• Giugno 25, 2022

I vaccini Covid AUMENTANO il rischio di infezione secondo il New England Journal of Medicine. I “complottisti” avevano ragione?

Questa non è certo una novità per coloro che hanno prestato molta attenzione, ma il fatto che finalmente venga riconosciuto da una rivista accademica molto rispettata è una svolta.

Diversi studi recenti hanno indicato che i vaccini Covid-19 aumentano effettivamente il rischio di contrarre la malattia nel tempo, ma questi studi sono stati ignorati o addirittura rigettati dai media mainstream e da Big Pharma per mesi.

Ora dovranno fare i conti con un nuovo studio pubblicato sull’autorevole New England Journal of Medicine.

Si tratta di uno studio di dimensioni enormi, che ha esaminato i dati raccolti da oltre 100.000 persone infettate dalla variante Omicron. Ciò conferisce credibilità alla significatività statistica dei risultati, che sono assolutamente sorprendenti. Ecco i punti chiave:

  • Coloro che sono stati “completamente vaccinati” con due vaccini Moderna o Pfizer hanno maggiori probabilità di contrarre la Covid-19 rispetto a coloro che non sono stati vaccinati.
  • I richiami offrono una protezione approssimativamente uguale a quella dell’immunità naturale, ma i benefici svaniscono dopo 2-5 mesi.
  • L’immunità naturale dura almeno 300 giorni, ovvero la durata dello studio; probabilmente dura molto di più.

Questo fa il paio con l’attuale narrazione di Big Pharma e dei media, secondo cui i vaccini dovrebbero mitigare gli effetti. Ma anche questa affermazione è stata messa in discussione, poiché studi recenti indicano che i vaccinati potrebbero avere molte più probabilità di morire rispetto ai non vaccinati. Secondo The Exposé:

“Il governo canadese ha confermato che la popolazione vaccinata è responsabile di 4 decessi su 5 di Covid-19 avvenuti nel Paese dalla metà di febbraio del 2022, e che il 70% di questi decessi ha riguardato la popolazione triplamente vaccinata”.

Nonostante la portata dello studio e la credibilità della fonte, non riceverà alcuna attenzione da parte dei media aziendali.

Ecco i dettagli dello studio pubblicato sul New England Journal of Medicine in un articolo di Marina Zhang su The Epoch Times:

La vaccinazione aumenta il rischio di COVID-19, ma l’infezione senza vaccinazione conferisce immunità: Studio

Secondo gli scienziati, due dosi di vaccino COVID-19 sono state collegate a una efficacia negativa contro la malattia, mentre una precedente infezione senza vaccinazione offre circa il 50% di immunità, secondo uno studio che analizza l’ondata Omicron in Qatar.

Lo studio, pubblicato sul New England Journal of Medicine il 15 giugno, ha esaminato l’ondata Omicron in Qatar che si è verificata da circa dicembre 2021 a febbraio 2022, confrontando i tassi di vaccinazione e l’immunità tra più di 100.000 individui infetti e non infetti da Omicron.

Gli autori dello studio hanno scoperto che coloro che avevano avuto un’infezione precedente, ma non erano stati vaccinati, avevano un’immunità del 46,1% e del 50% contro le due sottovarianti della variante Omicron, anche a un intervallo di oltre 300 giorni dall’infezione precedente.

Tuttavia, gli individui che hanno ricevuto due dosi di vaccino Pfizer e Moderna, ma che non avevano avuto un’infezione precedente, sono risultati con un’immunità negativa contro entrambe le sottovarianti BA.1 e BA.2 Omicron, indicando un rischio maggiore di contrarre la COVID-19 rispetto a una persona media.

Dopo sei mesi dalla somministrazione di due dosi di vaccino Pfizer, l’immunità contro qualsiasi infezione da Omicron è scesa a -3,4%. Ma per due dosi del vaccino Moderna, l’immunità contro qualsiasi infezione da Omicron è scesa a -10,3% dopo più di sei mesi dall’ultima iniezione.Sebbene gli autori abbiano riportato che tre dosi del vaccino Pfizer hanno aumentato l’immunità a oltre il 50%, questo dato è stato misurato poco più di 40 giorni dopo la terza vaccinazione, un intervallo molto breve. In confronto, l’immunità naturale persisteva intorno al 50% se misurata oltre 300 giorni dopo l’infezione precedente, mentre i livelli di immunità scendevano a valori negativi 270 giorni dopo la seconda dose di vaccino.

Questi dati indicano un rischio di diminuzione dell’immunità con la terza dose di vaccino con il passare del tempo.

I risultati sono supportati da un altro recente studio israeliano che ha rilevato che l’immunità naturale è diminuita molto più lentamente rispetto all’immunità artificiale, o vaccinale.

Lo studio ha rilevato che sia l’immunità naturale che quella artificiale si esauriscono nel tempo.I soggetti precedentemente infettati ma non vaccinati presentavano rischi di reinfezione dimezzati rispetto a quelli vaccinati con due dosi ma non infettati.

“L’immunità naturale vince ancora”, ha scritto su Twitter il dottor Martin Adel Makary, ricercatore di politiche pubbliche presso la Johns Hopkins University, riferendosi allo studio israeliano.

Tra le persone che erano state precedentemente infettate dal SARS-CoV-2, la protezione contro la reinfezione è diminuita con l’aumentare del tempo“, hanno concluso gli autori, “tuttavia, questa protezione è stata più alta” rispetto alla protezione conferita nello stesso intervallo di tempo attraverso due dosi di vaccino.

SOURCE

eVenti Avversi

Read Previous

Boom di malori per escursionisti e alpinisti stremati in parete. Il caldo estivo dicono…

Read Next

Malore improvviso per Rosanna Vaudetti, l’ex Signorina Buonasera