• Aprile 20, 2024

Quattro giovani stelle dello sport con problemi di (parola censurata) nei giorni scorsi

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


Quattro star dello sport colpiti da emorragie e coaguli di sangue.

I primi due sono giocatori di Football Americano nel più importante torneo della NFL (National Football League).

Henry Anderson, 31 enne “defensive end” dei Carolina Panthers, ha rivelato mercoledì 7 dicembre di aver subito un “ictus minore” ad ottobre e che spera di tornare in campo domenica contro i Seattle Seahawks.

Il 22 ottobre, un giorno prima che i Panthers affrontassero i Tampa Bay Buccaneers di Tom Brady, Anderson è stato ricoverato in ospedale dopo aver sentito un intorpidimento alle gambe e alle braccia, oltre ad avvertire problemi di linguaggio.

“L’abbiamo risolto abbastanza rapidamente”, ha detto Anderson mercoledì. “È stato un ictus, quindi è praticamente come un coagulo di sangue nel cervello.”
Dopo alcuni giorni in ospedale, Anderson è stato dimesso e inserito nella lista dei giocatori infortunati di riserva / non disponibili il 25 ottobre, ma il motivo non è stato reso noto fino a mercoledì.

“Non sapevo molto di ictus, ma ho scoperto di più e mi sono reso conto di essere stato abbastanza fortunato a evitare qualcosa di serio e a lungo termine”, ha detto Anderson.
“Sono contento di essere stato in qualche modo ignaro quando è successo perché sarei stato un po ‘più preso dal panico se mi fossi reso conto di cosa stava succedendo. Ma come ho detto, sono stato abbastanza fortunato”,
ha aggiunto.
Ora spera di tornare in campo al più presto.

“Sono un giocatore di football”, ha detto Anderson. “Se sono autorizzato a giocare, voglio essere là fuori e giocare a football perché è quello che amo fare”.

“Se i dottori dicono che sono a posto e ho l’autorizzazione, voglio essere là fuori e giocare con i miei compagni di squadra”.

I Panthers sono al terzo posto nella NFC South in vista dello scontro di domenica contro i Seahawks.

Il compagno di squadra di Anderson, Brian Burns, ha detto che alla squadra non è stato detto dell’ictus di Anderson prima della partita di ottobre contro i Bucs.

“Ricordo solo che non era alla riunione per motivi personali”, ha detto Burns. “È stato spaventoso per me quando abbiamo scoperto che aveva un ictus perché è così giovane ed è un atleta”.

“E’ in una forma fisica di alto livello. Mi sembra che la maggior parte delle volte quando sento parlare di ictus si tratti di persone anziane o obese o forse a causa di un colpo di calore, o qualcosa del genere”, ha aggiunto Burns.

Il secondo giocatore di football colpito da coaguli è l’“offensive tackle” dei New York Jets, il 23enne Max Mitchell, a cui nei giorni scorsi hanno riscontrato coaguli di sangue nel polpaccio e nel polmone destro e non giocherà più in questa stagione.

Mitchell è stato inserito nella lista degli infortunati non disponibili giovedì 8 dicembre. L’allenatore Robert Saleh ha rifiutato di spiegare il motivo.

I Jets hanno selezionato Mitchell nel quarto round del draft di aprile. A causa degli infortuni di Mekhi Becton e George Fant, Mitchell è stato inserito tra i titolari, iniziando cinque delle sei partite che ha giocato come debuttante.

Mitchell ha poi saltato sei partite per un infortunio al ginocchio. È tornato nella dodicesima settimana contro i Chicago Bears come riserva ed è stato titolare nel match della settimana contro i Minnesota Vikings.

La terza star dello sport colpita da ictus è il giocatore di Hockey su ghiaccio Kris Letang, difensore dei Pittsbourgh Penguins.

Kris Letang è tornato in formazione per i Pittsburgh Penguins contro i Buffalo Sabres alla PPG Paints Arena ieri, sabato 10 dicembre, 12 giorni dopo aver avuto un ictus.

“Ictus è una parola spaventosa”, ha detto Letang giovedì. “Sono fortunato ad avere lo staff che abbiamo. So di essere in buone mani. Sono stato fortunato perchè si è risolto da solo, posso tornare ad una vita normale. La gente ormai mi conosce bene. Loro sanno che l’hockey è una passione per me, è qualcosa che impiegherà molto tempo per essere dimenticata”.

“Allo stesso tempo, conosco il pericolo. So tutto. Mi sono assicurato di conoscere tutti i rischi che sto correndo. Se non ce ne sono, riprenderò a giocare. Questa è la situazione in questo momento”, aveva aggiunto giovedì.

Letang ha iniziato a pattinare da solo il 1 dicembre, tre giorni dopo l’ictus, ma non è stato autorizzato ad attività legate all’hockey fino a giovedì, quando si è allenato per la prima volta.

L’ictus di Letang si è verificato dopo un allenamento completo il 28 novembre. Dopo aver sofferto di emicrania, Letang è stato invitato a chiamare il capo preparatore atletico Chris Stewart prima che il medico capo della squadra Dr. Dharmesh Vyas gli dicesse di andare immediatamente in ospedale.

In quel momento, Letang non sapeva di aver avuto un ictus. Ha detto di aver avuto emicranie in passato, di solito ne soffriva una ogni due mesi circa, ma normalmente sparivano dopo circa due ore.

Questa volta, Letang ha detto che le emicranie continuavano ad arrivare ogni tre ore. Letang è rimasto ad assistere alle partite dei Penguins negli ultimi 12 giorni, anche alla sconfitta per 3-2 contro i Carolina Hurricanes il 29 novembre. Ha parlato con il direttore generale Ron Hextall durante il secondo periodo di quella partita ed è apparso negli spogliatoi dopo.

Hextall ha detto che il giorno seguente si aspettava che Pittsburgh giocasse per Letang. Da allora la squadra ne ha vinte quattro di fila.

“Mentalmente, mi sento bene ad essere tornato”, ha detto Letang. “È sempre difficile stare in disparte. So che la salute viene prima di tutto. … Ci stiamo prendendo tutto il tempo necessario per capire questa cosa. Come ha detto [Vyas], quando mi sento pronto per andare ad allenarmi come ho fatto oggi , mi darà il via libera, se ci sono le condizioni di sicurezza”.

La quarta campionessa dello sport colpita da coaguli è la giocatrice della NCAA di Basket della squadra Tennessee Lady Vols, la 21enne Tamara Key.

La stagione di Tamari Key si è conclusa prematuramente dopo che le è stato diagnosticato un coagulo di sangue nel polmone e questa settimana ha dovuto essere curata presso il Centro medico dell’Università del Tennessee.

Dopo che Key ha saltato la partita di martedì 6 dicembre per motivi medici, l’allenatore Kellie Harper ha detto che la sua posizione sarebbe stata aggiornata non appena se ne fosse saputo di più. Quella notizia è arrivata giovedì 8 dicembre con un annuncio ufficiale dal Tennessee che Key non sarebbe tornata in questa stagione a causa delle sue condizioni mediche.

“La mia unica preoccupazione in questo momento è che Tamari continui a ricevere le cure mediche e la guida di cui ha bisogno e inizi il processo graduale di guarigione e ritorno alla piena forza”, ha detto Harper. “Questo è molto più importante del basket. Siamo così grati che questa condizione medica sia stata rilevata. Il nostro intero programma sarà proprio accanto a Tamari durante questo processo e accoglie preghiere e pensieri positivi da Lady Vol Nation e altre squadre”.
Nella dichiarazione ha anche specificato che Key “continuerà a ricevere cure sotto la guida dei medici del centro medico dell’Università del Tennessee e del Tennessee Athletics (e) dovrebbe riprendersi completamente”.

Dopo che la notizia è diventata pubblica, Key ha pubblicato una dichiarazione su Instagram: “Grazie per il supporto che mi avete mostrato per tutta la stagione e per tutta la mia carriera, il supporto che so continuerà durante il mio recupero. Mentre sono delusa di vedere la mia stagione giunta al termine, sono grata di aver identificato e diagnosticato correttamente questo problema. Non vedo l’ora di uscire da questa battuta d’arresto più forte che mai! Ai miei compagni di squadra: il vostro amore e il vostro supporto significano molto per me. Mi mancherà essere in campo con voi, ma non vedo l’ora di fare il tifo per voi mentre continuiamo a inseguire i nostri obiettivi. Tutti per uno. Uno per tutti. Vai Lady Vols!”
La leader della squadra del Tennessee ha giocato nove partite in questa stagione prima di saltare la decima gara contro Chattanooga. Ha segnato una media di 8,4 punti con il 66,7% di tiri a canestro e 4,2 rimbalzi a partita e 18 stoppate.

Key aveva faticato in alcune partite in questa stagione e a volte sembrava senza fiato mentre correva in campo. La ragione di ciò è ora subito evidente, ma era stata colpita dalle critiche di alcuni fans.
La diagnosi di Key su quella che può essere una malattia mortale se non viene diagnosticata e curata dovrebbe servire a ricordare che i fan non sanno cosa potrebbe sopportare un giocatore. Nell’ultima partita che ha giocato domenica contro Virginia Tech, Key ha totalizzato 11 punti, sette rimbalzi e tre stoppate e ha tenuto a sei punti la giocatrice dell’anno ACC Elizabeth Kitley.
Key ha giocato 29 minuti in quella partita ed è andata in panchina per brevi periodi per riprendere fiato. Col senno di poi, la giocatrice ha rischiato molto, poiché i coaguli di sangue possono causare embolia polmonare e morte improvvisa.

Per ora, la preoccupazione principale è che Key guarisca completamente e si adatti alla fine inaspettata della sua stagione da senior. Eventuali decisioni sul suo futuro da giocatore verranno in seguito.

FONTE

FONTE

FONTE

FONTE

Iscriviti alla nostra newsletter

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


eVenti Avversi

Read Previous

Le novità di Twitter: niente più “shadow ban”

Read Next

Il colosso dei mass media: “Quasi il 20% delle perdite infantili in Inghilterra sono non previste e inspiegabili” – STUDIO

Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro

Ads Blocker Rilevato

Abbiamo rilevato che utilizzi adblock. Per proseguire la navigazione, per favore, disabilitalo sul nostro sito. Ci aiuta a mantenere i costi del servizio.

Powered By
Best Wordpress Adblock Detecting Plugin | CHP Adblock