• Gennaio 27, 2023

Cos’è l’altamente tossico adiuvante SQUALENE (MF59) contenuto nel vaccino Sanofi – GSK?

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


L’adiuvante squalene (MF59) è un idrocarburo tossico e ha causato la sindrome della guerra del Golfo nei militari. E’ presente in alcuni vaccini influenzali e adesso nel nuovo vaccino contro il Covid-19 prodotto da Sanofi e GlaxoSmithKline e non ancora approvato dalle agenzie di regolamentazione.

Facciamo un passo indietro.

La Vaccinazione obbligatoria è stata a lungo un obbligo per  prestare servizio nelle forze armate degli Stati Uniti, ed è stato ben documentato che i molti vaccini somministrati ai militari nel corso degli anni siano stati di natura sperimentale, poichè contenevano coadiuvanti non sperimentati e altri additivi discutibili. 

Ma parliamo dell’MF59. Il vaccino contenente l’adiuvante squalene (MF59), somministrato ai militari prima e  durante la guerra del Golfo, si correla con la sindrome della guerra del Golfo.

L’adiuvante sperimentale,  è stato obbligatoriamente iniettato a tutti i militari a partire dal 1999 tramite il vaccino contro l’antrace , e molti militari  hanno subito gravi danni permanenti e molti effetti collaterali, fino alla morte.

La sindrome della Guerra del Golfo è una malattia multisistemica che ha colpito i veterani della Guerra del Golfo.
La base molecolare patologica per la sindrome della Guerra del Golfo non è stata stabilita.

Ricercatori della Tulane School of Medicine a New Orleans negli Stati Uniti hanno verificato se la presenza di anticorpi contro lo squalene fosse correlata a segni e sintomi della sindrome della Guerra del Golfo.

E’ stata esaminata in cieco una coorte di individui immunizzati per servizio nel corso della guerra avvenuta nel 1990-1991 e denominata Desert Shield e Desert Storm, confrontando i dati con quelli di soggetti affetti da malattie autoimmuni e soggetti sani.

E’ stato osservato che la maggioranza ( 95% ) dei pazienti con sindrome della Guerra del Golfo, dispiegati nel teatro di guerra, presentava anticorpi contro lo squalene.

Tutti i pazienti immunizzati per servizio in Desert Shield e Desert Storm che non sono stati impiegati in battaglia presentavano gli stessi segni e sintomi di coloro che avevano combattuto, e nel loro sangue sono stati rinvenuti anticorpi contro lo squalene.

Non sono invece stati riscontrati anticorpi contro lo squalene nelle persone affette da malattie autoimmuni e neppure in quelle sane ( gruppo controllo ).

Dallo studio è emerso che la maggioranza dei pazienti sintomatici con sindrome della Guerra del Golfo presentavano anticorpi anti-squalene.


Stralcio della “DICHIARAZIONE PER L’AUDIZIONE alla sottocommissione della Camera per la sicurezza nazionale, gli affari dei veterani e le relazioni internazionali” da parte della Tulane Medical School, ente che realizzò lo studio sulla connessione dello squalene e la sindrome della Guerra del Golfo (24 gennaio 2002)

“Questa dichiarazione riguarda la nostra ricerca con anticorpi anti-squalene, compresa la scoperta di questi anticorpi nel sangue di pazienti con malattia della Guerra del Golfo. I nostri dati pubblicati e i dati aggiuntivi che sono stati accettati per la pubblicazione suggeriscono fortemente che la malattia della Guerra del Golfo è strettamente associata a una risposta immunitaria anormale allo squalene indicata dalla presenza di questi anticorpi[…]

 I ricercatori dell’esercito hanno fatto un tentativo disonesto di screditare il nostro lavoro, e non hanno ancora pubblicato alcuno studio progettato per confermare la nostra scoperta di un legame tra gli anticorpi e la malattia della Guerra del Golfo, anche se affermano che tali studi potrebbero essere fattibili.

Riteniamo che tali studi di conferma e ulteriori studi debbano essere intrapresi senza indugio. Riteniamo inoltre che il test degli anticorpi anti-squalene dovrebbe essere immediatamente reso disponibile sotto la sponsorizzazione del governo a tutti i medici interessati a usarlo per indagare sulle condizioni dei loro pazienti con malattia della Guerra del Golfo[…]

In particolare, abbiamo scoperto nei partecipanti al nostro studio che il 95% dei veterani della Guerra del Golfo con malattia della Guerra del Golfo e il 100% dei veterani non schierati con malattia della Guerra del Golfo erano positivi per la presenza di anticorpi anti-squalene, mentre lo 0% dei veterani sani schierati erano positivi. Ulteriori dati di ricerca che sono stati ora accettati per la pubblicazione mostrano, in un numero limitato di campioni testati, che una maggiore prevalenza di anticorpi anti-squalene nel personale del programma di immunizzazione del vaccino contro l’antrace (AVIP) è correlata alla somministrazione di lotti di vaccino contro l’antrace successivamente dimostrato dalla FDA per contenere tracce di squalene. I nostri risultati suggeriscono fortemente che la produzione di anticorpi anti-squalene è legata ai sintomi della malattia della Guerra del Golfo e alla presenza di squalene trovato in alcuni lotti di vaccino contro l’antrace[…]

L’uso dello squalene come coadiuvante nei vaccini umani non è stato approvato e l’esposizione umana allo squalene nei vaccini ha dimostrato da altri di causare sintomi immunologici simili a quelli riscontrati nei pazienti con malattia della Guerra del Golfo[…]

Sulla base delle azioni dell’esercito rispetto al nostro lavoro, sospettiamo che l’esercito abbia effettivamente condotto questi studi e abbia scelto di non pubblicarli. La nostra ricerca pubblicata sostiene in modo convincente che, in primo luogo, esistono anticorpi anti-squalene e, in secondo luogo, che esiste un legame tra gli anticorpi e la malattia della Guerra del Golfo[…] 

Recenti osservazioni non pubblicate della Veterans Administration indicano che c’è un aumento significativo della prevalenza della malattia neurodegenerativa sclerosi laterale amiotrofica (SLA) nei veterani della Guerra del Golfo. I dati che abbiamo pubblicato nel febbraio 2000 mostrano che alcuni dei pazienti che erano malati di malattia della Guerra del Golfo e che sono risultati positivi al test degli anticorpi anti-squalene hanno mostrato sintomi neurologici. Questi risultati suggeriscono che una possibile relazione tra anticorpi anti-squalene e SLA nei veterani della Guerra del Golfo potrebbe esistere e dovrebbe essere studiata[…]

(1) Il nostro studio iniziale sugli anticorpi anti-squalene è stato pubblicato nel numero di febbraio 2000 di Experimental and Molecular Pathology. I risultati di questo studio suggeriscono fortemente due cose: (1) che gli esseri umani possono effettivamente aumentare gli anticorpi sierici contro lo squalene e (2) che, nelle persone studiate, la presenza degli anticorpi è correlata molto strettamente con la presenza dei sintomi della malattia della Guerra del Golfo sia nel personale che era stato schierato nel teatro del Golfo Persico che nel personale che non era stato schierato lì[…]

Source: Autoimmune Technologies LLC, New Orleans


L’esercito fece di tutto per screditare e far naufragare la ricerca della Tulane University, pur non riuscendo a smentirla con prove fattuali. Il risultato è ancora pubblicato.

Potete visionarlo a questo link : Antibodies to Squalene in Gulf War Syndrome – ScienceDirect

Iscriviti alla nostra newsletter

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


eVenti Avversi

Read Previous

Vaccino GSK e Sanofi COVID-19 prodotto in cellule di insetti con adiuvante SQUALENE (MF59) altamente tossico

Read Next

L’ammontare dei risarcimenti per danni da vaccino Covid nel Regno Unito supera la cifra stanziata in 40 anni di vaccini tradizionali

Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro

Ads Blocker Rilevato

Abbiamo rilevato che utilizzi adblock. Per proseguire la navigazione, per favore, disabilitalo sul nostro sito. Ci aiuta a mantenere i costi del servizio.

Powered By
Best Wordpress Adblock Detecting Plugin | CHP Adblock