• Giugno 25, 2024

Come viene finanziata l’Organizzazione Mondiale della Sanità e perché fa così tanto affidamento su Gates?

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


I critici si lamentano del ruolo troppo importante della Fondazione Bill e Melinda Gates nel finanziamento dell’OMS, ma a chi altro può rivolgersi l’agenzia?

La Fondazione Bill e Melinda Gates – che è ancora forte nonostante i suoi due co-fondatori si siano separati dopo 27 anni di matrimonio – ha dichiarato a gennaio scorso che “non è giusto” che l’associazione assuma un ruolo così importante nel finanziamento dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS).

Nel corso degli anni, i filantropi miliardari sono diventati il secondo maggior donatore dell’OMS, rendendo l’agenzia sanitaria fortemente dipendente dal loro sostegno per continuare a funzionare.

Gli esperti di salute globale affermano che questo denaro, pur essendo ben accetto, conferisce ai Gates un’influenza fuori misura e sottolinea il problema cronico di finanziamento dell’OMS anche quando si trova ad affrontare un numero crescente di crisi sanitarie.

“L’OMS ha un budget annuale inferiore alle dimensioni di un singolo grande ospedale universitario negli Stati Uniti e a un quarto del budget dei Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC)”, ha dichiarato Lawrence Gostin, direttore del Centro di collaborazione dell’OMS per il diritto sanitario nazionale e globale.

“Eppure ha un’enorme responsabilità in materia di salute globale, compresa la risposta alle principali emergenze sanitarie come C19, Mpox ( vaiolo delle scimmie), Ebola e polio”, ha dichiarato a Euronews Next.

Come viene finanziata l’OMS?

L’agenzia sanitaria riceve finanziamenti dagli Stati membri che pagano le quote associative, oltre a donazioni volontarie aggiuntive da parte degli Stati membri e di altri partner come la Fondazione Bill & Melinda Gates.

I Paesi membri pagano i cosiddetti “contributi valutati”, una percentuale del PIL del Paese concordata ogni due anni in occasione dell’Assemblea Mondiale della Sanità. Di solito, queste somme coprono meno del 20% del bilancio totale dell’OMS.

Ciò significa che oltre l’80% dei finanziamenti dell’OMS si basa su “contributi volontari”, ovvero qualsiasi somma di denaro donata liberamente dai donatori, siano essi Stati membri, ONG, organizzazioni filantropiche o altre entità private.

Questi contributi volontari sono in genere destinati a progetti o malattie specifiche, il che significa che l’OMS non può decidere liberamente come utilizzarli.

Attualmente, l’OMS ha il pieno controllo solo su circa un quarto del suo budget“, ha dichiarato Gostin.

L’OMS non è quindi in grado di stabilire l’agenda sanitaria globale e ha dovuto eseguire gli ordini dei ricchi donatori, non solo delle nazioni ricche in Europa e Nord America, ma anche di ricche filantropie come la Fondazione Gates”.

Sebbene Gostin voglia “certamente” che la Fondazione continui a finanziare l’OMS, ha sostenuto che l’organismo sanitario dovrebbe essere in grado di utilizzare i fondi “a propria discrezione sulle questioni che il Direttore generale ritiene più importanti nel mondo”.

Attualmente, l’OMS ha il pieno controllo solo su circa un quarto del suo budget. L’OMS non è quindi in grado di stabilire l’agenda sanitaria globale e ha dovuto eseguire gli ordini dei ricchi donatori.

Lawrence Gostin 
Global health expert

La Fondazione Bill & Melinda Gates è responsabile da sola di oltre l’88% dell’importo totale donato dalle fondazioni filantropiche all’OMS. Tra gli altri contribuenti figurano la Bloomberg Family Foundation (3,5%), la Wellcome Trust (1,1%) e la Rockefeller Foundation (0,8%).

Mentre la forma del budget totale dell’OMS è cambiata nel corso degli anni, la Fondazione Gates è rimasta costantemente tra i suoi maggiori contribuenti.

Nel 2018-2019, gli Stati Uniti sono stati il maggior donatore con 893 milioni di dollari, pari a circa il 15% del bilancio dell’OMS. La Fondazione Gates è arrivata solo seconda, con 531 milioni di dollari.

La Germania ha superato di poco gli Stati Uniti come maggior donatore nel 2020-2021 durante i tagli ai finanziamenti dell’era Trump, ma la Fondazione ha mantenuto il secondo posto. Tra gli altri donatori principali figurano il Regno Unito e la Commissione europea.

Kelley Lee, professore di salute pubblica alla Simon Fraser University e autore di un libro sull’OMS, ha affermato che l’agenzia soffre di “una cronica carenza di risorse” che ostacola la sua capacità di adempiere con successo al suo mandato originario.

Ha spiegato che la situazione è “significativamente peggiorata” quando gli Stati membri hanno deciso di congelare i loro contributi valutati negli anni ’80 e ’90.

“Ciò significa che il bilancio biennale dell’OMS si è assottigliato sempre di più nel corso del tempo. Prima della pandemia COVID-19, l’OMS stava tagliando il personale e le attività, compresa la capacità di rispondere alle emergenze sanitarie”, ha dichiarato.

“L’OMS ha poi dovuto lanciare un appello alla comunità globale per ottenere le risorse necessarie a combattere la pandemia. È come costruire una stazione dei pompieri quando scoppia un incendio”.

A seguito del congelamento di una parte del suo bilancio, l’OMS ha fatto sempre più affidamento sui contributi volontari, la cui quota è passata da circa un quarto del bilancio totale negli anni ’70 all’attuale 80% circa.

Come vengono utilizzati i fondi?

La maggior parte di questi contributi volontari sono “specificati”, ovvero sono legati a un programma specifico o a una campagna sanitaria in una determinata parte del mondo e hanno un periodo di tempo definito per essere spesi.

L’eradicazione della polio, ad esempio, è da tempo il programma meglio finanziato dell’OMS, soprattutto perché gran parte dei contributi della Fondazione Gates sono stati destinati a questa causa.

Ma la concentrazione su malattie specifiche ha storicamente lasciato l’OMS praticamente a mendicare finanziamenti per altre cause, come la promozione della copertura sanitaria universale nei Paesi poveri o la preparazione del mondo alla prossima pandemia.

L’OMS stessa ha a lungo deplorato la mancanza di finanziamenti flessibili e affidabili che le permettano di rispondere rapidamente alle emergenze sanitarie.

La Fondazione Bill & Melinda Gates gioca un ruolo troppo importante?

Lee ha dichiarato che l’entità dei fondi della Fondazione Gates compromette l’indipendenza dell’OMS.

“Chi paga il pifferaio suona la melodia”, come recita un vecchio detto”, ha detto.

“La Fondazione Gates è stata estremamente importante per il progresso della salute globale in molte aree. I consistenti fondi forniti dalla Fondazione hanno indubbiamente fatto molto bene in tutto il mondo e sono apprezzati”, ha aggiunto.

“Ma ci sono anche importanti questioni da sollevare in merito alla buona governance, tra cui la responsabilità, la rappresentatività e la legittimità di avere un’unica fondazione così influente. Il sistema attuale è francamente antidemocratico“.

I donatori intervengono per colmare questo vuoto e credono sinceramente che le loro priorità siano quelle giuste. Mi piace credere che siano anche animati da buone intenzioni.

Kelley Lee Professor of public health, Simon Fraser University

Secondo Lee, l’entità dei finanziamenti della Fondazione “è superiore a quella della maggior parte dei governi e degli altri donatori, e le conferisce una voce molto più forte in molti ambienti chiave della salute globale, tra cui l’OMS”.

Quando le priorità della salute globale non sono chiaramente definite, ha aggiunto, questo può essere visto come una “leadership necessaria”.

“I donatori intervengono per colmare questo vuoto e sono sinceramente convinti che le loro priorità siano quelle giuste. Mi piace credere che abbiano anche buone intenzioni”, ha spiegato.

Il problema è che, se per il momento le cose devono andare così, bisogna impegnarsi di più per coinvolgere e consultare coloro che subiscono l’impatto delle loro decisioni”.

“Devono essere più trasparenti nel decidere dove spendere i loro fondi. Devono fare autocritica per quanto riguarda il breve termine, la distorsione delle priorità, gli effetti imprevisti del finanziamento di una questione piuttosto che di un’altra e l’isolamento degli sforzi per la salute globale. Devono voler essere parte della soluzione alla frammentazione della governance della salute globale, e non del problema”.

-La Fondazione Bill & Melinda Gates non ha risposto a una richiesta di commento-

“Non è giusto che una filantropia privata sia uno dei maggiori finanziatori degli sforzi multinazionali per la salute globale”, ha dichiarato il mese scorso Mark Suzman, amministratore delegato della fondazione, nella sua lettera annuale.

“Ma non fatevi illusioni: quando c’è una soluzione in grado di migliorare i mezzi di sussistenza e salvare vite umane, la sosterremo con costanza. Non smetteremo di usare la nostra influenza, insieme ai nostri impegni monetari, per trovare soluzioni”.

Suzman ha dichiarato che l’obiettivo del fondo non è quello di stabilire l’agenda per l’OMS o altri gruppi di salute globale, ma di fornire loro opzioni e dati migliori per aiutarli a prendere decisioni.

Come dovrebbe essere finanziata l’OMS?

Spetta ai Paesi aumentare gli sforzi per finanziare l’OMS, ha affermato Suzman. L’anno scorso gli Stati membri dell’OMS hanno deciso di aumentare i loro contributi.

Gostin ha anche suggerito che i problemi di finanziamento dell’OMS potrebbero essere risolti aumentando le quote obbligatorie.

“Gli Stati membri dovrebbero volere che l’OMS abbia successo. E l’OMS può avere successo solo se dispone di finanziamenti ampi e sostenibili”, ha dichiarato.

Lee ha sostenuto che se è importante che l’OMS riceva più fondi, altrettanto importante è la loro provenienza.

“Dobbiamo iniziare con una discussione franca su ciò di cui abbiamo veramente bisogno da un’organizzazione sanitaria globale nel 21° secolo. L’OMS è stata progettata per il periodo postbellico della metà del XX secolo. Il mondo è cambiato molto da allora”, ha dichiarato.

Per Lee, è tempo di chiedersi di quale tipo di organismo sanitario globale abbiamo bisogno in un mondo post-pandemico: “Di quali leggi, organi decisionali, meccanismi di applicazione e finanziamenti abbiamo bisogno per mantenerci tutti al sicuro e in salute? Di quali poteri ha bisogno questa organizzazione sanitaria globale per fare il suo lavoro?”.

L’autrice ha sostenuto che l’OMS deve abbandonare la sua dipendenza dai contributi volontari e dovrebbe invece essere finanziata attraverso varie tasse destinate a finanziare un mondo più sano e libero da pandemie.

“I trasporti, l’ospitalità, l’istruzione, gli sport professionistici, i mercati finanziari, i sistemi commerciali, i servizi e così via che traggono vantaggio da un mondo libero da pandemie potrebbero destinare una piccola somma al sostentamento dell’OMS”, ha affermato.

“Dopo tutto, sarebbe nel loro interesse, e nel nostro interesse, prevenire il tipo di interruzioni su larga scala che abbiamo visto negli ultimi tre anni. Sarebbe denaro ben speso”.

SOURCE

Iscriviti alla nostra newsletter

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


eVenti Avversi

Read Previous

Gli scienziati adesso possono estrarre il DNA umano dall’aria e dall’acqua senza il consenso… E la nostra PRIVACY?

Read Next

Greenpass UE: diventerà la base per la rete di certificati dell’OMS

Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro

Ads Blocker Rilevato

Abbiamo rilevato che utilizzi adblock. Per proseguire la navigazione, per favore, disabilitalo sul nostro sito. Ci aiuta a mantenere i costi del servizio.

Powered By
Best Wordpress Adblock Detecting Plugin | CHP Adblock