• Febbraio 21, 2024

Il misterioso “Jikky the Mouse” del laboratorio governativo di biosicurezza e cosa sta rivelando sui v.

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


L’edizione australiana dell’iconico settimanale britannico “The Spectator” ha pubblicato questa settimana un articolo a firma della giornalista Rebecca Weisser dal titolo “I v. geneticamente modificati sono sicuri? Qualcuno ha chiesto alle autorità regolatorie?”.

Scrive Rebecca Weisser: “Come i bambini orfani scoprono un mondo pericoloso in fondo ad un armadio, le persone che cercano di scoprire la verità sui v. sono aiutate meglio dagli animali parlanti. In ‘Le cronache di Narnia’ di CS Lewis, Lucy e i suoi fratelli sono aiutati da Mr Tumnus il fauno e Aslan il leone. Nelle cronache di Covid, scienziati e medici si sono trasformati in animali parlanti su Twitter per evitare di perdere il lavoro pur condividendo la verità sui v. Anche allora, sono stati censurati e diffamati fino a quando Elon Musk ha acquistato Twitter e ha iniziato a ripristinare i loro account.

Uno dei più geniali è un topo chiamato Jikky, un roditore informatore del laboratorio CSIRO (Commonwealth Scientific and Industrial Research Organisation), agenzia governativa con sede a Geelong, seconda città dello Stato australiano di Victoria, dove gli scienziati svolgono ricerche su malattie di animali e sulla biosicurezza, e hanno collaborato con il Wuhan Institute of Virology sui virus dei pipistrelli.

Subito dopo Natale, Jikky (i cui prenomi sono mouse/mouseself) ha rivelato che i documenti rilasciati dall’Agenzia del Farmaco, la Therapeutic Goods Administration (TGA) australiana, in risposta a due richieste di informazione con accesso civico generalizzato (FOIA), mostrano che dei 382 lotti di v. monitorati dalla TGA, 10 sono associati a più morti. Inoltre, di questi lotti “con decessi”, quattro sembrano essere contaminati da frammenti inspiegabili di mRNA e cinque di questi lotti hanno avuto una durata di conservazione prolungata fino a 11 mesi. Lo scopo principale del monitoraggio dei lotti è garantire che siano puri, sicuri ed efficaci. Tuttavia, nonostante l’allarmante associazione tra lotti contaminati e decessi segnalati, il TGA non ha ottenuto la sequenza dei contaminanti per confermare il loro contenuto o ritirare dall’uso i lotti contaminati. E cosa dobbiamo dire del fatto che sette lotti – che per caso non erano associati a nessun decesso – fossero riservati esclusivamente ai dipendenti Pfizer? Inoltre, vengono confrontate le attività delle autorità di regolamentazione australiane con quelle del Giappone. Tre uomini sani, due sulla trentina e uno sulla quarantina, sono morti nell’agosto 2021 dopo aver ricevuto v. Moderna da lotti in cui sono stati trovati contaminanti in fiale inutilizzate. Più di due milioni e mezzo di dosi Moderna sono state sospese mentre i contaminanti sono stati oggetto di indagine e Moderna ha richiamato tre lotti.

È evidentemente chiaro che il TGA non abbia le competenze per valutare la sicurezza dei v. Covid. In risposta alla richiesta di accesso civico del 5 febbraio 2022, che richiedeva tutti i documenti relativi alla valutazione del TGA del rischio posto dalla possibile presenza nel v. Pfizer di micro-RNA cancerogeno, sull’uso della pseudouridina nella sequenza modificata dell’RNA che consente di eludere i recettori Toll-like del sistema immunitario e sulla possibilità di mutazioni nella regione non tradotta dell’RNA modificato che possono aumentare il rischio di cancro, parto prematuro e malattia amiloide, il TGA ha risposto che nessuna valutazione del rischio era stato intrapreso.

Tuttavia, il fatto che il TGA non abbia esperienza nei v. geneticamente modificati non lo assolve dalla sua responsabilità. Ai sensi della sezione 30C della normativa del Therapeutic Goods Act, il Segretario del Dipartimento della Salute del Commonwealth, Brendan Murphy, deve chiedere consiglio all’Office of the Gene Technology Regulator sulla sicurezza e l’efficacia di qualsiasi prodotto che utilizza organismi geneticamente modificati (OGM) come definito nella legge sulla tecnologia genetica. Questi v. usano OGM perché usano “un organismo che è stato modificato dalla tecnologia genetica”, cioè una nanoparticella lipidica o un vettore virale, “per trasferire materiale genetico” – la sequenza genetica modificata della proteina spike del Sars-CoV-2 – in cellule umane per indurre il meccanismo cellulare del corpo umano a produrre proteine spike che includono polipeptidi.

E non solo qualsiasi polipeptidi. I ricercatori Sofie Nostrum e Per Hammarstrom dell’Università di Linkoping in Svezia hanno dimostrato che i polipeptidi nella proteina spike creano fibrille amiloidi come quelle osservate nell’Alzheimer e inducono anche amiloidi nel fibrinogeno, la proteina che forma coaguli fibrosi che non si degradano. Una revisione degli studi sull’autopsia di persone morte a causa di Covid ha mostrato che il 91% aveva coaguli. Questi v. stanno inducendo fibrille amiloidi e coaguli fibrosi? Nei primi nove mesi del 2022, in Australia ci sono stati quasi 20.000 decessi in eccesso, il 16% in più rispetto alla media storica, con decessi dovuti a demenza, incluso il morbo di Alzheimer, il 16% in più rispetto al basale. Perché Brendan Murphy, il Segretario del Dipartimento della Salute, non ha chiesto all’autorità regolatoria della tecnologia genetica di indagare?

Dovrebbe essere chiaramente ovvio per i membri del comitato consultivo tecnico per la tecnologia genetica (GTTAC) che consigliano l’autorità di regolamentazione per la tecnologia genetica su tutte le questioni relative agli OGM, e per il comitato consultivo per l’etica e la comunità di tecnologia genetica, i cui membri sono incaricati di consigliare l’autorità di regolamentazione su questioni etiche, che questi v. debbano essere esaminati da scienziati esperti di tecnologia genetica.

Una serie di articoli sottoposti a revisione paritaria mostrano che la proteina spike modificata indotta dai v. può persistere nel corpo umano per mesi o anni, danneggia l’endotelio dei vasi sanguigni, può entrare e danneggiare tutti gli organi del corpo, inclusa l’induzione di miocardite fatale, può danneggiare il sistema immunitario generando una trasduzione del segnale del recettore linfociti, può entrare nel nucleo cellulare e interferire con la riparazione del danno al DNA e può indurre la trascrizione inversa alterando in modo permanente il genoma umano.

Nei 20 anni trascorsi dalla creazione dell’Office of the Gene Technology Regulator, c’è stata una maggiore attenzione sull’uso delle tecniche GM per i v. e le terapie geniche e l’autorità di regolamentazione ha specificamente notato che la regolamentazione deve stare al passo con le nuove applicazioni “per garantire che la legislazione recepisca e regoli adeguatamente le nuove tecnologie, per tutelare la salute e la sicurezza delle persone”.

Eppure, per quanto si può dire, Murphy non ha consultato il dottor Rajumati Bula, a capo dell’ente della tecnologia genetica in cerca di consigli su questi v. e nemmeno il professor aggiunto John Skerritt, il capo della TGA o uno qualsiasi dei produttori di v., nonostante si tratti di un OGM senza una licenza rilasciata dal Gene Technology Regulator e quindi configura un reato ai sensi della Sezione 32 del Gene Technology Act.

Al vertice mondiale sulla salute del 2021, Stefan Oelrich, capo dei prodotti farmaceutici di Bayer, ha affermato che “i v. a mRNA sono un esempio di terapia cellulare e genica” e si è meravigliato che “se avessimo intervistato il pubblico due anni fa (e chiesto)” se fosse disposto a ricevere una terapia genica o cellulare e iniettata nel proprio corpo, probabilmente avremmo avuto un tasso di rifiuto del 95 per cento”. Ma poiché l’inspiegabile tasso di mortalità in eccesso continua a crescere in modo allarmante in Australia, è ormai il momento che l’autorità di regolamentazione della tecnologia genetica interrompa l’uso di questi v. fino a quando non sarà dimostrata la loro sicurezza”.

FONTE

Iscriviti alla nostra newsletter

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


eVenti Avversi

Read Previous

Grave encefalite da v. Udienza storica martedì 10 gennaio in Corte Costituzionale. Verso un nuovo orientamento giurisprudenziale

Read Next

Un consigliere comunale interroga il sindaco: quanti decessi in città nei giorni successivi al v.? Una richiesta da riproporre in ogni Comune

Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro

Ads Blocker Rilevato

Abbiamo rilevato che utilizzi adblock. Per proseguire la navigazione, per favore, disabilitalo sul nostro sito. Ci aiuta a mantenere i costi del servizio.

Powered By
100% Free SEO Tools - Tool Kits PRO