• Ottobre 2, 2022

Dopo la sfilza di provvedimenti in favore dei sanitari non vaccinati sospesi, la Fnomceo chiede un passo indietro al governo

In uno slancio di raffinato cerchiobottismo istituzionale, il Consiglio nazionale della Fnomceo ha appena approvato all’unanimità una mozione che sarà inviata ai Ministri della Salute e della Giustizia e al presidente del Consiglio Superiore della Magistratura. La mozione chiede al governo di rivedere la posizione degli ordini professionali riguardo al controllo degli adempimenti vaccinali degli operatori sanitari.

Di certo le ultime ordinanze che hanno visto la reintegrazione dei sanitari sospesi con tanto di corresponsione degli stipendi arretrati avrà avuto il suo buon peso.

“È il momento di tornare alla normalità – spiega il Presidente Anelli -. Quindi è il momento di sollevare gli Ordini dal controllo dell’adempimento dell’obbligo, lasciando in capo a loro solo il compito, che compete loro, delle valutazioni deontologiche e dei procedimenti disciplinari”. 

La mozione infatti rileva come alcune recenti ordinanze e decisioni della Magistratura amministrativa e ordinaria abbiano evidenziato “elementi di incertezza” sull’applicazione della normativa, “pervenendo, in alcuni casi, a interpretazioni contrarie a ogni evidenza scientifica”.

Saranno ( come affermano) contrari ad ogni evidenza scientifica , ma i provvedimenti della magistratura sono ormai copiosi in materia, tanto da far vacillare ogni certezza di coloro chiamati a far rispettare le regole, gli stessi che oggi chiedono un passo indietro…con la coda tra le gambe.

Da qui la richiesta: “che nelle more di una revisione legislativa della materia, il Ministero della Salute fornisca, con urgenza, quelle indicazioni operative, più volte sollecitate, indispensabili per una uniforme attività ordinistica e necessarie a superare le incertezze e i dubbi, dando, in particolare, risposta alle richieste espresse da tutte le Federazioni sanitarie, circa l’individuazione delle modalità di corretta applicazione del D.L. 44/2021, in particolare riguardo alla tempistica della procedura vaccinale nei soggetti che hanno contratto l’infezione da virus SARS COV 2”.

LA MOZIONE:

eVenti Avversi

Read Previous

Cagliari, muore a vent’anni giocando a calcetto

Read Next

Malore improvviso per Mauro Gazzola tastierista dei Dik Dik. Ricoverato d’urgenza