• Dicembre 5, 2022

Tre studi dimostrano che i vaccini non funzionano.

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


Nina Pierpoint (MD, PhD) ha pubblicato un documento il 9 settembre analizzando vari studi pubblicati nell’agosto 2021 che dimostrano che la presunta variante Delta Covid-19 sta eludendo gli attuali vaccini di Covid-19 offerti e quindi non prevengono l’infezione o la trasmissione di Covid19.

Il dottore in medicina ha spiegato nel suo articolo pubblicato che i vaccini mirano a raggiungere due obiettivi:

  1. Proteggere la persona vaccinata contro la malattia
  2. Impedire alle persone vaccinate di essere vettori dell’infezione e di trasmetterla ad altri.

Tuttavia, il Dottore in Medicina scrive che l’immunità di gregge non sarà raggiunta attraverso la vaccinazione perché nuove ricerche in più contesti mostrano che la presunta variante Delta produce cariche virali molto elevate soprattutto nella popolazione vaccinata rispetto alla popolazione non vaccinata.

Pertanto, secondo Nina Pierpoint (MD, PhD), gli obblighi vaccinali non hanno alcuna giustificazione perché la vaccinazione degli individui non ferma né rallenta la diffusione della presunta variante Delta Covid-19 dominante.

Il che porta il dottore a concludere che l’immunità naturale risulta molto più protettiva della vaccinazione.

Nine Pieroint (MD, PhD) cita tre studi i cui risultati e dati supportano le sue conclusioni e questi includono uno studio pubblicato il 6 agosto 2021 nel “Morbidity and Mortality Weekly Report” del Center for Disease Control (CDC), un altro studio pubblicato il 10 agosto 2021 da Oxford University e uno studio finale pubblicato il 24 agosto 2021, finanziato dal Dipartimento per la salute e l’assistenza sociale del Regno Unito.

Studio CDC

Lo studio CDC si è concentrato su 469 casi tra i residenti del Massachusetts che hanno partecipato a riunioni pubbliche al chiuso e all’aperto per un periodo di due settimane. I risultati hanno rilevato che 346 dei casi erano tra i residenti vaccinati con il 79% di loro che presentava presunti sintomi di Covid-19 e l’1,2% era ricoverato in ospedale.

Tuttavia i restanti 123 casi erano tra la popolazione non vaccinata con solo 1 persona ricoverata in ospedale (0,8%). Non si sono verificati decessi in nessuno dei due gruppi. Lo studio ha anche rilevato che le cariche virali sono risultate molto simili tra i vaccinati e non vaccinati, il che significa che erano ugualmente infettivi.

Studio dell’Università di Oxford

Lo studio dell’Università di Oxford ha esaminato 900 membri del personale ospedaliero in Vietnam che erano stati vaccinati con il vaccino a vettore virale Oxford / AstraZeneca tra marzo e aprile 2021. L’intero personale ospedaliero è risultato negativo per il virus Covid-19 a metà maggio 2021, tuttavia, il primo caso tra i membri dello staff vaccinati è stato scoperto l’11 giugno.

Tutto il personale ospedaliero 900 individui, è stato quindi ritestato per il virus Covid-19 e sono stati immediatamente identificati 52 casi aggiuntivi, costringendo l’ospedale alla chiusura. Nelle due settimane successive sono stati identificati altri 16 casi.

Lo studio ha rilevato che il 76% del personale positivo al Covid-19 ha sviluppato sintomi respiratori, con 3 membri del personale che hanno sviluppato polmonite e un membro del personale che ha richiesto tre giorni di ossigenoterapia. Le cariche virali di picco tra il gruppo infetto completamente vaccinato sono risultate 251 volte superiori alle cariche virali di picco riscontrate tra il personale tra marzo e aprile 2020 quando non erano ancora vaccinati.

Studio del Dipartimento della salute e dell’assistenza sociale del Regno Unito

Lo studio del Dipartimento della salute e dell’assistenza sociale del Regno Unito è un’analisi del monitoraggio SARS-CoV-2 in corso a livello di popolazione nel Regno Unito e include misurazioni della carica virale tra la popolazione.

Lo studio ha rilevato che le cariche virali tra la popolazione vaccinata e non vaccinata sono praticamente le stesse e molto più alte di quelle registrate prima del lancio dei vaccini Covid-19. Lo studio ha anche scoperto che la maggior parte dei casi tra la popolazione vaccinata presentava sintomi quando si positivizzava.

Gli autori dello studio concludono che il vaccino Pfizer e Oxford / AstraZeneca ha perso efficacia contro quella che affermano essere la variante Delta Covid-19, ma sostengono che sono sostanzialmente efficaci nel prevenire l’infezione.

Nine Pierpoint (MD, PhD) chiede giustamente nel suo articolo come possano gungere a questa conclusione, quando l’82% del campione casuale di nuovi test PCR positivi nello studio era da persone completamente vaccinate.

Il dottore scrive:

“Se un vaccino riduce il rischio di contrarre l’infezione di due terzi (67%), ci aspetteremmo che la percentuale di vaccinati nel campione positivo sia inferiore alla percentuale di vaccinati nella popolazione.

Diciamo che iniziamo con 1000 persone nel paese, di cui ne campioneremo a caso 100. Il paese è vaccinato all’80%. Ciò significa che nel nostro campione di 100 abbiamo 80 persone vaccinate e 20 non vaccinate.

Diciamo che il virus ha infettato il 10% delle persone durante il periodo di campionamento, o 10 casi totali. Se 8 degli infetti sono tra i vaccinati e 2 tra i non vaccinati (80% e 20% dei positivi, corrispondente al rapporto tra vaccinati e non vaccinati nella popolazione), il vaccino non ha fatto alcuna differenza nel fatto che si possa essere infettati ( 0% di efficacia). Se il vaccino fosse efficace al 67%, i casi nel gruppo vaccinato si ridurrebbero di 2/3 a 2,67 casi e il totale dei casi sarebbe solo di 4,67 casi (2,67 vaccinati e 2 non vaccinati).

Ciò significa che solo il 2,67/4,67 o il 57% dei casi sarebbe nel gruppo vaccinato e il 43% in quello non vaccinato. (Possiamo tornare al 10% complessivo di positività solo utilizzando i rapporti, ottenendo 5,7 casi tra i vaccinati e 4,3 tra i non vaccinati.)

Ecco perché la proporzione vaccinata nel campione infetto, molto vicina alle proporzioni vaccinate nella popolazione totale, è incompatibile con i numeri di efficacia generati dagli autori.

Mi sembra, come nello studio del Massachusetts, che il vaccino non stia affatto diminuendo la suscettibilità all’infezione, in realtà appare una suscettibilità leggermente (insignificante) in diminuzione e una suscettibilità leggermente in aumento alla variante Delta.

Lo studio del Regno Unito evidenzia che la carica virale (e quindi l’infettività per gli altri) è molto maggiore con Delta che con Alpha e che, con Delta, la carica virale e l’infettività sono uguali nelle persone infette vaccinate e non vaccinate.’

I tre studi precedenti portano Nina Pierpoint (MD, PhD) a concludere nel suo articolo che obbligare al vaccino è un atto potenzialmente dannoso e pericoloso.

Scrive che poiché la ragione principale di un obbligo è proteggere gli altri dall’infezione e questi studi dimostrano senza ombra di dubbio che i vaccini non lo fanno, coloro che impongono vaccinazioni obbligatorie di Covid-19 dovrebbero rispondere della colpevolezza e responsabilità per potenziali danni a lunga durata nei confronti dei soggetti che stanno spingendo alla vaccinazione col ricatto dell’esclusione dal lavoro, dall’istruzione o dalla società.

https://www.cdc.gov/mmwr/volumes/70/wr/pdfs/mm7031e2-H.pdf

https://papers.ssrn.com/sol3/papers.cfm?abstract_id=3897733

https://www.medrxiv.org/content/10.1101/2021.08.18.21262237v1

BREAKING – Three studies published by the CDC, UK Government & Oxford University find the Covid-19 Vaccines do not work

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


eVenti Avversi

Read Previous

L’Immunità di gregge è impossibile

Read Next

UK – Niente green pass vaccinali contro il Covid per quest’ inverno. Stupisce Boris Johnson.

Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro

Ads Blocker Rilevato

Abbiamo rilevato che utilizzi adblock. Per proseguire la navigazione, per favore, disabilitalo sul nostro sito. Ci aiuta a mantenere i costi del servizio.

Powered By
Best Wordpress Adblock Detecting Plugin | CHP Adblock