• Giugno 17, 2024

Focolaio di “paralisi facciale” in pochi giorni. 15 casi e 10 decessi. VIDEO

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


Sono andati in onda nelle scorse ore alcuni servizi televisivi (link 1, link 2, link 3) su quello che è stato definito dalle Autorità un “focolaio di paralisi facciale”.

Le Autorità stanno indagando sulla morte di dieci persone decedute dopo aver avuto una paralisi facciale a León, città dello Stato messicano di Guanajuato. Il delegato dell’Istituto ospedaliero IMSS e il segretario alla Sanità hanno escluso che si sia trattato di meningite.

Le Autorità epidemiologiche federali e statali stanno studiando i casi di 10 pazienti ricoverati negli ospedali cittadini dell’Istituto di previdenza sociale messicano (IMSS) con paralisi facciale deceduti nelle ultime settimane, come conferma il delegato IMSS a Guanajuato, Marco Antonio Hernández Carrillo.

Il Segretario alla Salute dello Stato, Daniel Díaz Martínez, ha affermato che è stato nelle cliniche dell’IMSS di León dove si è verificato un “focolaio” di pazienti con paralisi facciale. .

“Non so chi abbia detto loro che c’era la meningite a Guanajuato, non c’è la meningite… Hanno un focolaio di paralisi facciale che viene studiato dall’IMSS, con tutta l’assistenza sanitaria che viene fornita, ma nessuno ha pronunciato quelle parole, nessuno ha espresso quei concetti”, ha affermato Daniel Díaz.

Solo un paio di giorni dopo che i media locali hanno pubblicato la notizia che l’IMSS stava cercando di nascondere i decessi per meningite, Marco Antonio Hernández ha rilasciato un’intervista per il telegiornale notturno di Telediario Bajío, dove ha confermato che tra il 10 ottobre e novembre sono stati segnalati i casi di 15 pazienti con complicanze renali associate a paralisi facciale.

Nell’intervista, il funzionario federale ha affermato che i 10 decessi sono oggetto di indagine da parte di un gruppo di specialisti delle segreterie sanitarie federale, statale e IMSS per determinare se ci possano essere casi di meningite.

“Sì, stiamo analizzando se esiste una relazione diretta tra i decessi con il problema della paralisi facciale o se si tratta di una situazione specifica della malattia di ciascuno dei pazienti dovuta alle complicanze della malattia”, ha dichiarato il delegato IMSS a Guanajuato .

Marco Antonio Hernández ha escluso che i casi di persone con paralisi facciale abbiano qualche relazione con i casi di meningite avvenuti nelle scorse settimane in un altro Stato messicano, a Durango.

Ha anche affermato che sono stati fatti controlli sui rubinetti, sulle maniglie delle porte, sui medicinali, sul materiale sanitario e in tutte le aree ospedaliere per rilevare il virus o i batteri che potrebbero causare episodi di meningite, ma finora l’esito è negativo.

In un’altra intervista, Daniel Díaz Martínez, Segretario alla Salute di Guanajuato, ha confermato che i casi di paralisi facciale che l’IMSS ha rilevato nello Stato sono già oggetto di indagine, in particolare nella città di León.

“Nessuno ha parlato di meningite, non ha alcuna relazione epidemiologica con quanto accaduto a Durango e quando i risultati dell’indagine ci forniranno maggiori informazioni, ovviamente ve lo faremo sapere”, ha aggiunto il segretario alla Salute dello Stato di Guanajato.

Díaz Martínez ha chiesto alla popolazione di non allarmarsi, spiegando che la paralisi facciale non è una malattia trasmissibile che si diffonde nella comunità.

FONTE

FONTE

FONTE

Iscriviti alla nostra newsletter

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


eVenti Avversi

Read Previous

Lecce 40enne deceduto nel reparto di Rianimazione per encefalopatia post anossica secondaria ad arresto cardiaco prolungato. Donati gli organi

Read Next

Il cardiologo pediatrico: “ecco cosa evidenziano le risonanze”. Il VIDEO integrale

Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro

Ads Blocker Rilevato

Abbiamo rilevato che utilizzi adblock. Per proseguire la navigazione, per favore, disabilitalo sul nostro sito. Ci aiuta a mantenere i costi del servizio.

Powered By
100% Free SEO Tools - Tool Kits PRO