• Maggio 27, 2024

Il Giappone riporta la prima morte direttamente correlata

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


Un panel del ministero della salute ha affermato venerdì che un nesso causale tra la morte di novembre di una donna di 42 anni e la somministrazione di un vacc ino C19 “non può essere negato” – questo è il primo riconoscimento di tale correlazione tra quasi 2.000 segnalazioni finora dei decessi a seguito delle vacci nazioni contro il C19 in Giappone.

La donna ha ricevuto una dose Pf.zer mirata alla variante omicron il 5 novembre in un centro di vacci nazione di massa. Si è sentita male sette minuti dopo e il suo respiro si è fermato dopo circa 15 minuti. Inizialmente sospettato di avere uno shock anafilattico, un medico del centro ha eseguito la RCP e ha cercato di somministrare un’iniezione di adrenalina, ma non ci è riuscito.

La donna è stata portata in ospedale ma è morta per insufficienza cardiaca acuta un’ora e 40 minuti dopo aver ricevuto l’iniezione di C19. Una TAC post mortem ha mostrato che aveva avuto un edema polmonare acuto, un improvviso accumulo di liquido nei polmoni, afferma il rapporto.

La donna era obesa e aveva la pressione alta e il diabete, ha aggiunto il rapporto, osservando che non è stata eseguita alcuna autopsia.

“Dai dati ottenuti dalle immagini (TAC) non sono state riscontrate anomalie che potrebbero aver causato la morte oltre al vacci no. Tutto sommato, il nesso causale diretto tra la vaccina zione e la morte non può essere negato”, afferma il rapporto.

Un totale di 382 milioni di iniezioni sono state somministrate in Giappone dall’inizio del lancio dei vacc ini COV ID nel febbraio 2021. A gennaio, sono stati segnalati 1.963 decessi di persone di età pari o superiore a 12 anni, di cui 1.751 (6,3 per milione) a seguito dei vacci ni Pfiz er , 211 (2,6 per milione) dopo i vacc ini di Moderna e uno (3,7 per milione) che prevedeva una dose di Takeda-Novavax.

Ad eccezione del caso della donna di 42 anni, il ministero afferma che non è stato stabilito un nesso causale tra le somministrazioni e le morti.

SOURCE

Iscriviti alla nostra newsletter

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


eVenti Avversi

Read Previous

Il trucco dell’efficacia: UN FALSO

Read Next

Antibiotico-resistenza? No problem: creato il primo vaccino a mRNA per i batteri

Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro

Ads Blocker Rilevato

Abbiamo rilevato che utilizzi adblock. Per proseguire la navigazione, per favore, disabilitalo sul nostro sito. Ci aiuta a mantenere i costi del servizio.

Powered By
Best Wordpress Adblock Detecting Plugin | CHP Adblock