• Giugno 17, 2024

Antibiotico-resistenza? No problem: creato il primo vaccino a mRNA per i batteri

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


Per la prima volta, un team di ricercatori dell’Università di Tel Aviv e dell’Israel Institute for Biological Research ha sviluppato un vaccino a base di mRNA efficace, da quanto dichiarato, al 100% contro un tipo di batterio letale per l’uomo: lo Yersinia pestis, l’agente eziologico della peste.  Lo studio, condotto su un modello animale, ha dimostrato che tutti gli animali trattati erano completamente protetti dai batteri.

Secondo i ricercatori, la loro nuova tecnologia può consentire un rapido sviluppo di vaccini efficaci per le malattie batteriche, comprese le malattie causate da batteri resistenti agli antibiotici.

Fino ad ora, gli scienziati credevano che i vaccini a mRNA contro i batteri fossero biologicamente irrealizzabili. Nel nostro studio abbiamo dimostrato che è effettivamente possibile sviluppare vaccini a mRNA efficaci al 100% per batteri mortali”, ha affermato il ricercatore capo Edo Kon.

I ricercatori hanno cercato di sintetizzare le proteine ​​batteriche nelle cellule umane, ma l’esposizione a queste proteine ​​ha provocato bassi anticorpi e una generale mancanza di effetto immunitario protettivo. Questo perché, anche se le proteine ​​prodotte nei batteri sono sostanzialmente identiche a quelle sintetizzate in laboratorio, essendo basate sulle stesse “istruzioni di fabbricazione”, quelle prodotte nelle cellule umane subiscono cambiamenti significativi, come l’aggiunta di zuccheri, quando secreti dalla cellula umana.

Per affrontare questo problema, il team di ricerca ha sviluppato metodi per secernere le proteine ​​batteriche bypassando le classiche vie di secrezione, che sono problematiche per questa applicazione. Il risultato, secondo l’articolo pubblicato su Science Advances , è stata una significativa risposta immunitaria, con il sistema immunitario che ha identificato le proteine ​​nel vaccino come proteine ​​batteriche immunogeniche.

Se domani dovessimo affrontare una sorta di pandemia batterica, il nostro studio fornirà un percorso per lo sviluppo rapido di vaccini a mRNA sicuri ed efficaci“, ha affermato Dan Peer, vicepresidente per la ricerca e lo sviluppo e capo del laboratorio di nanomedicina di precisione presso l’Università di Tel Aviv.

  • Naturalmente lo studio non è privo di conflitti di interesse, risulta infatti che il team riceve diritti di licenza (per brevetti di cui era un inventore) da, investe in, consulta (o su comitati consultivi scientifici o consigli di amministrazione) e tiene conferenze ( e ha ricevuto un compenso) o conduce ricerche sponsorizzate presso TAU per le seguenti entità: ART Biosciences, BioNtech SE, Kernal Biologics, Merck, Newphase Ltd., NeoVac Ltd., RiboX Therapeutics, Roche, SirTLabs Corporation e Teva Pharmaceuticals Inc.

Link allo studio: https://www.science.org/doi/10.1126/sciadv.adg1036

Iscriviti alla nostra newsletter

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


eVenti Avversi

Read Previous

Il Giappone riporta la prima morte direttamente correlata

Read Next

Clamorosa inversione di marcia per il ministro della Salute tedesco Lauterbach: ora ammette danni “sconcertanti” e profitti “esorbitanti”

Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro

Ads Blocker Rilevato

Abbiamo rilevato che utilizzi adblock. Per proseguire la navigazione, per favore, disabilitalo sul nostro sito. Ci aiuta a mantenere i costi del servizio.

Powered By
100% Free SEO Tools - Tool Kits PRO