la persistenza di LGE positivi nella miocardite da vaccino a mRNA è un segno allarmante di possibili conseguenze a lungo termine.

Risultato

  • Con la miocardite, c’è sempre il rischio di conseguenze a lungo termine. Anche i decorsi apparentemente lievi possono portare ad aritmie cardiache, insufficienza cardiaca e morte cardiaca improvvisa, anche dopo un periodo privo di sintomi.
  • Nuovi studi mostrano notevoli cambiamenti nella risonanza magnetica cardiaca (aumento tardivo del gadolinio) in molti pazienti con miocardite da vaccino a mRNA. Particolarmente preoccupanti sono i risultati di uno studio in cui questi cambiamenti sono persistiti per 6 mesi dopo la malattia.
  • Questi cambiamenti nella risonanza magnetica cardiaca parlano di cicatrici del muscolo cardiaco e rappresentano un’indicazione allarmante di possibili danni tardivi e scarsi risultati come l’aumento del rischio di morte.

Osservazioni conclusive personali sulle pubblicazioni citate

Naturalmente, nella maggior parte delle pubblicazioni, nonostante tutti questi dati preoccupanti, si ripete come un mantra che i benefici della vaccinazione superino comunque i rischi connessi. Il motivo è fin troppo comprensibile: è certamente molto difficile pubblicare uno studio al momento senza fare dichiarazioni simili. Non si dovrebbe accusare gli autori di questo.

Chiunque conosca il mondo scientifico sa quanto sia difficile per i ricercatori (m, f, d) in un mondo di risorse finanziarie limitate e posizioni spesso limitate nel tempo, quanto siano importanti le pubblicazioni e i fondi di ricerca per lo sviluppo e l’avanzamento professionale. La stragrande maggioranza dei ricercatori sono persone oneste e serie che si impegnano per la libertà e l’obiettività della scienza e il benessere delle persone. Pertanto, non sorprende che allo stesso tempo si dichiari ripetutamente nelle pubblicazioni in merito a tali effetti collaterali del vaccino come la miocardite – anche se in un linguaggio scientifico cauto, ma comunque chiaramente – che si sappia molto poco o nulla sulle conseguenze a lungo termine e che ci sia ancora un grande bisogno di ricerca. O in termini concreti: che in caso di persistenza del danno, come indicato da lgE, siano necessari un monitoraggio a lungo termine e ulteriori studi a causa del rischio per i pazienti.

Fonti:

  1. https://www.tctmd.com/news/prognosis-myocarditis-following-covid-19-vaccination-favorable
  2. https://jamanetwork.com/journals/jama/fullarticle/2788346
  3. https://www.pei.de/SharedDocs/Downloads/DE/newsroom/dossiers/sicherheitsberichte/sicherheitsbericht-27-12-20-bis-30-11-21.pdf?__blob=publicationFile&v=9
  4. https://www.cambridge.org/core/journals/cardiology-in-the-young/article/abs/outcomes-for-children-with-acute-myocarditis/FF05BBE0E9114207D68C7EC9C8DD6506
  5. https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/21703554/
  6. https://www.termedia.pl/Characterization-and-long-term-outcomes-of-patients-with-myocarditis-a-retrospective-observational-study,35,43639,1,1.htm l
  7. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC7660832/
  8. Tutti i dati recuperati da https://www.nvic.org/, il 02.04.2022
  9. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC8683843/
  10. https://www.herzstiftung.de/infos-zu-herzerkrankungen/herzmuskelentzuendung/diagnose
  11. https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/31464553/
  12. https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/34281357/
  13. https://www.cincinnatichildrens.org/health/m/myocarditis
  14. https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/11334844/
  15. https://www.nature.com/articles/s41569-020-00435-x
  16. https://heart.bmj.com/content/97/9/709
  17. https://www.klinikum.uni-heidelberg.de/fileadmin/medizinische_klinik/Abteilung_3/ICH/Herz__Virus_und_Immunsystem_Kaya_Website.pdf
  18. https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/19357408/
  19. https://extranet.who.int/ncdccs/Data/DEU_D1_Myocarditis%20in%20children%20and%20adolescents.pdf
  20. https://www.ahajournals.org/doi/10.1161/CIR.0000000000001001
  21. https://www.ahajournals.org/doi/full/10.1161/CIRCULATIONAHA.107.693085
  22. https://www.fda.gov/media/153713/download
  23. https://www.cureus.com/articles/75720-clinical-presentation-and-outcomes-of-myocarditis-post-mrna-vaccination-a-meta-analysis-and-systematic-review
  24. https://www.ahajournals.org/doi/10.1161/CIRCULATIONAHA.121.056583
  25. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC8856022/
  26. https://onlinelibrary.wiley.com/doi/10.1002/rmv.2318
  27. https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/34374740/
  28. https://www.sciencedirect.com/science/article/pii/S0735109722003084?via%3Dihub
  29. https://www.management-krankenhaus.de/topstories/medizintechnik/kardiale-mrt-goldstandard-bei-fokalen-narben
  30. https://www.hna.de/gesundheit/corona-impfung-kinder-jugendliche-nebenwirkung-herzmuskelentzuendung-biontech-moderna-90908632.html
  31. https://www.sciencedirect.com/science/article/pii/S0735109712001581
  32. https://www.ahajournals.org/doi/10.1161/CIRCIMAGING.120.011492
Iscriviti alla nostra newsletter

eVenti Avversi

Read Previous

Questa è bella! Facebook dice che Fauci diffonde disinformazione

Read Next

La Fnomceo in lutto, scompare il Direttore generale Enrico De Pascale