• Ottobre 2, 2022

I dati del governo del Regno Unito segnalano 25.000 decessi post (sapete cosa) e mortalità in eccesso da aprile. In Inghilterra ennesima settimana di decessi da record

L’istituto governativo del Regno Unito noto come Office for National Statistics (ONS) ha confermato che Inghilterra e Galles hanno registrato un’altra settimana da record di morti in eccesso rispetto alla media degli ultimi cinque anni, portando il totale a poco meno di 25.000 dalla fine aprile 2022.

Tuttavia, questo numero sarebbe molto più alto se non fosse che l’ONS ora include i decessi per il 2021 nella media quinquennale. Nel 2021, infatti, in piena campagna vaccinale, c’era già stato un significativo numero di decessi in eccesso non attribuibili al Covid-19.

Ulteriori dati ONS dimostrano che 1 persona vaccinata Covid-19 su 73 è morta entro la fine di maggio 2022, i tassi di mortalità per 100.000 sono i più alti tra i vaccinati Covid-19 in ogni singola fascia di età e l’eccesso di mortalità è segnalato a cinque mesi dalla vaccinazione.

Questi dati evidenziano che la campagna di vaccinazione contro il Covid-19 è stata un vero disastro.

Il 6 luglio, l’ONS ha pubblicato alcuni documenti contenenti tutta una serie di dati terrificanti sui decessi dopo la vaccinazione covid in Inghilterra tra il 1 gennaio 2021 e il 31 maggio 2022.

Secondo l’Ufficio Nazionale di statistica tra il 21 gennaio e il 31 maggio 22, un totale di 41.117 persone sono morte con Covid-19 dopo la vaccinazione contro il Covid-19 e un totale di 565.420 persone sono morte per qualsiasi altra causa dopo la vaccinazione contro il Covid-19. Ciò significa che in tutto 606.537 persone sono morte purtroppo entro il 31 maggio 2022 a seguito della vaccinazione contro il Covid-19.

Secondo l’Agenzia per la sicurezza sanitaria del Regno Unito, in Inghilterra, fino al 3 luglio 2022, 44,5 milioni di persone avevano ricevuto almeno una dose di vaccino Covid-19.

Ciò significa che 1 persona su 73 vaccinata contro il Covid-19 in Inghilterra è morta entro la fine di maggio 2022.

Certo, alcuni di questi decessi possono essere attribuiti ad altre cause, ma le cifre sono rappresentative di un problema serio.

Lo sappiamo grazie a ulteriori dati dell’Office for National Statistics che confermano che la popolazione non vaccinata in Inghilterra ha il tasso di mortalità più basso per 100.000 abitanti in tutte le fasce d’età.

Il seguente grafico mostra i tassi di mortalità mensile standardizzati per età in base allo stato di vaccinazione tra ciascuna fascia di età per i decessi non Covid-19 in Inghilterra tra gennaio e maggio 2022, utilizzando i dati contenuti nella recente pubblicazione dell’Ufficio Nazionale di statistica.

Si tratta di dati standardizzati per età. I tassi di mortalità per 100.000 sono i più bassi tra i non vaccinati e, per converso, un elevato eccesso di mortalità tra i vaccinati.

Ci sono voluti circa 5 mesi prima che l’elevato tasso di mortalità si realizzasse tra i vaccinati con tre dosi a partire dalla campagna di richiamo invernale di massa alla fine del 2021.

Abbiamo anche visto lo stesso schema verificarsi nel 2021 circa cinque mesi dopo che la prima e la seconda dose sono state somministrate a ciascuna fascia di età in tutta l’Inghilterra.

La prima dose di Covid-19 è stata somministrata in Inghilterra l’8 dicembre 2020, ed ecco i dati sui tassi di mortalità per stato vaccinale nei successivi 4 mesi forniti dall’Office for National Statistics –

A partire da maggio 2021 la popolazione vaccinata nel suo insieme ha sviluppato maggiori probabilità di morire rispetto ai non vaccinati per causa diversa dal Covid-19, e questa tendenza è continuata mese dopo mese da allora. Si scopre anche che questa tendenza è in linea con coloro che hanno ricevuto per primi le vaccinazioni per ordine di età.

Quindi, questo potrebbe spiegare perché l’Inghilterra e il Galles hanno registrato un numero eccessivo di morti dalla fine di aprile 2022, proprio cinque mesi dopo la campagna di richiamo invernale.

L’Office for National Statistics (ONS) pubblica i dati settimanali sui decessi registrati in Inghilterra e Galles. I dati più recenti mostrano decessi fino al 9 settembre 2022.

Nella settimana terminata il 9 settembre ci sono stati 10.753 decessi in Inghilterra e Galles, pari a 938 decessi in eccesso rispetto alla media quinquennale.

Il grafico seguente, realizzato dall’ONS, mostra il numero di decessi settimanali rispetto alla media quinquennale dall’inizio del 2020 ed il trend dei decessi settimanali in eccesso nel 2022 iniziato a fine aprile.

La sedicesima settimana, che si è conclusa il 22 aprile, ha segnalato il superamento rispetto alla media quinquennale del numero di morti “non Covid-19” in Inghilterra e Galles. Da allora ci sono stati 211.940 decessi non Covid-19 e 11.490 decessi Covid-19 al 9 settembre 2022. Ciò equivale a 223.430 decessi complessivi.

Ma il numero medio di decessi in cinque anni nello stesso arco di tempo (che include la quantità straordinaria di decessi nel 2021) equivale a 198.487.

Ciò significa che dalla settimana terminata il 22 aprile, ci sono stati 24.943 decessi in eccesso in Inghilterra e Galles.

Ma solo il 5% di tutti i decessi dalla settimana terminata il 22 aprile può essere attribuito al Covid-19.

Si scopre, inoltre, che oltre il 91% di quei decessi per Covid-19 sono molto probabilmente tra i tre volte vaccinati secondo gli ultimi dati disponibili, che segnalano 9 decessi di vaccinati ogni 10 per Covid-19 tra il 1 gennaio 2022 e il 31 maggio 2022.

Quindi, riassumendo:

  • I dati dell’ONS mostrano che 1 persona vaccinata Covid-19 su 73 era morta entro la fine di maggio 2022;
  • I dati ONS mostrano che i tassi di mortalità per 100.000 persone sono i più alti tra i vaccinati Covid-19 in ogni singola fascia di età;
  • I dati dell’ONS mostrano che sono necessari circa cinque mesi dopo la vaccinazione per realizzare quell’elevato tasso di mortalità,
  • I dati dell’ONS mostrano che ci sono stati quasi 25.000 decessi in eccesso dalla fine di aprile 2022, cinque mesi dopo la campagna invernale della terza dose;
  • I dati dell’ONS mostrano che i decessi per Covid-19 rappresentano meno del 5% di tutti i decessi dalla fine di aprile e meno del 50% dei decessi in eccesso, con almeno 9 su 10 di quei decessi Covid-19 tra i tre volte vaccinati;

FONTE

Iscriviti alla nostra newsletter

eVenti Avversi

Read Previous

Il PD vuole subito l’obbligo di quarta dose. La bozza del ministero di Speranza era già pronta pochi giorni prima della caduta del governo

Read Next

Nuova Circolare: via libera alla quinta dose e ricompaiono i foglietti illustrativi scomparsi nei giorni scorsi. Il TESTO INTEGRALE della Circolare del Ministero della Salute di ieri 23 settembre