• Maggio 26, 2024

Impennata di turbo-tumori alla prostata e al seno – DATI

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


del Dr. Hans-Joachim Kremer– TKP

Il cancro alla prostata è uno dei tumori più comuni in assoluto. Le analisi di sproporzionalità (DPA) dimostrano che il cancro alla prostata è chiaramente un rischio dei vac C19.

All’inizio di quest’anno, l’agenzia statunitense CDC è stata costretta dai tribunali a presentare le sue analisi di sproporzionalità (DPA). Dopotutto. Tuttavia, come spiegato in un recente articolo, la loro metodologia era a dir poco subottimale. Le critiche principali riguardavano lo scarso potere discriminatorio, la scarsa somiglianza storica e la mancanza di aggregazione dei termini a eventi simili, se non identici.

Ora, dal 2021, sono stati segnalati ripetutamente i cosiddetti turbo-cancro, cioè tumori che si sono sviluppati o diffusi in modo insolitamente rapido; già questo è un motivo per effettuare analisi più approfondite. Soprattutto perché il cancro, insieme alla demenza, è una delle malattie che la maggior parte delle persone preferirebbe evitare. Per questo motivo, in questa sede e nei prossimi articoli, sono analizzati più da vicino i tipi di cancro più comuni: il cancro alla prostata per gli uomini e il cancro al seno per le donne.

Metodi

Le regole di valutazione sono in realtà sufficientemente precise dalle tabelle. Ho sempre cercato tutti gli eventi che potevano essere considerati cancro alla prostata tra tutti i vac C19 e tra i controlli.

Tra i vac C19, i vaccini mod.RNA, cioè comprese le due versioni biva.lenti, comprendono circa il 93% di tutte le segnalazioni. In generale, non vi sono differenze significative tra i prodotti Pfzer-Biont.ch e M.derna, né differenze rilevanti tra questi e il prodotto Janss.n. Nel caso di Novav.x, la base di dati è ancora troppo esigua. Inoltre, anche alle persone che sono state inizialmente vacc.n.te con questi ultimi prodotti sono stati successivamente raccomandati o somministrati boost.r con prodotti mod.RNA.

La somma di tutti gli eventi di tutti i vac.ini, ma senza i vac.ni C19 e senza “sconosciuto”, con “segnalazione ricevuta”, “vac.nato” e “insorgenza” tra il 2016 e il novembre 2020, è sempre servita come controllo.

Nel caso di malattie tipiche del genere, ho limitato le interrogazioni a uomini o donne. La restrizione di età è sempre stata di 18 anni e oltre; per le analisi del cancro, in particolare, per ovvie ragioni ho effettuato analisi anche per i 40 anni e oltre.

Ho sottoposto questi dati (casi) a una DPA, cioè al calcolo del “rapporto di tasso proporzionale” (PRR) e del relativo intervallo di confidenza al 95%. Se il limite di confidenza inferiore del 95% (uKG) è superiore a 1, c’è un segnale statisticamente significativo.

Nel caso del cancro alla prostata, ho incluso anche i casi di metastasi ossee (midollo), poiché il cancro alla prostata si diffonde tipicamente in questi siti.

Risultati

Nella tabella seguente si può facilmente notare il problema di base di queste analisi. Ci sono molte cellule nel controllo con 0, 1, 2 o 3. Con 0, l’analisi non funziona. Inoltre, si può facilmente notare la “diluizione” dovuta alla nomenclatura a grana fine. Sarebbe quindi necessario applicare, ad esempio, i termini di alto livello, ma ciò non è facilmente realizzabile per gli estranei.

L’attenzione deve quindi concentrarsi (sempre e comunque in DPA) sulla colonna “lo 95% CL”, accanto alla quale si trova la riga più bassa (“Any of the above”), che non rappresenta una somma di eventi, ma la somma delle persone con tali eventi.

In ogni caso, il “cancro alla prostata” (uKG 1,29, p = 0,0035, test esatto di Fisher, a 2 code) e tutti gli eventi simili insieme (uKG 2,18, p = 0) producono un segnale. Il valore del PRR per l’evento aggregato è anche abbastanza alto, oltre 15, ma con un intervallo di confidenza enorme, cioè una grande incertezza.

I giovani si ammalano molto raramente di queste forme solide di cancro. Allora, come si presenta la situazione con le persone più anziane? A questo scopo, ho valutato anche le persone di età superiore ai 40 anni, il che, tuttavia, cambia quasi solo il denominatore (“Numero di segnalazioni (casi)”); le variazioni dei denominatori, di per sé enormi, possono avere un effetto minimo sui valori stimati.

Tabella 2 DPA dai dati V.A.E.R.S. sul cancro alla prostata, 40+

Attenzione! I database di farmacovigilanza o le loro analisi non sono adatti a stimare le incidenze, ma solo a identificare i rischi in modo qualitativo o semiquantitativo. Nel caso del cancro alla prostata, si può affermare che il cancro alla prostata è chiaramente più frequente dopo i vac C19 rispetto alle vacc.naz.oni precedenti, almeno circa 2,2 volte più frequente, ma forse fino a 15 o addirittura 100 volte più frequente.

Discussione

Fondamentalmente, nel caso del cancro, bisogna tenere presente che tali malattie non sono esattamente sospettate di essere causate dalla vacc.naz.one. Devono verificarsi diversi elementi in un caso concreto perché un medico o un paziente abbiano un segnale abbastanza forte da segnalarlo come caso sospetto.

Inoltre, nella medicina tradizionale il dogma è che il cancro cade in gran parte dal cielo, a meno che non si possano imputare effetti nocivi come il fumo pesante o le radiazioni radioattive. L’unica cosa è che le radiazioni non si sentono e una maggiore esposizione alle radiazioni può essere ben rilevata solo in poche persone. In ogni caso, sia la medicina tradizionale che quella popolare tendono ad attribuire tutti i tipi di cancro alle radiazioni di qualsiasi tipo. Questo sembra adattarsi perfettamente all’osservazione delle “cellule degenerate”. Tanto più che c’è un ampio consenso sul fatto che il cancro è sempre un processo a lungo termine.

Il cancro come effetto collaterale di una vacc.naz.one non è quindi molto evidente all’inizio. Pertanto, i numeratori (cioè i casi nelle tabelle precedenti) potrebbero essere una forte sottostima. Ma attenzione: questo dovrebbe valere anche per i controlli.

Tuttavia, ci sono due fattori che possono già spiegare la frequenza del cancro o del turbo-cancro. Sono proprio le vacc.naz.oni basate sui geni, cioè quelle con mod-RNA e quelle con adenov.rus come vettori per il DNA, che intendono la produzione di massa della proteina sp.ke nel corpo della persona vacc.n.ta, di per sé non regolamentata.

Il ragionamento è il seguente: il sistema immunitario forma anticorpi contro di essi, e questi anticorpi potrebbero in seguito tenere sotto controllo le proteine spike naturali.

Nel migliore dei casi, se la malattia diventasse sistemica e se la struttura proteica degli agenti patogeni corrispondesse a quella delle proteine spike formate dalla vacc.naz.one. Ma queste sono speranze piuttosto vaghe.

Altrimenti, ogni persona vacc.n.ta rimane con il rischio principale: La vacc.naz.one riduce – o meglio inganna – il sistema immunitario in un’unica direzione. È quindi logico che il sistema immunitario possa dedicare meno tempo ai problemi reali.

Naturalmente, il sistema immunitario è essenziale anche per tenere sotto controllo e combattere il cancro. Le persone con un sistema immunitario indebolito hanno maggiori probabilità di ammalarsi di queste patologie.

In effetti, ci sono molte segnalazioni e osservazioni di un aumento di infezioni più banali nelle persone vacc.n.te contro il C19. Ho già indagato anche su questo aspetto da parte del DPA; è vero. Ma ci saranno dati in merito più avanti.

 I dati V.A.E.R.S. mostrano turbocancro (2): cancro al seno

Il cancro al seno nelle donne ha una frequenza simile a quella del cancro alla prostata negli uomini. Le analisi di sproporzionalità mostrano che il cancro al seno nelle donne è chiaramente un rischio dei vac C19. Il rischio è aumentato di almeno 6 volte dal vac C19.

Questa piccola serie riguarda le analisi di sproporzionalità (DPA) basate sul database V.A.E.R.S. degli Stati Uniti. A differenza delle corrispondenti  analisi del CDC, le mie sono state progettate per ottenere il massimo potere discriminatorio possibile con una sufficiente somiglianza storica.

Le regole di valutazione sono riportate nelle tabelle. Esse sono spiegate sopra. Tuttavia, i termini per il cancro al seno sono molti di più e più finemente differenziati rispetto a quelli per il cancro alla prostata. Per questo motivo, nelle tabelle che seguono, mostro solo i più importanti. Inoltre, per i seguenti 13 termini (48 menzioni in totale), sono state trovate da 1 a 6 segnalazioni dopo la vacc.naz.one C19, ma nessuna per il controllo:

Carcinoma mammario in situ, carcinoma mammario ricorrente, carcinoma mammario in stadio I, carcinoma mammario in stadio II, carcinoma mammario in stadio III, carcinoma mammario in stadio IV, carcinoma mammario HER2 negativo, carcinoma mammario HER2 positivo, carcinoma mammario HER2 positivo, carcinoma mammario HER2 negativo, carcinoma mammario infiammatorio del seno, carcinoma mammario triplo positivo

Se compare uno zero, non è possibile calcolare il DPA, ma il test esatto di Fisher (a 2 code) è ancora possibile. Con i denominatori indicati (numero di segnalazioni), non è possibile ottenere la significatività statistica con meno di 16 casi dopo la vacc.naz.one C. Pertanto, non ci sono dettagli qui e queste 48 denominazioni aggiuntive sono considerate solo nella somma dei casi.

Ho sottoposto questi dati (casi, cioè persone) a una DPA, cioè al calcolo del rapporto di proporzionalità (PRR) e dell’intervallo di confidenza al 95% associato. Se il limite di confidenza inferiore del 95% (uKG) è superiore a 1, è presente un segnale statisticamente significativo. L’attenzione deve quindi concentrarsi sulla colonna “lo 95% CL” e sulla linea di fondo (qualsiasi tipo di cancro al seno).

Risultati

Il tumore al seno femminile (uKG 3,97, p = 0) e tutti i tipi di tumore al seno insieme (uKG 5,97, p = 0) producono segnali chiari. Il carcinoma mammario metastatico mostra una leggera tendenza (p = 0,0923), il carcinoma mammario duttale invasivo mostra addirittura un debole segnale in base al test di Fisher (p = 0,0484), ma non l’uKG.

Tabella 1 DPA dai dati V.A.E.R.S. sul cancro al seno, 18+

Come per il tumore alla prostata, anche per il tumore al seno ho ristretto l’analisi a persone leggermente più anziane (40+, Tabella 2). Il numeratore e il denominatore diminuiscono all’incirca nello stesso modo; la linea inferiore mostra ora 242 casi, il che significa che 25 donne sotto i 40 anni sono state colpite da tumore al seno e che questo è stato segnalato come un caso sospetto correlato alla vacc.naz.one C19. Questa diminuzione non ha avuto un effetto significativo sulle stime di PRR e uKG.

Tabella 2 DPA dai dati V.A.E.R.S. sul cancro alla prostata, 40+

Nel caso del tumore al seno, i problemi di sovrapposizione e diluizione che ho denunciato l’altro giorno hanno pieno effetto. Ciò appare chiaro nell’elenco che segue:

Il problema della sovrapposizione diventa chiaro con il cancro al seno, probabilmente tutti i 5 casi in CDC/controllo sono basati su di esso. Non capisco perché il cancro al seno femminile non compaia nel CDC. È ipotizzabile che ci sia stata una sovrapposizione così forte che il segnale è diventato troppo debole. Anche 1 caso in CDC/controllo nel carcinoma mammario metastatico potrebbe essere dovuto alla sovrapposizione. Non capisco perché il CDC mostri sei casi in più rispetto al mio conteggio; correzioni successive?

È molto problematico che non vi sia stata alcuna aggregazione nel CDC, ad esempio a livello di termini di alto livello (HLT). Pertanto, la differenza lampante di quei 267-3 casi è rimasta sotto gli occhi di tutti.

Attenzione. I database di farmacovigilanza e le relative analisi non sono adatti per stimare le incidenze, ma solo per identificare qualitativamente o semi-quantitativamente i rischi.

Discussione

In questo articolo abbiamo già citato la tendenza sostanzialmente bassa a considerare il cancro come un effetto collaterale dei vacc.ni.

Da tempo si sostiene che potrebbe esserci un aumento dei casi di cancro a causa del fallimento degli esami di screening nei primi anni 2020. Un ragionamento molto semplice, cioè nel Sistema 1 secondo Daniel Kahneman.

A un esame più attento, tuttavia, questa ipotesi si rivela infondata, se non addirittura semplicemente fuorviante.

Sicuramente i sostenitori della campagna di vacc.naz.one cercheranno di spiegare queste circostanze con la “propaganda del pensiero laterale”, che avrebbe aumentato la tendenza a segnalare i casi sospetti. La risposta definitiva potrà probabilmente essere fornita solo da una valutazione dei dati delle assicurazioni sanitarie.

Fino ad allora, resta da dire che nella stragrande maggioranza dei 267 casi sospetti, le circostanze individuali erano probabilmente tali da rendere evidente un nesso causale. Se mai, i sostenitori della campagna di vacc.naz.one avrebbero l’onere della prova: dovrebbero spiegare perché il sospetto era infondato nella maggior parte dei 267 casi. Fino ad allora, questo sospetto deve essere preso molto sul serio.

  • Il Dr. Hans-Joachim Kremer ha decenni di esperienza nella ricerca clinica e lavora come scrittore medico freelance.
Iscriviti alla nostra newsletter

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


eVenti Avversi

Read Previous

Class action in corso contro Merck per il vacc. HPV Gardasil in uso anche in Italia sui bambini a partire dagli 11 anni: DISTURBI AUTOIMMUNI E NEUROLOGICI

Read Next

Cosa ci aspetta: m.R.N.A. contro tutti i tipi di infezioni e malattie

Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro

Ads Blocker Rilevato

Abbiamo rilevato che utilizzi adblock. Per proseguire la navigazione, per favore, disabilitalo sul nostro sito. Ci aiuta a mantenere i costi del servizio.

Powered By
Best Wordpress Adblock Detecting Plugin | CHP Adblock