• Marzo 30, 2023

Il nosocomio universitario rifiuta l’intervento alla figlia perché non è (parola censurata) AUDIO-SHOCK!

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


Due genitori di fede cristiana, Chrissy e Lee Hicks, entrambi veterani dell’esercito della Carolina del Nord, hanno 11 figli, tra cui una ragazza di 14 anni, Yulia, adottata orfana dall’Ucraina. Yulia è stata spostata più volte negli Stati Uniti e trasferita da una famiglia all’altra ed è stata infine adottata dagli Hick, che hanno una forte determinazione e senso del dovere nel voler dare alla figlia un po’ di stabilità e giustizia nella vita. Nonostante sia arrivata così lontano dalla sua terra di origine, a Yulia ora viene negato un trapianto di organi a causa del suo stato di vaccinazione.

La salute di Yulia sta peggiorando a causa di una malattia renale genetica. La famiglia Hicks ha cercato aiuto ed è stata seguita nella città di Durham, capoluogo dell’omonima,a contea in Carolina del Nord, al Duke University Hospital. Lo staff medico del centro trapianto ha accompagnato la famiglia e predisposto le procedure per dare a Yulia un nuovo organo.

Ma lo scorso 29 novembre, una telefonata registrata dai genitori di Julia e pubblicata su Rumble gela tutti: il comitato etico del centro trapianti del Duke University Hospital ha deciso che senza il vaccino covid la quattordicenne non verrà trapiantata.

“Pensare che un comitato etico possa determinare la vita di qualcuno è terrificante. Questa è, senza dubbio, tirannia medica. Che fine ha fatto la comunità medica? Perchè solo a causa del rifiuto di un’iniezione, nota per causare molti problemi di salute E NON arresta la diffusione di una malattia, si nega una terapia salvavita di 14 anni? Cosa succede in America? Oggi siamo tristi. Domani è un nuovo giorno e Dio è lì con una risposta per noi “, ha pubblicato Chrissy Hicks sul sito web di Yulia.

La domanda che hanno in mente è: e se ricevessero l’intervento salvavita per Yulia e lei avesse complicazioni a causa del vaccino? Chrissy Hicks ha condiviso le sue preoccupazioni con il blog “National File”.

Fino alla telefonata di fine novembre con lo staff medico del Duke, la famiglia Hicks credeva che la vaccinazione per Yulia fosse un’opzione e che avrebbero potuto rinunciare al vaccino e sottoporsi comunque all’intervento.

Lee Hicks ha scritto della sequenza temporale degli eventi che li hanno portati alla telefonata.

“Il 7 ottobre abbiamo avuto un appuntamento di 8 ore alla Duke per parlare con molti dottori. Il dottor Chambers è stato il più insistente a spingere per il vaccino. Il dottor Chang ha detto che lo raccomandava vivamente, ma non era obbligatorio e che le famiglie avevano ottenuto trapianti senza di esso.

Poi abbiamo ricevuto un’e-mail da Catherine Thomas, una coordinatrice dello staff medico, il 9 novembre, che indicava di quali vaccini aveva bisogno Yulia.

Nella prima e-mail era scritto che li raccomandavano. Quindi, in una seconda e-mail, i toni sono cambiati e le vaccinazioni erano richieste. Il caso di Yulia è stata presentata al comitato il 10 novembre e il trapianto è stato negato a causa della mancanza del vaccino.“

Durante la teleconferenza, lo staff medico ha chiarito che, senza la vaccinazione, Yulia non sarebbe stata presa in considerazione per un intervento chirurgico. Dopo aver aggirato la questione, uno staff medico ha risposto con decisione quando gli è stato chiesto se l’iniezione fosse un requisito, dicendo “sì” nella telefonata di 15 minuti del 29 novembre ed entrambi i genitori di Yulia si sono chiesti se fosse la politica ufficiale dell’ospedale, perché tra i membri della teleconferenza quel giorno c’era molta confusione sul motivo per cui era necessaria l’iniezione. Inoltre, erano evidenti le dichiarazioni contrastanti degli esperti medici.

La famiglia Hicks ha fornito a “National File” una registrazione della telefonata:
“Non possiamo imporvi di fare nulla, ma possiamo negarvi le cure perché non state seguendo i nostri consigli”, ha detto al telefono la dottoressa Catherine Thomas a Chrissy Hicks.

Durante la chiamata, il dottor Chambers ha insistito sul fatto che il vaccino COVID migliorerebbe la salute di Yulia pur ammettendo che il vaccino non impedisce di contrarre il COVID.

“Non abbiamo più libertà medica o libertà religiosa”, ha detto Chrissy Hicks a “National File” in reazione all’intera telefonata di 15 minuti.

Chrissy ha parlato ulteriormente con “National File” e ha raccontato la sua storia di aver trovato e adottato Yulia, della sua fede in Dio, del suo background medico e delle sue paure, e poi ha avuto a che fare con l’ospedale “Duke”, fermandosi un paio di volte, sentendosi sopraffatta dall’emozione.

“Sento gli stessi doveri di madre per mia figlia Yulia come per tutti i miei 8 figli biologici o altri bambini adottati. Yulia è mia figlia e temo che l’iniezione di COVID la uccida. Ho fatto la ricerca e ho un background medico. So che ci saranno molte ritorsioni su di me per aver portato questo caso al pubblico, ma mi sento molto forte a riguardo “, ha detto.

Il team medico dell’ospedale “Duke” dice che stanno seguendo le più recenti linee guida del CDC che affermano che i bambini di età superiore ai due anni devono essere vaccinati.

Chrissy ha detto a “National File” che non c’è stato alcun seguito dopo quella chiamata e che stanno camminando nella loro fede con la speranza in Dio.

Gli Hick hanno dato la priorità alla vita di Yulia e ai suoi bisogni di salute. L’ospedale non vuole rispettare i loro diritti di genitori di scegliere per il proprio figlio.

La ricerca medica non convince Chrissy Hicks a scegliere il vaccino per Yulia.

Ha detto a “National File”: “Ho il diritto di scegliere e non voglio metterla a rischio. I bambini muoiono inaspettatamente ed è spaventoso. Yulia è già compromessa. Dove si va a finire se la comunità medica ci impone le cose? Yulia ha fatto tutto quello che le hanno chiesto per mesi e noi l’abbiamo fatto perfettamente, e ora ci dicono di no, non possiamo andare oltre. Le stanno dicendo di no, e questa sembra una grande ingiustizia. Come madre, è così sconvolgente per me, perché sento che siamo stati chiamati a stare insieme e voglio darle una vita dignitosa”.

FONTE

FONTE

Iscriviti alla nostra newsletter

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


eVenti Avversi

Read Previous

A Celine Dion 54 anni, diagnosticata una malattia neurologica incurabile

Read Next

Morte improvvisa a Uomini e Donne. Morta Paola D’Andrea stroncata da “un brutto male”

Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro

Ads Blocker Rilevato

Abbiamo rilevato che utilizzi adblock. Per proseguire la navigazione, per favore, disabilitalo sul nostro sito. Ci aiuta a mantenere i costi del servizio.

Powered By
Best Wordpress Adblock Detecting Plugin | CHP Adblock