• Ottobre 2, 2022

Covid in Germania, niente stipendio ai lavoratori non vaccinati in quarantena

untitled image

In Germania ai dipendenti pubblici e privati non vaccinati che dovessero finire in quarantena per sospetta infezione da Covid-19 non spetterà più nessun compenso per il periodo di assenza dal lavoro. Il provvedimento entrerà in vigore dal primo novembre.

Aumenta il pressing delle autorità tedesche: ai non vaccinati non spetterà più alcun compenso per il periodo in cui dovessero fare la quarantena.

Lo ha stabilito il ministro della Salute, Jens Spahn, in accordo con i colleghi dei Länder.

Le nuove regole potrebbero entrare in vigore già l’11 ottobre secondo una bozza del piano visionata da Reuters e riguarderanno sia chi è risultato positivo al virus sia quanti sono rientrati da Paesi designati ad alto rischio per il Covid (lista che ora comprende anche Gran Bretagna, Turchia e parti della Francia). I non vaccinati di rientro da questi Paesi devono fare una quarantena di almeno 5 giorni, non richiesta invece a coloro che sono stati immunizzati o sono guariti di recente.

I critici hanno obiettato che una simile regola rende di fatto obbligatorio il vaccino visto che molti lavoratori non possono permettersi di restare a casa senza essere pagati.

Spahn ha precisato però che l’intento del provvedimento non è tanto quello di fare pressing sui tedeschi per vaccinarsi, quanto rispondere a un criterio di correttezza e giustizia. «Perché devono pagare altri per chi sceglie di non vaccinarsi?» ha argomentato con la tv ZDF.

Una cosa è certa: Berlino sta prendendo iniziative che rendono sempre più sconveniente non vaccinarsi. Sempre dall’11 ottobre i tamponi anti Covid richiesti per esempio per accedere all’interno dei ristoranti se non vaccinati non saranno più gratuiti. Inoltre alcuni Land hanno iniziato a permettere a locali come ristoranti e stadi di poter scegliere se limitare gli ingressi alle sole persone vaccinate o guarite di recente oppure estenderle anche quelle dotate di tampone negativo. In Germania ha completato il ciclo vaccinale il 74% degli adulti, contro la media europea del 72,3%.

FONTE

FONTE

Iscriviti alla nostra newsletter

eVenti Avversi

Read Previous

Green pass: Renzi, taglio stipendio parlamentari? Sacrosanto

Read Next

Israele: le dosi di richiamo ora sono valide solo per 6 mesi

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.