• Maggio 17, 2022

13 motivi per cui ai bambini dai 5 agli 11 anni non dovrebbe essere somministrato il vaccino Covid-19

Con la variante Omicron in procinto di diventare il ceppo dominante, ha molto poco senso somministrare il vaccino Pfizer ai bambini a causa del fatto che prende di mira solo la proteina S del virus, che è fortemente mutata in Omicron.

Ma questo non è l’unico motivo per cui i bambini di 5 anni non dovrebbero ricevere il vaccino Covid-19.

Affinché un genitore sia abbastanza informato da prendere la decisione se acconsentire o meno al vaccino Pfizer Covid-19 per i propri figli, abbiamo analizzato 13 motivi fattuali per cui ai bambini dai 5 agli 11 anni non dovrebbe essere somministrato il vaccino Covid-19.

Motivo n. 1
L’86% dei bambini di età compresa tra 12 e 15 anni ha subìto una reazione avversa al vaccino Pfizer Covid-19 nella sperimentazione clinica

Le informazioni sono pubblicamente disponibili e contenute in una scheda informativa della Food & Drug Administration (FDA) degli Stati Uniti che può essere visualizzata qui (vedi pagina 25, tabella 5 on-wards).

Tale scheda contiene due tabelle che descrivono in dettaglio il tasso allarmante di effetti collaterali e danni sperimentati da bambini di età compresa tra 12 e 15 anni a cui è stata somministrata almeno una dose dell’iniezione di mRNA Pfizer.

Le tabelle mostrano che a 1.127 bambini è stata somministrata una dose del vaccino mRNA, ma solo 1.097 bambini hanno ricevuto la seconda dose. Questo fatto di per sé solleva domande sul perché 30 bambini non abbiano ricevuto una seconda dose del vaccino Pfizer.

Dei 1.127 bambini che hanno ricevuto una prima dose del vaccino, l’86% ha manifestato una reazione avversa. Dei 1.097 bambini che hanno ricevuto una seconda dose, il 78,9% ha manifestato una reazione avversa.

Motivo n. 2

1 bambino su 9 ha subìto una grave reazione avversa che l’ha reso incapace di svolgere le attività quotidiane nello studio clinico Pfizer

Per i bambini di età compresa tra 12 e 15 anni, lo studio clinico sul vaccino Pfizer Covid-19 ha rilevato che l’incidenza complessiva di eventi avversi gravi che li ha resi incapaci di svolgere attività quotidiane, durante il periodo di osservazione di due mesi, è del 10,7%, o 1 su 9, nel gruppo vaccinato e dell’1,9% nel gruppo non vaccinato.

Di conseguenza, i bambini che hanno ricevuto il vaccino avevano quasi sei volte il rischio di un evento avverso grave nel periodo di osservazione di due mesi, rispetto ai bambini che non hanno ricevuto il vaccino. Inoltre, l’incidenza di Covid-19 nel gruppo non vaccinato è stata dell’1,6%, pertanto, ci sono stati quasi sette volte più eventi avversi gravi osservati nel gruppo vaccinato rispetto ai casi di Covid-19 nel gruppo non vaccinato.

Queste informazioni sono tutte liberamente disponibili per vedere nei documenti ufficiali della Food and Drug Administration (FDA) e nei documenti ufficiali del Centro per il controllo delle malattie (CDC).

Motivo n. 3
Solo 17 decessi associati a Covid-19 si sono verificati in adolescenti e bambini da marzo 2020

I dati ufficiali del NHS che possono essere visualizzati qui (vedi Tabella 3 – Decessi COVID-19 per fascia di età e condizione preesistente del documento Excel scaricabile) mostrano che da marzo 2020 solo 17 persone di età inferiore ai 19 anni sono morte con Covid-19 che non avevano condizioni preesistenti note negli ospedali inglesi, fino all’8 dicembre 2021. I dati mostrano anche che solo 60 persone di età inferiore ai 19 anni sono morte con Covid-19 nello stesso lasso di tempo e avevano altre gravi condizioni di base.

Ci sono circa 15,6 milioni di persone di età pari o inferiore a 19 anni nel Regno Unito, il che significa che solo 1 su 260.000 bambini e adolescenti sia presumibilmente morto con Covid-19 in 21 mesi, e aveva altre gravi condizioni preesistenti. Mentre solo 1 su 917.647 bambini è presumibilmente morto con Covid-19 in 21 mesi, non avendo condizioni preesistenti.

Uno studio scientifico intitolato“Deaths in Children and Young People in England following SARS-CoV-2 infection during the first pandemic year: a national study using linked mandatory child death reporting data” (che può essere trovato qui),condotto da Clare Smith di NHS England and Improvement e diverse università, ha concluso che i bambini sono a rischio trascurabile di morte, ricovero in ospedale, o malattia grave a causa del Covid-19.

Lo studio ha raccolto dati dal National Child Mortality Database; un sistema obbligatorio che registra tutti i decessi nei bambini sotto i 18 anni di età in Inghilterra. Ciò che i ricercatori hanno scoperto è che solo 25 bambini di età inferiore ai 18 anni sono morti di Covid-19 tra marzo 2020 e febbraio 2021, con 15 dei 25, tutti avevano una condizione preesistente grave e 19 dei 25 avevano una condizione cronica.

Lo studio ha inoltre rilevato che 16 dei 25 bambini che purtroppo sono deceduti, avevano due o più comorbidità con 8 bambini che soffrivano di problemi neurologici e respiratori preesistenti, 3 bambini che soffrivano di problemi neurologici e cardiologici preesistenti e 3 bambini che soffrivano di problemi respiratori e cardiologici.

Motivo n.
4 Il rischio che i bambini sviluppino gravi malattie a causa di Covid-19 è estremamente basso

Uno studio (lo trovate qui) condotto dal professor Russell Viner dell’UCL Great Ormond Street Institute of Child Health, pubblicato sul server medRxiv, ha rilevato che 251 giovani di età inferiore ai 18 anni in Inghilterra sono stati ricoverati in terapia intensiva con Covid-19 durante il primo anno della pandemia (fino alla fine di febbraio 2021).

I risultati dello studio hanno rilevato che ci sono stati 5.830 ricoveri associati a Covid-19 tra i bambini fino a 17 anni di età durante l’anno della pandemia, questo rappresenta solo l’1,3% dei ricoveri di assistenza secondaria tra i bambini.

L’autore principale dello studio ha dichiarato: “Questi nuovi studi dimostrano che i rischi di malattie gravi o morte per SARS-CoV-2 sono estremamente bassi nei bambini e nei giovani“.

Motivo n. 5
Il vaccino Pfizer Covid-19 è sperimentale e ancora in sperimentazione clinica

L’iniezione di mRNA Covid-19 di Pfizer è infatti autorizzata solo temporaneamente (vedi documento ufficiale MHRA qui) solo per uso di emergenza. A ottobre il governo ha apportato modifiche al regolamento sui medicinali umani 2012 per consentire all’MHRA di concedere l’autorizzazione temporanea di un vaccino Covid-19 senza dover attendere l’EMA.

Un’autorizzazione temporanea all’uso è valida solo per un anno e impone alle aziende farmaceutiche di adempiere a obblighi specifici, come studi in corso o nuovi. Una volta ottenuti dati completi sul prodotto, è possibile concedere un’autorizzazione all’immissione in commercio standard. Ciò significa che il produttore del vaccino non può essere ritenuto responsabile per eventuali lesioni o morte che si verifichino a causa del proprio vaccino, a meno che non sia dovuto a un problema di controllo di qualità.

Il motivo per cui l’iniezione di mRNA Pfizer Covid-19 ha ottenuto solo un’autorizzazione temporanea, è perché è ancora in fase di studi clinici che non si concluderanno fino al 2 maggio 2023. Potete visionare il Clinical Trial Study Tracker ufficiale per il vaccino Pfizer sul sito della US National Library of Medicine qui.

Questa è la prima volta che le iniezioni di mRNA sono state autorizzate per l’uso nell’uomo (vedere qui) e gli effetti collaterali a lungo termine non sono noti, il che significa che i milioni di persone in tutto il mondo che hanno ricevuto il vaccino Pfizer Covid-19 stanno essenzialmente prendendo parte a un esperimento.

Motivo n. 6
Tre studi scientifici condotti dal governo del Regno Unito, dall’Università di Oxford e dal CDC, pubblicati ad agosto, hanno rilevato che i vaccini Covid-19 non funzionano

Una nuova ricerca in più contesti mostra che la variante Delta Covid-19, la variante ancora dominante nel Regno Unito, produce cariche virali molto elevate che sono altrettanto alte nella popolazione vaccinata rispetto alla popolazione non vaccinata. Pertanto, la vaccinazione degli individui non ferma o addirittura rallenta la diffusione della variante Delta Covid-19.

Studio CDC

Lo studio del CDC (che trovate qui) si è concentrato su 469 casi tra i residenti del Massachusetts che hanno partecipato a riunioni pubbliche al coperto e all’aperto per un periodo di due settimane. I risultati hanno rilevato che 346 dei casi erano tra i residenti vaccinati con il 74% di loro che presentava presunti sintomi di Covid-19 di cui l’1,2% ospedalizzato. Tuttavia, i restanti 123 casi tra la popolazione non vaccinata hanno visto solo 1 persona ricoverata in ospedale (0,8%).

Studio dell’Università di Oxford

Lo studio dell’Università di Oxford (che trovate qui) ha esaminato 900 membri del personale ospedaliero in Vietnam che erano stati vaccinati con l’iniezione a vettore virale Oxford / AstraZeneca tra marzo e aprile 2021. L’intero personale ospedaliero è risultato negativo al virus Covid-19 a metà maggio 2021, tuttavia, il primo caso tra i membri del personale vaccinati è stato scoperto l’11 giugno.

Tutto il personale ospedaliero 900 è stato quindi nuovamente testato per il virus Covid-19 e sono stati identificati immediatamente altri 52 casi, costringendo l’ospedale al blocco. Nelle due settimane successive, sono stati identificati altri 16 casi.

Lo studio ha rilevato che il 76% del personale positivo al Covid-19 ha sviluppato sintomi respiratori, con 3 membri dello staff che hanno sviluppato polmonite e un membro dello staff che ha richiesto tre giorni di ossigenoterapia. Le cariche virali di picco tra il gruppo infetto completamente vaccinato sono risultate essere 251 volte superiori alle cariche virali di picco riscontrate tra il personale a marzo – aprile 2020 non ancora vaccinato.

Studio del Dipartimento della salute e dell’assistenza sociale del Regno Unito

Lo studio del Dipartimento della salute e dell’assistenza sociale del Regno Unito (che trovate qui) è un’analisi del monitoraggio SARS-CoV-2 in corso in tutta la popolazione nel Regno Unito e include misure di carica virale tra la popolazione.

Lo studio ha rilevato che le cariche virali tra la popolazione vaccinata e non vaccinata sono praticamente le stesse e molto più alte di quelle registrate prima del lancio dell’iniezione di Covid-19. Lo studio ha inoltre rilevato che la maggior parte dei casi tra la popolazione vaccinata presentava sintomi una volta diventati positivi.

Gli autori dello studio concludono che i vaccini di Pfizer e Oxford / AstraZeneca hanno perso efficacia rispetto a quella che affermano essere la variante Delta Covid-19.

Motivo n. 7

I dati di Public Health England mostrano che la maggior parte dei decessi per Covid-19 sono tra i vaccinati e suggeriscono che i vaccini peggiorino la malattia

Vari rapporti di sorveglianza dei vaccini dell’Agenzia per la sicurezza sanitaria del Regno Unito descrivono in dettaglio il numero di casi di Covid-19 in base allo stato di vaccinazione in Inghilterra. Il seguente grafico mostra i ricoveri per stato di vaccinazione per un periodo di 16 settimane dal 16 agosto 21 al 05 dicembre 21.

Il grafico mostra che tra agosto e l’inizio di settembre, la popolazione completamente vaccinata ha rappresentato la maggior parte dei casi di Covid-19. Tuttavia, tra la metà di settembre e l’inizio di ottobre questo è passato alla popolazione non vaccinata che rappresenta la maggior parte dei casi. Ciò è probabilmente dovuto al fatto che i bambini siano tornati a scuola a settembre e siano stati testati regolarmente.

Ma tra l’11 ottobre e il 5 dicembre i ruoli si sono invertiti di nuovo, ed è la popolazione completamente vaccinata che ha rappresentato la maggior parte dei casi di Covid-19 in Inghilterra.

Questi dati da soli mettono fine al mito che il vaccino Covid-19 possa impedire ai bambini di essere infettati e diffondere Covid-19.

Il seguente grafico mostra i ricoveri per stato di vaccinazione per un periodo di 16 settimane dal 16 agosto 21 al 05 dicembre 21.

Tra il 16 agosto e il 5 dicembre, la popolazione non vaccinata ha rappresentato 11.767 ricoveri covid-19. Ma la popolazione vaccinata ha rappresentato quasi il doppio della quantità, registrando 19.730 ricoveri, con 18.406 di quelli tra la popolazione vaccinata con 2-3 dosi. Ciò significa che la popolazione vaccinata ha rappresentato il 63% dei ricoveri per Covid-19 da agosto 2021.

Il grafico seguente mostra i decessi per stato di vaccinazione per un periodo di 16 settimane dal 16 agosto 21 al 05 dicembre 21.

Tra il 16 agosto 21 e il 05 dicembre 21 ci sono stati 3.070 decessi covid-19 tra la popolazione non vaccinata in Inghilterra, rispetto ai 12.058 decessi tra la popolazione vaccinata nello stesso arco di tempo. Questa è una differenza del 293 %.

Il grafico seguente mostra il tasso di mortalità tra la popolazione non vaccinata e il tasso di mortalità tra la popolazione vaccinata con 2-3 dosi tra il 16 agosto e il 21 dicembre.

Il tasso di mortalità è calcolato dividendo il numero di decessi noti per il numero di casi noti tra la popolazione. Come possiamo vedere da quanto sopra, il tasso di mortalità tra la popolazione non vaccinata è solo dello 0,2%, che è ciò che è in linea con il tasso medio di mortalità nel 2020 prima che un vaccino Covid-19 fosse introdotto per la popolazione.

Tuttavia, il tasso di mortalità tra la popolazione completamente vaccinata è molto più alto, pari allo 0,8%. Pertanto i completamente vaccinati hanno 4 volte / 300% in più di probabilità di morire se esposti al virus Covid-19 in base ai dati ufficiali del governo del Regno Unito.

I dati di cui sopra sono stati estratti dai seguenti rapporti ufficiali di sorveglianza della UK Health Security Agency Vaccine Surveillance –

Motivo n. 8
Ci sono state almeno 1,18 milioni di reazioni avverse ai vaccini Covid-19 nel solo Regno Unito fino al 1 ° settembre

Il trentaduesimo rapporto che evidenzia le reazioni avverse alle iniezioni di Covid-19 di Pfizer / BioNTech, Oxford / AstraZeneca e Moderna che sono state segnalate allo schema del cartellino giallo del Regolatore della medicina del Regno Unito (MHRA) rivela che ci sono state 1.186.844 reazioni avverse segnalate tra il 9 dicembre 2020 e il 1 ° settembre 2021.

I rapporti per ogni vaccino disponibile possono essere trovati qui  e includono reazioni avverse come cecità, convulsioni, ictus, paralisi, arresto cardiaco e molti altri disturbi gravi. All’8 dicembre 2021 ci sono state oltre 1,3 milioni di reazioni avverse, tra cui 1.852 decessi.

Le iniezioni di mRNA Pfizer hanno lasciato almeno 107 persone completamente paralizzate e un certo numero di altre persone parzialmente paralizzate fino al 1 ° settembre 2021. Tuttavia, l’MHRA afferma che circa il 10% delle reazioni avverse sono effettivamente segnalate allo schema del cartellino giallo, il che significa che la vera cifra delle reazioni avverse è immensamente più alta.

Motivo n. 9

Ci sono stati più decessi in 8 mesi a causa dei vaccini Covid-19 di quanti ce ne siano stati a causa di tutti gli altri vaccini disponibili combinati dall’anno 2001

Il regolatore della medicina del Regno Unito ha risposto a una richiesta FOIA (che trovate qui) che chiedeva di sapere quanti decessi si fossero verificati negli ultimi 20 anni a causa di tutti i vaccini, e la risposta ha rivelato che ci sono stati quattro volte più morti in soli otto mesi a causa delle iniezioni di Covid-19.

La richiesta è stata fatta via e-mail alla Medicine and Healthcare product Regulatory Agency (MHRA) il 6 agosto 2021 e, in risposta alla domanda posta sul numero di decessi dovuti a tutti gli altri vaccini negli ultimi vent’anni, l’MHRA ha rivelato di aver ricevuto un totale di 404 reazioni avverse segnalate per tutti i vaccini disponibili (esclusi i vaccini Covid-19) associate a un esito fatale tra il 1 ° gennaio 2001 e il 25 agosto 2021 – un arco temporale di 20 anni e 8 mesi.

Di contro, secondo il rapporto del cartellino giallo MHRA (vedere qui – sotto ogni sezione di stampa dell’analisi) ci sono stati 1.632 decessi segnalati come reazioni avverse ai vaccini Covid-19 dal 9 dicembre 2020 al 1 ° settembre 2021. Ciò include 16 decessi dovuti al vaccino Moderna, 24 decessi in cui la marca del vaccino non era specificata, 1.064 decessi dovuti al vaccino AstraZeneca e 524 decessi dovuti all’iniezione di mRNA Pfizer.

Motivo n. 10
Il rischio di miocardite (infiammazione cardiaca) nei bambini a causa del vaccino Pfizer

La miocardite è un’infiammazione del muscolo cardiaco, mentre la pericardite è un’infiammazione delle sacche protettive che circondano il cuore. Entrambe sono condizioni gravi a causa del fatto che il muscolo cardiaco non può rigenerarsi, ed entrambe le condizioni sono state ufficialmente aggiunte alle etichette di sicurezza dei vaccini Pfizer e Moderna dall’MHRA (vedere qui).

Miocardite e pericardite si verificano molto raramente nella popolazione generale (non vaccinata), e si stima che nel Regno Unito ci siano circa 6 nuovi casi di miocardite per 100.000 pazienti all’anno e circa 10 nuovi casi di pericardite per 100.000 pazienti all’anno.

L’MHRA ha intrapreso una revisione approfondita delle segnalazioni sia britanniche che internazionali di miocardite e pericardite a seguito della vaccinazione Covid-19 a causa di un recente aumento delle segnalazioni di questi eventi, in particolare con i vaccini Pfizer / BioNTech e Moderna, con un modello coerente di casi che si verificano più frequentemente nei giovani maschi.

Uno studio scientifico pubblicato sulla rete JAMA, ha inoltre rilevato che l’incidenza della miocardite tra gli individui vaccinati è almeno il doppio di quanto sostengano le autorità sanitarie.

Il nuovo studio JAMA (che trovate qui) ha mostrato un modello simile a uno studio CDC qui), anche se con una maggiore incidenza di miocardite e pericardite dopo la vaccinazione, suggerendo una sotto-segnalazione di eventi avversi del vaccino.

ricercatori hanno calcolato che il numero medio mensile di casi di miocardite o pericardite durante il periodo pre-vaccino da gennaio 2019 a gennaio 2021 era di 16,9 rispetto a 27,3 durante il periodo vaccinale da febbraio a maggio 2021.

Il numero medio di casi di pericardite durante gli stessi periodi è stato di 49,1 e 78,8.

Il Dr. George Diaz che ha condotto lo studio ha riferito a Medscape : “Il nostro studio ha portato a un numero maggiore di casi probabilmente perché abbiamo cercato l’EMR, e [anche perché] VAERS richiede ai medici di segnalare volontariamente casi sospetti”. Inoltre, nelle statistiche dei governi, la pericardite e la miocardite erano “raggruppate insieme”.

Motivo n. 11
I bambini sono morti e stanno morendo a causa dei vaccini Covid-19

Il Vaccine Adverse Event Reporting System (VAERS) degli Stati Uniti, che può essere cercato qui inserendo l’ID VAERS specifico, mostra che diversi bambini sono deceduti negli Stati Uniti dopo aver avuto il vaccino Covid-19, con molti casi di arresto cardiaco.

Una ragazza di 16 anni ha ricevuto il vaccino Pfizer il 19 marzo 2021. Nove giorni dopo ha subìto un arresto cardiaco. Il 30 marzo 2021 è morta. Trovate sotto VAERS ID 1225942.

Una ragazza di 15 anni ha subìto un arresto cardiaco ed è finita in terapia intensiva quattro giorni dopo aver ricevuto il vaccino moderna a mRNA. Anche lei purtroppo è morta. Trovate sotto VAERS ID 1187918.

Un’altra giovane di 15 anni ha ricevuto la seconda dose di vaccino Pfizer il 6 giugno 2021. Purtroppo il giorno dopo è deceduta improvvisamente senza motivo. Trovate sotto VAERS ID 1383620.

Un maschio di 15 anni muore a causa di un motivo inspiegabile ventitré giorni dopo aver avuto il vaccino Pfizer. Trovate sotto VAERS ID 1382906.

Quanto sopra sono purtroppo solo alcuni esempi delle morti che si sono verificate tra i bambini a causa dei vaccini Covid-19 negli Stati Uniti.

Motivo n. 12
Chi trae profitto da tuo figlio che riceve il vaccino Covid-19?

Potrebbe sorprendervi sapere che i medici di famiglia in UK erano già stati incentivati a iniettare alla popolazione adulta il vaccino Covid-19 con un pagamento di £ 12,58 per ogni dose somministrata.

Quindi potrebbe sorprendervi ulteriormente sapere che ai medici di famiglia viene offerto un pagamento aggiuntivo di £ 10 in aggiunta alle £ 12,58 già offerte per ogni iniezione somministrata a un bambino nel Regno Unito. Tutto questo è documentato in un documento ufficiale del NHS che si trova qui. Naturalmente la stessa cosa si verifica negli altri paesi.

Secondo l’ultimo conteggio effettuato nel 2020 ci sono circa 3.154.459 bambini di età compresa tra i 12 e i 15 anni nel Regno Unito. Pertanto, i medici di base in tutto il Regno Unito potrebbero guadagnare un totale di £ 142,45 milioni se a ogni bambino viene iniettato un vaccino Covid-19.

Una richiesta FOIA (che trovate qui) a cui l’MHRA ha risposto nel maggio 2021 ha rivelato che l’attuale livello di finanziamento delle sovvenzioni ricevute dalla Bill & Melinda Gates Foundation ammonta a $ 3 milioni e copre “un certo numero di progetti”. L’MHRA è il regolatore della medicina del Regno Unito che ha concesso l’autorizzazione all’uso di emergenza per il vaccino mRNA Pfizer / BioNTech da somministrare ai bambini.

Per coincidenza, la Bill & Melinda Gates Foundation ha acquistato azioni di Pfizer nel 2002 (vedi qui), e nel settembre 2020 Bill Gates ha assicurato che il valore delle sue azioni sarebbe salito annunciando ai media mainstream in un’intervista alla CNBC che il vaccino Pfizer sarebbe stato il leader nella corsa al vaccino Covid-19.

“L’unico vaccino che, se tutto andasse alla perfezione, potrebbe chiedere la licenza d’uso di emergenza entro la fine di ottobre, sarebbe Pfizer”, disse.

La Bill & Melinda Gates Foundation ha anche acquistato per coincidenza $ 55 milioni di azioni in BioNTech (vedi qui) a settembre 2019, poco prima che la pandemia di Covid-19 colpisse.

Possiamo davvero credere che l’MHRA rimanga imparziale quando il suo principale finanziatore è la Bill & Melinda Gates Foundation, che possiede anche azioni di Pfizer e BioNTech?

Motivo n. 13
Il Comitato congiunto per la vaccinazione e l’immunizzazione ha rifiutato di raccomandare che il vaccino Pfizer fosse offerto ai bambini di età compresa tra 12 e 15 anni

Il 3 settembre 2021 il Comitato congiunto per la vaccinazione e l’immunizzazione (JCVI) ha annunciato (vedi qui) che non raccomandava l’iniezione di Pfizer Covid-19 a a tutti i bambini di età superiore ai 12 anni.

La valutazione del Comitato congiunto per la vaccinazione e l’immunizzazione (JCVI) è stata che i benefici per la salute derivanti dalla vaccinazione fossero marginalmente superiori ai potenziali danni noti. Tuttavia, il margine di beneficio è considerato troppo ristretto per sostenere la vaccinazione universale di bambini sani dai 12 ai 15 anni.

Il JCVI ha citato quanto segue:

“Per la stragrande maggioranza dei bambini, l’infezione da SARS-CoV-2 è asintomatica o lievemente sintomatica e si risolverà senza trattamento. Dei pochissimi bambini di età compresa tra 12 e 15 anni che richiedono il ricovero in ospedale, la maggior parte ha condizioni di salute di base.

Dal 1° aprile 2009 il Health Protection (Vaccination) Regulations 2009 impone al Segretario di Stato per la Salute in Inghilterra l’obbligo di garantire, per quanto ragionevolmente possibile, che le raccomandazioni del JCVI siano attuate (Vedi qui – pagina 6).

Eppure, con una mossa senza precedenti, il Segretario per la Salute e il Governo hanno deciso di bypassare il JCVI e chiedere il parere dei quattro Chief Medical Officer (CMO) del Regno Unito.

Nella loro lettera al governo (che si trova qui), l’OCM del Regno Unito ha dichiarato di aver esaminato i benefici per la salute pubblica più ampi e i rischi della vaccinazione universale in questa fascia di età per determinare se questo spostasse il rischio-beneficio in entrambi i modi. Nella loro lettera hanno affermato che “il più importante in questa fascia di età è stato l’impatto sull’istruzione”.

Ciò solleva alcune serie domande:

  1. Il Covid-19 ha chiuso le scuole? La risposta è ovviamente no. Le scuole sono state chiuse a causa della politica del governo.
  2. Una persona dovrebbe sottoporsi a un trattamento medico per poter partecipare alla società o all’istruzione? La risposta è ovviamente no. Una persona dovrebbe sempre e sottoporsi un trattamento sanitario per un motivo medico, nel caso del vaccino Covid-19 dovrebbe essere di prevenire l’infezione; cosa che non fa, o prevenire la malattia; che non farà poiché i bambini sono a bassissimo rischio di soffrire di gravi malattie a causa di Covid-19.

La decisione di Chris Whitty e dei suoi colleghi Chief Medical Officer di consigliare al governo che i vaccini Covid-19 siano offerti ai bambini di età compresa tra 12 e 15 anni non è stata una decisione basata sulla scienza, è stata una decisione politica.

Quindi ecco qui, 13 ragioni fattuali per cui i bambini di età compresa tra 5 e 11 anni non dovrebbero ricevere il vaccino Covid-19, e ognuna di esse si basa sulla scienza.

Ora la scelta è vostra, speriamo che facciate quella giusta.

Iscriviti alla nostra newsletter

eVenti Avversi

Read Previous

Scivolando verso l’endemia. La fine del Covid-19

Read Next

Morte improvvisa del calciatore argentino 25enne Diego Armando Montiel. Pochi mesi fa scrisse sui social: “Sto per morire. Non mi vaccineranno più”