• Novembre 26, 2022

“Il numero di eventi avversi gravi è 40 volte superiore a quanto precedentemente registrato dal Paul Ehrlich Institute” conclude uno studio del Charité di Berlino. Lavaggio del sangue come terapia

Il numero di gravi complicanze dopo le vaccinazioni contro Sars-CoV-2 è 40 volte superiore a quello precedentemente registrato dal Paul Ehrlich Institute (PEI). Questo è uno dei risultati di uno studio osservazionale a lungo termine dell’ospedale universitario della Charité  di Berlino. Il leader dello studio, il professor Harald Matthes, sta ora chiedendo più soluzioni per le persone colpite.

Studio con circa 40.000 partecipanti

Da un anno è in corso lo studio “Safety Profile of Covid-19 Vaccines” ( “ImpfSurv”), che si concentra sugli effetti collaterali dei vari vaccini. In tutta la Germania, circa 40.000 persone vaccinate vengono intervistate a intervalli regolari. La partecipazione allo studio è volontaria e avviene indipendentemente da come agiscono i vaccini nei soggetti.

Un risultato: 8 su 1.000 persone vaccinate lottano con gravi effetti collaterali. “Il numero non è sorprendente”, spiega il Prof. Dr. Harald Matthes, capo dello studio: “Corrisponde a ciò che è noto da altri paesi, come Svezia, Israele o Canada. A proposito, anche i produttori dei vaccini avevano già determinato valori simili nei loro studi”. Con i vaccini convenzionali, come contro la poliomielite o il morbillo, il numero di gravi effetti collaterali è significativamente più basso.

Alcuni effetti collaterali durano per mesi

Gli effetti collaterali gravi sono sintomi che durano per settimane o mesi e richiedono un trattamento medico. Questi includono dolori muscolari e articolari, infiammazione del muscolo cardiaco, reazioni eccessive del sistema immunitario e disturbi neurologici, cioè menomazioni del sistema nervoso. “La maggior parte, anche gli effetti collaterali gravi, si attenuano dopo tre-sei mesi, l’80% guarisce. Ma sfortunatamente ce ne sono anche alcuni che durano molto più a lungo“, riferisce il professor Matthes.

Gli effetti collaterali associati a un vaccino COVID-19 possono essere segnalati online al Paul Ehrlich Institute. L’obiettivo qui è quello di essere in grado di identificare rischi precedentemente sconosciuti dopo la vaccinazione.

Medici: “discutetene apertamente, senza essere considerati oppositori della vaccinazione”

Finora in Germania sono state somministrate circa 179 milioni di dosi di vaccino Covid-19. “In considerazione di circa mezzo milione di casi con gravi effetti collaterali dopo le vaccinazioni Covid in Germania, noi medici dobbiamo agire”, sottolinea il Prof. Matthes, che, oltre al suo lavoro alla Charité di Berlino, è nel consiglio di amministrazione di diverse società mediche e da anni studia sistematicamente l’effetto dei farmaci. “Dobbiamo venire alle offerte terapeutiche, discuterne apertamente ai congressi e in pubblico, senza essere considerati oppositori della vaccinazione”.

Le persone colpite devono essere prese sul serio

Per le persone colpite, è particolarmente deprimente che spesso non vengano prese sul serio con le loro lamentele. I medici in uno studio privato troppo spesso non associano tali sintomi alle vaccinazioni, o perché non sono preparati o perché non vogliono problemi.

Ciò è stato evidenziato anche dalle numerose lettere al leader dello studio, il professor Matthes, in cui le persone colpite descrivono un calvario spesso lungo mesi per trovare aiuto e riconoscimento medico efficace. I casi sospetti non sono ufficialmente segnalati. E così il numero di gravi reazioni al vaccino presso l’Istituto Paul Ehrlich con 0,2 segnalazioni per 1.000 dosi di vaccino sono significativamente inferiori rispetto allo studio della Charité.

Ambulatori speciali per le persone colpite dalla vaccinazione

Ci sono già un certo numero di istituzioni che sarebbero in grado di avviare almeno la cura iniziale dei pazienti con complicanze vaccinali: “Abbiamo già diversi ambulatori speciali per il trattamento delle conseguenze a lungo termine della malattia Covid”, spiega il Prof. Matthes. “Molte delle malattie conosciute come ‘Long Covid‘ corrispondono a quelle che si verificano come effetti collaterali del vaccino”. I medici in tali cliniche sono quindi abbastanza esperti. Ora si tratta di aprire gli ambulatori ai pazienti con complicanze vaccinali. A seconda della gravità della complicanza, i pazienti potrebbero quindi essere indirizzati a reparti specialistici come neurologia o cardiologia. Anche le unità di terapia intensiva e i centri di dialisi potrebbero essere integrati nel trattamento: “Hanno esperienza con il lavaggio del sangue”, aggiunge il leader dello studio Matthes.

Lavaggio del sangue come terapia

Sia alla Charité che in altre cliniche, si stanno sviluppando trattamenti efficaci per le persone con complicanze da vaccino: “Spesso, la presenza di troppi autoanticorpi nel plasma sanguigno delle persone colpite è la causa del problema“, spiega il Prof. Matthes. “Ecco perché bisogna prima determinare quali e quanti di questi autoanticorpi siano presenti”. Dovrebbero quindi essere coinvolti anche laboratori in grado di svolgere indagini adeguate.

Non appena la diagnosi è chiara, si tratta di rimuovere gli anticorpi in eccesso dal sangue mediante soppressione immunitaria da farmaci o da uno speciale lavaggio del sangue. Il metodo è noto da molto tempo, ma è troppo aspecifico: “Vogliamo solo ridurre gli autoanticorpi formati in modo errato, cioè quelli che si sono sviluppati contro Sars-CoV-2”. Il problema, però, è che i trattamenti del Long Covid, comprese le misure riabilitative, sono ormai pagati dalle compagnie di assicurazione sanitaria, mentre i trattamenti delle complicanze del vaccino, solo in casi molto rari. Questo aspetto deve essere urgentemente migliorato, sottolinea il medico impegnato e consiglia i pazienti e i loro medici di famiglia: “Se la compagnia di assicurazione sanitaria si rifiuta di coprire i costi di una misura, si ripresenta una richiesta, se necessario una seconda volta”.

LINK ALLO STUDIO: Klinische Studien-Detail: Charité – Universitätsmedizin Berlin (charite.de)

Fonte

Iscriviti alla nostra newsletter

eVenti Avversi

Read Previous

Il CDC ha spiato milioni di americani tramite i loro telefoni, anche per scopi NON COVID

Read Next

Troppi ciclisti abbandonano per problemi di salute nel Giro d’Italia, tra questi anche Enrico Battaglin. Cosa sta succedendo a questi atleti?