• Febbraio 27, 2024

Il direttore generale dell’OMS Tedros: “Dobbiamo prepararci” a una potenziale pandemia di influenza aviaria umana H5N1 (VIDEO)

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


Mentre la C.19 sta per concludersi, l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha lanciato un nuovo allarme: i Paesi devono prepararsi alla possibilità di un’altra pandemia causata dall’H5N1.

Questo dopo che sono stati segnalati casi di passaggio del ceppo virale dagli uccelli ai mammiferi.

Nelle ultime settimane sono stati segnalati diversi casi di mammiferi, tra cui visoni, lontre, volpi e leoni marini, infettati dall’influenza aviaria H5N1“, ha dichiarato martedì il Direttore generale dell’OMS Tedros Adhanom Ghebreyesus in un briefing con i media su questioni di salute globale.

L’H5N1 si è diffuso ampiamente negli uccelli selvatici e nel pollame per 25 anni, ma la recente diffusione nei mammiferi deve essere monitorata attentamente. Per il momento, l’OMS valuta il rischio per gli esseri umani come basso“, ha aggiunto.

Secondo Tedros, da quando l’H5N1 è emerso per la prima volta nel 1996, si è assistito solo a una “trasmissione rara e non continuativa dell’H5N1 verso e tra gli esseri umani“.

“Ma non possiamo dare per scontato che le cose rimarranno così e dobbiamo prepararci a qualsiasi cambiamento dello status quo. Come sempre, si consiglia alle persone di non toccare o raccogliere animali selvatici morti o malati, ma di segnalarli alle autorità locali“, ha proseguito.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) sta collaborando con le autorità nazionali e i partner per seguire la situazione e indagare su eventuali casi di infezione da H5N1 nell’uomo.

La rete globale di laboratori dell’OMS, il Sistema Globale di Sorveglianza e Risposta all’Influenza, identifica e monitora i ceppi di virus influenzali in circolazione e fornisce consigli ai Paesi sul rischio per la salute umana e sulle misure di trattamento e controllo disponibili“, ha dichiarato Tedros.

L’OMS ha esortato i Paesi a “rafforzare la sorveglianza negli ambienti in cui interagiscono esseri umani e animali selvatici o d’allevamento”.

Secondo Tedros, l’OMS sta mantenendo il dialogo con le aziende farmaceutiche per garantire che siano disponibili sufficienti scorte di V. e antivirali per una distribuzione capillare in caso di necessità.

Guarda il video:

Secondo il CDC, i virus dell’influenza aviaria ad alta patogenicità HPAI A(H5N1) sono stati rilevati negli uccelli acquatici selvatici, nel pollame commerciale e negli allevamenti da cortile o hobbistici degli Stati Uniti a partire dal gennaio 2022.

47 Stati, 380 contee e 755 focolai segnalati. Il Daily Mail ha riferito che gli Stati Uniti hanno affrontato una grave epidemia di influenza aviaria quest’anno “con più di 58 milioni di pollame colpito in quasi tutti gli Stati del Paese e 6.100 uccelli selvatici”.

Ma nel 2022, secondo il CDC, il primo caso di influenza aviaria A (H5N1) in una persona negli Stati Uniti è stato segnalato il 28 aprile 2022.

L’agenzia ha scritto:

Una persona è risultata positiva al virus dell’influenza aviaria A(H5) (influenza aviaria H5) negli Stati Uniti, come riportato dal Colorado e confermato dal CDC. Questo caso si è verificato in una persona che ha avuto un’esposizione diretta al pollame ed è stata coinvolta nell’abbattimento (depopolamento) del pollame con presunta influenza aviaria H5N1. Il paziente ha riferito di aver accusato stanchezza per alcuni giorni come unico sintomo e da allora si è ripreso. Il paziente è stato isolato e trattato con il farmaco antivirale oseltamivir. È possibile che il rilevamento dell’influenza aviaria H5 in questo campione sia il risultato di una contaminazione superficiale della membrana nasale ( MA CHE INCREDIBILE COINCIDENZA! NON È PROPRIO SUI V. PER LE MUCOSE NASALI CHE STANNO PUNTANDO ULTIMAMENTE? n.d.r.), ma al momento non è possibile determinarlo e il risultato positivo del test soddisfa i criteri di un caso H5. La risposta sanitaria appropriata in questo momento è quella di presumere che si tratti di un’infezione e di intraprendere azioni di contenimento e trattamento.

Questo caso non modifica la valutazione del rischio umano per la popolazione in generale, che il CDC considera basso. Tuttavia, le persone che sono esposte per lavoro o per svago a volatili infetti sono a più alto rischio di infezione e devono prendere le precauzioni appropriate descritte nelle linee guida del CDC.

Ancora fearmongering da parte dell’OMS e un puntuale tentativo di preparare il terreno per la nuova generazione di V. per le mucose nasali.

Iscriviti alla nostra newsletter

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


eVenti Avversi

Read Previous

Email trapelate dell’EMA: i politici hanno chiesto il rilascio praticamente SENZA TEST

Read Next

FAUCI: “Ripensare i V. di nuova generazione per c.virus, virus dell’influenza e altri virus respiratori”- STUDIO ( 2023)

Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro

Ads Blocker Rilevato

Abbiamo rilevato che utilizzi adblock. Per proseguire la navigazione, per favore, disabilitalo sul nostro sito. Ci aiuta a mantenere i costi del servizio.

Powered By
Best Wordpress Adblock Detecting Plugin | CHP Adblock