• Marzo 2, 2024

I biolab ucraini sono collegati alla ricerca sul guadagno di funzione del coronavirus?

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


di Daniel Horowitz-The Blaze

Martedì scorso, il sottosegretario di Stato per gli affari politici Victoria Nuland ha dichiarato alla Commissione per le relazioni estere del Senato: “L’Ucraina ha strutture di ricerca biologica, ora siamo piuttosto preoccupati per le truppe russe, le forze russe potrebbero cercare di ottenere il controllo, quindi stiamo lavorando con gli ucraini su come poter impedire che uno qualsiasi di quei materiali di ricerca cada nelle mani delle forze russe”.

Ora l’Organizzazione Mondiale della Sanità sta chiedendo ai funzionari ucraini di “distruggere gli agenti patogeni ad alta minaccia per prevenire potenziali fuoriuscite”, a causa del rischio di esplosioni durante la guerra.

Dato che milioni di persone al mondo sono state uccise o danneggiate a lungo termine da un virus che è stato probabilmente creato dalla ricerca sul guadagno di funzione in un laboratorio simile a Wuhan, non è importante avere un resoconto completo di quanti altri laboratori di guadagno di funzione detenga il governo americano, in quali paesi e cosa stiano facendo esattamente? Non si tratta di giustificare l’invasione di Putin come in qualche modo il salvatore dell’umanità contro la guerra biologica. Si tratta di capire l’origine di unvirus che chiaramente non era naturale e che ha distrutto le nostre vite e come garantire che ciò non accada di nuovo.

Ora è chiaro che, come minimo, gli Stati Uniti sono stati pesantemente coinvolti nello sviluppo e nella gestione di questi biolaboratori in Ucraina. NewsPunch ha recuperato circa una dozzina di documenti cancellati dall’ambasciata degli Stati Uniti a Kiev che dettagliano il finanziamento statunitense di più biolaboratori in tutto il paese.

Un articolo web cancellato da BioPrepWatch.com il 18 giugno 2010, che è stato recuperato da National Pulse, intitolato “Biolab opens in Ukraine” spiega come Obama, mentre serviva come senatore dell’Illinois, insieme al senatore dell’Indiana Dick Lugar, abbia contribuito a negoziare un accordo per costruire un laboratorio di bio-sicurezza di livello 3 a Odessa, in Ucraina, nel 2005. L’articolo è stato incluso nel numero 818 dell’Outreach Journal dell’US Air Force Counterproliferation Center.

Che cosa si stava facendo lì? Un rapporto del 2011 del Comitato dell’Accademia Nazionale delle Scienze degli Stati Uniti sull’anticipazione delle sfide della biosicurezza dell’espansione globale dei laboratori biologici ad alto contenimento ha spiegato che si trattava di un progetto tra il Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti e il Ministero della Salute dell’Ucraina incentrato sulla “prevenzione della diffusione di tecnologie, agenti patogeni e conoscenze che possono essere utilizzate nello sviluppo di armi biologiche”. Aveva un permesso, secondo il rapporto, “di lavorare sia con batteri che con virus del primo e del secondo gruppo patogeno”.

Un documento separato che descrive in dettaglio la rete di biolab dell’Ucraina dal BioWeapons Prevention Project spiega che stavano studiando Ebola e “virus del gruppo di patogenicità II utilizzando metodi virologici, molecolari, sierologici ed espressi”. Inoltre, il laboratorio ha fornito “una formazione speciale per specialisti su questioni di biosicurezza e biosicurezza durante la manipolazione di pericolosi agenti patogeni biologici”.

Quindi, chi gestisce questi laboratori? Dilyana Gaytandzhieva, una giornalista bulgara, ha identificato la società biotech Metabiota Inc., che è fortemente supportata da Google, in un articolo estremamente dettagliato nel 2019 come il principale attore nei laboratori ucraini. È un’azienda che traccia la traiettoria delle epidemie e vende assicurazioni sulla pandemia, ma sembra anche avere le mani in pasta nei laboratori reali che, come abbiamo dolorosamente appreso negli ultimi due anni, potrebbero essere la fonte di alcuni di questi focolai.

La società statunitense Metabiota Inc. si è aggiudicata contratti federali da 18,4 milioni di dollari nell’ambito del programma DTRA del Pentagono in Georgia e Ucraina per servizi di consulenza scientifica e tecnica. I servizi di Metabiota includono la ricerca globale sulle minacce biologiche sul campo, la scoperta di agenti patogeni, la risposta alle epidemie e gli studi clinici. Metabiota Inc. era stata incaricata dal Pentagono di svolgere lavori per DTRA prima e durante la crisi di Ebola in Africa occidentale e ha ricevuto 3,1 milioni di dollari (2012-2015) per il lavoro in Sierra Leone – uno dei paesi epicentro dell’epidemia di Ebola.

Infatti, nell’agosto 2018, Metabiota, creata nel 2008, ha annunciato di aver ricevuto un subappalto da Black & Veatch (B & V) per supportare il programma di impegno biologico cooperativo (CBEP) della Defense Threat Reduction Agency (DTRA) degli Stati Uniti in Iraq. Black and Veatch è la società di ingegneria con sede a Kansas City che è elencata come appaltatore di uno dei biolab veterinari finanziati dal DOD incaricati di lavorare su “agenti patogeni”, tra i documenti recuperati da NewsPunch dall’ambasciata degli Stati Uniti a Kiev.

In che modo tutto questo torna alla nostra preoccupazione per COVID 2.0 e un’altra perdita di laboratorio? L’anno scorso, Metabiota, con sede a San Francisco, ha previsto una probabilità del 47%-57% che si verifichi un’altra pandemia che ucciderà ancora più persone del COVID. Cosa sanno loro che noi non sappiamo?

Un’indagine del 2016 della CBS ha rilevato che i funzionari dell’Organizzazione Mondiale della Sanità ritengono che Metabiota abbia rovinato la risposta all’Ebola in Africa e che non ci fosse “assolutamente alcun controllo su ciò che viene fatto”. Il funzionario sanitario degli Stati Uniti Austin Demby, che è stato inviato al laboratorio condiviso metabiota in Sierra Leone dal CDC, ha riferito che “il potenziale di contaminazione incrociata è enorme e francamente inaccettabile”, dopo aver visto siringhe usate gettate sul pavimento, la mancanza di una luce ultravioletta per la decontaminazione e non abbastanza spazio per elaborare i campioni di sangue in modo sicuro. La CBS cita anche un rappresentante di Medici Senza Frontiere che afferma di aver visto contaminazione incrociata e mancanza di igiene e dispositivi di protezione inadeguati mentre i lavoratori si spostavano dal laboratorio alle proprie abitazioni.

Vi sentite al sicuro con un’azienda come questa coinvolta con biolab realizzati da DOD in Ucraina? Bene, cosa succederebbe se vi dicessi che la loro leadership è legata agli attori centrali nella ricerca sul guadagno di funzione del coronavirus di Wuhan e finanziata da … Hunter Biden?!

Il CEO di Metabiota è il Dr. Nathan Wolfe, virologo che è stato membro della rivista ufficiale di EcoHealth Alliance, la società al centro della ricerca sul guadagno di funzione sul legame della proteina spike del coronavirus fin dal primo giorno. Secondo il suo profilo LinkedIn, Wolfe “è stato onorato con una borsa di studio Fulbright, il NIH Director’s Pioneer Award, [e] un World Economic Forum Young Global Leader”. Come una citazione da film horror, Wolfe ha spiegato la sua impresa in un’intervista con The Edge nel 2009 come segue:

Se vuoi pensare al mio lavoro, un modo per pensare a me è come curatore di collezioni microbiche. Ho questi enormi repository. Ho siti in tutto il mondo che hanno lo scopo di raccogliere microrganismi interessanti, e poi entro in collaborazioni con diversi gruppi. Invece di venire a guardare le mie collezioni di coleotteri, invio loro esemplari che penso che possano trovare di interesse, e li studiano per nuovi agenti. In realtà è una specie di museo microbico.

Anni fa, nessuno di noi avrebbe fatto caso a questo. Ma dato il sospetto che EcoHealth Alliance abbia creato SARS-CoV-2 da un repository simile e da un “museo microbico”, non negli Stati Uniti ma come “impresa” in tutto il mondo, dovremmo probabilmente sospettare di ciò che Metabiota sta facendo in Ucraina.

Poi, naturalmente, c’è Hunter Biden. Il National Pulse ha trovato rapporti finanziari che rivelano che la società di investimento del “primo figlio”, Rosemont Seneca Technology Partners, ha guidato il primo round di finanziamento di Metabiota, che ammontava a $ 30 milioni, e che “l’ex amministratore delegato e co-fondatore di RSTP Neil Callahan – un nome che appare molte volte sul disco rigido di Hunter Biden – siede anche nel consiglio di amministrazione di Metabiota”. Callahan è anche il co-fondatore di Pilot Growth Management, che è l’attuale principale investitore di Metabiota.

Nel rapporto annuale 2014 di EcoHealth, Metabiota è elencata come partner del progetto “PREDICT” dell’Agenzia statunitense per lo sviluppo internazionale (USAID), che cerca di “prevedere e prevenire le minacce globali emergenti di malattie”. Ciò includeva la ricerca sulle malattie infettive a Wuhan insieme alla “bat lady” Shi Zhengli.

Il National Pulse rivela anche che “i ricercatori di Metabiota sono stati elencati insieme al personale di EcoHealth Alliance in uno studio del 2014 sullo spillover dell’henipavirus, uno studio del 2014 sul monitoraggio dell’Ebola, uno studio del 2015 incentrato sull’herpes e uno studio del 2015 sulla diversità virale”.

Quindi, Peter Daszak, EcoHealth, Nathan Wolfe, Metabiota, Hunter Biden, il laboratorio di Wuhan e l’Ucraina si legano tutti insieme in qualche modo. E ora i funzionari degli Stati Uniti e dell’OMS stanno avvertendo chiaramente di alcuni agenti patogeni molto potenti presenti in queste strutture ucraine gestite dagli Stati Uniti.

In passato, avremmo pensato che il governo americano stesse probabilmente lavorando su importanti ricerche virali o forse lavorando su armi biologiche per scoraggiare i nemici… Ma ora che sappiamo che le nostre vite sono state distrutte a causa di un virus trapelato da un laboratorio simile, con un cast di personaggi del genere, come possiamo fidarci? Come possiamo essere sicuri che non stiano confezionando altre bombe a orologeria come accaduto nel laboratorio di Wuhan?

Indipendentemente da ciò che accadrà con la guerra, dobbiamo sapere se l’Ucraina è la nuova Wuhan.

Iscriviti alla nostra newsletter

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


eVenti Avversi

Read Previous

Si accascia al suolo durante una partita a basket. Muore 17 enne a Roma

Read Next

Il camper vaccinale davanti alle scuole fa FLOP

Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro

Ads Blocker Rilevato

Abbiamo rilevato che utilizzi adblock. Per proseguire la navigazione, per favore, disabilitalo sul nostro sito. Ci aiuta a mantenere i costi del servizio.

Powered By
Best Wordpress Adblock Detecting Plugin | CHP Adblock