• Aprile 13, 2024

Class action in corso contro Merck per il vacc. HPV Gardasil in uso anche in Italia sui bambini a partire dagli 11 anni: DISTURBI AUTOIMMUNI E NEUROLOGICI

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


È in corso e in crescita un’azione legale collettiva contro Merck per il suo vacc.no HPV, Gardasil. Lo studio legale Miller & Zois si sta occupando di cause legali in tutti i 50 Stati americani di vittime che hanno subito danni dal vaccno. Lo studio sta esaminando vari tipi di cause legali relative a Gardasil, con particolare attenzione alle richieste di risarcimento per insufficienza ovarica prematura e menopausa prematura.

ATTENZIONE

In Italia la vaccnazione anti-HPV è raccomandata e offerta gratuitamente a ragazze e ragazzi a partire dagli 11 di età, e viene somministrata in due dosi a distanza di 6 mesi. Se il ciclo vaccnale inizia dopo il compimento dei 15 anni, le dosi previste sono tre.

L’azione collettiva MDL nel distretto occidentale della Carolina del Nord è stata avviata nel settembre 2022 con poco più di 20 casi. I querelanti sostengono che il vaccno Gardasil HPV ha causato loro disturbi autoimmuni e/o neurologici perché Merck non ha condotto ricerche adeguate prima di immetterlo sul mercato.

A gennaio, Miller & Zois ha annunciato che il numero di casi è triplicato, con 60 cause Gardasil attive pendenti nell’MDL Gardasil class action. Gli avvocati si aspettano un grande afflusso di nuovi casi a breve, man mano che le richieste di risarcimento precedentemente presentate superano l’iter giudiziario del vaccno.

Lo scopo dichiarato di Gardasil è quello di prevenire una malattia a trasmissione sessuale che potrebbe portare al cancro del collo dell’utero in età adulta. Ma non ci sono prove concrete che il vaccno funzioni effettivamente per prevenire il cancro, ha scritto il ricercatore medico Brucha Weisberger. “È una finzione e causa semplicemente morte e sofferenza”.

In un articolo dettagliato sulla causa, Ronald Miller di Miller & Zois ha riassunto i potenziali danni del vaccno HPV:

Nuove ricerche hanno dimostrato che Gardasil può indurre e aumentare il rischio di malattie autoimmuni e una serie di altre gravi complicazioni per la salute, tra cui la sindrome da tachicardia ortostatica posturale, la neuropatia e la fibromialgia. Il Gardasil è stato anche collegato a insufficienza ovarica prematura e infertilità. Ciò che è ancora più inquietante, tuttavia, è che ci sono anche prove che suggeriscono che il vaccno Gardasil HPV, anziché prevenire il cancro al collo dell’utero, può aumentare  il rischio di cancro al collo dell’utero.

Causa sul vaccino Gardasil HPV, Centro Informazioni Cause, Ronald V. Miller Jr., 1 marzo 2023

Gardasil è un vaccino sviluppato da Merck & Co. per prevenire l’HPV (papillomavirus umano), spiegano Miller & Zois sul loro sito web. Merck ha ottenuto l’approvazione di Gardasil nel 2006 grazie a studi ingannevoli, che hanno sovrastimato i benefici e sottostimato enormemente i rischi e gli effetti collaterali del vaccno. Merck ha commercializzato Gardasil in modo aggressivo, utilizzando tattiche allarmistiche, pubblicità ingannevole e lobbisti politici per indurre milioni di genitori a vaccnare i loro figli adolescenti con Gardasil.

Ora migliaia di ragazze che hanno ricevuto il vaccno Gardasil stanno sperimentando gravi conseguenze negative per la salute e centinaia sono morte a causa delle complicazioni.


Di seguito sono riportati alcuni estratti dalla pagina web di Miller & Zois dedicata alla causa Gardasil.

Approvazione del Gardasil

Gardasil è un vaccno che dovrebbe proteggere dall’HPV (papillomavirus umano). L’HPV è un’infezione virale diffusa che si trasmette attraverso il contatto pelle-pelle. L’HPV è la più comune malattia a trasmissione sessuale e la maggior parte delle persone si ammala di HPV a un certo punto della vita. La maggior parte dei casi di HPV è del tutto benigna, ma se non trattata, una piccolissima percentuale di casi di HPV nelle donne può evolvere in un cancro del collo dell’utero.

Merck ha ottenuto un’approvazione rapida da parte della FDA per Gardasil nel giugno 2006. A quel tempo, Merck stava ancora scontando le perdite miliardarie subite dopo essere stata costretta a ritirare dal mercato il suo farmaco Vioxx. All’interno di Merck, Gardasil veniva descritto come il “Santo Graal” che avrebbe aiutato l’azienda a rimpiazzare i ricavi persi con il Vioxx. I dirigenti di Merck dicevano spesso che “HPV” stava per “ripagare per Vioxx”.

Durante il processo di approvazione accelerata, Merck ha nascosto fatti materiali sull’efficacia, o sulla mancanza di efficacia, e sulla sicurezza di Gardasil. Merck non ha eseguito indagini e studi medici completi e appropriati durante le fasi di pre-approvazione e post-approvazione.

Gli studi clinici intrapresi da Merck non hanno nemmeno esaminato il potenziale di Gardasil nel prevenire il cancro, ma si sono limitati ad analizzare se Gardasil potesse prevenire potenziali condizioni precursori. Merck ha poi presentato dati fuorvianti che suggeriscono che queste “condizioni precursori” sfociano inesorabilmente nel cancro.

Campagna di marketing ingannevole di Merck per promuovere Gardasil

Sia prima che dopo l’approvazione di Gardasil, Merck si è impegnata in tattiche di marketing senza scrupoli volte a enfatizzare eccessivamente sia i rischi associati all’HPV che la presunta efficacia di Gardasil per spaventare il pubblico e indurlo ad accettare vaccnazioni di massa con il vaccno Gardasil.

Prima di Gardasil, negli Stati Uniti non esisteva un’emergenza sanitaria per l’HPV e poche donne avevano sentito parlare di HPV, per cui la richiesta di un vaccno contro l’HPV era scarsa o nulla. Per garantire il successo finanziario del suo nuovo “Santo Graal”, Merck ha preceduto il lancio di Gardasil con anni di costoso marketing di “sensibilizzazione” sulla malattia HPV.

Una volta approvato Gardasil per le ragazze pre-adolescenti, Merck ha lanciato un’aggressiva campagna di propaganda volta a spaventare e colpevolizzare i genitori che non avevano vaccnato le loro figlie con Gardasil. La campagna di Merck implicava che “bravi genitori” vaccnassero le loro figlie con Gardasil.

Durante questi aggressivi sforzi di marketing, Merck ha nascosto in modo fraudolento i rischi e i pericoli noti del vaccno HPV, esagerandone l’efficacia. Merck ha commercializzato Gardasil con la campagna più aggressiva mai realizzata per promuovere un vaccno, spendendo per Gardasil più di qualsiasi altra campagna pubblicitaria sui vaccni.

L’attività di lobbying politica di Merck per rendere obbligatorio Gardasil

Oltre all’aggressiva campagna pubblicitaria, Merck ha utilizzato lobbisti politici e incentivi finanziari per convincere le legislature statali a rendere obbligatorio il vaccno Gardasil per tutti i bambini in età scolare. A partire dal 2004, Merck ha investito milioni di euro in organizzazioni di lobbying politico come Women in Government e NACCHO. Queste organizzazioni hanno quindi iniziato a spingere aggressivamente i legislatori di tutto il Paese a rendere obbligatorio il vaccno Gardasil per tutte le bambine di prima media.

Merck ha integrato questi lobbisti pagati con contributi alle campagne politiche e milioni di finanziamenti diretti ai dipartimenti sanitari statali. Tra il 2012 e il 2018, Merck ha versato direttamente 92 milioni di dollari al Dipartimento della Salute del Maryland per la promozione del vaccno Gardasil nelle scuole pubbliche. Questo finanziamento ha essenzialmente pagato i funzionari scolastici per ingannare studenti e genitori  facendogli credere che la vaccnazione Gardasil fosse obbligatoria.

Merck ha travisato l’efficacia di Gardasil

Per convincere le autorità di regolamentazione e i funzionari della sanità pubblica ad accettare Gardasil, le cause legali su Gardasil sostengono che Merck ha travisato l’efficacia del vaccno pubblicizzando falsamente che Gardasil previene il cancro al collo dell’utero. Nessuno studio credibile dimostra che Gardasil previene il cancro al collo dell’utero.

Merck non ha voluto investire il tempo e il denaro necessari per eseguire test che dimostrassero che il suo vaccno previene il cancro al collo dell’utero. Al contrario, Merck ha convinto le autorità di regolamentazione ad autorizzare l’uso di “endpoint surrogati” a sostegno della sua teoria secondo cui i vaccni HPV sarebbero efficaci nella prevenzione del cancro al collo dell’utero. L’uso di questi endpoint surrogati ha permesso a Merck di abbreviare gli studi clinici a pochi anni e di ottenere le approvazioni normative per i vaccni senza alcuna prova che i vaccni avrebbero prevenuto il cancro nel lungo periodo.

Nel gennaio 2020, uno studio condotto nel Regno Unito ha sollevato dubbi significativi sul fatto che Gardasil prevenisse il cancro al collo dell’utero come sostenuto da Merck. Lo studio evidenzia il fatto che non è mai stato dimostrato che Gardasil prevenga il cancro del collo dell’utero (o qualsiasi altro tipo di cancro).

Gardasil può AUMENTARE il rischio di cancro al collo dell’utero

Contrariamente a quanto dichiarato da Merck, Gardasil può aumentare il rischio di cancro al collo dell’utero e di altri tipi di cancro, non prevenirli. Diversi studi – tra cui uno del CDC, che finora si è schierato a favore del vaccno – hanno rilevato che, sopprimendo alcuni ceppi di HPV, i vaccni Gardasil possono promuovere cambiamenti mutagenetici nel virus che possono portare al cancro.

I dati sulla salute pubblica sembrano supportare la conclusione che Gardasil possa aumentare il tasso di cancro cervicale. Dopo l’introduzione del vaccno HPV in Gran Bretagna, i tassi di cancro cervicale tra le giovani donne di età compresa tra i 25 e i 29 anni sono aumentati del 54%.

In Australia, 13 anni dopo l’introduzione del Gardasil e la sua diffusione tra le adolescenti, si è registrato un aumento del 16% nelle donne tra i 25 e i 29 anni e del 30% nelle donne tra i 30 e i 34 anni. Nel frattempo, i tassi stanno diminuendo per le donne più anziane (che non sono state vaccnate).

In altre parole, Gardasil può aumentare il rischio di cancro. Questo sarà il punto cruciale per alcune vittime che intenteranno una causa per il vaccno Gardasil. Ma c’è ancora qualche ricerca da fare su questo tema.

Per la maggior parte delle donne che intentano una causa per effetti collaterali a lungo termine o disturbi autoimmuni Gardasil, l’attenzione non si concentrerà sul fatto che Gardasil aiuti a prevenire il cancro al collo dell’utero. L’attenzione si concentrerà sull’altro effetto collaterale che Gardasil può causare e che le persone, soprattutto le ragazze, non si aspettavano quando hanno assunto il vaccno HPV.

Gardasil HPV Effetti collaterali a lungo termine e disturbi autoimmuni

Recenti ricerche scientifiche hanno rilevato che Gardasil induce e aumenta il rischio di molti effetti collaterali a lungo termine legati a disturbi autoimmuni. In particolare, Gardasil è stato collegato alle seguenti malattie autoimmuni:

  • Sindrome di Guillain-Barré
  • Sindrome da tachicardia posturale ortostatica
  • Polineuropatia demielinizzante infiammatoria cronica
  • Sclerosi multipla

Gardasil è stato anche collegato a una miriade di effetti collaterali a lungo termine associati a malattie autoimmuni indotte, tra cui pericoli come fibromialgia, disautonomia, insufficienza ovarica precoce, sindrome da stanchezza cronica e sindrome da dolore regionale cronico, emicranie, forti mal di testa, disturbi gastrointestinali persistenti, dolore diffuso di carattere neuropatico, sindrome da encefalite, disfunzioni autonomiche, dolori articolari e nebbia cerebrale.

Diversi articoli pubblicati su riviste mediche hanno discusso l’associazione tra Gardasil e una miriade di gravi lesioni e hanno riferito di pazienti che hanno sviluppato POTS, OI, fibromialgia e altri sintomi di compromissione autonomica anni dopo la vaccnazione Gardasil.

Gardasil collegato a insufficienza ovarica prematura

Uno dei più gravi effetti collaterali negativi che possono essere causati dal vaccno Gardasil HPV è l‘insufficienza ovarica prematura. L’insufficienza ovarica prematura, detta anche insufficienza ovarica primaria, si verifica quando le ovaie smettono di funzionare e non producono più ovuli prima dei 40 anni e prima della menopausa.

L’insufficienza ovarica prematura è associata a una produzione anomala dell’ormone estrogeno nelle ovaie. L’insufficienza ovarica prematura è una condizione grave perché può causare infertilità. Ci sono molti fattori che possono causare l’insufficienza ovarica prematura, come l’insufficienza autoimmune, le anomalie del cromosoma X, le cause idiopatiche, le tossine e, naturalmente, la rimozione delle ovaie.

Diversi studi medici recenti hanno scoperto che l’insufficienza ovarica prematura può essere innescata da una reazione autoimmune al vaccno Gardasil HPV. Ciò si verifica quando il sistema immunitario dell’organismo genera anticorpi che attaccano il tessuto delle ovaie che contiene gli ovuli.

Il primo studio significativo che collega l’insufficienza ovarica prematura al vaccno Gardasil è stato pubblicato nel 2020  e ha identificato un numero sproporzionato di segnalazioni di eventi avversi al vaccno che riguardavano l’insufficienza ovarica prematura e la menopausa precoce.

Uno studio di follow-up è stato pubblicato nel marzo 2022  su Drugs Real World Outcomes. Anche questo studio ha concluso che esiste una potenziale associazione tra insufficienza ovarica prematura e vaccno HPV.

Caso di studio sul legame tra insufficienza ovarica prematura e vaccino HPV

Da The Exposé

Iscriviti alla nostra newsletter

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


eVenti Avversi

Read Previous

I produttori di V. si stanno preparando per l’influenza aviaria

Read Next

Impennata di turbo-tumori alla prostata e al seno – DATI

Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro

Ads Blocker Rilevato

Abbiamo rilevato che utilizzi adblock. Per proseguire la navigazione, per favore, disabilitalo sul nostro sito. Ci aiuta a mantenere i costi del servizio.

Powered By
Best Wordpress Adblock Detecting Plugin | CHP Adblock