• Dicembre 10, 2022

IMPRINTING IMMUNITARIO: ecco perché le V. non proteggono

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


Dr. Peter F. Mayer

Il dottor Mayer sintetizza il pensiero del Prof Malone riguardo l’ IMPRINTING IMMUNITARIO partendo da una comune constatazione: i paesi meno vaccinati sono quelli con meno casi, casi gravi e ospedalizzazioni, di contro paesi con un alto tasso di vaccinazione come il Portogallo, sono quelli che stanno attualmente sperimentando le ondate Covid più violente e con esiti peggiori .


” Quindi quali sono i problemi che portano alla maggiore suscettibilità alle infezioni e alle malattie nei vaccinati e nei potenziati. Uno dei motivi potrebbe essere il cosiddetto imprinting immunitario. Una volta che il sistema immunitario ha conosciuto un virus, tende a produrre gli stessi anticorpi della prima volta che è entrato in contatto con le varianti del virus. Questo non è un grosso problema con le infezioni naturali perché tutti i virus hanno una serie di caratteristiche che sono riconosciute dal sistema immunitario. Tuttavia, le mutazioni non si verificano in tutte queste caratteristiche.

La situazione è diversa con i preparati di ingegneria genetica attualmente utilizzati come vaccini. C’è solo una caratteristica del virus che viene prodotta dall’organismo stesso e presentata al sistema immunitario. Se questo cambia, non è possibile sviluppare alcuna difesa.

In un recente studio su Science intitolato “Il potenziamento immunitario di B.1.1.529 (Omicron) dipende dalla precedente esposizione a SARS-CoV-2” 2-esposizione ab) esamina come le infezioni e le vaccinazioni precedenti e la loro sequenza influiscano sull’immunità.

Lo studio è piuttosto complicato, ma il dott. Robert Malone lo ha analizzato e ha fornito spiegazioni comprensibili .

Ho riassunto i risultati più importanti:

Immunità a cellule B dopo tre dosi di vaccino

In parole povere, se un soggetto è stato prima infettato da Wuhan Hu-1, poi vaccinato e quindi infettato con Omicron, i livelli di anticorpi contro la parte importante di Spike (il dominio di legame del recettore) risultano inferiori rispetto ai soggetti non infetti.I linfociti B di memoria (GBC) sono la base per la futura capacità di sviluppare anticorpi. La frequenza di GBZ è un indicatore indiretto di protezione a lungo termine. Il numero di GBC in grado di produrre anticorpi reattivi contro la subunità spike S1 è stato aumentato con una terza iniezione rispetto a due iniezioni, indipendentemente dal fatto che il paziente fosse stato precedentemente infettato o meno, ma nel caso di Omicron, questi livelli sono diminuiti dopo due o tre dosi di vaccino. Questi effetti erano indipendenti dalla storia dell’infezione virale. Questa è un’ulteriore prova che Omicron elude le difese (anticorpali) mediate dai linfociti B.

Immunità dei linfociti T dopo tre dosi di vaccino

La metà dei partecipanti non ha potuto formare cellule T contro Omicron. I linfociti T svolgono un ruolo importante nella protezione e la generazione di risposte dei linfociti B e T è la vera ragione per utilizzare un vaccino mRNA.Un’ampia percentuale di quelli completamente vaccinati (indipendentemente dalla precedente storia di infezione) non produce buone risposte dei linfociti T. Quindi ci sono prove che Omicron risponda male sia ai linfociti B che T, o per dirla in un altro modo, Omicron si è evoluto per eludere l’immunità adattativa dei linfociti B e T (relativamente parlando, rispetto ad altre varianti).

B.1.1.529 (Omicron) Le mutazioni di Spike comportano il guadagno e la perdita di epitopi dei linfociti T

L’infezione da variante Omicron ha rafforzato l’immunità contro i ceppi precedenti nei soggetti con triplo vaccino, ma non tanto contro se stessa. Nei soggetti sottoposti a tripla vaccinazione che non erano stati infettati da ceppi virali precedenti, incluso Omicron, gli anticorpi neutralizzanti contro Omicron sono stati rapidamente persi dopo la terza vaccinazione.

Se sono stati infettati per la prima volta con il ceppo originale di Wuhan, non producono una risposta anticorpale neutralizzante potenziata dopo l’infezione con Omicron (rispetto ai triplo vaccinati che non sono stati precedentemente infettati con il ceppo originale di Wuhan). Quindi una precedente infezione con il ceppo di Wuhan sembra bloccare la produzione di risposte anticorpali neutralizzanti durante/dopo l’infezione da Omicron.

E questa è praticamente la prova dell’effetto dell’IMPRINTING IMMUNITARIO.

Quindi abbiamo un’impronta immunologica con le risposte dei linfociti B/anticorpi, ma per quanto riguarda le risposte dei linfociti T?

Immunità dei linfociti T dopo infezione da B.1.1.529 (Omicron).

Successivamente abbiamo esaminato l’immunità delle cellule T dopo l’infezione da sfondamento durante l’ondata B.1.1.529 (Omicron). Quattordici settimane dopo la terza dose (9/10, 90%) dei soggetti precedentemente vaccinati con tre vaccinazioni non avevano mostrato alcuna immunità dei linfociti T cross-reattivi contro la proteina S1 di B.1.1.529 (Omicron).

Pertanto, dopo la vaccinazione si verifica una rapida perdita di qualsiasi immunità rilevabile dei linfociti T a S1, l’antigene principale nei vaccini. I completamente vaccinati, hanno ridotto significativamente le risposte dei linfociti T contro la proteina Omicron S1 dopo l’infezione con Omicron, ma hanno comunque migliorato le risposte ai ceppi antecedenti. Questa è fondamentalmente un’infezione da omicron da prescrizione o una rapida reinfezione di omicron.

I soggetti infettati dal ceppo Wuhan originale, quindi vaccinati e quindi reinfettati con Omicron non producono anticorpi neutralizzanti o risposte dei linfociti T per Omicron . 

Questa è una pessima notizia.

Un’ulteriore prova di un imprinting immunitario iniziale, che è rafforzato dalla vaccinazione ripetuta con il vaccino originale con mRNA spike derivato dal virus di Wuhan, con conseguente incapacità di rispondere a Omicron.

Sembra davvero che questo tipo di pazienti potrebbero diventare il terreno fertile per la prossima ondata di varianti di Omicron.

In altre parole, Omicron si è evoluto per eludere completamente gli anticorpi prodotti dall’infezione naturale con il ceppo Wuhan o Alpha originale.

Una scoperta leggermente distorta: l’infezione precedente con i ceppi Wuhan o Alpha originali, seguita da una singola dose di mRNA, ha prodotto anticorpi rilevabili contro Omicron. Quindi: una dose del vaccino mRNA dopo un’infezione naturale ha prodotto un buon risultato. Due non vanno bene.Tre dosi del vaccino mRNA in persone che non sono mai state infettate dal virus mostrano la produzione di anticorpi contro la proteina spike di Omicron, ma non se ci fosse stata una precedente infezione con il ceppo Wuhan originale .

Quando i soggetti sono stati prima infettati con il ceppo Wuhan, quindi vaccinati e quindi reinfettati con Omicron, l’imprinting immunitario associato all’infezione iniziale e alla successiva vaccinazione ha praticamente distrutto la loro capacità di rispondere efficacemente a Omicron.

Ciò che non è chiaro è se gli individui completamente vaccinati che finiscono negli ospedali e/o muoiono a causa di Omicron siano stati prima infettati da un altro ceppo prima di essere completamente vaccinati.

Cosa concludono gli autori da tutto questo?

Nel loro insieme, questi studi hanno dimostrato che l’elevata prevalenza globale di infezioni e re-infezioni da B.1.1.529 (Omicron) può comportare una significativa sovversione del riconoscimento immunitario sia a livello delle cellule B e T, sia a livello di legame anticorpale e nAbs riflette, anche se con una notevole modulazione differenziale, l’immunoimprinting. Alcune combinazioni in rilievo, come B. l’infezione durante le onde Wuhan Hu-1 e Omicron porta a reazioni particolarmente alterate.

Questi dati possono aiutare a spiegare l’efficacia negativa osservata con la vaccinazione “completa” con mRNA nei soggetti infettati da Omicron.

E il governo continua a consigliare che tutti i nostri bambini, la maggior parte dei quali sono già stati infettati e hanno superato facilmente il virus, debbano essere vaccinati?

Si vedano ad esempio gli ultimi dati clinici provenienti da Canada e Portogallo .

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


eVenti Avversi

Read Previous

19enne si accascia e muore alla festa in piscina di un amico. La Procura apre un’inchiesta

Read Next

ALESSIA MUORE IMPROVVISAMENTE A 17 ANNI A CAUSA DI UN’ENCEFALITE DI NATURA “SCONOSCIUTA”. Date un’occhiata ai rapporti VAERS e ad alcuni (dei tanti) case report post inoculazione …

Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro

Ads Blocker Rilevato

Abbiamo rilevato che utilizzi adblock. Per proseguire la navigazione, per favore, disabilitalo sul nostro sito. Ci aiuta a mantenere i costi del servizio.

Powered By
Best Wordpress Adblock Detecting Plugin | CHP Adblock