• Giugno 25, 2022

BREAKING: FDA autorizza le dosi di “richiamo” Covid per i bambini dai 5 agli 11 anni, nonostante l’efficacia “molto bassa” e i rischi noti

La Food and Drug Administration martedì 17 maggio ha autorizzato le dosi di “richiamo” Covid-19 per i bambini dai 5 agli 11 anni, nonostante i rischi noti segnalati e il rischio estremamente basso per questa fascia d’età.

La FDA ha specificamente autorizzato il vaccino contro il coronavirus Pfizer-BioNTech.

“Abbiamo visto che il COVID-19 tende ad essere meno grave nei bambini rispetto agli adulti, tuttavia l’ondata di omicron ha visto più bambini ammalarsi ed essere ricoverati in ospedale, inoltre anche i bambini possono sperimentare effetti a lungo termine, anche a seguito di una malattia inizialmente lieve”, ha dichiarato il commissario della FDA Robert Califf in una nota.

Questi “effetti a lungo termine” sono sconosciuti sia per i vaccini che per il coronavirus stesso. Inoltre, un recente studio ha dimostrato che i richiami offrono “pochissima” protezione per i bambini nella fascia di età 5-11.

Il vaccino Covid a due dosi di Pfizer e BioNTech ha fornito pochissima protezione per i bambini di età compresa tra 5 e 11 anni durante l’ondata di infezione da omicron a New York, secondo uno studio.

Il Dipartimento della Salute dello Stato di New York ha rilevato che l’efficacia del vaccino Pfizer contro l’infezione da Covid è crollata dal 68% al 12% per i bambini di quella fascia di età durante l’ondata di omicron dal 13 dicembre al 24 gennaio”, ha aggiunto il rapporto. “La protezione contro il ricovero in ospedale è scesa dal 100% al 48% nello stesso periodo”.

“Il team di funzionari della sanità pubblica che ha condotto lo studio ha affermato che il drammatico calo dell’efficacia del vaccino tra i bambini dai 5 agli 11 anni era probabilmente dovuto al dosaggio più basso che hanno ricevuto”, continua il rapporto. “Ai bambini di questa fascia di età vengono somministrate due dosi da 10 microgrammi, mentre i bambini di età compresa tra 12 e 17 anni ricevono dosi da 30 microgrammi”.

Il CDC ha ammesso che ci sono rischi di infiammazione cardiaca associati ai vaccini mRNA Covid-19, in particolare per i giovani.

Uno studio dell’Università di Oxford in precedenza ha dimostrato che il rischio di miocardite, una forma di infiammazione cardiaca, è maggiore dopo il vaccino mRNA che da infezione da virus stesso. Lo studio è stato originariamente pubblicato su Nature a dicembre.

“Questo è il più grande studio fino ad oggi sugli esiti cardiaci acuti dopo la vaccinazione o l’infezione da SARS-CoV-2, il primo a confrontare il rischio di eventi cardiaci tra diversi prodotti vaccinali e l’infezione da SARS-CoV2 e il primo a indagare l’associazione tra eventi cardiaci e il vaccino ChAdOx1”, afferma lo studio.

“I nostri risultati sono rilevanti per il pubblico, i medici e i responsabili politici”, osservano i ricercatori. “In primo luogo, c’è stato un aumento del rischio di miocardite entro una settimana dalla ricezione della prima dose di entrambi i vaccini contro l’adenovirus e l’mRNA e un aumento del rischio più elevato dopo la seconda dose di entrambi i vaccini a mRNA”.

Lo studio include un grafico che ha dimostrato il più alto tasso di incidenza della miocardite per i minori di 40 anni, in particolare dopo un secondo richiamo mRNA Moderna.

La Food and Drug Administration ha anche emesso nuove restrizioni sul vaccino Johnson & Johnson Covid a dose singola. I vaccini Johnson & Johnson sono ora limitati agli adulti di età pari o superiore a 18 anni o per i quali altri vaccini COVID-19 sono ritenuti non accessibili o clinicamente appropriati a causa del rischio di coaguli di sangue.

Uno studio del MIT ha poi scoperto un aumentato rischio di infiammazione cardiaca nella fascia tra i 16-39 anni in Israele.

“La vaccinazione COVID-19 è stata ‘significativamente associata’ a un salto del 25% nei servizi medici di emergenza (EMS) per problemi cardiaci nei 16-39 anni in Israele, il cui tasso di vaccinazione è tra i più alti del mondo, secondo uno studio peer-reviewed dei ricercatori del MIT”.

“Pur non stabilendo relazioni causali, i risultati sollevano preoccupazioni per quanto riguarda gli effetti collaterali cardiovascolari gravi non rilevati indotti dal vaccino e sottolineano la relazione causale già stabilita tra vaccini e miocardite, una causa frequente di arresto cardiaco inaspettato nei giovani individui“, afferma lo studio.

Infine vi consigliamo la lettura di questo articolo:

13 motivi per cui ai bambini dai 5 agli 11 anni non dovrebbe essere somministrato il vaccino Covid-19

SOURCE

Iscriviti alla nostra newsletter

eVenti Avversi

Read Previous

“51 studi sull’efficacia vaccinale che dimostrano il fallimento e che mettono in discussione l’obbligo”

Read Next

Sono tre le giovani vittime di malore fatale nelle ultime ore